Evans, Allan/ Francesco Balducci Pegolotti, La Pratica della Mercatura.
Edited by ALLAN EVANS. Medieval Academy Books, No. 24 (1936).



 [[ Print Edition Page No. i ]] 
THE MEDIAEVAL ACADEMY OF AMERICA
PUBLICATION No. 24


FRANCESCO BALDUCCI PEGOLOTTI
LA PRATICA DELLA MERCATURA

 [[ Print Edition Page No. ii ]] 

 [[ Print Edition Page No. iii ]] 
FRANCESCO BALDUCCI PEGOLOTTI
LA PRATICA DELLA MERCATURA
edited by
ALLAN EVANS
Instructor in History
Harvard University


THE MEDIAEVAL ACADEMY OF AMERICA

CAMBRIDGE, MASSACHUSETTS

1936


 [[ Print Edition Page No. iv ]] 

The publication of this book was made possible by grants of funds to the Academy from the Carnegie Corporation of New York and the American Council of Learned Societies.

Copyright, 1936

by

THE MEDIAEVAL ACADEMY OF AMERICA

Printed in U. S. A.

the intelligencer printing co.

lancaster, pa.


 [[ Print Edition Page No. v ]] 

PREFACE

THIS edition of Pegolotti’s manual first took shape as a dissertation in partial fulfillment of the requirements for the degree of Doctor of Philosophy at Harvard University. When deposited in the Harvard College Library in 1931, the dissertation included a text based upon the Riccardian manuscript, an English translation, with some general commentary, and glossaries of place names, coins, and commodities. Since that time additional material has presented itself, and the commentary has grown so extensive that preliminary publication of the text alone seemed most practical. The English translation will later appear disencumbered of elaborate apparatus.

In this work, which touches upon many fields of interest, the scope of which is extensive both linguistically and geographically, I do not pretend to have solved all the problems presented; that I dare to venture it in print at all is due to the generosity of many friends who have contributed their time and knowledge. Professor R. P. Blake first suggested the enterprise; he has supported it at every stage with encouragement, advice and assistance. Valuable suggestions have been made by Miss Eileen Power and Messrs G. La Piana, A. P. Usher, J. I. Coddington, J. D. M. Ford, N. S. B. Gras, A. Grunzweig, P. Pelliot, G. Salvemini, W. Thomson, G. B. Weston. Miss Florence Edler has generously shared her experience in material of this type. Several contributions by Harvard University from the Clark Bequest have enabled me to consult foreign collections and to secure photographs and secretarial assistance. The Mediaeval Academy has undertaken publication, for the author a novel adventure which has been made easy by the advice of Mr G. W. Cottrell, Jr. For all these kindnesses I am glad to have the opportunity of returning thanks.

Allan Evans


 [[ Print Edition Page No. vi ]] 

 [[ Print Edition Page No. vii ]] 

CONTENTS


 [[ Print Edition Page No. viii ]] 

 [[ Print Edition Page No. ix ]] 

INTRODUCTION

Text Tradition

PEGOLOTTI’S ‘Book of Descriptions of Countries and of Measures of Merchandise‘ was first published as testimony to the former prosperity of its author’s native city. In the middle of the eighteenth century a Florentine Chancellor of the Tithe, Gian-Francesco Pagnini della Ventura of Volterra, puzzled by sundry anomalies that survived, an inheritance from the past, in the fiscal administration over which he presided, undertook to write a book summarizing the historical development of Florentine finance;1 he proposed to explain first ‘the ways in which the citizens subvened to the needs of the city,’ second ‘the value of the coinage with which they paid,’ and third ‘the sources from which they obtained the funds.’2He did not investigate far into the last topic before he was led to appreciate how much more splendid than in his own time had been the part formerly played by Florence in the economic life of Europe, how much broader had been the foundation upon which the government could construct its financial edifice; it was evident that between the twelfth and the fifteenth centuries the citizens of Florence had carried their trade into every accessible province and had drawn profits from the four quarters of the known world. To prove this fact, no better witness could be found than Pegolotti’s book, then lying in manuscript on the shelves of the Riccardian Library. Pagnini rebaptized the book and printed it entire as the third volume of his series under the now familiar title, which it has seemed wise to retain, La Pratica della Mercatura. He added as a fourth and final volume the similar but less ample manual written by Giovanni da Uzzano in the fifteenth century.

Although the book was thus made available to a comparatively wide public in 1766, the first notices of it in other works do not occur until a couple of decades later. Towards the end of the century, the historians of geographical discovery seized upon Pegolotti’s first two chapters for
 [[ Print Edition Page No. x ]] 
their description of the route to Cathay,1 and ever since that time the manual has been used as much for the purposes of geographic as of economic history. From 1766 to the present, however, in spite of the increasing interest that the work has attracted, the only available text, with the exception of a few published excerpts,2 has been the now rare edition by Pagnini. Pegolotti’s work has been known only through the medium of this eighteenth-century transcript.3

Pagnini was not without qualifications for his work of erudition. He was the author of letters on agriculture, of an Essay on the True Price of Things, Money, and the Commerce of the Romans, and of a translation of Locke’s Considerations of the Consequences of Lowering the Interest and Raising the Value of Money,4 to say nothing of the two scholarly tomes which form the first volumes of the series Della Decima. The editing of Pegolotti’s manual bears evidence of his care and ingenuity. Out of the tangled spelling and sentence structure of the manuscript the editor produced order by separating words, by eliminating superfluous letters, and by introducing punctuation and accents. He made ingenious emendations, many of which have been incorporated in the text below, for instance the readings per una for prima, tantaulaggio for tutta ulaggio, Caffa for chasta, peso for preso, Altoluogo for alchu luogo.5 On the other hand, there are a number of egregious and surprising inaccuracies in Pagnini’s text. Besides the omission of entire lines or phrases,6 and some confusions among the figures, such as 26 for 16, 4 for 1/4, 285 for 825,7 there are distortions of words, Pro for Orci, Melona for Celona, bianca for
 [[ Print Edition Page No. xi ]] 
biacca, 4 per 100 for 4 centinaia, pere for pece,1 and, most distressing of all, false readings of abbreviation symbols, errors which attention to the sense of the passage might have prevented: b.15 for bis (bisanti), libbre for bbra (braccia), once for soldi, perperi for piccioli, and denari for prepositional di.2 Punctuation led occasionally to trouble, as in the separation of words: storace, calamita and ambra, cani. Some of these errors are clearly to be ascribed to insufficient proof reading, some to lack of technical information, some, it must be assumed, to carelessness. There is an incongruity between the unnecessary faults described and the careful treatment of other passages, which can best be explained by the supposition that in preparing this text for the press Pagnini employed a secretary who was allowed rather more discretion than he merited. In any case, although the balance of praise and blame undoubtedly inclines in Pagnini’s favour, the number of inaccuracies noted in his text, together with its present rarity, seem to justify the attempt to offer a new edition based upon the original manuscript itself.

Fortunately this manuscript is still to be found in the Riccardian Library at Florence, under the number 2441, a large quarto volume bound in tooled leather, written on good cotton paper. The sole surviving copy, it was finished in Florence on the nineteenth of March, 1472, by Filippo di Niccolaio Frescobaldi;3 he in turn was transcribing from a copy already at one remove from the original, for, as the title page informs us, ‘this copy was taken from the copy of Agnolo di Lotto dall’Antella, and that book was taken from the copy of the book of the said Francesco Balducci.’ The script is uniform throughout, with the exception of a few explanatory words added to the list of spices by a later hand, probably of the late sixteenth century;4 it is clear, and offers difficulties of interpretation in but rare instances. A small number of blanks appear in the text, which are evidently traceable to the original copy, and must represent gaps in the author’s records; it is hard otherwise to explain why these blanks should commonly occur in groups, for figures grown undecipherable in the course of copying would be as likely to appear alone.5 Similarly, the three titles of exchange tables left unaccompanied by any text at the end of the chapter on Armenia6 may represent an unfulfilled intention on the part of the author.

There is reason to believe that several chapters are at present wrongly
 [[ Print Edition Page No. xii ]] 
placed, as if at some time one of the copies had fallen apart and a few pages were shuffled in the reassembling of the book. It is clear that the passage which in the manuscript is headed ‘Anche diritto che si paga all’uscire d’Arzilla’1 should follow as a continuation of the later section2 which treats of Arsila in some detail, and the last few lines of which are precisely the beginning of a customs tariff. On folio 98r, the new section which opens with a discussion of qualities of copper certainly continues the matter of the closing paragraphs of the book; on the very last page of the manuscript, Pegolotti tells of two qualities of copper to which he refers in the earlier passage as points of contrast. It is reasonable to assume that the adjacent section on chartering ships3 would also move back to the technical division of the work, and in this way the geographical survey can proceed without interruption. The sole remaining oddity, the section on qualities of gold,4 should probably be attached to the division which deals with qualities of wares; in the course of the discussion Pegolotti speaks5 of having already given certain formulae for refining gold and silver, and he must be referring to the later section which treats of those subjects and which immediately precedes the chapters on qualities of merchandise.6 In the present edition the wandering chapters have been removed to their original positions as postulated here, in order to restore the continuity of the text.

If these changes are made, it will be noticed that the book ends in the middle of a paragraph with a disquieting ‘ecc.’ What happened it is impossible to say; whether Pegolotti was at this point distracted from his work, whether a later copyist grew weary, and if so how much is lost, there is no way to discover. In certain other respects, however, Pegolotti’s work was subjected to alterations which can be identified. The index at the front of the manuscript was compiled after the shuffling of the chapters discussed above, for the titles to those chapters are listed in the order of the manuscript; it was made, however, before the time of Frescobaldi, for he would not have written correctly into the index a title which in the text he had curtailed,7 nor have entered corrupt forms in the index to correspond with better versions in his text, for instance Reame for Rame.8 The dislocation of items in the listing of exchange tables, on the other hand, and the failure to list many tables which appear
 [[ Print Edition Page No. xiii ]] 
in the text, may represent either changes made in the order of subjects or additional information added in the course of copying,1 but there is no evidence to warrant a definite conclusion on either hypothesis. In the second place, it can be said that earlier manuscripts contained far more abbreviations than Frescobaldi’s copy; the misreading once 3 for 632 proves that the copyist tended to expand abbreviations; the occasional spellings karati for the usual carati, kantar for cantare are probably incomplete adaptations of the symbols kar and kant; and many of the mistakes, grossi for grani, libbra for braccia, cantare for centinaio, carica for cantara3 are best explained by the supposition that these words in the original were abbreviated. Finally, there are some few instances of the scribal repetitions and omissions inevitable in so long a manuscript.

The subject matter of the book scarcely lends itself to illustration, but scattered through the descriptions of wares are a few pen sketches of fibers and roots, and the title page is brilliantly illuminated. Within a border of purple, green, and blue foliage and flowers, decorated with putti, birds, and a multitude of bright golden discs, the title is written in red ink, and two initials contain miniatures, one a tiny but complete map of the known world, the other a portrait presumably of the author as his successors chose to imagine him. A laurel wreath at the foot of the page encircles a coat of arms, over which a seal has subsequently been imprinted; the arms are apparently on a field of azure, a lion rampant sable. The title page and sketches are all reproduced in this edition from the manuscript; it is to be assumed that the illustrations may be copies of designs in the original text, but that the illuminated title page is sheer decoration invented for Frescobaldi’s copy.

In place of any date that Pegolotti may have inscribed when he completed his book, we have now only the day of his second copyist’s Laus Deo, March 19, 1472, but the author has fortunately left in his text sufficient indications of the time when he was writing. It has been pointed out4 that Pegolotti mentions the date 1335, when he procured the charter of privileges for his company in Armenia;5 on the other hand, ‘the present King Robert’ was evidently still alive when the chapter on Naples was written,6 and that King died in 1343. The gap between these dates can be reduced when it is observed that in one of his calculations
 [[ Print Edition Page No. xiv ]] 
concerning the calendar Pegolotti refers to the day on which fell the calends of December, 1337.1 Certain details in the chapter on Genoa can be dated after the Catalan war (1332) and before the raising of the tariff in 1340;2 the Venetian duties were certainly recorded after 1338, perhaps even after 1339.3 Furthermore, as will be seen4 there is reason to believe that the chapter on marking cloths was written between 1338 and 1342. Now the Easter table5 opens with the year 1340, at the mid-point between these limits, and that date, long considered the term of Pegolotti’s work of authorship, may for general purposes be accepted as such.

Any date must, however, be used with caution, for it is obvious that Pegolotti, whenever he may have compiled the book, and the writing itself was no doubt a lengthy operation, certainly embodied in it material collected over a large part of his working career, material, in other words, which would refer back to various dates in the period between 1310 and 1340. An excellent warning is given by the chapter on Bruges, which includes a list of duties to be paid in Sluys or Damme;6 the list, it will be seen, is repeated, each item appearing twice, but in the first version the duty is reckoned at 10½ deniers parisis per groat tournois, in the second at 12 deniers per groat. In other words, Pegolotti had before him two tariffs of different periods, the second later than the first, for the course of the denier in relation to the groat was steadily down, and both tariffs are presumably of dates earlier than 1338, when Florence officially recognized the relation of 13⅓ deniers parisis to the groat.7 Indeed, in some places Pegolotti gives equivalences of 20 and 21 deniers per groat,8 and official valuations were likely to lag behind the current quotations. The attempt to ascertain a definite date for these values would be hazardous, but it is clear from this example that the facts set forth by Pegolotti derive from various periods of his lifetime.

Examination of the text, therefore, reveals that the evidence of this document cannot be used without some reservations. Pagnini’s edition has, of course, long ago incurred suspicion; it is hoped that the present edition, which furnishes the text of the Riccardian manuscript, will remove this impediment to our thorough acquaintance with Pegolotti’s
 [[ Print Edition Page No. xv ]] 
work. On the other hand, the manuscript itself is not wholly reliable. It is a copy at two removes from the original, a copy made over a century after Pegolotti’s compilation was presumably finished, and corruptions have inevitably crept in. There is good reason to believe that the matter has been slightly rearranged within the volume, and even that some material has been lost. The suspicion arises that later additions may have been made to the text, though it must at once be added that no direct evidence of interpolation has yet come to light. Finally, in point of dating the material, aside from the question of interpolation, clearly no more definite limits can be set for the larger part of the book than that it probably derives from the decades 1310 to 1340, the period of Pegolotti’s active career in business. It remains now to be seen what discoverable factors in the experience and methods of the author may for better or for worse further affect the estimation in which his work is to be held.

The Author

Of the author himself, it is known that he was a Florentine, that he wrote in the first half of the fourteenth century, and that he was active in the great banking house of the Bardi; no more is needed to explain the unusual scope of his work and to justify confidence in his extensive knowledge. Florence at precisely that period was in the heyday of her prosperity, building up great industries which stimulated a constant search for better sources of raw materials, for more profitable, more extensive markets to which the products might be distributed. At the same time, the abounding capital resources of the city, the confident skill of the citizens, enabled Florentine merchants to assume leadership in the world of international finance; along the ramifying channels opened to them by the peculiarly favorable patronage of the Papal Curia they spread in all directions until their operations included intimate financial dealings with the Kings of France and England, the restless Angevin House of Naples, and a host of lesser powers and potentates, dealings which brought as a natural consequence unusual favours and privileges in aid of Florentine commercial activity.

The Company of the Bardi was one of the most conspicuous firms among those groups of capitalists who were the leaders of Florentine enterprise. This firm is known to have had, on July 1, 1318, assets in inventory and accounts receivable, of at least 1,266,775 lire, 11 soldi a fiorino,1 equivalent, at $2.35 per gold florin, to $2,053,050 gold. In the surviving fragments of the company’s account books are recorded the
 [[ Print Edition Page No. xvi ]] 
names of 336 men employed by the firm during the period 1310 to 1340.1 The bank had branches or connections in Antwerp, Bruges, Paris, London, Avignon, many Italian cities, Majorca, Rhodes, Cyprus, and Constantinople;2 it enjoyed special privileges in the ports of Setalia in Asia Minor, Ayas in Armenia, Famagusta in Cyprus, and Seville in Spain,3 to say nothing of the favours showered upon it in Naples and England; a papal collector even suggested that the Bardi open an office in Cracow to handle the funds collected for the Curia in Poland.4 With these resources, the company advanced loans to kings, barons, prelates, and private individuals; accepted deposits either at fixed interest or for part share in profits;5 transferred funds between any of its offices; performed services for its patrons, giving courier facilities, or playing commissariat to royal armies; and finally it bought, sold, and shipped merchandise, wool, cloth, plate, grain, and spices. As a result of its operations depositors were paid an attractive interest, and the proprietors received, during the prosperous decades 1310 to 1330, both 8% per annum upon extra funds invested in the bank and a considerable annual return upon their shares of the basic capital which formed the core of the enterprise.6

Such was the world in which Pegolotti lived and worked. Fortunately there remain among the records of the period traces of his career which make it possible to gauge even more closely his experience and the use he made of it in composing his manual. Of his immediate background, to be sure, little can as yet be said, but at least this much is known, that Pegolotti’s father was a man of some consequence in the community and that his brother was an employee with a good position in Francesco’s own firm. The father, Balduccio Pegolotti, was sent by the Commune as ambassador to Siena to negotiate a treaty securing to Florentine merchants free use of the port of Talamone at the time when the expedition of Henry VII seemed likely to disturb intercourse with Pisa.7 This treaty was ratified in Siena on August 17, 1311.

Francesco’s brother, Rinieri di Balduccio, is known to us under rather unfortunate circumstances. By 1332, Rinieri had achieved a position of
 [[ Print Edition Page No. xvii ]] 
no slight responsibility as representative of the Bardi to the city of Perugia, where he had under his eye important financial transactions with the Papacy. In that year one of his shipments of gold fell victim to the rapacity of certain brigands, nephews of the Bishop of Nocera; these principals loosed upon the convoy a band of highwaymen who killed one messenger, caused the other to disappear, and effectively made off with the treasure. A few of the bandits were subsequently captured and made to confess. The company held Rinieri responsible for the sum lost, and even attached some responsibility upon Francesco his brother, but, after much negotiation, of its own good grace the company in part relaxed its claims upon the pair.1

The name of Francesco Balducci Pegolotti himself is found on the payroll of the Bardi at least as early as 1310,2 and from the records at hand of his activity not long after that date it is apparent that he must have begun his apprenticeship some years before. For on May 27, 1311 he is attested to have made payment in Florence on a bill drawn on the Bardi by their Naples branch; two days later, May 29, he appears as witness to a notarial entry; and on June 1 he is appointed one of the five proctors assigned by the Bardi to the business of the Order of St John ‘in partibus Tuscie, Ytalie, ac Lombardie et Alamannie et alibi,’3 business concerned with a debt which ten years later amounted to 133,000 florins.4 The bestowal of such powers gives assurance that Pegolotti had already gained considerable experience, and it seems safe to place the date of his birth before 1290.

When next heard of, Pegolotti had embarked upon his travels, and had been conducting negotiations in Antwerp. In 1315, as he himself tells us, he procured a charter sealed with the Duke’s great seal, granting to all Florentines the same customs rates as were assessed of German, English, and Genoese merchants. This charter he left behind him in the hands of the company’s representatives when he departed in April, 1317, for England.5

In London, Pegolotti was at once associated with the small group of factors who, under the leadership of Doffo de’ Bardi, one of the Masters of the Company, officially represented the firm in all its local dealings. His name first appears on the rolls under the date of August 4, 1317;6
 [[ Print Edition Page No. xviii ]] 
when Doffo prepared to depart ‘beyond the seas’ towards the end of the year, ‘Francis Balduchii’ and Roger Ardingel were by letters patent nominated his attorneys for three years;1 on the books of the Bardi in Florence it is recorded that from 1318 to 1321 Pegolotti held the ‘ragione d’Inghilterra,’2 in other words, that he was a director of the firm’s English office.

During the four years of his directorate, Pegolotti was concerned in all the manifold operations of that busy office,3 which may be illustrated by a few examples. On June 15, 1318, grant was made to Roger Ardingelli, Dinus Forcetti, and Francis Balduch’ ‘and their fellows, merchants of the society of the Bardi of Florence’ of £6483/2/0½ in satisfaction of various arrears on advances by them to the King;4 on November 12th of the same year, the same grantees were to receive 3000 marks for delays in repayment and for their own good services.5 The first entry is a mere statement of account, the second is payment of interest on the company’s investment. A more detailed operation can be observed in a document by which, in February 1320, the company bound itself to lend to the King 5000 marks ‘pour son aler de la la meer.’ A statement attached to the guarantee shows that this sum was paid out in 34 items to different persons, as they set forth to cross the Channel, over the months of February to May of that year;6 that ‘ffraunceys Baldouche’ was associated with the disbursement of the moneys is seen from two receipts held by the company acknowledging payment of one of the items of the statement.7 He was also involved in the private loans made by his office, for instance, 100 marks acknowledged on July 22, 1318, by Thomas, Abbot of Pippewell, 1350 marks acknowledged on August 13, 1320, by Henry, Bishop of Lincoln, and 36 marks acknowledged on October 29, 1320, by Ralph de Grendon, Knight.8 Finally, the advantages derived from service to the Court may be illustrated by the grant, on November 28, 1319, of letters of ‘simple protection’ to Roger Ardyngelli, Dinus Forcetti, Francis Balduch’ and their fellows ‘who are attending to the King’s business.’9


 [[ Print Edition Page No. xix ]] 

It is observable, however, that Pegolotti was not consistently associated in the purely financial transactions between the Bardi and the Crown. Dinus Forcetti, Roger Ardingelli, and the latter’s successor, Bonus Philippi, are regularly named as principals acting for the company; if Pegolotti had been a party to the negotiations, surely he was too important a figure to disappear into the anonymity of ‘their fellows, merchants of the Society.’ On the other hand, his name is rarely absent from the records of more material traffic. In 1317, on October 3, he and his colleagues are granted £105, viz. £75 for 150 quarters of wheat, and £30 which together with the wheat they caused to be ‘delivered to Simon de Dryby for sustenance of the King’s lieges going on his service towards Berwick,’ this sum to be repaid from the customs at Kingston, in security for which they were given one part of the cocket seal.1 On October 7, 1318, they are granted £31/4 for cloth of gold and sendal bought from them by the clerk of the Great Wardrobe.2 Balduch’ is among the members of the firm to whom it is granted that they may ‘hold a tenement in the street called Lumbardestret in the city of London, sometime of Robert Turk, lately deceased, and Elena his wife, abutting on Lumbardestret on the south and Cornhulle on the north.’3 Finally, to Francis Balduch acting alone the King sold, for £46, 10 pieces of cloth and half a piece which he had ordered seized in reprisal from some Flemings. Within two months, however, the goods were restored to the Flemings, and the ‘letters obligatory’ of the company cancelled.4 The evidence is slender, but one may, perhaps, suspect that Pegolotti’s interest and skill lay rather in the commercial than in the financial dealings of his company; that coming, as he did, from the Low Countries, he was occupied with the trade in wares, particularly wool; and that it is to this preoccupation that we owe the great price list of English and Scottish wools which overshadows his short chapter on London.

But there was also the Pope’s business to attend to. Within two months after Pegolotti arrived in England, on June 9, 1317, the papal treasurers in Avignon agreed with local representatives of the Bardi that the members of the company assigned to the Curia would pay to the treasurers all monies deposited with the English branch by the nuntio sent to collect the first fruits and other papal revenues, an agreement renewed in 1319.5 In consequence, we find 41,800 florins transferred from
 [[ Print Edition Page No. xx ]] 
London to Avignon between September 6, 1318 and January 5, 1321, by the members of the company residing in London, among them ‘franciscus balduchi’.1

At last, on December 27, 1321, Pegolotti applied to the King for safe conduct for one year, ‘going beyond the seas,’2 and so far as is known, he left the north of Europe forever.3 As to his route of travel, it is perhaps permissible to think of his having followed the wool route from London which he himself describes, running by sea to Libourne, from there overland to Montpellier and Aigues Mortes, and so by sea again to Tuscany.4

Three years later, Pegolotti appears at another of the focal points of his company’s business, where he has already become a man of influence at Court. In 1324, on May 21, he procured from the King of Cyprus a privilege exempting Florentine citizens from paying more customs dues than had long been the rule for Pisans. On October 23, 1325, and September 21, 1326, he secured renewals, and on August 3, 1327, a perpetual grant of this charter, which nominated the procurator of the Bardi resident in Famagusta, at the moment presumably himself, as the sole court of appeal in case a trader’s Florentine citizenship was disputed.5

After these triumphs of diplomacy, Pegolotti spent at least two more years in Cyprus. The Curia at Avignon received on January 3, 1329, from the local representatives of the Bardi, 4000 gold florins ‘de pecunia recepta . . . et per . . . nuntios deposita penes Franciscum Balduchii et Zenobium Chinucii de societate Bardorum de Florentia in dictis Cypri partibus commorantes.’6 This transaction probably accounts for Pegolotti in the previous September, for the next entry shows that the interval between deposit and payment might be about four months; on June 26, 1329, the Bardi office in Avignon paid 5000 gold florins ‘de pecunia . . . ex causa cambii deposita penes Franciscum Banduchii . . . die 6 mensis martii de anno predicto, videlicet 30,625 Bisanc. albis de Cypro. . . .’7

The period of Pegolotti’s service in Cyprus, it may be noted, was of great moment in the formulation of this book, for a remarkably large
 [[ Print Edition Page No. xxi ]] 
part of the descriptive material rests upon his experience on the island. Not only is the chapter on Famagusta one of the most detailed in the whole work, but the long list of tare weights to be calculated in the cost of numerous commodities is significantly reckoned in Cyprus ruotoli, as are the tare weights of selected eastern crude silks.1 It is likewise notable that he analyses with unusual thoroughness the conditions of sale and purchase of Cyprus syrups, of the bottles in which they are contained, and of the cases in which these bottles are to be packed.2 Among the most detailed of the descriptive passages at the end of the book is the discussion of Cyprus powdered sugar, its value, appearance, and packing.3 Indeed, one is led to wonder whether it was not in Cyprus that the idea of compiling this book was born, for his interest in accurate statistics had developed to such an extent that he was led to perform certain experiments, of which he is our proud informant. In the first place, for fear he should be caught without his standards, he drew up a list for converting weights of spices into dry measure. Then, dissatisfied with the conventional procedure for reckoning tare on the boxes of gingerbread from Alexandria, he weighed separately all the parts of the package—to complete the test he even took a box home to Florence and compared the results there with the Cypriote computation—and found that the methods employed in Cyprus concealed 25% of the true tare weight of the wrappings. Finally, he found that a normal pine cone would furnish one-sixth of its own weight in shelled pine nuts.4 Once on the track of such information, he could have found himself in no better locality for the collection of facts about conditions throughout the Levant and on into the East, and it was most likely in Famagusta that he hobnobbed about the route to Cathay with the ‘merchants who had used it,’ and that he gathered much of his knowledge of Asia Minor, perhaps also of the Black Sea, Alexandria, and even Constantinople.

After March, 1329, close upon his fifth year in Cyprus, no further record of Pegolotti’s activity is available until two years later, when suddenly he turns up in Florence under the novel guise of politician. In the official register of elections it is recorded that on November 21, 1331 ‘Franciscus Balducci Pegolotti’ was made ‘vexillifer vexilli vermili cum dragone viridi, pro sextu Oltrarni,’5 his tenure of office to last from December 1 to March 31, 1332.6 The position of Vexillifer Societatis, or,
 [[ Print Edition Page No. xxii ]] 
as it was known in the vernacular, Gonfaloniere di Compagnia, can perhaps best be explained in modern terms by saying that it involved the combined duties of city councillor and ward boss. In his particular district, the ‘Banner bearer’ was captain of the popolo and its adherents, his chief responsibilities being to preside over assemblies of his group, to guard the central bottega and arsenal of the district, and above all to take the lead in resisting any aggression on the part of dissidents, particularly of the grandi. At the same time, the nineteen gonfalonieri formed a council which deliberated with the Signory, and the consent of which was in certain matters required to validate acts of the higher authority. Pegolotti thus found himself invested with a typical fusion of political authority and party control, for he was at once a deliberative member in a state council and an important link in the organization which was designed to preserve his party’s monopoly of power. Beyond such generality it is unfortunately impossible to go, and one can only speculate both as to whether previous experience in this kind of activity qualified him for the position and as to what events distinguished his term of office.

Political activity did not permanently distract Pegolotti from his business career. Over three years later he was once more at work in the East, where, ‘while he was in Cyprus for the Company’ of the Bardi, he obtained from the King of Armenia a charter under date of January 10, 1336, with ‘pendent seal of gold,’ freeing his company from customs dues and from fear of reprisals.1 It is generally assumed that in the course of negotiations he visited Armenia,2 but no proof of the fact exists, and Pegolotti’s phrase makes it seem possible that he remained in Cyprus as head of that branch office directing negotiations from a distance. Certainly there is none of that intimate detail in his chapter on Armenia which might be expected had he personally dwelt in Ayas. In any case, this is the last voyage of which we have certain record.3

In 1340 Pegolotti was again in Florence, again occupied with politics. On August 22 in that year ‘Franciscus Balducci Pegolotti, pro sextu Oltrarni,’ was made Bonus Vir, to serve from September 1 to December 1.4 The College of Buonomini was specially designed to serve as chief
 [[ Print Edition Page No. xxiii ]] 
advisory council to the Signory and seems to have been free of duties in relation to local organization. These duties, however, Pegolotti was not permanently to escape, for within a year, on November 20, 1341, he found himself once more Gonfaloniere di Compagnia, ‘vexillifer vexilli draconis, pro sextu Oltrarni,’1 his term to extend from December 1, 1341 to March 31, 1342.2 During this tenure of office Pegolotti’s career crossed one of the critical events in the history of his native city, for it was on Hallowe’en of 1340 that the Commune in the very nick of time nipped a formidable conspiracy engineered by the Bardi to overturn the government of the popolo grasso. Amid the ringing of bells, the authorities summoned their armed forces and aroused the populace, which swarmed across the Arno and dispersed the as yet scanty forces of the conspirators. The insurrection was to have burst on the very next day; instead, the leaders found themselves in exile, subject to proscription and confiscation. The remaining Bardi members of the Bank were in a difficult position, but they fortunately managed to show, by proofs which were accepted at their face value, that none of their guilty relations were active partners in the Bank.3 Of Pegolotti’s own attitude and activity we know no more than that, since he was only a year later allowed as Gonfalonier to occupy one of the key positions in the defensive organization of his party, he must have displayed sufficient loyalty to the oligarchy in power.

There follows now a gap of five years, but that Pegolotti was not without occupation in the government is suggested by the following document, which, it seems fair to assume, refers to this period: in 1346 certain officials of the Commune were given ‘baliam, autoritatem, potestatem, et offitium quam et quod praedicto communi habuerunt seu concesse fuit providis viris Luce Fei et suis collegiis . . . Francischo Balduccii et suis collegiis . . . civibus florentinis olim officialibus dicti communis super vendendis et alienandis bonis et aliis quae in ordinis dicti communis florentini de eorum officio loquti continetur.’4 Again Pegolotti’s skill in the practical details of business receives recognition.

The next record relates to what must have been the culmination of Pegolotti’s career, for it shows him occupying the highest position in the Signory itself. In the list of priors who held office during July and August, 1346 appears the name ‘Franciscus Balducci Pegolotti, per il quartiere di Santo Spirito, vessilifero di Giustizia.’5 The quarter of
 [[ Print Edition Page No. xxiv ]] 
Santo Spirito included the region ‘Oltrarno’ which he had represented earlier, the region, incidentally, in which the Bardi had their dwellings. As ‘Banner bearer of Justice’ it was Pegolotti’s privilege to preside over the Priors, his special duty to guard the Ordinamenti di Giustizia, which formed the basic constitution of the régime, and to punish all infringements of them. Although there were special officers, Esecutori, to enforce these ordinances, it was still within the province of the Gonfalonier to act upon alarms, and one may dwell with pleasure upon the picture of good business-like Pegolotti causing the standard of justice to be unfurled from the Palace, descending to the Piazza to bestride his charger, and galloping away, banner in hand, at the head of his companies to rescue or revenge some popolano who had been set upon and maltreated by the magnates. Unfortunately, as with all such piquant details, this scene is but imaginary, and we have no certainty that he was ever called upon so to bestir himself.

The tradition established by Pegolotti was maintained by his family, and from the same lists of Florentine officials we gain some knowledge of his relations and descendants. The following entries, all recording terms as ‘priores artium,’ speak clearly enough:1

Giovanni di Jacopo Balducci Pegolotti, oliandolus, per il quartiere di S. Spirito—Novembre, 1389.

Pegolotto di Francesco Pegolotti, per il quartiere di S. Spirito—Luglio, 1393.

Bernardus Pegolotti di Francesco Balducci, per il quartiere di S. Spirito—Maggio, 1426; Gennaio, 1439; Novembre, 1444.

Pegolotto di Bernardo di Pegolotto Balducci, per il quartiere di S. Spirito—Settembre, 1465;2 Settembre, 1495.

From these entries we learn that our author had a second brother and a nephew, and that his son, grandson, and great grandson all succeeded him as Priors.

Finally, the last records of Pegolotti’s life show him actively engaged in administering the bankruptcy proceedings against his company after the crash. For the great firm of the Bardi, despite its wealth, prestige, and long success, was unable to avoid the fate of almost all of its contemporaries. As a result of economic and political difficulties which have been brilliantly described elsewhere,3 the Bardi were forced to declare bankruptcy and to turn over their books and documents to a commission of syndics appointed by Commune and creditors to liquidate the business.
 [[ Print Edition Page No. xxv ]] 
On June 19, 1347, these syndics and officials, ‘Francischus Balduccii Pegolotti’ at the head of the list, petition the Priors to enlarge their authority, for those who wish to purchase some of the assets now refuse to do so, saying that transactions ‘non possunt secure fieri nisi fiat provisio ista.’1 The proposed change is accepted. Only three months later, September 6, 1347, the syndics and officials again petition the Priors. Pegolotti still heads the list, but some of the other names have changed. This time the commission is bothered about procedure, the prestige of their body being injured by uncertainty as to whether their judgments be valid when pronounced during absence or retirement of some of their number, and they ask for definite rules of order.2 The bankruptcy proceedings, in which Pegolotti seems to be mentioned no more, resulted, incidentally, in the payment to all but English and Neapolitan creditors of 9/3 per lira, a liquidation at 48%.3

So ends our knowledge of Pegolotti’s career. The statement sometimes made that he himself went on the journey to Cathay is contradicted by the indication that Pegolotti is writing ‘according to the reports of the merchants who have used’ the road.4 It has been said that Pegolotti worked in Naples and Barletta;5 nothing is more probable than that his informative chapters on those cities are the fruit of personal observation, and it is most unlikely that upon one of his voyages to Cyprus he did not travel by way of the southern kingdom; but no direct evidence of his residence there has survived.

One final and significant fact does remain. The accounts of the Bardi not only show that Pegolotti was in their employ from 1310 until the failure of the firm, but also list him as receiving a maximum annual salary of 290 lire a fiorino,6 representing 200 gold florins or, at $2.35 per florin, $470. The figure, even with allowance for the then greater value of gold, may not seem large until it is realized that employees of the company, after a year of unremunerative apprenticeship, used to begin their careers at some 5 to 7 florins per annum, and that only the most prominent members of the staff, who might be described as managers of branch offices in such vital centers as London or Naples, could hope to
 [[ Print Edition Page No. xxvi ]] 
reach an annual salary of 200 florins.1 In eloquent terms the record proclaims that Pegolotti was among the most valued and trusted executives of his great firm. Combine with this evidence the numerous and responsible positions he held in the state, the extensive journeys he made, and a picture can be formed of the man, diligent, informed, and capable, from whose pen come the precious details of this manual.

Sources

Pegolotti was wise in the ways of commerce, his memory stored with valuable information about the peculiar customs of far places, yet his book is clearly more than a mere compendium of personal reminiscences, an offering of tips and formulae from an experienced trader to ambitious apprentices. In fact, the author himself states his intention to treat of ‘things needful to be known to merchants of divers parts of the world, and for those to know who deal in merchandise and exchanges,’2 in other words to present a comprehensive work of reference for readers of different nations and varied interests. With this purpose in mind he interleaved his personal knowledge with statistical information; beside the intimate detail, the tip, for instance, on bargaining with customs officers in Naples, is set the tariff of customs dues, the itemized account of transportation expenses. For such facts the author must have relied upon documentary records, and it is the few cases in which the authority for such details can be guessed or even identified that must now be considered.

Two passages in the Pratica can be traced directly to their sources. The long list of brokerage fees chargeable in Pisa is instantly recognized as a mere reproduction of the brokers’ tariff adjoined in 1323 to the Breve dell’ Ordine del Mare, which has been preserved and printed in full.3 The notes to the text below present the results of a thorough collation of the two documents. It will be seen that with one or two exceptions Pegolotti follows the exact order of items in the Pisan tariff, that the relationship of the texts is so close as to leave no doubt of their intimate connection, yet that strange and, from the point of view of Pegolotti’s readers, distressing irregularities occur in his copy.

No objection can, of course, be raised to the series of changes which merely substitute equivalent terms or Florentine usage for the Pisan words: taccolini for tacculini, mandorle for amandule, bolzone for bolsome,
 [[ Print Edition Page No. xxvii ]] 
infranto for stracto, mondiglia for buschalia, navoleggiamenti for nauleggiamenti, caffera for canfara, risima for lisma. Other divergences, however, are unreasonable. Variations in the figures might possibly represent a change in rates effected between 1323 and 1340, but there remain serious corruptions: mincionoe for miccino, stame di leghi for stame di legati, bucherame for baraccani, dorato for morato, mercato for marcate, mele grente for melanghette, mulo for migliaio, senape for sapone, Guardia for Giadra, and the amazing errors in the list of silks at the end. On the other hand, Pegolotti’s copy improves on the Pisan text, at least upon the published version, in two cases, Bucherame d’Arzinga for boccorare da ringa, oricello for oncello.

What is to be made of this extraordinary garbling? It may be observed in the first place that hitherto this tariff has been the most obscure passage in the whole Pratica and that, distressing as may be the evidence against the reliability of Pegolotti’s text, one can only rejoice that so many problems of interpretation are solved by discovery of the original. This being so, however, it can be argued that the condition of the text at this point was unusual, that some exceptional problem confronted the scribe. Certainly there was no reason for any copyist working with Pegolotti’s original manuscript to break down at this point and misinterpret so many terms with which over the previous two hundred pages he must have become tolerably familiar. It may be a solution of the problem to suggest that for this chapter Pegolotti seized upon a copy of the tariff made for Florentine use, perhaps carelessly transcribed or adapted, and without close inspection either in some way incorporated the document whole into his volume or allowed his scribe, if he enjoyed such assistance, to copy it in. As will be seen later, copies of documents of this nature were clearly available to him, and only the difference in script which use of such a source would involve can explain the weakness of his text at this point, a weakness which, it must be repeated, is exceptional.

That Pegolotti’s reports were not always inaccurate is fortunately proven by the second textual collation. Although the privilege which he himself procured for Florentines trading in Antwerp1 is lost, the contemporaneous concessions to the Germans and the Genoese are available in print, and these concessions by Pegolotti’s own report were similar to the Florentine privilege.2 Indeed, the parallel phrasing of these two versions, and their close similarity to Pegolotti’s text justifies the use of the German charter as an exact source for his report. The results of collation, as embodied in notes to the text below, tell a story quite
 [[ Print Edition Page No. xxviii ]] 
different from that of the Pisan tariff. There are, to be sure, the same translations into Florentine usage; but of errors there are only two which need to be mentioned. In one case the figure 18 has been reduced to 8, an item concerning seal-oil has been omitted, and that is all. Here, therefore, is an example which may fairly encourage those who wish to use the Pratica as a source of reliable information; this passage may reasonably be called representative of the text as a whole. Furthermore, this report may with certainty be traced to Pegolotti’s own records. The original document received from the Duke of Brabant had to be left in Antwerp ‘in the hands of the compagni’ who represented the Bardi in Flanders, so that his text must be based upon a copy drawn up either by Pegolotti or under his supervision. The author’s personal papers would seem to be reliable; it is his second-hand information towards which caution must be observed.

Although the source itself apparently no longer exists, there is in another case a hint of the document which was used by Pegolotti. The tariff of fees paid under the Missa duty of Cyprus1 contains two peculiar items: mele d’abellie, cioè d’ape, and Racino . . . cioè uve. Now although racino is no very unusual form, and even abellie is a gallicism which might not be considered unfamiliar, yet this list derives from the Kingdom of Cyprus, where an official tariff was likely to be issued in French, and a possible reason for the explanations which Pegolotti added to the terms is that he was writing from a document in which he encountered the words abeille and raisin. This fact may account for the puzzles that occur among the other commodities mentioned, but not even pursuit into French has revealed the nature of frietta and coinsines.

Mention must be made here of another source which has been suggested for some of Pegolotti’s information. There exists a Flemish price list of wools from English monasteries, dating from the middle of the thirteenth century,2 which bears such notable similarities to Pegolotti’s much longer list3 that Cunningham thinks some Flemish document of like nature must have furnished his information.4 It would be impossible and on the whole unprofitable to enter upon the complicated task of disentangling
 [[ Print Edition Page No. xxix ]] 
the various linguistic traditions, English, French, Flemish, Latin, and Italian, which would be involved in determining the question exactly, but some observations can be made to raise doubts as to this hypothesis. It is true that the prices given are stated to have been those which prevailed in Flanders in a certain year, the date unfortunately a blank in the manuscript; there is striking similarity between the Flemish versions of English names and some of those listed in Pegolotti’s catalogue, Berlinghe in both to represent Barlings, Morgane in Flemish, Morgana in Italian for Margam, Boukeselee and Bocchesella for Boxley. But it is equally true that Pegolotti’s adaptations are only what might be expected from Italian efforts to catch in writing the strange sounds of these place names, without the intrusion of any Flemish intermediary. Chiricchistede may as well be derived from Kirkstead as from Kerkestede, Giervalese from Gervaulx as from Girvals, Miravalle from Merevale as from Mireval. Furthermore, in certain instances Pegolotti shows a better comprehension of the significance of the name than does the Flemish list; Valdio would never be derived from Waudien, Diolaccresca from Dieulecroisé, or Novelluogo from Niewestede. Here Pegolotti shows that he understands the meaning of Dieulacres, sometimes spelled Dieulacresse, where the Flemish interpretation is incorrect, and on the other hand he seems to depend upon Latin forms, de Valle Dei and de Novo Loco instead of the vernacular Vawdye and Newsted. Similar tendencies may be traced where the Flemish list offers no example at all, in the versions Borgo San Piero for Peterborough, Ponte Ruberto for Robertsbridge, San Chimento for Clementsthorpe. A later Flemish document may, of course, have been more correct and more inclusive than the example quoted above, the only one available, but there is yet more evidence. The occasional geographical indications, Dereforte icosta a Portamua, to cite only one, and the mention of monasteries which have no wool, suggest that Pegolotti’s list was intended more for a reader interested in collecting wools in England than for the merchant who wished to dispose of them in Flanders. Finally, the paragraph at the end of the list warns the purchaser in England to offer sums so much less than the quoted sale price in Flanders that the difference will cover transportation and allow a good profit. In short, although some sort of information from Flanders must have been at hand, it was fitted into a schedule designed for use in England, and the work seems to have been done by an Italian who had local and first hand acquaintance with the monasteries concerned. No more can be said than that this description admirably coincides with what is known of Pegolotti himself.

Again, it might be expected that the ‘Orders of Florentine Merchants’
 [[ Print Edition Page No. xxx ]] 
concerning the marking of French cloths1 could be traced to some official proclamation available in Pegolotti’s native city. This is indeed the case, but the search for the original of this chapter raises a curious problem. The authority empowered to regulate the trade in French cloths was the great Guild of Calimala, and in the statutes of the guild are rubrics dealing with precisely the subject of how the cloths should be labeled. Over a period of some years, moreover, the rule was subjected to material alterations, and it might seem as though the discovery of Pegolotti’s source should contribute a definite indication of the date at which he was writing. The results of the investigation, as will be seen, are not entirely satisfactory.

The two Statuti related to Pegolotti’s text are written in the vernacular. The older statute, composed in 1332 and modified for the year 1336, has been published entire;2 of the second, compiled in 1338, with aggiunte up to 1435, only the index and the amendments are printed.3 The chapter on taccamenti in the statute of 13324 was amended in 1334,5 and further altered in 1336.6 Now, the revised statute of 1338 condenses all these emendations into a single rule, otherwise unchanged.7 The development had led to undue complexity, and a last completely revised and much simplified form of the rule is appended to the second statute.8 This last form of the rule is immediately preceded by aggiunte of December 1341, and followed by a confirmation of June 19, 1342; we may assume that it was formulated early in the year 1342.

The version of 1338 will be found at the top of the three divisions, its order somewhat disturbed for greater convenience of collation; Pegolotti’s chapter occupies the central position; the text of 1342, inverted in one instance, is at the bottom. The paragraphs are numbered for later reference, in the early version with roman numerals, in Pegolotti’s version with arabic numbers, in the later recension with letters. The text of the statutes is drawn from the original manuscripts referred to above, with the sole addition of punctuation.


 [[ Print Edition Page No. xxxi ]] 

1338. i (This paragraph properly follows ii and iii below.) . . . . E che tucti i panni di fiandra e di brabante si tacchino a parigini, a soldi xiii e denari quattro il fiorino, chome si solea fare. E che oltre al primo costo e a l’altre spese, a ciascuno panno che ssi comperrà in fiandra o in brabante si ponga per carreggio o vectura infino a parigi, quattro grossi tornesi per panno, . . . e a’ panni di doni scotto si ponga tre grossi tornesi per panno. . . . E tutti gli altri panni che ssi comperranno nel reame di francia, si tacchino a quella moneta a la quale si comperranno.

Pegolotti. 1 Ànno ordinato e vogliono i mercatanti di Firenze che tutti i panni di Fiandra e di Brabante che per gli mercanti di Firenze si comperano ne’ detti paesi, ciò che costeranno per lo primo costo e per la fattura e per la bandinella e per lo tolonneo o vero pedaggio della villa ove fussono comperati e per la malatolta del reame di Francia, di questo cotale costo solamente si debbia taccare ogni soldi 2 di grossi tornesi soldi 26, denari 8 parigini, e questo debbia essere il suo vero taccamento sanza porvi suso niun’altra spesa nè di cambiora nè di vettura nè niun’altra spesa vi si debbia porre sopra il detto taccamento.

1342. a Sia tenuto e debbia tucti i panni oltramontani i quali si comperanno da calendi aprile proximo che verrà inanzi ne reame di francia o di fiandra o di brabante o a qualunque moneta, taccare e segnare e tenere teccati(!) e segnati bene e lealmente sanza alcuna frode a fiorini d’oro in questo modo, cioè . . . (see ¶ b). (From ¶ b): E questo sia e essere debbia il suo vero taccare, e nulla altra spesa di cambi o di vectura o d’altra cosa vi si debbia o possa suso mectere o taccare o segnare. . . .

1338. ii Im prima che in su’ panni oltramontani che ssi comperano oltramonti, si tacchi il primo costo che ’l panno costa dal drappiere colle spese che diremo qui appresso: cioè il danaio di Dio e il recare i panni a casa, (one sentence excerpted to iii below). Anche il cardare, e ’l pianare, e ’l piegare, e apuntare, e ogni affeto (assetto), e la bandinella lina, e ogni assise, maletolte, e toloneo de le ville ove si comperarono i panni, e uscita dalle porte, e il legaggio e caricagio e ostellaggio e vino e ogni malatolta che il re di francia tolglie, per cagione di danari quattro per livra della compera, e d’ogni altra malatolta che il re tolgliesse. . . . E chi taccasse per altro modo . . . (the penalty etc., then ¶ iii following).

Pegolotti. 2 E che tutti altri panni di Francia o d’oltre i monti che per li mercatanti di Firenze si comperassono, a quale e chiunque moneta si comperassono quello cotale primo costo e quello che costasse per assetto e bandinella e pedaggio di quella villa e la malatolta del reame di Francia si debba vedere e recare quanti fiorini d’oro montano, e d’ogni fiorino d’oro si debba taccare soldi 13, denari 4 parigini; e i panni che si comperano a lire di tornesi, quelli si tacchino a ragione di soldi 16 denari 8 tornesi piccioli il fiorino d’oro quello che costerà di primo costo e per le sopradette spese e malatolta.

1342. b (cont.) . . . . cioè quello che’ panni costeranno del primo vero costo e le spese della bandinella e d’ongni malatolta del reame di francia e delle ville, e della tintura e dell’afetto (assetto) di panni solamente. E questo vero costo colle dette spese recare e contare a fior. d’oro contando e mettendo il fiorino dell’oro soldi xvi di parigini; salvo che i panni che si comperranno a tornesi si tacchino e segnino, e taccati e segnati si tengano, a fior. d’oro bene e lealmente, recando e contando il fior. dell’oro soldi xx di tornesi, mettendovi il primo costo colle dette spese della bandinella e della malatolta del reame di francia e delle ville e della tintura e dell’afecto (assetto). E questo sia . . . . (as in a, then continue ¶ c)

1338. iii (Excerpt from ii): E se alcuno panno si tingnesse in altro colore che fosse comperato dal drappiere, possavisi tacchare quello che cotale tignitura costasse. (Cont.
 [[ Print Edition Page No. xxxii ]] 
from ii): Anche che tucti i panni debbiano essere tacchati il costo del panno . . . e siavi scritto il nome della villa là dove il panno è facto e ’l nome del maestro che fece il panno. Salvo che a questo non siano tenuti i panni di Borgi perchè li si fanno i mercatanti medesimi, nè’ panni di tolosa, però che ssi vendono a panno . . . .

Pegolotti. 3 E se de’ panni che per li mercatanti di Firenze saranno comperati ne’ detti adietri luoghi, ed eglino ne volessino poi fare tignere in altro colore, sì sia loro lecito che quello che costasse di tintura e assetto taccare e segnare insieme col primo costo al sopradetto adietro modo. E ciascuno panno abbia sua scrittolina, in sulla quale scrittolina sia il costo del panno e la villa d’onde <è il panno e> il nome del maestro che fatto avesse il panno; e a’ sopradetti taccamenti non sieno tenuti i panni di Borghi nè i panni di Tolosa però che si vendono a panno, e possonsi tenere con tacche e sanza come piace al mercatante di cui fussero detti panni.

1342. c Ma se alcuno, poi che ’l panno sarà comperato, in quella medesima villa il farà tignere in altro colore, possa taccare e segnare col primo costo quello che costerae la tintura e l’afetto (assetto) del detto modo. . . . E secondo ch’è scritto di sopra, ciascuno sia tenuto di segnare e taccare e tenere taccati e segnati i panni predetti e oltre le tacche avere e tenere apiccata a ciascuno panno una scritta nella quale sia scritto il vero costo del detto panno al modo ch’è detto recato a fior. d’oro; la quale scritta s’accordi colle tacche; e sieno scritti di quale villa è il panno e ’l nome del maestro da cui sarà comperato. . . . E a questi taccamenti e ordini non sieno tenuti i panni di borgi nè’ panni di tolosa o di tolosana per ciò che si vendono a panni; i quali panni ciascuno possa licitamente tenere e vendere con tacche e sanza tacche come a llui piacerà . . .

It is evident that Pegolotti’s rule embodies the essential administrative alterations involved in the reform of 1342. The number of expenses which may be included in the taccamento is limited, expressly excluding some of the items previously permitted; there are striking similarities of phrasing, as in the sentence ‘e questo debbia essere il suo vero taccamento’ (¶ 1, a) not to be found in the early version. On the other hand, there is one ambiguity. Although all prices are to be reckoned in gold florins, thus following the later rule, Pegolotti’s phrase, ‘d’ogni fiorino d’oro si debba taccare soldi 13, denari 4 parigini’ (¶ 2), seems to mean that on the label each florin shall be entered as that sum of parisis, rather than that the cloths should be ‘taccati . . . a fiorino d’oro’ (¶ a) after reckoning the exchange. In other words, although Pegolotti follows the later rule in establishing one system of marking for all cloths and insisting that they be calculated on the basis of exchange with the florin, he seems to cling to the other rule in having the label made out in parisis, reducing prices in tournois to the same terms. On the other hand, Pegolotti’s version is in two respects closer to the rule of 1338 than to that of 1342. He retains the distinction between cloths from Flanders or Brabant and ‘altri panni di Francia o d’oltre i monti’ which it was the very purpose of the new rule to abolish; the distinction is in his text purely formal, for the treatment of both kinds is similar, but the division of matter into two paragraphs remains. Most significant, however, is the exchange rate of 13 soldi 4 denari parisis to the florin, the rate of
 [[ Print Edition Page No. xxxiii ]] 
1338, where the rule of 1342 allows 16 soldi per florin. The rate of 26 soldi 8 denari parisis to 2 soldi of groats tournois (¶ 1) likewise harks back to the older rule, for the real is equal to 2 soldi of groats tournois,1 the groat is usually reckoned at 12 to the florin,2 the florin is in the older calculation 13 s. 4 d. parisis; the real, therefore, equals 24 groats or 2 florins or 26 s. 8 d. parisis, a result introduced by Pegolotti into his text for the benefit of his readers and based upon the reckoning of 1338.

The unavoidable conclusion is that Pegolotti was following an intermediate version of the rule concerning taccamenti, a version which contained the essential changes desired by the guild, but which had not yet been revised as to exchange values, nor reduced to the simple terms set down in the statute of 1342. That he was copying a document seems clear from his wording; many of his phrases were retained in the official recension embodied in the statute; it is difficult to believe that he merely wrote from memory and thus confused the exchanges. Unfortunately, the temporary original from which he was copying has disappeared and it is impossible to control his textual work. There remains the information that this portion of the book was formulated between the years 1338 and 1342.

Among the unique features of Pegolotti’s book are the itemized statements which list the expenses involved in producing coins at various mints. In particular, the section devoted to Florence is predominantly occupied with a discussion of the coinage, and the treatment includes an account of the costs of production for each denomination of currency.3 Whatever may be the source of such information in the case of other cities,4 these Florentine lists may with some certainty be traced to official tariffs of the Zecca itself. For one example exists among the records of the mint to illustrate the type of these tariffs, and the evident parallel between this list and Pegolotti’s text gives good assurance that a like summary was at hand when he wrote. The passage quoted below beside Pegolotti’s list is to be found in the Fiorinario appended to a copy of the provision of July 30, 1332 which first authorized the issue of fourpenny pieces or lanaiuoli:5


 [[ Print Edition Page No. xxxiv ]] 
la spesa de’ lanaiuoli piccioli:1
ovrieri per lb. 2 sol. operarii per lb. 23 den.
adirizzare per lb. 4 den. addirizzatores per lb. 4 den.
munetaggio per lb. 9 den. moneterii per lb. den.
fonditura per lb. 2 den. fonditores per lb. 2 den.
cassiere2 per year 120 lir. casserius per ½ year 60 lib.
garzone per year 30 lir. puer per ½ year 15 lib.
saggiatore per year 60 lir. saggiator per ½ year 30 lib.
custos carbonorum per ½ year 15 lib.
intagliatore per year 160 lir. ad intagliandum per ½ year 85 lib.
carboni per lb. 6 den. carboni per lb. 8 den.
coreggiuoli per lb. 4 den. correggiuoli per lb. 7 den.
ferri per lb. 1 den.
calo a fondere per 100 lbb., 8 oz.

Of the discrepancies here observable, some may represent a change of rate, for instance the fee of 24 den. to ovrieri instead of 23 den., or 9 den. for munetaggio instead of 8½, possibly also the change from 170 to 160 lire per year to the engraver. The mint’s figure for correggiuoli includes certain miscellaneous items, one of them no doubt Pegolotti’s 1 den. for ferri. Pegolotti’s additional estimate of loss in smelting is naturally not an item which would appear on an official tariff of fees, and the sole serious discrepancy remains the L15 per half year payable to the ‘guardian of coals’ according to the mint tariff. Even if allowance is made for this variation, it is surely evident that Pegolotti could find at the mint statements similar enough to those which he embodied in his text.

This document also furnishes additional limiting dates to the composition of the book, broader in scope than those derived from the Statutes of Calimala, but none the less corroborative. This portion of the book must have been written after 1332, when the issue of these lanaiuoli was first authorized. At the same time the grossi mentioned immediately above, struck off at 166 to the pound of alloy, with a value of 2 soldi 8 denari, must be the new grossi guelfi issued at precisely that weight, but with a value of 2 soldi 6 denari, of which mention appears as of 1318.3 Just when the rate rose to 2s. 8d. is uncertain, but these coins were discontinued in 1345 upon the appearance of a new grosso, again called guelfo, which was to be struck at the rate of no more than 134 per lb. and to be valued at 4 soldi of piccioli.4 The chapter on Florence may therefore safely be dated between 1332 and 1345.

Another and quite different order of material upon which Pegolotti
 [[ Print Edition Page No. xxxv ]] 
might have drawn is suggested by the obvious manner in which, as will be seen, later handbooks borrowed from him and from one another. One such book does survive from an earlier date, and that some relation exists between it and the Pratica has already been observed.1 This manual, obviously of Pisan authorship, is preserved in a seventeenth-century copy now available in the Biblioteca Comunale of Siena.2 The manuscript first offers copies of the Capitoli della Compagnia di San Domenico di Siena, then a number of late fourteenth-century letters from the Tolomei archives, some transcripts from the archives of the Spedale di Sta. Maria della Scala di Siena, and finally the following introduction:3

In un libro in quarto de carta ordinaria coperto di carta pecora, nella quale vi è delineata un Leone rampante, sono scritte a mano diverse formole per Processi Civili et altre cose, e instruttioni legali, doppo le quali che sono in lingua Latina si legge nelle carte segnate dal no. . . . al no. . . . in lingua volgare questo appresso, seguendo di poi altre formole per Instrumenti:

4In nomine domini Amen. Anno ab eius incarnatione millesimo ducentesimo settuagesimo nono Indictione septima decimo septimo Kalendas Januarij

Hec est memoria de tucte le mercantie come carican le navi in Alexandria e li pesi come tornano duna terra addunaltra.

The first two paragraphs of the Memoria as it continues after the above title are arranged below in parallel columns with certain passages from Pegolotti’s book.

Memoria, p. 350: Pratica, p. 71:
Imprimis,
(1) Pepe cant. v. fulfuli per una sportata (a) Cantar 5 forfori per una sporta di pepe, di gengiovo, di verzino, e d’indaco; il verzino sciolto.
(2) Pengnano cant. v. fulfuli per una sportata
(3) Verzi legato cant. iiii. fulfuli per una sportata (b) Cantar 4 forfori per isporta di verzino legato.
(4) Succaro cant. iii. gerovi per una sportata (c) Cantar 2½ gerui di zucchero e di polvere di zucchero per una sporta.
(5) Verzi disciolto cant. fulfuli per una sportata
(6) Polvere di zuccaro cant iii. gervi per una sportata
(7) Lino cant iii levedi per una sportata (d) Cantar 3 leuedi di lino per una sporta.
(8) Sannella menne ducento per una sportata (e) Mene 200 di cannella e di cassa fistola per una sporta.
(9) Seta libbre cinquecento per una sportata (f) Libbre 500 di seta per una sporta.
 [[ Print Edition Page No. xxxvi ]] 

Memoria, p. 350 (Continued):

Pratica, p. 75:
(10) Indico cant v. fulfuli per una sportata
(11) Cassia menne ducento per una sportata
(12) La libra de pisa torna in Alexandria a pesi di mmcviiii.
(13) Lo cant fulfuli torna in pisa libbre cxxx. (g) Cantaro uno forfori fae in Pisa libbre 130.
(14) Lo cant leuti torna in pisa libbre clxxx. (h) Cantaro uno leuedi fae in Pisa libbre 180.
(15) Lo cant gervui torna in pisa libbre cclxxx. (i) Cantaro uno gerui fae in Pisa libbre 280.
(16) La mena dalexandria torna in pisa libbre ii uncie iiii (j) Mene 100 d’Allessandria fae in Pisa libbre 240.
(17) La vendita della seta en alexandria Ruotoli x entro unde in quelle Ruotoli x sti libbre xviii. pisani (k) Libbra una d’argento al peso di Pisa fae in Allessandria pesi 109 di miglioresi.
(l) Once 1 d’oro al peso di Pisa fae in Allessandria pesi 6 e carati 9½ di bisanti.
etc. etc.

After this point the two texts are in no way similar. The Memoria proceeds to list in rather haphazard fashion a quantity of equations for weights and measures between Acre and Alexandria, between Pisa and Montpellier, Naples, or Constantinople; there is a ‘memoria de la mercantie . . . a che peso si conperano’ in Alexandria,1 a list for the ‘longhezze de drappi di francia’ in ells,2 a section on ‘le vendite e lo peso del arasso in Hermenia,’3 and an almanac.4 In none of these divisions are the arrangements or even the terms remotely similar to those of the corresponding parts of the Pratica.

It is extraordinary, now, to observe how neatly Pegolotti includes the first sixteen items of the Pisan list. Two corrections must be made: if we can assume that in line 2 the Pisan pengnano is a corruption of giegiano, a word used elsewhere for gengiovo,5 and that in line 5 the incomplete sentence concerning verzi disciolto implies the figure v cantars fulfuli, then Pegolotti’s line a is but a summing up of lines 1, 2, 5, and 10 in the Pisan list. Line b corresponds to 3, c to 4 and 6, d to 7, e to 8 and 11, f to 9, and all are accounted for with one discrepancy, Pegolotti’s 2½ cantars of sugar or powdered sugar as against the Pisan 3 cantars in lines c, 4, 6. Again, lines g, h, i correspond to 13, 14, 15; k to 12, provided
 [[ Print Edition Page No. xxxvii ]] 
it may be assumed that mm stands for miglioresi. Line j does not agree exactly with 16, for a hundred times 2 lbs. 4 oz., at 12 oz. to the Pisan lb.,1 makes only 233 lbs. 4 oz., not 240 lbs. The last lines of both lists are the beginning of permanent divergence. As for the paragraphs quoted, there is little doubt that these two small sections of Pegolotti’s book are related to the Memoria; the relationship may, however, be indirect, and the possibility must not be overlooked that some third version has intervened.

Beyond this point no sources have been discovered which can be connected by textual relationship with Pegolotti’s work. Fortunately the examples are fairly representative of three important classes of material, official tariffs, bulletins of official regulations, and private compendiums of information. It is as easy to guess at similar sources as it is hard to discover the actual documents; the information about the Black Sea, related always to Genoese measure, suggests a source among the records of the Officium Gazariae, and there is indeed to be found a list of transportation fees between Trebizond and Pera similar in form if not in substance to the tariff Pegolotti presumably used;2 the freight charges on the Venetian galleys3 are evidently drawn from some similar bulletins, and other examples abound, but to quote further instances which have no textual connection is fruitless.

There still remain two different points of view from which some insight can be gained into the methods and resources used by the author of this book. For one thing, he was no mere private individual endeavoring on his own account to amass this variegated compilation, but rather an important official in an international bank writing a compendium of such nature that his employers might well be expected to favor its progress. Now without question, the Company of the Bardi must have preserved a vast file of records which would be most useful to Pegolotti, and there is no good reason to doubt that he readily availed himself of this opportunity. The nature of the resource cannot be illustrated directly, for the archives of the Bardi, with the exception of a few leaves from occasional ledgers, have completely perished. Fortunately, the records of Francesco Datini have experienced better fortune, and, although they derive from the end of the fourteenth century, these documents may certainly be considered representative of the contents of such a collection even at a somewhat earlier date. Here then are masses of
 [[ Print Edition Page No. xxxviii ]] 
accounts, copies of letters, contracts, and reports,1 dealing with situations most of them very similar to the ones mirrored in Pegolotti’s pages. In particular, notice has been taken of two interesting items, one a notebook containing summaries of Florentine tariffs, the other a list of the dues payable by Florentine merchants upon their purchases in Pisa, a list copied upon a sheet which had evidently been posted upon the wall of the office.2 These examples suffice. Available to Pegolotti in the office of his own firm, probably also in the branch offices, possibly even in the headquarters of allied companies like the Peruzzi and the Acciaiuoli, would be records of all necessary varieties. Tariffs were there for public use, and at secondhand (a fact which may explain the confusions discovered in the Pisan schedule copied into this book), notes and summaries innumerable lay waiting. Without too freely indulging the imagination, it may be suggested that perhaps in this way Pegolotti came across an actual contract for delivery of grain which prompted his legalistic treatment of that subject;3 indentures for the farming of mints may be responsible for his information on mintage costs;4 such an office would be likely to keep lists of the conventional terms set for bills of exchange, to say nothing of calendars and tables of compound interest calculations.5 It is even possible that there was a small bookshelf upon which would be found, if not volumes similar to the Pisan Memoria, then perhaps an arithmetic from which to copy problems concerned with the alloying of precious metals.6 And from this source, in fine, would most easily be drawn the many small statements of prices and costs, particularly costs of transportation or unloading, which look suspiciously
 [[ Print Edition Page No. xxxix ]] 
like the reports of a travelling agent.1 In the absence of definite evidence further elaboration would be hazardous, but clearly any appreciation of Pegolotti’s book must take account of this opportunity to obtain information, not to speak of the obscurities which, in some cases, use of this source may have introduced into his text.

Less uncertain than Pegolotti’s own use of sources is his service as a source for others. For it is a remarkable fact that in handbooks written over a century after he had finished his composition there are clear traces of dependence upon his work, and one writer of a presumably more up to date manual even copied extensively from his pages. Not only does this relationship usefully exemplify the principles under which these manuals were composed, but, since the borrowings occurred before Frescobaldi undertook his task of writing the present Riccardian manuscript, it also throws some light upon earlier copies of the work. No excuse will therefore be needed for introducing a partial collation of Pegolotti’s text with the work of certain later imitators.

One of the most complete commercial handbooks to be compiled in Florence after the time of Pegolotti is the Pratica della Mercatura scritta da Giovanni di Antonio da Uzzano nel 1442, published by Pagnini as the fourth volume of his series. This handbook is divided into two books, and the first book into two parts. Part i is a Libro di Gabelle,2 with long and detailed tariffs from Florence, Pisa, and Siena. Part ii, entitled Pesi e Misure e Monete, in those chapters which treat of particular trading centers, offers much the same kinds of information as are to be found in the first part of Pegolotti’s book. Chapter i of this part deals with Constantinople. On the next page, chapter ii is entitled ‘Chiarenza di Romania, cioè nella Morea,’ and the text will be found below in parallel column with various passages from Pegolotti. The italicized words represent the most serious discrepancies.

Pegolotti, p. 116. Uzzano, p. 89.
In Chiarenza si à due maniere di pesi, cioè peso grosso e peso sottile. Al peso grosso si vende ogni mercatantia salvo od oro o argento. Chiarenza ae due pesi: a peso grosso si vende ogni mercatanzia salvo oro.
In Chiarenza e per tutta la Morea vanno a perpero sterlini 20, e gli sterlini non vi si vendono nè vi si veggiono, ma ispendonvisi torneselli piccioli . . . In Chiarenza e per tutta la Morea vanno stelli 20 apperpero,
Pegolotti, Uzzano, p. 89. (Continued)
(p. 119). Li 12 viniziani grossi di Vinegia d’argento sono a Stiva 1 pipero, che vale sterlini 23½ comunalmente . . . Li 12 viniziani grossi d’ariento sono 1 pipero ad Nigroponte, e comunalmente vagliono starlini 23½. e a Stiva e a Negroponte vanno 12 grossi Veneziani per perpero, che valgliono comunalmente stelli 24 e mezzo.
(p. 117). Lo pipero di Chiarenza si è karati 23, cioè che à carati 23 a peso per uno perpero, cioè per uno pipero. Perperi si vendono chi gl’accatta a libbra, e carato, e 154 carati sono un’oncia di rengno a peso d’oro, el perpero di Chiarenza è chaffissi 23, e quello di Stiva è caffisi 24.
(p. 119). e il pipero di Stiva si è carati 23. . . .
(p. 117). Diritto di mercatantia che si paga in Chiarenza. Di ciò che metti in Chiarenza pagano i forestieri 3 per centinaio e i borghesi della terra pure 2 per centinaio. E se la mercatantia che metti nella terra vendi nella terra, la moneta che n’avessi a rinvestire nella terra, paghi all’uscire 2¼ per centinaio se la rinvestissi in avere che si pesi, in questo modo che l’uno per centinaio sia per lo peso, e l’uno per centinaio sia per le mura, cioè 1 tornesello picciolo per pipero. Questi sono i diritti si pagano in Chiarenza di ciò, che vi si mette, si paga allo entrare 3 per cento, e Burgiesi della terra pagano 2 per cento;
e se questa mercatanzia vendessi in Chiarenza, o vuoi rinvestire la moneta nella terra, paghi all’uscire 2 e un quarto per cento, se la rinvestisse in avere, che si pesi in questo modo, che l’uno paghi per lo peso i cento, uno e un quarto per le mura, cioè uno tornezello per perpero;

 [[ Print Edition Page No. xl ]] 

The next six paragraphs in Pegolotti are paraphrased as closely by Uzzano as the above passage. Then Uzzano, after the brief comment concerning lo dobbiere della Morea proceeds as follows:

Pegolotti, p. 288 Uzzano, p. 90
Divisamento a che leghe etc.
Perperi d’oro paglialoccati a carati 15½; e conoscesi chè l’una delle due figure dall’un lato à uno viso nel petto, e lo cerchio della grande figura ch’è dall’altro lato non è tondo, anzi è lungo. Perperi nuovi paglalogati sono a carati 15 e mezzo d’oro fine per oncia: cognosconsi che l’una delle due figure che sono dall’uno lato, à uno viso nel petto, el cerchio della gran figura ch’è dall’altro lato, non è tondo, anzi è lungo.

The next two paragraphs in Pegolotti are copied faithfully enough until:

. . . ed è piggiore da fiorino 1 d’oro l’oncia. . . . ed è peggio intorno di fiorino 1 per ciento.

Three more paragraphs are reproduced with some variations, even the little sketches faithfully reappearing, until the closing phrase:

. . . ed è peggio che gli altri detti a dietro denari 6 a fiorino l’oncia. . . . ed è peggio l’oncia in carati 6 a fuori che gl’altri.
(p. 118). La moneta picciola di Chiarenza si è di lega d’once 2½ d’ariento fine per libbra, e Batte la Zecca di Chiarenza a once 2 e mezzo di vinan̄. per libbra, e
 [[ Print Edition Page No. xli ]] 
vannone in una libbra soldi 33, denari 4 a conto, e chiamasi tornesella picciola, e ànno di spesa a lavorargli nella zecca come dirà qui appresso: Primieramente per once 2½ d’argento fine, piperi . . . riannone in nuna libbra soldi 336 e un quarto, costa come diremo.
Per mancamento a fondere, da starlini 3 per libbra. Chalo a fondere stell. 3 per libbra.
Per uvraggio agli uvrieri che ’l lavano, da sterlini 2½ per libbra. Overaggio stell. 2 e mezzo per libbra.
Per affinatura, istarlini ½ per libbra. Affilatura stell. un mezzo per libbra.
(see below) Monettieri stell. 1 e mezzo per libbra.
Per salaro dello ’ntagliatore de’ ferri . . soldi 150 di viniziani grossi l’anno. Intaglare in ferrati soldi 150 di grosso l’anno.
Per salaro del fabbro che fa i detti ferri, e a conciare gli altri stovigli della zecca, piperi 100 l’anno. Fare inferrati al fabro
l’anno perperi 1 l’anno.
E per salaro di colui che sta alla bilancia pipperi 100 l’anno.
E per salaro de’ maestri della zecca, piperi 300 l’anno. Al Maestro della Zecca l’anno perperi 300 l’anno.
E per monetaggio a’ monetieri che coniano, sterlini 1½ per libbra. (see above)
(At the side a remark:) Ogni 111 perperi è di tre 1.
(p. 91) Come tornano le condizione di Chiarenza con Stiva e Negroponte
Libbre 100 di Chiarenza fanno a Stiva libbre 107 (and from another paragraph:) Libbre 100 di Chiarenza fanno a Nigroponte libbre 93. Libbre 100 di Chiarenza sono in Stiva libbre 107 e in Negroponte libbre 93.
Metri 12 di vino di Stiva fanno in Chiarenza metri 24. Metri 12 di vajo di Stiva sono in Chiarenza metri 24 e sono una botte di mezzo migliajo di Puglia.
(In P. the following item precedes the above.)
Moggio 1 di biado di Stiva fanno in Chiarenza moggia 3. Moggia 4 di formento di Stiva sono in Chiarenza moggia 3.

The next three items in Uzzano correspond with items on p. 118 f. in Pegolotti, amd Uzzano adds two items of new material. After this point there are scattered passages which are similarly related to Pegolotti’s book, and one chapter on Ancona corresponds as closely as does the above section dealing with Chiarenza.1


 [[ Print Edition Page No. xlii ]] 

The remainder of part ii of Uzzano’s book contains several more chapters on individual cities, several of them new centers scarcely mentioned by Pegolotti, but these chapters are scattered and dispersed among a greater number of divisions dealing with technical subjects. In contrast to Pegolotti, the main interest is in this case concentrated upon the technical chapters, and a good half of these deal with matters of coinage and exchange, terms for remittances, and exchange quotations of coins between different towns. There are sections on classes of wares, a chapter on Brescian steels, on Florentine silks, on cloths and furs, chapters similar in intent to those of Pegolotti which deal with English wools or French drapery. The lists of merchandise bear witness to the developments of a hundred years; many new materials appear, and the subdivisions and qualities are more numerously specified. Finally, hosts of price lists are to be found, and one chapter even classifies the values of Perpignan cloths according to their makers.1 The whole second part of the book is devoted to a Compasso, a periplus of the Mediterranean ‘from one Strait to the other,’ with the bearings of the islands situated therein. This part closes, singularly enough, with a lone chapter on precious stones.

The collation above proves conclusively that in certain passages Uzzano’s information is closely related to his predecessor’s work, and that some of his exchange tables greatly resemble items scattered through various parts of Pegolotti’s book. Of the differences between the two texts, some are clearly in favor of Frescobaldi’s copy; carati should stand in the place of Uzzano’s chafissi, den. a fiorini for carati a fuori, vannone for riannone, sol. 33, den. 4 for soldi 336 e un quarto, vino for vajo. Judgment on other divergences must await additional evidence; some variations in the description of eastern coinage must await sufficient numismatic information before they can be determined. Finally, in two cases Uzzano, in spite of a faulty text, improves upon the present reading of Pegolotti; the 2¼% tax at Chiarenza is subdivided into items of 1% and 1¼% instead of 1% plus 1%, obviously a more accurate or a corrected rendering; the equivalence of 4 rather than 1 Stiva moggio to 3 Chiarenza moggia is correct.

This proportion between the corrections that can be made in one text from the other holds true throughout all passages in which any relation between the two books can be observed. The text below benefits by a few corrections from Uzzano,2 but would itself serve in a larger number of cases to correct him; and where Frescobaldi’s errors thus revealed are
 [[ Print Edition Page No. xliii ]] 
largely mistakes in figures, or reasonable misinterpretations of symbols, Uzzano makes wilder mistakes. One more passage illustrates vividly the difficulty under which Uzzano seems to have labored:

Pegolotti, p. 134 Uzzano, p. 97
Miglioresi nuovi 232 di Tunizi a conto fanno libbre 1 d’argento in Napoli e dànne la zecca di Napoli tarì 38 e grani 17 di gigliati d’argento della libbra De mille nuovi di Tunizi, che 8 sono uno bisanto, vanno nella libbra di Napoli 232, e danne la zecca 188 grani 17 dassi della libbra.

Mille for miglioresi, 188 for tarì 38, dassi for d’argento all represent misreading of abbreviations, perhaps mi, ti and dars, and in all three Uzzano is at fault, for the silver values of Pegolotti’s equation work out quite accurately. If Uzzano was working directly from a text of Pegolotti, this and his other errors again prove that the earlier texts contained more abbreviations; they also gain Frescobaldi credit for his intelligent work. But the compiler of a book such as this would surely, if opportunity offered, be able to avoid these stupid errors,1 and one must consider the possibility that a third hand has intervened, a possibility more clearly illustrated in the next book to be considered.

The second handbook which seems to owe a debt to Pegolotti is the Libro che tracta di mercatantie et usanze de’ paesi, commonly attributed to Giorgio Chiarini. Several manuscripts of this work exist, of which the earliest is dated 1458; the book was printed three times, and a complete version was included in the famous manual of Fra Luca Paccioli.2 To
 [[ Print Edition Page No. xliv ]] 
discuss the complicated problem of the interrelation between these manuscripts and editions would scarcely serve the present purpose, and it will be sufficient to concentrate attention upon the edition printed in Florence in 1481 by ‘Francesco di Dino di Jacopo, Kartolaio Fiorentino.’

A few collations will quickly prove that the texts of Chiarini and Pegolotti run closely parallel:

Pegolotti, p. 203: Chiarini, chapter 3i:
Con Sallonicchi di Romania Firenze con Salonia di Romania
Libbre 100 di cera o di cotone al peso di Sallonicchi fa in Firenze libbre 100 Libbre cento di cera o di cotone fanno in Salonia di romania libbre cento
Libbre 10 di cera al peso di Sallonicchi fa in Firenze libbre 9 Libbre dieci di seta di Salonia fanno in Firenze libbre noue.
Braccia cento di panno di tela o canauacci fanno in Salonia braccia cento xi.

The names in the first item are inverted, a trick harmless in this case, less so in others. It is impossible to make a choice between seta and cera in the second item. Chiarini adds a new item, as he frequently does.

Pegolotti, p. 105: Chiarini, chapter xli:
Rodi con Firenze Firenze con Rhodi
Cantaro 1 di Rodi fae a Firenze libbre 670. Cantare uno di Rhodi fa in firenze libbre cccccclxx.
Libbre 1 d’argento di Firenze fae a Rodi marchio 1 e once 4 e sterlini 3. Libbre una d’ariento di firenze fa in Rhodi marchi uno, once iiii. starlini septe di starlini uenti per oncia.
Canne 10 di Firenze fanno a Rodi canne 11 e 15/16 fusto a fusto sanza presa. Canne dieci di panno di firenze fanno in Rhodi canne undici & xv sedecimi.
Picchi 100 di tele di Rodi fanno in Firenze canne 32. Picchi cento di Rhodi fanno in firenze canne trentadua.

This passage represents Chiarini’s closest parallel with Pegolotti.

Pegolotti, p. 201: Chiarini, chapter lxiii:
Firenze con Vignone: (out of order) Firenze con uignone:
Cantaro uno di Vignone, che è libbre 100, fa in Firenze libbre 123 in 125 Libbre c23 in cxxv di firenze fanno in uignone cantare i. e libbre c.
Libbre c. di firenze fanno in uignone cantare i.
Libbra i di firenze fa in uignone once xi danar ix.
Marco 1 d’argento di Vignone fa in Firenze once 8, denari 7. Marcho uno d’ariento di uignone fa in firenze once octo danar septe.

After this point Chiarini quotes the remaining two items in Pegolotti’s paragraph and adds one more of his own. The purpose of this comparison is to show the unreasoning way in which Chiarini could combine two texts, for if 123 lbs. Florentine made 1 cantar in Avignon, then it is ridiculous in the next line to give 100 lbs. the same equivalence.


 [[ Print Edition Page No. xlv ]] 
Pegolotti, p. 145: Chiarini, chapter lxxii:
Vinegia con Ferrara; Vinegia con Ferrara;
Moggio 1 giusto di formento di Ferrara, che è 20 staia giuste e 22 staia rase, torna in Vinegia staia 7 meno 1/5 di staio. Moggio uno giusto di uinegia sono in Ferrara staia venti & di rase sono staia venti dua fanno in uinegia staia sedici & quattro quinti.

Again Chiarini inverts the labels. The change in the fraction is characteristic. There can be no doubt that the reading in Pegolotti is correct in form, but it has been impossible to check the relative values so as to decide whether the figure should be 7 or 17.

Pegolotti, p. 161: Chiarini, chapter xv:
Ancona con Firenze Firenze con Ancona
Libbre 100 d’Ancona fanno in Firenze libbre 102 Libbre c. di firenze fanno in ancona libbre cii.
Canne 10 di Firenze fanno in Ancona braccia 37½ Canne x di panno di firenze fanno in Ancona braccia 37 e mezo.
Marco 1 d’argento al peso d’Ancona fa in Firenze once 8¼ Marcho uno dariento dancona fa in firenze once viii danar vi.
Soma 1 di grano d’Ancona fa in Firenze staia 8 scarse. La soma del grano di firenze fa in ancona staia vi e mezo.
Mirri xl dolio dancona fa in firenze orcia xxi e mezo.

Pegolotti, p. 202:

Firenze con Ancona

Libbre cento d’Ancona fanno in Firenze libbre 107

Canne 10 di Firenze fanno in Ancona braccia 37¼

Marco 1 d’argento d’Ancona fa in Firenze once 8, denari 6

Soma 1 di grano d’Ancona fa in Firenze staia 7 colme

Chiarini and Pegolotti each make an error; in the fourth item of Chiarini’s list, Ancona and Firenze should be transposed, for the soma is the Anconetan measure; Pegolotti is wrong in the second list in giving 107 lbs. It is possible that in the fourth item Chiarini’s 6½ staia should be emended to read 7½ and so stand midway between Pegolotti’s 7 heaped and 8 level staia. But the interesting features here are the constant order of items, and the fact that Pegolotti gives two variants of the same list, the only occasion on which such a phenomenon is to be observed. In this case it becomes clear that the relationship between Chiarini and Pegolotti lies in a common source, a source which may be pictured as a family of documents, small tables or collections of facts which, as they were copied, easily retained the same structural form, but as easily underwent correction or corruption in detail. Pegolotti seems to have picked up two differing versions, Chiarini a third, but all apparently derived from the same stem.
 [[ Print Edition Page No. xlvi ]] 
Of the remaining exchange tables in this part of Chiarini1 many deal with places not so much as mentioned by Pegolotti, Florence with Piombino, Bolsena, or Sutri, and Venice with Scio, Sorghat, Malaga, or Francavilla; the other tables do not draw upon the information available in Pegolotti’s book. After 30 pages have been devoted to the exchanges of Florence, and 72 to those of Venice, the remainder of the book (88 pages beginning with Chapter clii) first takes up briefly the ‘customs’ of various towns—Bruges, Paris, Seville, Valencia, Bologna, Lucca, Sicily, Tunis, Alexandria, Constantinople indicate the scope; it continues with a very brief description of certain wares, which has no relation with the similar chapters by Pegolotti; and it closes with 20 pages on alloys of coins, terms for letters of payment, and periods of scarcity of cash.

Finally, there is available a third manual, and one fairly contemporary with Pegolotti himself, which has been postponed until this point because observation of Uzzano and Chiarini helps to clarify some of the problems involved. The Tarifa zoè noticia dy pexi e mexure di luogi e tere che s’adovra marcadantia per el mondo,2 of Venetian composition, illustrates in itself the method by which such manuals were compiled. It is in three parts, the middle section, pages 41 to 70, a fairly full survey of Constantinople, Tana, Sara, Negropont, Famagusta, Candia, Alexandria, Damascus, Majorca, and Venice itself; the first part, pages 11 to 41, an abridged discussion of the same places with additional mention of Trebizond, Messina, Ancona, Montpellier, the Fairs of Champagne; and the last section, pages 70 to 75, a Chognoscimento de splezie et altre merze; finally, in a blank space just before the Chognoscimento a different hand has inserted, page 70, a small paragraph Gaieta con Veniexia. Now there is good reason to believe that the first, briefer part is in places a summary of the middle section,3 as will be seen presently by illustration; furthermore, this first part mentions facts related to a treaty
 [[ Print Edition Page No. xlvii ]] 
of 1345,1 so that the earlier section may very well have been contemporary with the Pratica. To cap the climax, the editor of the Tarifa, in an elaborate series of notes,2 has pointed out many similarities to Pegolotti which induce him to believe that the Pratica may have been employed as a source, particularly for the additional information included in the later part.3 It is a few of these parallels which must briefly be examined.

The closest similarity between the two texts is to be observed in the table Alexandria con Ancona of the later version:

Pegolotti, p. 74: Tarifa, p. 39:
Cantaro 1 forfori d’Allessandria fae in Ancona libbre 120 in 122. Chanter 1 forforin torna in Ancona livre 120 in 122.
Cantaro 1 leuedi torna in Ancona libbre 165 in 166. Kanter 1 leitin torna in Ancona livre 164 in 122.
Cantaro 1 gerui torna libbre 255 in 260. Kanter 1 zeroin torna in Ancona livre 264 in 265.
Mene 100 d’Allessandria fanno in Ancona libbre 225 in 230. Mine C de Alexandria è in Ancona livre 232 in 236.
Marchio 1 d’argento d’Ancona fae in Allessandria pesi 77 di migliaresi. Marca 1 de Ancona è pexi 77 in Alexandria.
Once 1 a peso d’oro d’Ancona fae in Allessandria pesi 76 e carati 6¾ a peso di bisante. La onza de l’oro de Ancona è in Alexandria livre 6, karati 18¾.

Again, and, strangely enough, likewise in relation to Ancona, there is the constant order of items; again the figures differ in several instances; again each text offers a correction to the other, for in the last item Pegolotti is right in saying pesi, but the Venetian equally right in his figure 6 for Pegolotti’s 76.4 In his next table, Alexandria con Messina, the Venetian is fairly close to Pegolotti5 in the first three items, but he substitutes two new items for Pegolotti’s last two; further, Pegolotti corrects him once, for the cantar gerui is certainly equal not to the Venetian’s rotoli 14 a sotil, but to cantaro 1 e ruotoli 14.

Two or three paragraphs concerning Majorca connect both versions of the Tarifa with Pegolotti, for instance:

Anchora è uno altro pexo, che se chiama kanter, al qual se vende zucaro chandy, zenabrio, arzento vivo, endego, verderame, melegete, lane, e ancheline de Maiolicha e de san Mathio, e lane unglese. E questo kanter si è livre 104 de la tera; e livre 3 de Majolicha torna a Veniexia livre 4 a sotil, sì che questo kanter
 [[ Print Edition Page No. xlviii ]] 
geta a Veniexia livre 158 2/3. Kanter 11 1/2 de Maiolica geta a Veniexia miero 1 grosso.1

Ancora se vende a uno altro pexo, che se chiama kanter, zucaro, chandi, zenabrio, arzento vivo, et endego tutte sorte, e verderame, melegete, lane de quele de Maiolica e de San Mattio e lane unglexe; e lo dito kanter si è livre 114 de la tera. E livre 3 de Maiolica torna a Veniexia livre 4 a sotil: sì che questo kanter geta a Veniexia livre 138 2/3 a sotil. E chanter 11 1/2 de Maiolica geta a Veniexia miero 1 a groso.2

A cantara della terra vi si vendono: Argento vivo, e vermiglione cioè cinabro, e mele d’ape . . . (6 items) indaco d’ogni ragione salvo del golfo, e mondiglia di verzino, . . . (5 items) zucchero candi, . . . (15 items) verderame, guado, agnellina di Maiolica, agnellina di San Matteo, lana e agnellina d’Inghilterra.3

A cantara della terra . . . ch’è libbre 104 di maiorchini.4

Carica 1 di Maiolica fae in Vinegia libbre 420 sottili.

Lo migliaio grosso di Vinegia fae a Maiolica cantara 11 3/7 di cantaro al peso della terra.5

The similarity in the lists is striking. In two respects the first and older version is closer to Pegolotti, in mentioning agnelline (ancheline) and in quoting 104 lbs. per cantar, undoubtedly the correct figure. But the second version likewise offers two points of similarity, in mentioning indigo tutte sorte, and in giving 138 2/3 lbs. subtle of Venice per cantar, for if the Majorca carica is according to Pegolotti 420 lbs. subtle, the cantar, 1/3 carica, comes to 140 lbs. subtle. Both versions differ from Pegolotti in listing melegette, which he includes under items sold by the lb.,6 in omitting a number of names, and above all in varying the order of items.

The editor of the Tarifa considers that the descriptions of merchandise which close his manuscript are closer to Pegolotti than ‘casual coincidence’ would allow.7 One parallel will suffice:

Lacha fina, zoè la madura, si vuol trar in color rosso e vuol esser grossa e tegna puocha polvere, e sia ben neta de legno, ma non aver constreto per entro. Eziandio non vuol esser dentro de quela che par pegola spania, zoè cussì luzida, perchè quela cussì fata xe axerba.8

If this paragraph is compared with Pegolotti’s lengthy discussion on page 366, it will be seen that there is actually but one point of contact;
 [[ Print Edition Page No. xlix ]] 
certain lumps, known as costiere, may form, ‘dura in modo di pece, ma ove la pece è nera, e quelle cotali costiere . . . sono rossi e del colore della lacca acerba, e truovasi più quelle cotali costiere nelle lacche acerbe che nelle lacche mature.’ This matter of pitch or tar, and they are not necessarily the same thing, is surely a technicality which would be familiar to all merchants who had to deal with lac, and which would easily creep into any such description as this. The same may be said of the other chognoscimenti; compared to Pegolotti’s excellent discussions, they are bare and thin, and if occasional words appear in both texts, this is most likely due to the fact that the qualities of wares and the manner of describing them are, after all, conventional and more or less universal factors. The lists of items treated are by no means the same, and in the subjects which are common to both books the Venetian has marvellously neglected the most individual and most valuable elements in Pegolotti’s work.

Without now going into greater detail of comparison, it may be said in general that the above are the closest parallels that can be drawn; elsewhere, the Venetian, if he was using Pegolotti, must have skipped about a great deal in selecting his quotations, for the related sentences are scattered haphazard and embedded in quantities of other material. He must also have adapted freely, for in the lists of wares the order is altered, items are entered under other units of weight or measure than those given by Pegolotti, and omissions or additions are numerous. Certainly, if Pegolotti is to be claimed as a source for the later version, he must also be allowed his share in the earlier recension, as the above example concerning Majorca shows. The fact is that, after studying the earlier collations with Chiarini and Uzzano, one is inclined to doubt that the Venetian actually was borrowing from Pegolotti, for, except in the few exchange tables, there are here neither the similarities of phrasing nor the parallel order of items which in Chiarini particularly are so striking. Without these criteria it is safer to say that the relationship is rather one of milieu than of direct contact.

Even so, the Venetian Tarifa, by reason both of its date and of its substance, must be singled out as the most effective supplement to Pegolotti’s book which is to be found among available manuals of mercantile practise. Its author was interested in the same kind of detail, in the technique of handling wares, in the processes of commerce; it is because later authors allow the financial interest to predominate, because they sacrifice discussions of practical procedure to schematic tables of exchange and money movements that they lose the colour and the solidity of these fourteenth century writers. At the same time, the
 [[ Print Edition Page No. l ]] 
Tarifa offers a usefully compact example of the manner in which authors went to work in compiling their treatises, copying material, freely modifying and adapting it. The small addition made to the text by a different hand, like the later notes appended to Pegolotti’s list of spices, shows how even to the finished book anonymous contributions might still be made, accretions which in any subsequent copy would no doubt be integrated with the original text.

These comparisons with the work of Pegolotti’s successors, therefore, confirm our impressions of the manner in which he gathered together his great fund of information. For a last and essential source he could rely upon the varied and anonymous collections of fact into which commercial society was constantly distilling its experience. As he wrote, he must have been literally surrounded by manifold compilations of data, whether more or less inclusive treatises like the Pisan Memoria and the Venetian Tarifa, or brief occasional tables of statistics and miscellaneous information. One may imagine such memoranda to have been in a continuing state of flux, now copied or excerpted for a particular occasion, for some prospective voyage or venture, now embroidered or corrected by a superior expert, and sometimes corrupted by a hasty or ignorant scribe. All the manuals rest in some measure upon this foundation; evidence of Uzzano’s dependence upon it has even led to the passing remark that most of the commercial handbooks may be regarded as anonymous compositions of which mere copyists have assumed the authorship.1 Valid as the suggestion may be in many cases, of the Pratica it cannot be held entirely true. Pegolotti’s debt to others may be great, but the singular virtue of his book lies in the fact that he clothed this skeletal detail with the flesh and blood of his personal knowledge and experience, often shaping his record to vivid, individual form.

The Pratica has experienced some vicissitudes since it left Pegolotti’s hands. Subsequent copyists have occasionally lost their way in his long, repetitious sentences; they have cavalierly distorted his figures, and garbled terms with which they were unfamiliar. Some of his sources were unwisely chosen, and it is well to make a distinction between those parts of the book which derive from Pegolotti’s personal experience and those which may be assumed to rest upon second-hand information. More allowance must be made, perhaps, than might have been anticipated for the blurring of details, but the Pratica none the less remains an invaluable mirror in which can be seen reflected at once the broad interests of the Florentine community, the manifold concerns of the House of the Bardi, and the faithful ability of the author, Pegolotti himself.

Endnotes

 [1 ] Della Decima e di varie altre gravezze imposte dal comune di Firenze, Della moneta e della mercatura de’ Fiorentini fino al secolo XVI (4 vols., Lisbon and Lucca, 1765-1766). The book was published anonymously, but its author was soon known; see G. A. Zanetti, Nuova Raccolta delle Monete e Zecche d’Italia (5 vols., Bologna, 1775-1789), i, 356. In spite of the statement on the title page, the real place of publication was Florence; see Domenico Moreni, Bibliografia Storico-Ragionata della Toscana (2 vols., Florence, 1805), ii, 144-145.

 [2 ] Pagnini, i, 5.

 [1 ] The first authors to revive interest in the book were apparently J. R. Forster, Histoire des Découvertes et des Voyages faits dans le Nord (2 vols., Paris, 1788), i, 241 ff.; and M. C. Sprengel, Geschichte der wichtigsten geographischen Entdeckungen (2nd ed., Halle, 1792). See H. Yule, Cathay and the Way Thither (2nd ed., 4 vols., London, 1913-1916), iii, 141.

 [2 ] Translation of Preface, Chs. i-iv, vi, parts of viii and lxiii in Yule, Cathay, iii, 143 ff.; Chs. i-iii in F. E. de La Primaudaie, Histoire du Commerce de la Mer Noire et des Colonies Génoises de la Krimée (Paris, 1848), pp. 318-326; Ch. viii in L. Sauli, Della Colonia dei Genovesi in Galata (2 vols., Turin, 1831), ii, 230-258; Ch. xi in V. Langlois, Le Trésor des Chartes d’Arménie (Venice, 1863), pp. 199-203. S. L. Peruzzi prints a chapter ‘on the shipment of monies’ and attributes it to Pegolotti, Storia del Commercio e dei Banchieri di Firenze (Florence, 1868), pp. 272 ff; it is in fact a part transcription of Chs. xlvii and xlviii in Uzzano (Pagnini, Della Decima, iv, 152 ff.).

 [3 ] There have been published a few transcriptions based upon the manuscript: Chs. i, ii in Yule, Cathay, iii, 172 ff; Ch. lxiii in W. Cunningham, Growth of English Industry and Commerce (4th ed., Cambridge, 1905), i, 629-641; a brief collation with the MS of certain passages from Pagnini in Mas Latrie, ‘Le Manuscrit de la Prattica della Mercatura de B. Pegolotti’ in Notices et Documents publiés pour la Société de l’Histoire de France à l’occasion du cinquantième anniversaire de sa fondation (Paris, 1884), pp. 181-186.

 [4 ] Zanetti, Nuova Raccolta, i, 356; Yule, Cathay, iii, 137, n. 2. The first is published in Scrittori classici italiani di economia, Parte moderna, ii (Milan, 1803), 155-326.

 [5 ] See text, pp. 18, 28, 54, 150, 369.

 [6 ] Ibid., pp. 28, 51, 107, 157, 201, etc.

 [7 ] Ibid., pp. 69, 101, 113; see also 114, 117, 167, etc.

 [1 ] See text, pp. 58, 110, 123, 143.

 [2 ] Ibid., pp. 31, 48, 66, 147, 173, 177,

 [3 ] Ibid., p. 383; 1471 in the Florentine style.

 [4 ] Ibid., pp. 293 ff.

 [5 ] Ibid., pp. 120, 126, 159, 163.

 [6 ] Ibid., p. 63.

 [1 ] See text, p. 130; Pagnini, iii, 121; MS., f. 92v.

 [2 ] Text, p. 276; Pagnini, iii, 281; MS., f. 181r.

 [3 ] Text, pp. 137, 322, 381.

 [4 ] Ibid., pp. 161, 358.

 [5 ] Ibid., p. 359.

 [6 ] Ibid., pp. 331 ff.

 [7 ] Ibid., pp. 12 and 273: ‘Reame di Morrocco;’ also p. 329, n. 1.

 [8 ] Ibid., pp. 6 and 101.

 [1 ] See below, p. 1.

 [2 ] Text, p. 27.

 [3 ] Ibid., pp. 51, 105, 162, 221, 228, etc.

 [4 ] Yule, Cathay, iii, 140; A. Schaube, ‘Die wahre Beschaffenheit der Versicherung in der Entstehungszeit des Versicherungwesens,’ Jhrb. f. Nationalök. u. Statistik, lx (Jena, 1893), 56, n. 3.

 [5 ] Text, p. 60.

 [6 ] Ibid., p. 184.

 [1 ] See text, p. 327.

 [2 ] Ibid., p. 217, n. 1, 2.

 [3 ] Ibid., p. 142 n. 1.

 [4 ] See below, pp. xxx ff.

 [5 ] Text, p. 325.

 [6 ] Ibid., p. 240.

 [7 ] See below, p. xxxiii.

 [8 ] Text, pp. 238, 250.

 [1 ] A. Sapori, La Crisi delle Compagnie Mercantili dei Bardi e dei Peruzzi (Florence, 1926), p. 216. The dollar is here reckoned at its value in 1932, i.e., 1.67 grams of gold, .900 fine.

 [1 ] Sapori, La Crisi, pp. 253 ff.

 [2 ] Sapori, La Crisi, pp. 216, 217, 221; R. Davidsohn, Geschichte von Florenz, iv, ii (Berlin, 1925), 176 ff., 210 ff.

 [3 ] Text, pp. 58, 60, 82, 271.

 [4 ] A. Sapori, ‘Gl’italiani in Polonia nel medioevo,’ Archivio Storico Italiano, Ser. 7, iii, 131.

 [5 ] Davidsohn, Geschichte, iv, ii, 204.

 [6 ] Ibid., iv, ii, 208, but compare Sapori, La Crisi, pp. 228 ff.

 [7 ] L. Banchi, ‘I Porti della Maremma Senese durante la Repubblica,’ Arch. Stor. Ital., Ser. 3, x, ii, 82, and xii, ii, 72. It has been assumed that this person is Francesco himself, as by W. Heyd, Histoire du Commerce du Levant au Moyen Age (réimpression, 2 vols., Leipzig, 1923), i, xvii; but see Davidsohn, Geschichte, iv, ii, 241, n. 1.

 [1 ] Davidsohn, Geschichte, iv, ii, 470; but see Sapori, La Crisi, p. 277, who records the retirement of Rinieri in 1331.

 [2 ] Sapori, La Crisi, p. 263.

 [3 ] State Archive, Florence, Protocol of Boccadibue di Biagio, iii, 10v and 11.

 [4 ] Davidsohn, Geschichte, iv, ii, 283.

 [5 ] Text, p. 251.

 [6 ] Calendar of Patent Rolls (C.P.R.), Ed. II, iii, 9; Calendar of Close Rolls (C.C.R.), Ed. II, ii, 492.

 [1 ] C.P.R., ibid., p. 71.

 [2 ] Sapori, La Crisi, p. 263.

 [3 ] Consult C.P.R., Edward II, iii, iv, indexes under Balduch; C.C.R., Edward II, ii, iii, similarly; Edward A. Bond, ‘Extracts from the Liberate Rolls Relative to Loans Supplied by Italian Merchants to the Kings of England in the 13th and 14th centuries,’ Archaeologia, xxviii (London, 1840), 207-326, see Nos. cl-clv, clvii, clviii, clx, clxi.

 [4 ] C.P.R., Edward II, iii, 160.

 [5 ] Ibid., p. 226.

 [6 ] Public Records Office, Exch. Accis., Bundle 127, No. 15, 1st Paper.

 [7 ] Ibid., 10th and 12th Papers.

 [8 ] C.C.R., Edward II, iii, 94, 324, 335; see further, pp. 339, 359, 371; also Exch. Accis. as above, 3rd and 5th Papers.

 [9 ] C.P.R., Edward II, iii, 404.

 [1 ] Ibid., pp. 32 f.

 [2 ] Ibid., pp. 214 f.

 [3 ] Ibid., p. 246.

 [4 ] C.C.R., Edward II, iii, 411, 414.

 [5 ] R. Davidsohn, Forschungen zur Geschichte von Florenz (4 vols., Berlin, 1896-1908), iii, Nos. 685, 703.

 [1 ] Emil Göller, Die Einnahmen der apostolischen Kammer unter Johann XXII (Paderborn, 1910), p. 631, n. 1.

 [2 ] C.P.R., Edward II, iv, 44.

 [3 ] Too late for mention in this narrative, two documents have been made available to me which show that Pegolotti was working in Bruges for the Company of the Bardi at a later date. On March 13, 1345 he appeared before a Bruges notary and caused an affidavit to be drawn up concerning a transaction which he himself had initiated there about two years before; see A. Grunaweig, ‘Le fonds de la Mercanzia aux archives d’État de Florence, iii,Bulletin de l’Institut historique belge de Rome, xiv (1934), 43 ff.

 [4 ] Text, pp. 257 f.

 [5 ] Ibid., p. 84.

 [6 ] Göller, Einnahmen . . . . Johann XXII, p. 541.

 [7 ] Ibid.

 [1 ] Text, pp. 77 ff., 300, 307 ff.

 [2 ] Ibid., pp. 317 f.

 [3 ] Ibid., p. 363.

 [4 ] Ibid., pp. 305, 315, 319.

 [5 ] State Archive, Florence, Priorista Ufficiale, f. 56v.

 [6 ] Marchionne di Coppo Stefani, Istoria Fiorentina, 11 vols., forming Vols. vii-xvii of Ildefonso di San Luigi, Delizie degli Eruditi (24 vols., Florence, 1770-1798); Vol. vi of the Istoria, p. 143.

 [1 ] Text, p. 60. All dates have been reduced to modern reckoning.

 [2 ] Heyd, Commerce du Levant, i, xviii.

 [3 ] A curious confusion in published papal records may imply that Pegolotti dwelt either once or twice at Avignon. The index to E. Göller, Die Einnahmen der apostolischen Kammer unter Benedikt XII (Paderborn, 1920), lists as a factor of the Bardi Franciscus Bandoni (p. 259 referring to p. 131), but no such name appears in the list of known Bardi employees (Sapori, La Crisi, pp. 263 ff.); the index also lists as a Bardi employee a Franciscus Banducci (p. 254) who nowhere appears in the text; there is also a Franciscus Barducii without mention of the Bardi (p. 259 referring to p. 243). Barducci is mentioned under the date June 11, 1335, Bandoni as of July 4, 1338; whether either one should properly read Balducci must remain a hazardous guess.

 [4 ] State Archive, Florence, Priorista Ufficiale, f. 81r. See also Stefani, Istoria, vi, 244.

 [1 ] State Archive, Florence, Priorista Ufficiale, f. 85r.

 [2 ] Stefani, Istoria, vii, 16.

 [3 ] See Sapori, La Crisi, pp. 117 ff.

 [4 ] State Archive, Florence, Provvisioni, xxxiv, fol. 91.

 [5 ] State Archive, Florence, Priorista Ufficiale, f. (91)v. See also Stefani, Istoria, vii, 127.

 [1 ] State Archive, Florence, Priorista Ufficiale, ff. 139v, 143r, 172v, 184v, 188r, 204r, 226r. See also Biblioteca Laurenziana, Cod. 1809, Priorista fiorentino per famiglie, p. 137.

 [2 ] ‘Peolottus Bernardi Peolotti’ served in 1465 ‘pro arte porte sancte Marie’—R. Ciasca, Statuti dell’Arte dei Medici e Speziali (Florence, 1925), p. 495.

 [3 ] Sapori, La Crisi.

 [1 ] State Archive, Florence, Provvisioni, xxxiv, fol. 149v.

 [2 ] State Archive, Florence, Provv., xxxv, fol. 19r. This is the list to be found in Peruzzi, Storia del Commercio, p. 475, quoted by E. Russell, ‘The Societies of the Bardi and the Peruzzi,’ p. 133 in G. Unwin, ed., Finance and Trade under Edward III (Manchester, 1918), pp. 93-135.

 [3 ] Sapori, La Crisi, pp. 173 f.

 [4 ] Text, p. 22; see also Yule, Cathay, iii, 141 f.

 [5 ] G. Yver, Le Commerce et les Marchands dans l’Italie Méridionale au XIIIe et au XIVe Siècle (Paris, 1903), p. 341, without authority; Pegolotti’s name is not on the list of factors mentioned in the Angevin records, ibid., p. 403.

 [6 ] Sapori, La Crisi, p. 263.

 [1 ] Sapori, La Crisi, p. 250.

 [2 ] Text, p. 3.

 [3 ] Ibid., pp. 204 ff. F. Bonaini, Statuti inediti della Città di Pisa dal XII al XIV Secolo (3 vols., Florence, 1854-1857), iii, 589-594.

 [1 ] Text, p. 251.

 [2 ] Ibid., n. 2.

 [1 ] Text, p. 85.

 [2 ] Published by E. Varenbergh, Histoire des relations diplomatiques entre le comté de Flandre et l’Angleterre au Moyen Age (Brussels, 1874), pp. 214-217; by K. Höhlbaum, Hansisches Urkundenbuch, iii (Halle, 1882-1886), p. 407, n. 15, with identifications by Liebermann in the index; by W. Cunningham, Growth of English Industry and Commerce, Vol. i, (2nd ed., London, 1890), 553 ff.; and most authoritatively by G. Espinas, La vie urbaine de Douai au moyen âge, iii (Paris, 1913), pp. 232-234.

 [3 ] Text, pp. 258 ff.

 [4 ] W. Cunningham, Growth of English Industry and Commerce, Vol. i (5th ed., London, 1910), 628.

 [1 ] Text, pp. 286 f.

 [2 ] State Archive, Florence, Statuti di Calimala (henceforth Cal.), iv; text in P. Emiliani-Giudici, Storia dei Comuni Italiani (3 vols., Florence, 1864-66), iii, 171 ff.

 [3 ] Cal. v; see Emiliani-Giudici, Storia, iii, 382 ff.

 [4 ] Cal. iv, Bk. ii, Ch. xiii; see Emiliani-Giudici, Storia, iii, 302.

 [5 ] Cal. iv, Bk. iii, Ch. xxxvi; see Emiliani-Giudici, Storia, iii, 364 ff., also A. Sapori, Una Compagnia di Calimala ai primi del Trecento (Florence, 1932), p. 110.

 [6 ] Cal. iv, Secs. xvi, xvii; Emiliani-Giudici, Storia, iii, 374 f.; also Sapori Una Compagnia di Calimala, p. 111.

 [7 ] Cal. v, Bk, ii, Ch. xvii, ff. 40r-41v.

 [8 ] Cal. v, ff. 60v-61v; see Emiliani-Giudici, Storia, iii, 398 ff.; also Sapori, Una Compagnia di Calimala, p. 112.

 [1 ] Text, p. 239.

 [2 ] Ibid., p. 247.

 [3 ] Ibid., p. 191 ff.

 [4 ] For a suggestion as to the sources of similar information relating to other cities, see below, p. xxxviii.

 [5 ] State Archive, Florence, Il Fiorinario, fol. 19v.

 [1 ] Text, p. 193, the order of items altered to match the Latin text.

 [2 ] For this and the following figures Pegolotti refers back to the three preceding statements of costs, and the sums have been inserted here accordingly.

 [3 ] Text, p. 192; Fiorinario, fol. 12v.

 [4 ] Fiorinario, foll. 31v ff.; see also Zanetti, Nuova Raccolta, i, 437.

 [1 ] Davidsohn, Geschichte, iv, ii, 240.

 [2 ] Codice C, VI, 8.

 [3 ] Ibid., p. 350.

 [4 ] A few lines of the Memoria have been printed in E. Monaci, Crestomazia italiana dei primi secoli (Città di Castello, 1912), pp. 356 f.

 [1 ] Memoria, p. 351.

 [2 ] Ibid., p. 352.

 [3 ] Ibid., p. 358.

 [4 ] Ibid., pp. 360-368, finis.

 [5 ] Ibid., p. 358.

 [1 ] Text, p. 214.

 [2 ] Ibid., p. 32; see de naulis galearum added in 1340 to the ‘Imposicio Officii Gazariae’ in Historiae Patriae Monumenta, Vol. ii, Leges Municipales, Vol. i (Turin, 1838), col. 345.

 [3 ] Text, pp. 144 f.

 [1 ] See E. Bensa, Francesco di Marco da Prato (Milan, 1928).

 [2 ] R. Piattoli, ‘L’origine dei fondaci datiniani di Pisa e Genova in rapporto agli avvenimenti politici,’ Archivio Storico Pratese, vii (1927), 171-196; viii (1928-1929), 117-144, 179-190; ix (1930-1931), 25-45, 75-93. See viii, 117 ff.

 [3 ] Text, p. 319.

 [4 ] Ibid., pp. 82, 118, 154, 159, 191. See for instance the remarkable likeness between the items in these lists and the terms of an indenture agreed upon in 1279 between Edward I and William de Turnemire of Marseilles concerning administration of all English mints. The document is unfortunately summarized, not quoted verbatim, in R. Ruding, Annals of the Coinage of Great Britain and its Dependencies (3rd ed., London, 1840), i, 193.

 [5 ] Text, pp. 194, 301, 325.

 [6 ] Ibid., pp. 342 ff. The similarity in verbiage and method between Pegolotti’s sums and those presented in the more specialized text books is obvious; only the actual figures differ. See a brief Latin arithmetic of the 13th century, Biblioteca Nazionale, Florence, Cod. II, IX, 149, De monetis, cambiis, etc.; and even more similar, Bibliothèque Nationale, Paris, MS Italien 463, Abaco, of the 15th century, fol. 30r: ‘Io ò libbre 20 di moneta a once 3½ per libbra e anne libbre 10 a once 2¼ per libbra e vorre fare una moneta dariento che sia a once 5½ dariento per libbra, adimando quanta moneta ne faro e quanto ariento v’agiugnero / fa chosi sappi quanto ariento a in queste 2 monete. . . .’

 [1 ] Text, pp. 46 f., 112, 121, 155, 164, 185, 262 etc. That the authors of manuals depended upon such accounts is clear from a subheading in Uzzano, ‘copia d’un conto di panni bianchetti’ (Pagnini, Della Decima, iv, 123).

 [2 ] Pagnini, Della Decima, iv, 1-87.

 [1 ] Similarities can be identified as follows:

Uzzano, p. 91 Venice see Pegolotti pp. 149.
Ancona 159-160.
92 Apulia 119, 170 f.
Florence 198.
93 Sicily 107, 113, 115 f.
94 Barletta with Palermo 136, 169.
Barletta with Ancona 170.
95 Barletta with Venice 171.
97 Naples with Tunis, Florence 134, 177, 187 ff.
99 Chapter vii, Ancona 156. 161.

 [1 ] Uzzano in Pagnini, Della Decima, iv, 130.

 [2 ] Text, pp. 116 ff., 149, 159, 288.

 [1 ] The manuscript of Uzzano could not be consulted; it may be assumed that Pagnini’s editions were of fairly uniform accuracy.

 [2 ] The following manuscripts have been traced: (a) Bib. Naz. di Firenze, Cod. Panciatichiano 72, fol. 80r, ‘Io Giorgio di Lorenzo Chiarini Io iscrito. . . . El quale libro fu copiato in Raghugia in chasa di . . . Addi xxii di Giennaio mcccclviii’ (see Ministero della Pubblica Istruzione, Indici e Cataloghi, Cod. Panc., Vol. i, p. 128); (b) Bib. Naz. di Firenze, Cod. Magliabecchiano, Cl. XXIX, 203, fol. 108v, ‘Finito libro isto. referam gratias xo. Die xxvii mensis Aprilis. Anno mcccclxxxiii per me Donnum Ignatium Stephani Becchi de Florentia, Cisterciensis Ordinis,’ and on fol. 10v a portrait subscribed ‘Giorgio di Lo. Chiarini’ (see F. Zambrini, Opere volgari a stampa dei secoli XIII e XIV, 4th ed., Bologna, 1878, c. 612); (c) Bib. Nat., Paris, MS Italien 911, with no indication of date or authorship.
The following printed editions are recorded: (a) Questo è el libro che tracta di mercatantie et usanze de paesi, p. 96v, ‘Finito ellibro di tucti i chostumi: cambi: monete: pesi: misure: & usanze di lectere di cambi: & termini di decte lectere che ne paesi si costuma et in diverse terre, Per me Francesco di Dino di Jacopo Kartolaio Fiorentino Adi x di Dicembre mcccclxxxi. in Firenze Appresso almunistero di Fuligno’; (b) Questo è el libbro che tracta di Mercatatie & usanze de paesi, p. 76v, ‘Impresso in Firenze appetitione di Ser Piero da Pescia’ without date, but there is said to be proof that the book was printed in 1498 (D. E. Smith, Rara Arithmetica, Boston, 1908, pp. 10 f.); (c) Libro di tutti li costumi, cambi, monete, pesi, misure, printed at Parma between 1493 and 1499 by Angelus Ugoletus, containing only 40 pages and apparently composed of excerpts from the above book—a copy is to be found in Aix (see M. Pellechet, Catalogue général des incunables des bibliothèques publiques de France, 3 vols., Paris, 1897-1909, ii, No. 3544); (d) the whole work forms distinctio nona, tractatus duodecimus of the Summa de Arithmetica by Luca Paccioli.

 [1 ] Other passages in which similarities can be discovered may be listed as follows:

Pegolotti, Chiarini, Pegolotti, Chiarini, Pegolotti, Chiarini,
p. 197 chap. vi p. 188 chap. xiv p. 173 chap. xvi
146 xxii 198 xxix 199 xxxii
57 xxxix 105 xli 96 xliii
67 xlv 135 xlviii 246 liv
233 lv 201 lvi 128 lviii
198 lxv 61 xcii 135 cxvi
148 cxxii 171 cxliii 160 cl

 [2 ] Pubblicata dal R. Istituto Superiore di Scienze Economiche e Commerciali di Venezia celebrandosi l’xi centenario dell’ Università di Pavia, 21 Maggio, 1925 (Venice, 1925).

 [3 ] Tarifa, Introd., p. 5.

 [1 ] Ibid., p. 4.

 [2 ] In the quotations from Pegolotti, p. 26, n. 4, come should read canne; p. 67, n. 2, libbre 26 should be libbre 96; p. 37, n. 1, the reference should be to Pegolotti, p. 252, not p. 269; p. 38, n. 7, a reference to Pegolotti, p. 144, where no such equivalence is found, for Pegolotti relates the Venice carica to Paris lbs., not to lbs. of the Fairs, and the two units are different.

 [3 ] Tarifa, Introd., pp. 5 f.

 [4 ] See note to text, p. 74.

 [5 ] Text, p. 74.

 [1 ] Tarifa, p. 65.

 [2 ] Ibid., pp. 35 f.

 [3 ] Text, p. 123.

 [4 ] Ibid., but prior to the paragraph above.

 [5 ] Ibid., p. 129.

 [6 ] Ibid., p. 123.

 [7 ] Tarifa, p. 6.

 [8 ] Ibid., p. 71.

 [1 ] R. Piattoli, ‘L’origine dei fondaci datiniani,’ Arch. Stor. Pratese, viii (1929), 128, n. 1.


 [[ Print Edition Page No. li ]] 

PRINCIPLES OF TRANSCRIPTION

The present edition offers a text derived from the sole surviving manuscript of Pegolotti’s book. It is not a literal and diplomatic transcription, for it was felt that the advantage to the linguist of an untouched text would not, in view of the number of specimens already available from this period, compensate for the increased hardship imposed upon other readers. Certain archaisms, therefore, and peculiarities of spelling have been eliminated which were at once inessential to understanding of the text, frequent of occurrence, confusing to the reader, and susceptible of treatment in accordance with the simple general rules formulated below. In all other respects, the manuscript text has been reproduced in detail. To regularize or modernize it thoroughly would have involved either an inordinately heavy apparatus of footnotes or occasional uncertainty on the part of the reader as to the exact form of the original phrase. Any attempt to impose uniformity of spelling, of verb forms, and of phrasing according to modern standards would in effect have produced a translation into modern Italian, and the need for such a translation will, it is hoped, soon be filled by the English version of the book which is actually being prepared. The guiding principle of this edition, therefore, has been that the reader should have before him, either in the text, or, where the text is emended, in the footnotes, an accurate reproduction of the original, with the following sole exceptions:

Words have been separated, accents, marks of punctuation, and capital letters introduced, according to modern Italian usage. The disposition of the text into paragraphs, columns, and lists has been revised where it appeared that intelligibility might thereby be improved. In all cases of doubt, or if any change of sense might result, a footnote provides the original reading.

Certain general changes have been made in the spelling. The archaisms involved were of no significance to understanding of the word, for the copyist of the manuscript was himself inconsistent in using them. Even so, some technical terms and geographical names have been transcribed in their original form.

Abbreviations are few in the normal script: the conventional symbols for per, pr, br, ver, and che, an occasional line superscript for n, sometimes quello, questo, essere; these symbols have all been expanded, without notice unless there was doubt as to the intention.

Abbreviations of technical terms are more common: bra, lbbe, kar, kan, arg, etc., for braccia, libbre, carato, canna, argento, etc.; such symbols are collected and explained on the first page of the text (p. 14), and they have been expanded throughout in accordance with those identifications.

Three abbreviations are troublesome. Co may represent either cento or centinaio, words which are often synonymous, but sometimes involve distinctions between 100, per cent, and hundred-weight; except where the figure 100 was clearly intended, Co has been transcribed centinaio and the word cento used only when so spelled out in the MS. In certain passages there is confusion between grossi and grani (pp. 182 ff.), and on those pages the symbol gi is expanded as grani. The scribe hesitated between the forms dobla and dobra, so that where the abbreviation occurs, it is expanded as dobla (pp. 272 ff.).

Some diversity in these forms results from the fact that the copyist himself sometimes expanded previous abbreviations, and a kar, here expanded as carati, may be followed not long after by the full spelling karati, which is here retained. Similarly mar. 1 is expanded marchio 1, but the scribe may later write marchi 1.

It appears to have been a general rule with the copyist to distinguish libbra the weight from lira the monetary unit, and to employ abbreviations accordingly; he broke the rule, however, on various occasions. To
 [[ Print Edition Page No. liii ]] 
avoid confusion, this rule has been strictly observed in the present text; the usage has been regularized throughout and all consequent deviations from the original indicated in footnotes.

All additions to the text which are not commented upon in notes have been set off in brackets <>. In a few of the tables corrections to the figures have been inserted within square brackets [].

Numerals are indifferently Roman or Arabic in the MS; they have been reproduced consistently in Arabic figures, and the few cases of doubtful interpretation are mentioned in notes.

As an example of the condition of the actual text of the MS, a diplomatic transcription of the first two paragraphs will be found below (p. liv); these correspond to the revised text on p. 3, and to the photograph of the MS text opposite that page.

Emendations or changes in the text are always indicated by footnotes. Two outside sources have suggested a number of improvements, Pagnini’s edition, and such parts of the manuals by Uzzano and Chiarini as are suspected of textual relationship with Pegolotti’s book (see pp. xxxix ff. above). Uzzano has been used in Pagnini’s edition, Volume iv of Della Decima; the quotations from Chiarini are derived from the edition of 1481 by ‘Francesco di Dino di Jacopo, Kartolaio Fiorentino.’ Elsewhere, if the footnote indicates a variant in the manuscript alone (M), the emendation was suggested by Pagnini and adopted in this edition; if variants in both M and Pagnini (P) are indicated, the emendation is suggested by the present editor; if a variant in P alone is indicated, Pagnini in that case departed unwarrantably from the original. Only the misleading variants in Pagnini’s text have been so noted.

Pegolotti’s dates have been checked, his mathematical calculations corrected wherever possible. There is, however, one direction in which the commentary has been restricted. The many tables in which Pegolotti compares the weights and measures of different cities have not been collated line by line with similar material from other sources. To do this would in effect have been to compile an extensive table of values for the mediaeval units, and badly as such a table is needed the edition of this bulky text offers for it neither an appropriate setting nor sufficient space. It is to be hoped that this work will some day be undertaken in a form more complete and more convenient than would here have been possible. Pegolotti’s tables have been corrected in many places, but, except in certain passages mentioned above, the corrections are almost all based upon internal evidence from the Pratica itself.

The various glossaries and indices list and, where possible, interpret all the terms which are not to be found in conventional dictionaries of
 [[ Print Edition Page No. liv ]] 
the Italian language. For almost all these terms some attempt has been made to trace them to an original or to find some parallel example to establish the validity of Pegolotti’s usage. In this work Miss Edler’s Glossary of Mediaeval Terms of Business has been of the greatest value, and in preparing the commentary it has been considered unnecessary to duplicate the explanations offered in her book.

For use in tracing old references, the numbers of the chapters and pages in Pagnini’s edition have been printed in the margins of the text; if Pagnini’s page began in the middle of a paragraph, the point is marked with an asterisk.

Transcription

(Text, p. 3)

In nomine domini Anmen Questo libro e chiamato libro didiuisamenti dipaexi & dimixure dimerchatantie & daltre chose bixogneuoli disapere amerchatanti didiverse parti del mondo & disapere cheuxano lemerchatantie echanbj & cchome rispondono lemerchatantie dauno paexe aunaltro & dauna terra aunaltra & ssimile sintendera quale e migliore una merchatantia che unaltra & donde elleuengono & mosterreno Ilmodo acchonseruarle piu chessipuo.

Qvesto libro ordino francescho balduccj pegholottj difirenze chesta cholla chonpangnia debardj difirenze edimorando elli alseruigio didetta chonpagnia abene eaonore estato della detta chonpagnia & diluj e dichi leggiera o assenperra ildetto libro & questo assenpro elleuato dallibro dangnolo dilotto dallantella elquale libro era leuato dallassenpro dellibro deldetto francesco balduccj.

Qui appresso e inanzi ordinatamente schriuerro le robriche diquesto libro adichiaragione denomj e numeri abreuiati indiuerse parte di questo libro ledichiara a . . . e . . .

Quello che dee auere inse iluero merchatante

Ghattaio perse medeximo essuo chanmino

Ghattaio chongenoua

Tana nelmare maggiore perse medeximo


 [[ Print Edition Page No. 1 ]] 

La Pratica Della Mercatura
Francesco Balducci Pegolotti


 [[ Print Edition Page No. 2 ]] 
Figure 1 Plate I Codice Riccardiano 2441, fol. 1r

Plate I Codice Riccardiano 2441, fol. 1r.


 [[ Print Edition Page No. 3 ]] 

In Nomine Domini, Ammen iii

questo libro è chiamato

LIBRO DI DIVISAMENTI DI PAESI E DI MISURE DI MERCATANTIE

e d’altre cose bisognevoli di sapere a mercatanti di diverse

parti del mondo, e di sapere che usano le mercatantie

e cambi, e come rispondono le mercatantie da uno

paese a un altro e da una terra a un’altra, e

simile s’intenderà quale è migliore una

mercatantia che un’altra e d’onde

elle vengono e mosterreno il

modo a conservarle piu

che si può

Questo libro ordinò Francesco Balducci Pegolotti di Firenze, che sta colla compagnia de’ Bardi di Firenze, e dimorando elli al servigio di detta compagnia a bene e a onore e stato della detta compagnia e di lui e di chi leggierà o assemperrà il detto libro; e questo assempro è levato dal libro d’Agnolo di Lotto dall’Antella, e ’l quale libro era levato dall’ assempro del libro del detto Francesco Balducci.


 [[ Print Edition Page No. 4 ]] 

ROBRICHE

vi Qui appresso e inanzi ordinatamente scriverrò le robriche di questo libro 1

A dichiaragione de’ nomi e numeri abreviati in diverse parte di questo libro, le dichiara a c. 214
Quello che dee avere in sè il vero mercatante a c. 20
3Gattaio per se medesimo e suo cammino a c. 21
Gattaio con Genova a c. 23
Tana nel Mare Maggiore per se medesimo a c. 23
Tana per diritto di mercantie a c. 24
Tana per pesaggio a c. 25
Tana per la moneta che vi spende e per la zecca a c. 25
Tana con Vinegia a c. 25
Tana con Napoli a c. 25
Caffa del Mare Maggiore a c. 25
Caffa per diritto di mercatantie a c. 26
Caffa con Pera e con Vinegia a c. 26
Torisi di Persia4 per se medesimo a c. 26
Torisi per la moneta che vi si spende a c. 27
Torisi per la zecca e per diritto di mercantia a c. 27
Torisi per conducere mercatantia da Laiazzo d’Erminia a c. 28
<Torisi con Trebisonda, con Pera e con Gostantinopoli e con Laiazzo d’Erminia5 e> con Famagosta di Cipri e con Vinegia a c. 29
Torisi con Genova a c. 31
Trebisonda per se medesimo e come tornano i pesi con più terre a c. 31
Trebisonda per diritto di mercatantia a c. 31
Trebisonda con Pera e con Gostantinopoli a c. 31
Trebisonda con Vinegia a c. 32
Gostantinopoli e Pera per se medesimo, e a che peso vi si vendono le mercatantie a c. 32
Gostantinopoli e Pera per lunghezze di panni a c. 37
Gostantinopoli come vi si vendono i panni fiorentini a c. 38
v Gostantinopoli per la moneta che vi si spende e come vi si vende oro ed argento a c. 40
Gostantinopoli per diritti che vi si pagono a c. 41
Gostantinopoli per isvario di grano, d’allume e di cera a c. 42
Gostantinopoli per pesaggio di mercatantie a c. 43
Gostantinopoli per garbellatura di mercatantia a c. 44
Gostantinopoli per senseraggio a c. 44
Gostantinopoli per legature di balle e di pondi a c. 45
<Gostantinopoli per ispese di grano e di panni lani a c. 46>
Gostantinopoli per ispese d’olio6 e di cuoia di bue <e di vino> a c. 46
Gostantinopoli con Genova, e con Marsilia di Provenza a c. 48
 [[ Print Edition Page No. 5 ]] 
Gostantinopoli con Nimisi1, e con Munpolieri, e con Vignone a c. 49
Gostantinopoli con Niza di Provenza, con Puglia a c. 49
Gostantinopoli e Pera con Vinegia, e con Napoli a c. 50
Gostantinopoli <con Cicilia> a c. 512; con Ancona a c. 51
Gostantinopoli e Pera con Pisa, e con Cadisi di Spagna a c. 52
Gostantinopoli e Pera con <Subilia di Spagna, e con Niffe di Spagna, e con> Bruggia di Fiandra, e con Londra d’Inghilterra a c. 52
Gostantinopoli e Pera colla Tana del Mare Maggiore a c. 53, e con Caffa del Mare Maggiore, e con Tunizi di Barberia, e con Lucca, e colla Cava del Principato a c. 53
Mare Maggiore per se medesimo, e3 caricatori d’ogni mercatantia, e porti a c. 54
Altoluogo di Turchia per se medesimo a c. 55
Altoluogo per diritto che vi si paga a c. 56
Altoluogo per ispese di grano a c. 56
Altoluogo con Genova, e con Pisa, e con Firenze, e con Vinegia, e con Gostantinopoli a c. 57
Setallia di Turchia per se medesimo, e a che peso vi si vendono le mercatantie a c. 57
Setalia per diritto di mercatantia a c. 58
Laiazzo d’Erminia per se medesimo, e a che peso vi si vendono le mercatantie a c. 59
Laiazzo d’Erminia per la zecca a c. 60
Laiazzo d’Erminia per diritto di mercatantia a c. 60 vi
Erminia con Vinegia, e con Genova a c. 61
Erminia con Nimissi, e con Monpolieri, e con Maiolica, e con Sibilia di Spagna, e con Bruggia di Fiandra, e con Londra d’Inghilterra, e con Puglia, e con Messina di Cicilia a c. 62
Erminia con Savastro di Turchia a c. 63
Acri di Soria per se medesimo e a che pesi vi si vendono le mercatantie a c. 63
Acri con Allessandria, e con Gostantinopoli a c. 64
Acri con Salonacchi, e con Savastro di Turchia a c. 65
Acri con Laiazo d’Erminia, e con Chiarenza a c. 65
Acri con Ancona, e con Messina di Cicilia, e con Palermo di Cicilia a c. 65
<Acri colle piagge di Cicilia, e con Tunizi di Barberia a c. 66>
Acri con Puglia, e con Napoli di Principato, e con Vinegia a c. 66
Acri con Firenze, e con Pisa, e con Genova, e con Marsilia, e con Nimissi, e con Monpulieri a c. 67
Acri colle fiere di Campagna, e con Famagosta di Cipri quando era a mano de’ Cristiani, e con Alappo,4 e <colla Leccia, e> con Tripoli, e con Dommasco, con Antioccia, e con Cipri a c. 68
Allessandria per se medesimo, e a che peso e a che misure vi si vendono e comperano le mercatantie, e come tornano i pesi e le misure da una terra a un’altra a c. 69
Allessandria per divisamento di carico di nave a c. 71
Allessandria per se medesimo, come rispondono l’uno peso coll’altro a c. 71
Allessandria per la moneta che vi si spende a c. 71
Allessandria per diritto di mercatantia a c. 72
Allessandria con Damiata, e col Cairo di Bambillonia a c. 72
Allessandria con Napoli, e con Salerno, e con Barletta a c. 72
Allessandria con Gostantinopoli,5 e con Chiarenza, e con Messina di Cicilia, e con
 [[ Print Edition Page No. 6 ]] 
vii Ancona, e con Vinegia, * e con Firenze, e con Pisa, e con Genova, e con Provenza, e colle fiere di Campagnia, e con Castello di Castro, e con Famagosta di Cipri a c. 73
Famagosta di Cipri per se medesimo, e a che peso e a che misure vi si vendono le mercatantie, e come rispondono i pesi e le misure da una terra a un’altra a c. 77
Famagosta per chi mette nella zecca od oro1 od ariento, e per la moneta piccola che vi si spende o grossa a c. 81
Famagosta per quello che à di spesa la moneta dell’ariento o di piccioli a farla fare nella detta zecca a c. 82
Famagosta per diritti che si pagano di mercantia entrando e uscendo a c. 83
Famagosta per legatura di mercatantia, e per senseraggio di mercatantia e di cambiare quello che si dà loro, e per facitura d’olio, cioè quello che à di spesa a farlo fare a c. 87
Famagosta per pesaggio e per tara di mercatantie a c. 88
Famagosta per quello che si fa di carta di quarantigia a c. 88
Famagosta con Damiata di terra d’Egitto, e con Dommasco di Soria, e con Baruti di Soria, e con2 Amano, e con2 Alappo di Soria, e con Antioccia, e colla Leccia di Soria, e con Tripoli di Soria, e con Laiazo d’Erminia, e con Savastro di Turchia, e con Candeloro di Turchia, e con Setalia di Turchia, e con Altoluogo di Turchia, e con la Palizia di Turchia a c. 89
Famagosta con Rodi, e con Gostantinopoli, e con Pera, e con Sallunicchi, e colla Canea di Creti, e con Candia di Creti, e con Chiarenza, e con Ancona, e con Tunizi di Barberia, e con Messina a c. 92
Famagosta con Barletta di Puglia a c. 94
Famagosta per conducere grano di Puglia in Cipri a c. 95
Famagosta con Napoli, e con Gaeta, e con Pisa, e con Firenze a c. 95
Famagosta con Vinegia a c. 97
Famagosta con Genova a c. 98
viii Famagosta con Nimissi, e con Monpulieri, e con Aguamorta, * e con Marsilia di Provenza, e con Vignone, e colle fiere di Campagna, e con Parigi di Francia, e con Barzalona di Catalogna, e con Maiolica, e con Sibilia di Spagna, e con Bruggia di Fiandra, e con Londra d’Inghilterra, e con Tripoli di Barberia, e con Anguersa di Brabante, e con Corte di Papa, e con Rame3di Soria a c. 99
Rodi per se medesimo e a che pesi e a che misure vi si vendono e comperano le mercatantie e come risponde i pesi e le misure da una terra a un’altra a c. 102
Rodi per la moneta che vi si spende a c. 103
Rodi per costo di sapone a c. 103
Rodi con <Altoluogo di Turchia, e con Ancona anzi con> Ania,4 e con la Palatia di Turchia, e con Setalia di Turchia, e con Candia di Creti, e con Puglia, e con Napoli di Principato, e con Firenze a c. 104
Candia di Creti per se medesimo e a che peso e a che misura vi si vendono e comperano le mercatantie e come risponderanno i pesi e misure da una terra a un’altra a c. 105
Candia per diritto che vi si paga di mercantie a c. 106
Candia con Vinegia, e con Ancona, e con Puglia a c. 106
Cicilia per se medesimo, e che pesi v’àe e a che pesi e a che misure vi si vendono e comperano le mercantie a c. 107
Cicilia per la moneta che vi si batte o d’oro o d’ariento a c. 107
Cicilia per la mercantia che si vende a pesi e a misure a c. 108
Cicilia per lunghezze di panni a c. 110
 [[ Print Edition Page No. 7 ]] 
Cicilia per senseraggio che vi si paga e per pesaggio di mercantia a c. 111
Cicilia per diritto che vi si paga a c. 111
Cicilia con Palermo di Cicilia a c. 111
Cicilia per ispese che si fanno a trarre e caricare grano per mandare fuori dell’isola di Cicilia a c. 112
Cicilia per salme di grano, come rispondono le cento salme con più terre e paesi a c. 112
Cicilia per pesi di Cicilia come rispondono con più terre a c. 114
Cicilia con Palermo di Cicilia, e con Barletta di Puglia, ix * e con Napoli di Principato, e con1 Firenze a c. 114
Cicilia con Pisa, e con Genova a c. 116
Chiarenza per se medesimo, e a che peso e a che misure vi si vendono e comperano mercantie a c. 116
Chiarenza per diritto di mercantia a c. 117
Chiarenza per ispese che si fa a fare la moneta piccola a c. 118
Chiarenza con Istiva, e con Negroponte, e con Coranto, e con Durazzo, e con Patrasso, e con Napoli a c. 118
Stiva per se medesimo a c. 119
Stiva con Nigroponte e con Coranto a c. 119
Nigroponte per se medesimo a c. 119
Sardigna per se medesimo a c. 119
Sardigna per ispese di trarre grano fuori dell’isola, e per ispese di sale a trarre della detta isola, e per ispese di trarre piombo di Sardigna a c. 120
Sardigna per ispese che si fanno a condurre barucami2 da Perugia a Castello di Castro di Sardigna a c. 121
Sardigna con Culliveri, e con Tunizi di Barberia, e con Barzalona,3 e con Niza di Provenza, e con Gaeta a c. 122
Maiolica per se medesimo e a che peso e a che misure vi si vendono e comperano le mercatantie a c. 122
Maiolica per la moneta che vi si spende a c. 125
Maiolica per diritto che si paga di mercantie a c. 125
Maiolica per ispese a fare olio a c. 125
Maiolica per ispese di grano a c. 126
Maiolica per senseraggio di mercantia e di cambio a c. 126
Maiolica con Barzalona, e con Nimissi di Provenza, e con Monpulieri, e con Aguamorta di Provenza, e con Cicilia, e con Puglia, e con Napoli di Principato, e con Pisa, e con Firenze, e con Genova, e con Sibilia, e colle piagge di Spagna, e con Vinegia, e con Bruggia di Fiandra a c. 127
Maiolica con Tunizi di Barberia, e con Parigi, e con Pirpignano, e con Gostantinopoli, e con Londra d’Inghilterra a c. 129
Arzilia di Spagna per se medesimo e come e a che pesi vi si vendono e comperano le mercantie a c. 276
Arzilia per diritto di mercantia a c. 276
Tunizi di Barberia per se medesimo a c. 130
Tunizi4 per diritto che vi si paga di mercantia a c. 131 x
Tunizi per la zecca dell’oro e dell’ariento a c. 133
Tunizi con Buggiea5 di Barberia, e con Buona6 di Barberia a c. 133
Tunizi con Palermo di Cicilia, e7 con Gaeta, e con Napoli di Principato a c. 134
 [[ Print Edition Page No. 8 ]] 
Tunizi con Pisa, e con Genova, e <colle fiere di Campagna di Francia, e> con Nimissi di Provensa, e con Vinegia, e con Firenze, e con Sobilia di Spagna, e con Ancona, e con Turpia di Calavria, e <colla Scalea, e> con Setta di Spagna, e con Castello di Castro di Sardigna a c. 135
Tripoli di Barberia per se medesimo a c. 136
Tripoli per diritto che vi si paga a c. 136
Tripoli colle piaggie a c. 136
Gierbi di Barberia per se medesimo a c. 137
Gierbi con Messina di Cicilia a c. 137
Gierbi con Palermo, e colla Val di Mazara di Cicilia a c. 137
Nomi di cognoscere rami e quale è migliore e di quante province ne sono a c. 381
Onde viene lo stagno a c. 381
Ragioni che sono di seta e quale è la migliore a c. 382
Grana da tignere a c. 382
Avisamento di convenenze di noleggiamenti a c. 322
Vinegia per se medesimo e a che peso e a che misure vi si vendono e comperano le mercatantie a c. 137
Vinegia per la zecca, alle carte tante cioè a c. 139
Vinegia per pesaggio di mercantie a c. 140
Vinegia per diritto che si paga a c. 142
Vinegia per dazio a c. 142
Vinegia per ispese di pepe e per nolo di comune di Vinegia in Fiandra e di Fiandra a Vinegia a c. 143
Vinegia per noli di comune di Vinegia in Cipri e di Cipri a Vinegia in galee armate a c. 144
Vinegia con Ferrara, e con Padova, e con Chermona, e con Bologna, e con Fermo della Marca, e con Firenze, e con Pisa, e con <Lucca, e con> Genova, e con Vienna, e <con Nimissi e con Monpolieri, e> colle fiere di Campagna di Francia, e con Parigi,1 e con <Borsella, e con Anguersa, e con> Pera di Romania, e con Tripoli di Barbaria a c. 145
xi Vinegia con Sibilia di Spagna, e con Chiarenza, e con Negroponte, e colla Canea di Creti, e con Coranto, e con Raugia di Schiavonia, e con Zara di Schiavonia, e colla Tana del Mare Maggiore a c. 149
Vinegia per conducere mercatantia da Vinegia alla Tana in galee armate o in navilio a c. 150
Vinegia con Trevigi, e con Melano, e con Faenza di Romagna, e con Ravenna di Romagna, e con Perugia, e con Londra d’Inghilterra a c. 151
Vinegia con Castello di Castro di Sardigna, e con Triesti di Capo d’Istria,2 e con Frioli, e con Mantova, e con Mudone, e con Curone di Romania, e con Sallonicchi di Romania, e con Cherso di Schiavonia, e con Napoli a c. 153
Vinegia con più paesi di misure di sale a c. 153
Frioli per se medesimo a c. 154
Frioli per la moneta che vi si spende a c. 154
Frioli per facitura della moneta a c. 154
Frioli per la mercantia che vi si compera e vende a c. 155
Frioli per conducere biada a c. 156
Ancona per se medesimo e a che peso e a che misure vi si vendono e comperano le mercantie a c. 156
Ancona per diritto di mercatantia che si paga a c. 156
Ancona per nolo di navili disarmati a c. 157
<Ancona per nolo da Ancona in Cipri a c. 157>
Ancona per ritorno di Cipri ad Ancona 3 <e in Puglia similmente> a c. 158
 [[ Print Edition Page No. 9 ]] 
Ancona per la moneta che vi si spende a c. 158
Ancona con Chiarenza, e con Vinegia, e con Bologna, e con Ascoli, e con Fermo, e con Cervia, e con Civitanuova, e con Fano, e con Firenze, e con Sallonicchi a c. 158
Aviso d’oro o d’ariento come dè essere migliore o piggiore a c. 358
Puglia per se medesimo a c. 161
Puglia per diritto di mercantia che si1 paga a c. 161
Puglia per facitura d’olio mosto a c. 162
Puglia per facitura di formaggio a c. 164
Puglia per senseraggio di mercantia e di cambio a c. 165
Puglia per le fiere che cominciano in Puglia a c. 165
Puglia per misure di grano come tornano con più terre a c. 166 xii
Come rispondono i pesi minuti di Puglia con più terre e con più paesi a c. 168
Come i pesi e le misure di Puglia tornano con piue terre, e primieramente con Napoli di Principato, e con Palermo di Cicilia, e con Tunizi di Barberia, e con Buggiea di Barbaria, e con Tripoli di Barbaria, e con Ancona, e con Istiva a c. 169
Puglia con Raugia di Schiavonia a c. 170
Puglia con Caterra di Schiavonia, e con Zara di Schiavonia, e con Chiarenza, e con Nigroponte, e con Vinegia a c. 170
Puglia con Vinegia per cambio a c. 171
Puglia con Firenze per cambiare a c. 173
Puglia con Gaeta, e con <Salerno, e con> Monopoli2 di Puglia, e con Branditio, e con Genova per cambiare a c. 174
Puglia con Sibilia,3 e con Cadisi di Spagna, e con Cosenza di Calavria, e con Perugia, e con Castello di Castro di Sardigna, e con Sallonacchi, e colla Aquila di terra d’Abruzi a c. 175
Salerno4 per se medesimo e a che peso e a che misura vi si vendono e comperano le mercatantie a c. 176
Salerno4 con Napoli, e con Castello a Mare, e con Gaeta a c. 177
Napoli di Principato per se medesimo e a che peso e a che misura vi si vendono e comperano le mercatantie a c. 177
Napoli per mettere ariento in zecca a c. 182
Napoli per la moneta che vi si spende a c. 182
Napoli per diritto che si paga di mercantia a c. 183
Napoli per ispese che si fanno alle nocelle e a’ vini grechi caricato a nave e spedicato dal porto di Napoli a c. 185
Napoli per noleggiamenti che si fanno a c. 187
Napoli con Castello ad Mare, e con Gaeta, e con Pisa, e con Genova, e con Firenze, e con Damiata di terra d’Egitto, e con Buggiea di Barberia, e con Cutrone di Calavria, e con Turpia di Calavria, e con Castello di Castro di Sardigna, e con Caffa del Mare Maggiore, e con Parigi, e colla Tana del Mare Maggiore, e con Bruggia di Fiandra a c. 187
Gaeta per se medesimo e a che peso vi si vendono e comperano le mercatantie a c. 189 xiii
Gaeta con Palermo a c. 190
Firenze per se medesimo e a che peso e a che misura vi si vendono e comperano le mercatantie a c. 190
Firenze per la moneta che vi si batte, e quello che costa a farle fare a c. 191
Firenze per vendita d’oro e per termini di cambiare a c. 194
Firenze per senseraggio a c. 196
Firenze con Pisa, e con Lucca, e con Siena, e con Perugia, e con Corneto, e con
 [[ Print Edition Page No. 10 ]] 
Roma, e con Genova, e con Chiarenza, e con Negroponte, e con Milano, e con Chermona, e con Cervia di Romagna, e con Bologna, e con Imola di Romagna, e con Faenza di Romagna, e con Ravenna di Romagna, e con Gostantinopoli e con Pera di Romania, e per cambiare con Gostantinopoli con Firenze, e con Nimissi, e con Monpulieri, e con Marsilia, e con Arli, e con Vignone, e con Corte di Papa, e con Subilia di Spagna, e colle fiere di Campagna a c. 197
Firenze con Parigi e con Ancona e con Londra d’Inghilterra per cambio a c. 201
Firenze con Castello di Castro di Sardigna, e con Sallonacchi di Romania a c. 203
Pisa per se medesimo e a che peso e a che misure vi si vende e compera le mercatantie a c. 203
Pisa per senseraggio di mercatantia e di cambio a c. 204
Pisa per ispese di conducere grano da Porto Pisano a Pisa e da Pisa infino a Firenze a c. 209
Pisa per garbellatura di spezierie e per legatura di mercatantia a c. 210
Pisa per ispese che ànno le cuoia discaricate e messe in magazzino a c. 210
Pisa per ispese che ànno le lane e boldroni da Porto Pisano a Pisa a c. 211
Pisa per ispese che àe il vino da Porto Pisano a Pisa a c. 211
Pisa per ispese ch’àe il sale da Porto Pisano a Pisa e da Pisa insino a Firenze a c. 212
Pisa per ispese di sale a conducere dal porto di Signa a Firenze a c. 212
xiv Pisa con Castello di Castro di Sardigna, e con Arestano,1e con Marsilia, e con Nimissi, e con Monpulieri, e con Genova, e con Sibilia di Spagna, e con Niffe di Spagna, e con Parigi, e con Londra d’Inghilterra, e con Buggiea di Barberia, e con Iera2di Provenza, e con Arli di Provenza, e con Cornovaglia d’Inghilterra, e con Sallonicchi di Romania, e con Tortosa di Catalogna a c. 213
Gienova per se medesimo e a che peso e a che misure vi si vendono e comperano le mercatantie a c. 214
Gienova per diritto di mercatantie a c. 217
Gienova per ispese di grano a c. 218
Gienova per ispese di vino greco a c. 219
Gienova per ispese di conducere ariento in Romania in Pera in galee armate a c. 219
Gienova con Marsilia di Provenza, e con Colliveri, e con <Aguamorta, e con> Nimissi, e con Monpolieri, e con Corte di Papa, e con Vignone, e con Parigi, e con Bruggia di Fiandra per termine di cambiare a c. 220
Gienova con Sibilia di Spagna, e con Castello di Castro di Sardigna, e con Melano, e con Niffe di Spagna,3 e con Arestano di Sardigna, e con Buggiea di Barberia, e con Caffa del Mare Maggiore, e colla Tana del Mare Maggiore, e con Londra d’Inghilterra per cambiare a c. 222
Gienova con Ieviza a c. 224
Gienova con Draghignano di Provenza, e con Arli, e con <Almeria di Spagna, e con> Barzalona di Catalogna a c. 224
Nimissi e Monpolieri per se medesimo e come vi si vendono e comperano le mercatantie a c. 224
Nimissi per pesaggio di mercatantia e per diritti che si pagano a c. 225
Nimissi con Munpolieri a c. 226
Nimissi con Aguamorta, e con Marsilia, e con Vignone, e con Arli, e con Anguersa di Brabante, e colle fiere di Campagna del reame di Francia, e con Parigi, e con Corte di Papa, e con Londra d’Inghilterra, e con Rensa, e con Arazzo a c. 226
xv Nimissi colla Roccella, e con Monferrante, e con Terragone a c. 228
Nimissi con Sibilia di Spagna, e con Piagenza, e con Melano, e con Tripoli di Soria, e con Savastro4 di Turchia a c. 228
 [[ Print Edition Page No. 11 ]] 
1Vignone con Marsilia, e con Corte di Papa a c. 229
Vignone per se medesimo a c. 229
Aguamorta per se medesimo e a che peso e a che misura vi si vendono e comperano le mercatantie a c. 229
Aguamorta per diritto che vi si paga a c. 230
Aguamorta per la mercatantia che si conduce a Monpulieri a c. 231
Ieviza per se medesimo e come vi si vende il sale a c. 231
Borgogna per se medesimo e a che peso e a che misure vi si vendono e comperano le mercatantie a c. 232
Borgogna per ispese che si fanno all’agnelline a c. 232
Borgogna con Vignone, e con Nimissi, e con Aguamorta, e con Firenze a c. 232
Fiere di Campagna di Francia a c. 233
Parigi per se medesimo e a che peso e a che misure vi si vendono e comperano le mercatantie a c. 236
Parigi colle fiere di Campagna, e con Anguersa, e con2 Proino di Campagna a c. 236
Fiandra per se medesimo e a che peso e a che misure vi si vendono e comperano le mercatantie a c. 236
Fiere di Fiandra a c. 236
Bruggia di Fiandra per se medesimo e a che peso e a che misure vi si vendono e comperano le mercatantie a c. 237
Bruggia per una moneta che vi si spende a c. 239
Bruggia per lo porto del mare a c. 239
Bruggia per diritto di mercantia che vi si paga a c. 240
Bruggia per lo porto delle Schiuse e per lo nolo a c. 242
Bruggia per senseraggio di mercantia e di cambio3 a c. 242
Bruggia con Doagio di Fiandra, e con Sant’ Omieri in Artese, e con Tornai,4 e con <Anguersa, Mellino, Borsella, Lovano e con tutto Brabante, e con> Londra d’Inghilterra, e con Cornovaglia d’Inghilterra, e con Parigi a c. 244
Bruggia di Fiandra colle fiere di Campagna, e con Nimissi, e con Monpulieri, e con Firenze per cambiare a c. 246
Bruggia di Fiandra con Sibilia di Spagna, e con Vinegia per cambio a c. 247 xvi
Bruggia con Pisa, e con Lucca, e con Cadisi di Spagna, e con Portogallo di Spagna a c. 249
Bruggia con Lisbona5 di Spagna, e colle piagge a c. 249
Brabante per se medesimo a c. 250
Anguersa per se medesimo e a che peso e a che misure vi si vendono e comperano le mercatantie a c. 250
Anguersa per diritto che si paga di mercantia a c. 251
Anguersa per pesaggio di mercantia a c. 254
Londra d’Inghilterra per se medesimo e a che peso e a che misure vi si vendono e comperano le mercatantie a c. 254
Londra d’Inghilterra per una moneta che vi si spende a c. 255
Londra d’Inghilterra per diritto e spese che si pagano di mercatantie a c. 256
Londra con Anguersa di Brabante, e con Parigi a c. 256
Londra con Canmo in Normandia, e con Aguamorta di Provenza a c. 257
Londra per ispese di conducere lane a c. 257
Inghilterra per lane di magioni a c. 258
 [[ Print Edition Page No. 12 ]] 
Roccella1 di Guascogna per se medesimo e a che peso vi si vendono e comperano le mercatantie a c. 269
Sibilia di Spagna per se medesimo per la moneta che vi si spende e diritto che vi si paga a c. 270
Sibilia per la moneta che vi spende2 a c. 271
Sibilia per facitura d’olio a c. 271
Sibilia di Spagna con Niffe di Spagna, e con Setta di Spagna, e con Portogallo di Spagna, e con Valenza d’Aragona, e con Lisbona di Spagna, e con Arzilla delle piaggie di Spagna, e con Zaffi delle piaggie, e con Zamuro delle piaggie di Spagna, e con Castella di Spagna, e con Salle delle piaggie di Spagna, e con Puglia a c. 272
Reame di Morrocco di Spagna e di Bene Almieri che è nella fine del reame e primieramente cominceremo a Zaffi a c. 273
Zaffi per se medesimo e a che peso e a che misure vi si vendono e comperano le mercantie e a che misure si misurano i panni lani e lini a c. 273
xvii Zaffi per diritto che vi si paga di mercatantia a c. 274
Zaffi con Niffe del detto reame, e con Munpulieri, e con Zamurro del reame di Murrocco a c. 274
Niffe del reame di Murrocco per se medesimo e a che peso e a che misura vi si vendono e comperano le mercatantie e per diritto che vi si paga a c. 275
Salle del reame di Murrocco per se medesimo e a che peso e a che misure vi si vendono e comperano le mercatantie a c. 275
Salle per diritto che vi si paga a c. 276
Arzilla del reame di Murrocco per se medesimo e a che peso e a che misura vi si vendono e comperano le mercatantie e per diritto che vi si paga a c. 276
Lunghezze di panni del reame di Francia e del conte di Fiandra e del duca di Brabante, e nelle terre dove si fanno, e a che moneta vi si comperano e vendono; e tutti s’allano e cordano per le vivagna e per la schiena a doppio a c. 277
Ordini di mercatanti di Firenze sopra alla drapperia francesca a c. 286
Leghe di monete d’oro e di pezze d’argento e di monete d’argento coniate e di monete piccole di più parte del mondo a c. 287
Nomi di spezierie a c. 293
Nomi di seta a c. 297
Nomi di vai e d’altre pelle da foderature a c. 298
Spezierie che si garbellano a c. 298
Tara di seta e come possono valere i legami d’uno fardello che pesi da ruotoli 35 al peso di Cipri a c. 300
Quello che vengono guidardonato le 100 lire in uno anno o in più in diversi pregi, e a fare capo ogn’anno a c. 301
Ragioni che ànno in loro le perle a comperarle e venderle e pietre3 d’anella a saggio, e come vagliono <a> comunale pregio a c. 302
Ragioni che ànno in loro a comperare pietre d’anella e come vagliono a comunale pregio4 in Gostantinopoli e in Pera di Romania a c. 304
Avisamento di sapere comperare e vendere spezierie a misura di grano quando si trovasse in parte dove non potesse avere nè peso nè misura a c. 305
xviii Avisamento di tara che possono avere le mercantie, e ciascuna per se medesimo a c. 307
Convenenze di vendite e compere di grano a c. 319
Tavola della Pasqua di Ressurresso in che dì viene ogn’anno a c. 324
A sapere in che dì della settimana quale lettera corre per la domenica nel calendario a c. 326
 [[ Print Edition Page No. 13 ]] 
A sapere in che dì della settimana comincia ciascuno mese dell’anno a c. 326
Tavola che ti mostra a mettere ogni conto di ragione con pochi quarteruoli, che ’l più se n’aopera 9, e le più delle volte da nove in giue a c. 328
Per ritrovare il corrente della luna, cioè la patta a c. 329
Tavola che ti mostra a che segnale è la luna ciascuno giorno a c. 330
Ricetta d’affinare oro a c. 331
Ricetta di che si fa il cimento con che s’affina l’oro a c. 333
Ad affinare il cimento a c. 334
A partire oro da ariento a c. 336
A dimesticare l’ariento selvaggio a c. 339
Ricetta da fare coppelle per saggiare ariento a c. 339
A saggiare ariento in coppelle a c. 340
A fare colore da mettere nelle coppelle a c. 341
A governare il saggio dell’ariento nella coppella ed affinarlo a c. 342
Ad allegare ariento per fare monete d’ariento 342 insino a c. 352
Ad allegare oro per fare monete a c. 352 insino a c. 358
Aviso di sapere conoscere le1 mercatantia e come vogliono essere fatte ad essere buone a c. 360 insino a c. 383

 [[ Print Edition Page No. 14 ]] 

xix DICHIARIGIONI

per dare nomi e numeri e figure di cose scritte e abreviate in questo libro siccome diviserà per inanzi:

Mille1 vuol dire in singulare2 migliaio e in prulare vuol dire migliaia.

Cantar. vuol dire in singulare cantare e in prulare vuol dire cantara.

Centinaio vuol dire in singulare centinaio e in prulare vuol dire centinaia.

Libbre vuol dire in singulare libbra e in prulare libbre.

Onci vuol dire in singulare oncia e in prulare vuol dire once.

3vuol dire in singulare2 danaio e in prulare vuol dire danari.

4vuol dire in singulare grano e in prulare vuol dire grana.

Marchi vuol dire in singulare marchio e in prulare vuol dire marchi.

5starlini carica intorso di panni torselli
terrì6 pallina d’argento*
bisanti braccia sacco
saracenato bisanti, bianchi ragione
ruotoli salina termine
lira tombolo moneta tornese*
<soldi> quarto carica, carta
. . . . . fiorino* parigino
<perperi> a fiorini* dicina
carati* grossi dicine, paga7
la canna piccioli*

Tratta in Puglia, tratta8 in Cicilia.

Tratta in Sardigna. Sacca in Ispagna.

Bastagi in più lingue.

Bastagori in grechesco.

Borgognoni in Genova.

Baramani in fiammingo e in inghilese.

Portatori in Toscana.

Questi nomi vogliono dire gente che portano in sul loro collo mercantie


 [[ Print Edition Page No. 14a ]] 
Figure 2 Plate II Codice Riccardiano 2441, fol. 11r

Plate II Codice Riccardiano 2441, fol. 11r.


 [[ Print Edition Page No. 15 ]] 

e merce; e que’ due versi di sopra vogliono dire diritto che si paga di biada.

Tamunga in Torisi1 e per tutta Persia. xx

Tamunga2 in Trabisonda.

Tamunga alla Tana.

Tamunga a Caffa e per tutte terre di tarteri,3 e

Pesadone in Erminia.

Doana in tutte terre di saracini, e doana in Cicilia.

Doana in Napoli e per tutto il regno di Puglia.

Piazza, fondaco, bindanaio, similmente per tutta Cicilia e per tutto il regno di Puglia.

Comerchio per tutte terre di greci.

Comerchio4 in Cipri.

Dazio a Vinegia.

Gabella per tutta Toscana.

Spedicamento e pedaggio in Genova.

Chiaveria per tutta Provenza.

Lelda in parte della Provenza e in Francia.

Malatolto e pedaggio e bara per tutto il reame di Francia.

Toloneo5 per tutta Fiandra.

Toloneo6 per tutto Brabante.

Costuma per tutta l’isola d’Inghilterra.

Fedo a Tunizi in Barberia.

Munda in Friolano.

Mangona e talaoch in Ispagna.

Tutti questi nomi vogliono dire diritto che si paga di mercatantia e di merce e altre cose che l’uomo mette e trae o passa per li luoghi, paesi, e terre nominatamente detto in questo chiuso.

‘Come viene della falda’ vuol dire intera,7 come viene la lana tonduta di berbicce, cioè della pecora tutto il tosone intero che non è levato niente.


 [[ Print Edition Page No. 16 ]] 

Brisciata1 vuol dire scielta e fattone più ragione del tosone della lana.

Buona lana si è la migliore quando si briscia.

Moiana2 lana si è la mezzana ragione della lana quando si briscia.

Locchi si è la terza ragione della lana quando si briscia.

Steccata3 vuol dire levato del tosone della lana pura le zacchere della lordura della berbiccie appiccata alla lana.

Torce4 vuol dire lo tosone della lana ripiegato et arrotolato.

Pugnea5 vuol dire lo tosone della lana poi che è brisciata e apparecchiatosi el6 ruotolo, e fattone ad modo d’una palla grossa.

xxi Nolo in più lingue latine, freto in fiammingo e inghilese e ispagnuolo. Tutti questi nomi vogliono dire danari che si pagono a’ padroni de’ navili che conducono le mercatantie per mare da uno paese a un altro e da una terra a un’altra.

Pedoto in più linguaggi, ludumano in fiammingo e inghilese. Questi nomi vogliono dire gente conoscente di mare e di terre e di gente marine e di porti di mare, e conduttori di navili e a porti e a terre.

Sportellaggio in più lingue, ghindaggio in fiammingo e inghilese, ghindaggio in Ispagna. Questi nomi vogliono dire danari da vino che si dànno a’ marinai delle navi che aiutano trarre le mercatantie delle navi quando si scaricano.

Barca in più linguaggi.

Gondola in più linguaggi.

Copano7 in proenzalesco, e


 [[ Print Edition Page No. 17 ]] 

Taferese in Cipri, e

Feuto1 in fiammingo.

Battello e batto in francesco.

Paliscarmo in più linguaggi.

Questi nomi vogliono dire piccole barche e piccole vaselle che conducono le mercatantie da uno paese a un altro.

Fondaco e bottega in Toscana.

Volta in genovesco.

Stazione in francesco.

Magazzino in più linguaggi.

Celliere in fiammingo.

Questi nomi sono e vogliono dire luogora dove si mette a guardia la mercatantia e ove stanno e riparano e’ risedenti mercatanti e gente a guadagnare, e a salvare le loro mercatantie e merce e le loro scritture e cotale loro cose.2

Mercato in Toscana, e

Piazza in più lingue.

Bazarra e raba in genovesco.

Fondaco in più lingue.

Fonda3 in Cipri.

Alla in fiammingo. xxii

Sugo in saracinesco.

Fiera in Toscana e in più linguaggi.

Panichiero in grechesco.

Questi nomi vogliono dire luogora dove le mercatantie si vendono nelle cittadi e nelle castella e nelle ville—tutta maniera di vettuvaglia e cose bisognevoli per vita d’uomo, e biado e bestiame—i quali continuamente, e quali4 a certi tempi ordinati della settimana o vero mesi dell’anno.

Buglione e bolzonaglia vuol dire oro e argento in piastre o in verghe o in vasellamenta rotte d’argento, o in moneta d’oro o d’argento non correnti ne’ luoghi; e questo s’intende buglione siccome cosa rotta per
 [[ Print Edition Page No. 18 ]] 
disfare o per fondere; e la bolzonaglia si è tanto a dire come monete piccole non corsibole in quelli luoghi ove sono per fondere o per disfare.

Ghibba1 in fiammingo.

Torsello in più linguaggi.

Balla in più linguaggi.

Fardello in più linguaggi.

Pondo in più linguaggi.

Fardo in sorianesco.

Questi2 nomi vogliono dire balle di panni o d’altre merce che si legano per tenerle legate e per mandarle da uno luogo ad un altro e da uno paese ad un altro o per terra o per mare.

Sensale in più linguaggi.

Curattiere in più linguaggi.

Mezzano in più linguaggi.

Messetto in vinizianesco.

Questi nomi vogliono dire genti che si tramettono di fare mercati di mercatantie o d’altre cose che si comperano o vero vendono da uno mercatante ad un altro, e similmente di cambiare e d’ogni altra mercatantia che l’uomo volesse vendere overo comperare.

Canna e braccio e passo in più lingue.

Alla in francesco e in fiammingo e inghilese,3 e

Corda in proenzalesco.

Picco in grechesco e in peresesco e in più linguaggi.

Vara in ispagnuolo.

xxiii Questi nomi vogliono dire misure con che si misura panni lani e * tele line e zendadi ed altre cose che si misurano a conto di lunghezze.

Acra, atra4 in fiammingo e in brabanzone si è tanto a dire come a numero di tutte cose che si vendono ad acra5 o vero ad atra sì se ne dà 10 per una6 acra o vero per una atra.


 [[ Print Edition Page No. 19 ]] 

Tantaullo1 in tarteresco, guardia in più linguaggi. Questi nomi vogliono dire gente che guardano i luoghi e cammini per li signori e per li comuni.2

Giermo vuol dire in saracinesco grossi navili che portano le mercatantie da Damiata su per lo fiume insino al Cairo di Bambillonia e dal Cairo su per lo detto fiume insino al mare dell’India.

Turcimanno in più linguaggi, calamanci in tarteresco, sono gente che temperano e dànno a intendere linguaggi da uno linguaggio a un altro che non si intendessoro insieme.


 [[ Print Edition Page No. 20 ]] 

xxiv Quello che dee avere in sè il vero e diritto mercatante

Dirittura sempre usando gli conviene,

Lunga provedenza gli sta bene,

E ciò che promette non venga mancante;

E sia se può di bella e onesta contenenza

Secondo che mestieri o ragione intenda.

E scarso comperare e largo venda,

Fuori di rampogna con bella raccoglienza,1

La chiesa usare e per Dio donare

Crescie in pregio, e vendere a uno motto.

Usura e giuoco di zara vietare,

E torre via al tutto,

Scrivere bene la ragione e non errare.

Amen2


 [[ Print Edition Page No. 21 ]] 

1 AVISAMENTO DEL VIAGGIO DEL GATTAIO

Iper lo cammino della Tana ad andare e tornare con mercatantia

Primieramente, dalla Tana in Gintarcan si à 25 giornate di carro di buoi, e con carro di cavallo pure da 10 in 12 giornate. Per cammino si truovano moccoli assai, cioè gente d’arme. E da Gittarcan in Sara si à una giornata per fiumana d’acqua. E di Sara in Saracanco si à 8 giornate per una fiumana d’acqua, e puotesi andare per terra e per acqua, ma vassi per acqua per meno spesa della mercatantia. E da Saracanco infino in Organci si à 20 giornate di carro di cammello, e chi va con mercantia gli conviene che vada in Organci perchè là è spacciativa terra di mercatantia. E d’Organci in Ioltrarre si à da 35 in 40 giornate di cammello con carro. E chi si partisse di Saracanco e andasse dritto in Oltrarre si va 50 giornate, e s’egli non avesse mercatantia gli sarebbe migliore via che d’andare in Organci. E di Oltrarre1 in Armalecco si à 45 giornate di some d’asino, e ogni dìe truovi moccoli. E d’Armalecco insino in Camesu2 si à 70 giornate d’asino, e di Camesu2 insino che vieni a una fiumana che si chiama . . . si à 45 giornate di cavallo. E dalla fiumana te3 ne puoi andare in Cassai e là vendere i sommi4 dell’argento che avessi, però che làe è spacciativa terra di mercantia. E di Cassai si va colla muneta che si trae de’ sommi dell’argento venduti in Cassai, ch’è moneta di carta che s’appella la detta moneta balisci,5

2 che gli quattro di * quella moneta vagliono uno sommo d’arient o per le contrade del Gattaio. E di Cassai a Gamalecco, che è la mastra città del paese del Gattaio, si va 30 giornate.

IICose bisognevoli a mercatanti che vogliono fare il sopradetto viaggio del Gattaio

Primieramente conviene che si lasci crescere la barba grande e non si rada. E vuolsi fornire alla Tana di turcimanni, e non si vuole guardare a rispiarmo dal cattivo al buono, chè il buono non costa quello d’ingordo che l’uomo non—s’ene megliori via più; e oltre a’ turcimanni si conviene menare per lo meno due fanti buoni che sappiano bene la lingua cumanesca. E se il mercatante vuole menare dalla Tana niuna femmina con seco, sì puote, e se non la vuole menare non fa forza, ma pure se la menasse sarà tenuto di migliore condizione che se non la menasse, e
 [[ Print Edition Page No. 22 ]] 
però se la mena conviene che sappia la lingua cumanesca come il fante. E dalla Tana infino in Gittarcan si conviene fornire di vivanda 25 dì, cioè di farina e di pesci insalati, però che carne truovi assai per cammino in tutti i luoghi; e similmente in tutti i luoghi che vai da uno paese a un altro nel detto viaggio secondo le giornate dette di sopra, si conviene fornire di farina e di pesci insalati, chè altre cose truovi assai e spezialmente carne.

Il cammino d’andare dalla Tana al Gattaio è sicurissimo e di dì e di notte secondo che si conta per li mercatanti che l’ànno usato, salvo se il mercatante che va o che viene morisse in cammino ogni cosa sarebbe del signore del paese ove morisse il mercatante, e tutto prenderebbono gli uficiali del signore, e similmente se morisse al Gattaio. Veramente s’egli avesse suo fratello o stretto compagno che dicesse che fusse suo fratello, sì gli sarebbe dato l’avere del morto, e camperebbesi in questo modo l’avere. E ancora v’à un altro pericolo, cioè che quando lo signore morisse, infino che non fusse chiamato l’altro signore che dovesse signoreggiare, in quello mezzo alcuna volta v’è stata fatta novitade a’ franchi e ad altre stranee genti (i franchi appellan’eglino tutti i cristiani * 3 delle parte di Romania innanzi inverso il ponente), e non corre sicuro il cammino infino che non è chiamato l’altro signore che dee regnare appresso di quello che è morto.

Il Gattaio si è una provincia dove à molte terre e molti casali. Infra l’altre si à una, cioè la mastra cittade, ove riparano mercatanti e ove si fa il forzo della mercatantia, la quale cittade si chiama Canbalecco; e la detta cittade gira cento miglia ed è tutta piena di gente e di magione e d’abitanti nella detta cittade.

Ragionasi che uno mercatante con uno turcimanno e con due fanti e con avere della valuta di 25 migliaia di fiorini d’oro spenderebbe infino al Gattaio da 60 in 80 sommi d’argento volendo fare masserizia; e per tutto il cammino da tornare dal Gattaio alla Tana, contando spese di bocca e salario di fanti e tutte spese intorno a ciò, sommi 5 alla soma o meno. E puote valere il sommo da fiorini cinque d’oro. E ragionasi che ’l carro debba menare pure uno bue ed è ’l carro 10 cantara di Genova, e ’l carro di cammelli mena 3 cammelli ed è il carro 30 cantara di Genova, e il carro de’ cavalli mena 1 cavallo ed è ’l carro cantara 6½ genovesche di seta comunalmente, da libbre 250 genovesche. E uno scibetto di seta si ragiona da libbre 110 in 115 genovesche.

Ragionasi che dalla Tana in Sara sia meno sicuro il cammino che non è tutto l’altro cammino; ma s’egli fussono 60 huomini, quando il cammino è in piggiore conditione andrebbe bene sicuro come per casa sua.

Chi volesse muovere da Genova o da Vinegia per andare al detto
 [[ Print Edition Page No. 23 ]] 
luogo e viaggio del Gattaio, portasse tele, e andasse in Organci, ne farebbe bene; e in Organci comperasse sommi e andasse con essi avanti sanza investire in altra mercatantia, se già non avesse alquante balle di tele molto sottilissime che tengono piccolo imbuglio e non vogliono più di spesa che voglino altre tele più grosse.

E possono i mercatanti cavalcare per lo cammino o cavallo o asino o quella cavalcatura che piace loro di cavalcare.

Tutto l’argento che’ mercatanti portano e che va al Gattaio, il signore del Gattaio lo1 fa pigliare per sè e mettelo in suo tesoro, e’ mercatanti che ’l vi2 portano ne dà loro moneta di pappiero, cioè di carta gialla coniata della bolla del detto signore, la quale moneta s’appella balisci;3 della qual moneta * 4 puoi e truovi da comperare seta e ogn’altra mercatantia e cose che comperare volessi. E tutti quelli del paese sono tenuti di prenderla, e già però non si sopracompera la mercatantia perchè sia moneta di papiero; e della detta moneta di pappiero ne sono di tre ragione, che l’una si mette per più che l’altra secondo che sono ordinate a valuta per lo signore.

E ragionasi che al Gattaio arai da libbre 19 in 20 di seta gattaia recato a peso di Genova per uno sommo d’argento, che puote pesare da once 8½ di Genova ed è di lega d’once 11 e denari 17 fine per libbra. E ragionasi che arai al Gattaio da 3 in 3½ pezze di cammocca di seta per uno sommo, e da 3 e ½ insino in 5 pezze di nacchetti di seta e d’oro per uno sommo d’argento.

Mena4 di Sara fae al peso di Genova libbre 6,III once 2.

Mena d’Organci fae in Genova libbre 3, once 9.

Mena d’Oltrarre fae in Genova libbre 3, once 9.

Mena d’Armaleco fae in Genova libbre 2, once 8.

Mena di Camesu5 fae in Genova libbre 2.

TANA NEL MARE MAGGIORE

Alla Tana si à di più maniere pesi e misure come diviserà qui appresso, cioè:

Cantaro, ch’è cantaro genovesco.

Libbra grossa, che è ruotoli6 20 genovesche.

Ruotoli, che 20 ruotoli fanno 1 libbra grossa.


 [[ Print Edition Page No. 24 ]] 

Libbre sottili, che è libbra genovesca.

Tocchetto, che li 12 tocchetti fanno 1 libbra grossa.

Saggi, che li 45 saggi fanno uno sommo.

Picco.

Cera, e landano, ferro, stagno, rame, pepe, gengiovo, tutte spezierie grosse, cotone, robbia, e sevo, formaggio, lino, e olio, mele, e tutte le dette cose si vendono a libbra grossa.

Seta, zafferano, ambra lavorata a modo di paternostri, e tutte spezie minute si vendono a libbra sottile.

Vai a migliaio, 5 e dàssene 1020 per uno migliaio.

Ermellini a migliaio, e dàssene1 mille per 1 migliaio.

Volpi, zimbellini,2 faine, martore,3 lupi cervieri, e tutti drappi di seta o d’oro si vendono a pezza.

Tele e canovacci d’ogni ragione si vendono a picco.

Schienali si vendono a fascio, e dàssene 20 per uno fascio.

Cuoia di bue a centinaio di novero, e dàssene4 100 per uno centinaio.

Cuoia di cavallo e cavalline si vendono a pezzo.

Oro e perle si vendono a saggio.

Grano e tutti altri biadi e legumi si vendono alla Tana a una misura che si chiama cascito.

Vino greco e tutti vini latini si vendono a botte tale com’ella è.

Vino di Malvagia, vino di Triglia, e vini di Candia vi si vendono a metri.

Caviale5 si vendono a fusco, e ogni fusco si è uno mezzo cuoio di pesce e da mezzo in giù inverso la coda pieno d’uova di pesce.

IVDiritto di mercatantia che si paga alla Tana entrando; e niente si paga uscendo

Oro e argento e perle non pagano nè comerchio nè tamunga nè nullo diritto alla Tana.

Vino, e cuoia di bue, e schienali, e cavalline: queste cose pagano 4 per centinaio a’ genovesi et a’ viniziani, e tutta altra maniera di gente pagano6 5 per centinaio.


 [[ Print Edition Page No. 25 ]] 

Quello che si paga di pesaggio di mercatantia alla Tana 1

Seta, d’ogni libbra 15 aspri.

Tutte altre cose, d’ogni 3 cantara aspri . . .

Alla Tana si spendono sommi e aspri d’argento, e pesa lo sommo saggi 45 della Tana, e sono di lega d’once 11 e denari 17 d’ariento fine per libbra. E chi mette argento in zecca alla Tana, si fa la zecca d’uno de’ detti sommi aspri 202 a conto; e benchè la zecca ne faccia del sommo aspri 202, sì non * ne rende altrui altro che 190 aspri, 6 e lo rimanente si ritiene tra per farlo lavorare et per guadagno della2 zecca, sicchè aspri 190 vagliono uno sommo alla Tana. I quali sommi si dànno in pagamento di peso, in che sono verghe d’argento della sopradetta lega; le quali verghe non pesano però tanto l’una come l’altra, ma mette dall’una bilancia le verghe dello argento e dall’altra bilancia la quantità del peso de’ sommi che dee dare od avere; e se meno che peso d’uno sommo, si paga d’aspri. E ogni sommo conviene che sia a peso saggi 45 al peso della Tana.

E spendesi alla Tana una moneta ch’è tutta di rame sanza argento che s’appella folleri, che li 16 folleri si contano per uno aspro; e i detti folleri non si dànno nè si spendono in pagamento di mercatantia ma solamente in erbe e cose minute e bisognevoli per la terra.

VCome il peso e la misura della Tana torna in diverse parti del mondo, e quelle colla Tana, e primieramente con Vinegia

Cascito di biado alla misura della Tana fa in Vinegia staia 5.

Libbre 1 grossa della Tana fae in Vinegia libbre 30 sottile.

Tocchetto 1 della Tana fae in Vinegia libbre 2 e once 7 sottili.

con Napoli

Botte 1 di mena di Napoli di vino greco fae alla Tana metri 50.

CAFFA

A Caffa si à più maniere di pesi e misure siccome diviseremo seguitando, cioè:

Cantare, che è cantare genovesco. 7

Libbra grossa, che libbre 7 fanno 1 cantare in Genova.


 [[ Print Edition Page No. 26 ]] 

Ruotoli, che li 14 e 2/7 fanno 1 libbra grossa.

Libbre sottili, che è libbre genovesche.

Saggio, che è tutto uno col saggio di Pera.

Picchio.

Diritto di mercatantia che si paga in Caffa

Tutte maniere di genti salvo i genovesi pagano 3 per centinaio traendo e entrando.

Gienovesi pagano 3 1/2 per centinaio; e ’l mezzo è della comunità de’ genovesi medesimi, e li 3 per centinaio sono del signore di Caffa.

Come le misure e pesi di Caffa tornano con diverse terre e quelle con Caffa, e prima con Pera 1

Moggia 2 di biado alla misura di Caffa tornano in Pera 2 1/5 ricevuto in Caffa da’ genovesi, e se2 è ricevuto da’ tartari 2 1/4.

con Vinegia

Moggio 1 alla misura di Caffa fae in Vinegia staia3 4 1/3.

TORISI DI PERSIA

Torisi per se medesimo, e a che peso e a che misura vi si vendono le mercatantie

Tutte spetierie grosse si vendono in Torisi a centinaio di mene, e a pregio di tanti bisanti torrisini il cento delle mene.

Spezierie sottili si vendono a dicine di mene in Torissi.

Seta a mena grossa, e tele line a picchio.

Indaco a peso4 con tutta la ’nvoglia e cuoio.

Corallo, e ambra concia a modo di paternostri, et argento vivo, et vermiglione cioè cinabro, si vendono a dicina di mena di spetierie grosse.

Stagno a centinaio di mena di spetierie grosse.

Ciambellotti a pezze, 8 e drapperia di lana a pezza.

Perle a dicine di saggi, cioè perle di carati 2 1/2 insino in 14, cioè il filo che sono perle 36 a conto per filo; e da carati 14 in suso si vendono a saggio.


 [[ Print Edition Page No. 27 ]] 
Vai a migliaio di conto.
Dossi di vaio a centinaio.
Ermellini a 40 insieme.
Leopardi e martore } si vendono in Torissi a uno insieme.1
Faine }

Oro e argento si vendono, cioè l’oro a saggi e l’ariento a carati di pesi.

Tutte spetie grosse o sottili che sieno da garbellare si gherbellano in Torissi, e la garbellatura si rimane al venditore, salvo che della lacca, cioè che della garbellatura della lacca l’una metà è del venditore e l’altra del comperatore.

Di tutte spezie grosse o vuoi sottile si à il comperatore dal venditore 1/2 mena per dicina di peso, cioè che delle 4 1/2 mene che ’l comperatore riceve, paga il venditore per uno per 10 mene, e così per ragione del più e del meno che fusse il peso della spetieria.

In Torissi si spende moneta d’oro e d’argento. E quella dell’oro si chiamano casinini2 d’oro, che sono di lega di carati 23 1/8 d’oro fine per oncia; e fassene pagamento a peso di saggio, e ogni saggio a peso d’oro monetato del conio della zecca del signore si è uno casinino2 d’oro a pagamento, che vale da 28 a 29 aspri d’ariento torrisini l’uno.

E la moneta dell’ariento si è di lega d’once 11 e denari 17 d’ariento fine per libbra, e la zecca del signore batte di due maniere grossi d’ariento, cioè:3 grossi che n’entrano4 grossi 635 a conto per libbra di torrisini, li quali grossi li due si ragionano uno bisante torrisino in pagamento di mercatantia; e l’altra moneta è di grossi piccioli che n’entrano 190 a conto per una libbra di torrisini, i quali grossi piccioli s’appellano aspri, li quali aspri li 6 sono 1 bisante torrisino. La zecca torrisina dà d’ariento di sua lega, cioè di tenuta d’once 11 e denari 17 d’argento fine per libbra, aspri 190.

Diritto di mercantia che si paga a Torissi

Di ciò che comperi o vendi al peso di Torissi paghi bisanti 5 meno 1/2 aspro di camunoca per centinaio.

9 Drapperie di lana e tele e pelliccerie e ciambellotti e stagno e di ciascuna cosa che si vende a minuto e a misura si paga di camunoca 4 meno 1/3 per centinaio.


 [[ Print Edition Page No. 28 ]] 

E di senseraggio si paga uno mezzo per centinaio e piue quello che ti piace di fare cortesia al sensale.

Argento e perle sono franche, che non pagano tamenga nè all’entrare nè all’uscire.

VISpese che si fanno ordinatamente a conducere mercatantia da Laiazo d’Erminia infino a Torissi per terra

E ciò s’intende per una soma, e se più d’una soma fussino, sì s’intenderebbe per lo più e per lo meno all’avenante, e ciò come diviserà qui appresso e inanzi:

Primieramente tra Laiazzo infino al Colidara, cioè infino per tutte le terre del re d’Erminia, in somma taccolini 41 e denari 3½, di denari 10 il taccolino, per soma tanto di cammello come d’altre bestie; i quali taccolini vagliono aspri 41 per soma torrisina, ragionando il taccolino intorno d’uno aspro, e li 6 aspri torrisini vagliono bisanti uno torrisino.

A Gandon, cioè all’entrare delle terre di Bonsaet, cioè del signore de’ tarteri, per diritto per soma aspri 20.

Al detto luogo, cioè di Gandon, per guardare le some, aspri 3 per soma.

A Casena, aspri 7 per soma.

Al gavazera dell’amiraglio, aspri 2 per soma.

Al gavazera del soldano, aspri 2 per soma.1

A Gadue, aspri 3 per soma.

A gavazera di casa Jacomi, aspri 3 per soma.

All’entrare in Salvastro di verso Laiazo, aspri 1 per soma.

Dentro alla città di Salvastro, aspri 7 per soma.

All’uscire della città di Salvastro verso il cammino di Torisi, aspri 1 per soma.

10 A Dudriaga, aspri 3 per soma.

A Greboco, aspri 4 per soma.

A Mughisar per diritto, aspri 2½ per soma.

Al detto Mughisar per tantaulaggio,2 cioè3 per guardia, aspri ½ per soma.

Arzinga all’entrare della terra verso Laiazzo, aspri 5 per soma.

E per diritto dentro nella terra d’Arzinga, aspri 9 per soma.

E per li guardiani all’uscire d’Arzinga verso Torissi, aspri 3 per soma.

Al gavezera sulla montagna per diritto, aspri 3 per soma.

A Ligurti per diritto, aspri 2 per soma.

Al ponte a Cantieri per diritto, aspri 2 per soma.4


 [[ Print Edition Page No. 29 ]] 

Al detto ponte per tantaulagio, aspri ½ per soma.

Al gavazera fuori d’Arzerone verso Laiazzo, aspri 2 per soma.

A bagni d’Arzerone, aspri 1 per soma.

In Arzerone1 dentro nella terra per diritto, aspri 9 per soma.

In Arzerone medesimo di gratia al signore, aspri 2 per soma.

A bagni d’Arzerone verso Torisi, aspri 1 per soma.

A Polorbecch per diritto, aspri 3 per soma.

Al detto Polarbecche,2 aspri ½ per soma.

A Sermessacalo per tantaulaggio, aspri ½ per soma.

A Aggia per tantaulaggio,3 aspri ½ per soma.

A mezzo della piana da Aggio per diritto, aspri 3 per soma.

Al detto luogo per tantaulaggio, aspri ½ per soma.

A Calacresti per tantaulaggio, aspri ½ per soma.

Alle 3 chiese per tantaulaggio, aspri ½ per soma.

Sotto l’Arcanoe per diritto, 3 aspri, e per tantaulaggio, aspri ½ per soma.

A Scaracanti per tantaulaggio, aspri ½ per soma.

A Locche per tantaulaggio, aspri ½ per soma.

Alla piana di Falconieri per due tantaulagi, in somma aspri 1 per soma.

Alla detta piana per tavola, cioè per uno segnale del signore, aspri ½ per soma.

Alli Camuzoni per tantaulagio, aspri ½ per soma. 11

Alle piane del Fiume Rosso per tantaulaggio, aspri ½ per soma.

A Condro per tantaulagio, aspri ½ per soma.

A Sandoddi per tantaulagio, aspri ½ per soma.

In Torisi per tantaulaggio, aspri ½ per soma.

E per forza che fanno i moccoli, cioè tartari scherani, per cammino si può ragionare che ne tocchi alla soma da 50 aspri.

Somma che puote costare una soma di mercatantia per terra da Laiazzo d’Erminia infino a Torisi in Cataria come pare per le partite di sopra e a drieto per tutto aspri 209 la soma.

VIICome il peso e la misura di Torisi torna in diverse terre e quelle con Torisi, e primieramente con Trabisonda

Il peso e la misura di Torisi è tutt’uno con quello di Trabisonda. E da Torisi in Trabisonda si à per terra da 12 in 13 giornate di mercatante4 a cavallo e da 30 in 32 giornate di soma di carovana.


 [[ Print Edition Page No. 30 ]] 

Saggi di Torisi 100 fanno in Trabisonda saggi 93½.

E ragionasi che abbi di spesa a conducere la mercatantia di spetierie da Torisi in Trabisonda per terra da bisanti 27 torrisini il centinaio delle mene di Torisi. E ragionasi che abbia di spesa a conducere seta da Torisi a Trabisonda per terra da bisanti 1 meno ¼ torresino la mena. E ragionasi che costi a conducere 1 soma di tele line, ch’è da braccia 1800 in 2000 alla misura di Vinegia, da Trabisonda a Torisi per terra da bisanti 40 torrisini, e oltre a ciò d’altre spese da 4 in 5 per centinaio. E ragionasi che chi vuole andare con mercantia da Trabisonda a Torisi, che costi quella vettura a1 passaggio come da Torisi a Trebisonda, cioè alla soma.

12 Torisi con Pera e con Gostantinopoli

Saggi 100 di Torisi fanno 100¾ di saggio.2

Picchi 100 di Pera fanno in Torisi picchi 140.

Mene 100 di spetieria fanno in Pera libbre 288.

Mene 1 di seta di Torisi torna in Pera libbre 6, once 2.

Libbra 1 d’ariento al peso di Pera fae in Torisi saggi 73.

Torisi con Laiazzo d’Erminia

Mene 100 di spezierie di Torisi fanno in Laiazo ruotoli 15.

Mene 1 di seta di Torisi fae in Laiazzo occhie3 3¾ d’occhia, e d’occhie 12 per uno ruotolo di Laiazzo.

Marchi 1 d’ariento al peso di Laiazo fae in Torisi saggi 52.

Torisi con Famagosta di Cipri

Mene 100 di spezieria di Torisi fanno in Cipri ruotoli 40.

Mene 1 di Torisi di seta fae in Cipri occhie3 10¼, d’occhie3 12 per 1 ruotolo.

Marco 1 d’ariento di Famagosta fa in Torisi saggi 52.

Torisi con Vinegia

Mene 100 di Torisi di spezieria fanno in Vinegia libbre 300 sottili.

Mene 1 di Torisi di seta fae in Vinegia libbre 6¼ sottile.

Il peso del indaco4 di Torisi fae in Vinegia libbre 125 sottile.

Braccia 100 di tele line alla misura di Vinegia fanno in Torisi picchi 110.


 [[ Print Edition Page No. 31 ]] 

Marchi 1 d’ariento al peso di Vinegia fanno in Torisi saggi 55½.

Il bisante torisino si ragiona a comunal pregio in Vinegia soldi1 11, denari 6 a grossi di Vinegia, di denari 26 a grossi il viniziano grosso di Vinegia.

Torisi con Genova

Mene 100 di Torisi di spezieria fanno in Genova libbre 288.

Mena 1 di Torisi di seta fae in Genova libbre 6 e once 2.

Il peso dell’indaco di Torisi2 fa in Genova libbre 120 d’indaco netto.

Saggi 73 di Torisi fanno in Genova saggi 72 che sono libbre 1 in Genova. 13

Canne 100 di tele di Genova fanno in Torisi picchi 550.

TRABISONDA

Il peso e la misura di Trabisonda si è tutto uno col peso di Torisi.

Tutte spezierie grosse si vendono in Trabisonda a libbra grossa, cioè a ruotoli.

Tutte spezierie minute si vendono in Trabisonda a once grosse, d’once3 15 per una libbra grossa.

Tele si vendono in Trebisonda a picchio.

Argento si vende in Trabisonda a libbre sottile.

Diritto che si paga in Trabisonda

Chi porta mercatantia in Trabisonda o vendela nella terra a paesano, sì paga allo ’mperadore di Trabisonda 3 per centinaio, ma se la vendesse a genovesi o altre genti latine non paga niente.

E se quella mercatantia che porti in Trabisonda non la vuogli vendere in Trabisonda e vuollitene andare con essa a Torisi o vero mandarlavi, sì paghi al detto imperadore aspri 28 per soma e anche aspri 1 per soma al consolo.

E chi viene di Torisi a Trebisonda con mercatantia sì paga in Trabisonda aspri 15 per soma tanto di spetie come d’ogn’altra mercatantia tale chente ell’ene, aspri 14 allo ’mperadore e aspri 1 al consolo.

Come il peso e la misura di Trabisonda torna in certe terre, e quelle con Trabisonda, e primieramente con Pera e Gostantinopoli 4

Ruotoli 1 di Trabisonda fa in Pera libbre 15.

E ragionasi che puote costare di nolo la mercatantia di Pera in Trabisonda
 [[ Print Edition Page No. 32 ]] 
in galea armata da perperi 1 e ½ la balla delle tele, e di Trabisonda in Pera in galea armata la spezieria perperi 1½ il cantar genovesco, e seta e drappi d’oro da ½ in ¾ per centinaio; in legno disarmato la metà meno.

14 Trabisonda con Vinegia

Libbre 25 al peso di Vinegia fanno in Trabisonda libbre . . .

Libbre 25 al peso grosso di Vinegia fanno in Trabisonda libbre . . .

Libbre 25 al peso grosso di Trabisonda fanno in Vinegia carica 1, che è libbre 400 sottile di Vinegia la carica.

Once 11 d’ariento al peso di Vinegia fanno in Trabisonda libbre 1 sottile.

VIIIGOSTANTINOPOLI E PERA

Divisamento come si vendono e comperano tutte mercatantie in Gostantinopoli e in Pera e le spese che si fanno, e spezialmente in Pera però che la maggior parte colàe della mercantia che si fa o che si traffica ne’ detti due luoghi si fa in Pera, però che vi sono più del continovo i mercatanti; e d’altra parte Gostantinopoli si è di greci e Pera si è di franchi, cioè di genovesi. E da Gostantinopoli in Pera per terra si à da 5 miglia, e per mare mezzo miglio 1 2

In Gostantinopoli e in Pera si à di più maniere pesi e misure come diviserà qui appresso in questa altra faccia che segue:

Migliaio grosso, che è cantari 11 e ruotoli 11 genovesche.

Cantaro genovesco, che è libbre 150 genovesche.

Centinaio, che è libbre 100 genovesche.

Libbra genovesca,3 che è saggi 72.

Saggio, che è carati 24, perpero ch’è carati 24, e saggio, perpero è tutt’uno peso.

Moggio che è 4 quarte, e ogni quarta si è due pedalitre.

E perperi 100 al peso di Pera sono in Gostantinopoli pure perperi 994 e carati 8, di carati5 24 per uno perpero.


 [[ Print Edition Page No. 33 ]] 

15 A cantara si vendono

Indaco baccaddeo a peso,1 lo quale peso2 s’intende che debb’essere uno cantaro; e se colui che ’l compera lo vuole dal venditore sanza pesare ed e’ fusse poi più o meno d’uno cantaro, si è a prò e a danno del comperatore; ma quasi per tutti si pesa, e quando si pesa si paga, sì si paga per piue o per meno che fusse a ragione del cantare. E dàssi il cuoio e la ’nvoglia ov’elli ene, sanza farne nulla tara, per indaco, e non si garbella; e non si vede3 se non per uno picciolo pertugio onde se ne trae un poco per vederlo, e così è l’usanza là ne’ detti luoghi.

Cera, e se tiene cronco4 sì se ne fae tara per li taratori di Pera; erba da vermini; robbia, e dàssi il sacco per robbia sanza fare tara; allume d’ogni ragione, e se fosse rocca il sacco è legato—sì vi va il sacco e corda per allume.

Cuoia di bue, cuoia di bufolo, cuoia di cavallo, e quando li comperi le fai vedere a’ cernitori che sono sopra ciòe5 in Pera, e se sentono domoroso o di bagnato sì te ne fanno dare quello rifacimento che convenevole fusse; e questo è ordine di Pera e di Gostantinopoli, sanza farle ponere al sole salvo se ne fossero sconvenevolemente bagnato.

Sevo in parrocce,6 ferro d’ogni ragione, stagno d’ogni ragione, piombo d’ogni ragione.

Zibibbo, cioè uve passe e secche d’ogni ragione, e dàssi7 stuoia per zibibbo sanza farne tara, salvo se ’l zibibbo è di quello di Soria sì si fa tara delle sporte o vero cofani in che fusse, e le sporte e cofani in che sono rimanghino al comperatore per niente.

Sapone di Vinegia, sapone d’Ancona, e sapone di Puglia in casse, e fassi tara delle casse, e poi ch’è fatta tara della cassa sì rimane al comperatore per niente.

Sapone di Cipri e sapone di Rodi insaccato, e dàssi sacco per sapone sanza farne nulla di tara.

Mandorle schiacciate e insaccate, e dàssi sacco per mandorle, 16 salvo che s’avessero più d’uno sacco e corda, sì se ne rabbattono o se ne lievano, chè il comperatore non à dal venditore se none l’uno sacco ch’ell’à per mandorle, e dell’altro e della corda, se8 si pesano colle mandorle, sì se ne farebbe tara e la corda rimane per niente.


 [[ Print Edition Page No. 34 ]] 

Mele imbottato in otri, e fassi tara della botte o dello otro in che fusse, e poi che n’è fatto tara la botte o vero otro rimane al comperatore per niente.

Cotone mapputo, e dàssi sacco per cotone sanza tara.

Cotone filato, e fassi tara del sacco, e ’l sacco rimane al comperatore per niente.

Riso, e dàssi sacco per riso, e se fusse legato si fa tara della corda e la corda rimane al venditore.

Galla di Turchia d’ogni ragione, e se fusse in sacco pesasi col sacco e dàssi il sacco colla galla sanza farne tara.

Fichi secchi di Maiolica e di Spagna in isporta.

Orpimento e dàssi sacco per orpimento.

Asfrole, e fassi tara del sacco e della corda, e poi che n’è fatto tara rimane il sacco e corde al comperatore per niente.

Alcana, e il sacco si dà per alcana, salvo che il sommo se ne fa tara 4 per centinaio, e cosi è l’usanza.

E ’l comino, e dàssi sacco col comino, e se fusse legato con corda si fa tara e la corda rimane al comperatore per niente.

Fistuchi, e dàssi con esso il sacco e non se ne fa tara, salvo s’avessono più d’uno sacco per pondo sì si farebbe tara del piue, e l’uno rimane al comperatore per niente.1

Zolfo, e del sacco e del barile in che fusse si fa tara, e poi rimane il sacco o vero barile al comperatore per niente.

Sene, e fassi tara del sacco e il sacco rimane al comperatore.

Pecie, e fassi tara della stuoia e la stuoia rimane al comperatore.

Mordasangue, e dàssi il sacco e non si fa tara.

Carne insalata, formaggio.

17 Lino d’Allessandria, e dàssi sacco per lino salvo che se * n’abatte 4 per centinaio, e il sacco rimane al comperatore per niente.

Lino di Romania, e dàssi sacco per lino sanza farne tara.

Lana da ciambellotti, e del sacco si fa tara, e il sacco rimane al comperatore per niente.

Lana lavata di Romania, lana sucida di Romania, lana sucita o lavata di Turchia, e dàssi sacco per lana sanza farne nulla tara.

Castagne, e dàssi sacco per castagne sanza nulla tara.

Quello si vende a centinaia in Gostantinopoli e in Pera

Pepe tondo, e garbellasi; e gengiovo, e garbellasi.

Verzino scorzuto, e dàssi legato con una corda d’erba, della quale si fa tara.


 [[ Print Edition Page No. 35 ]] 

Lacca, e non si garbella; zettoara, e garbellasi.

Ingenso, cioè incenso, e garbellasi.

Zucchero e polvere di zucchero d’ogni ragione, e delle casse o vero botte in che fossero si fa tara, e le casse o vero botte rimangono al comperatore per niente.

Aloe d’ogni ragione, e del cuoio in che fusse si fa tara, e il cuoio rimane al comperatore per niente.

Argento vivo, e pesasi col bachile della terra e cuoio e corda in ch’egli è, e poi si fa tara del detto bachile e cuoio e corda,1 rimangono al comperatore per niente.

Cassa fistola, e fassi tara della stuoia2 in ch’ella è, e poi rimane al comperatore per niente.

Salarmoniaco, cioè lisciadro, e non si dà nè sacco nè cassa con esso.

Cinabro, cioè vermiglione; cannella, e garbellasi.

Galbano3 e garbellasi.

Landano di Cipri, e dàssi sacco per landano a peso.

Mastico, e garbellasi, e fassi tara della garbellatura e del cofino, e la garbellatura si è del venditore e il cofino si è del comperatore.

Rame, e se si pesa col barile sì si fa tara del barile, e poi il barile è del comperatore per niente.

Ambra grossa e mezzana e minuta non lavorata, e il venditore dà al comperatore o cassa o sacco in che fusse per niente, ma se avesse corda o altra invoglia la corda e invoglia rimane al venditore.

Corallo scorzuto, 18 e garbellasi perchè tiene certa mondiglia che se ne spicca per lo involgere che se ne fa quando si garbella.

Corallo pulito e concio mezzano e minuto, ed àe il comperatore dal venditore per lo modo dell’ambra.

Quello che si vende a libbra in Gostantinopoli e in Pera, cioè a dicine di libbre

Seta cruda d’ogni ragione, e pesasi a bilancia picciola a quattro dicine per volta e non più, e il venditore si dà al comperatore la miccia in ch’ella ene insaccata e la corda con ch’ella è legata per niente, e tutte l’altre invoglie rimangono al venditore. E il comperatore dè dare per vino4 al fante del venditore carati5 4 per fardello di seta.6


 [[ Print Edition Page No. 36 ]] 

Zafferano d’ogni ragione; e fusti di gherofani.

Gherofani e garbellasi; e cubelibe d’ogni ragione, e garbellansi.

Legnio <aloe1>; e riubarbero, e garbellasi; macies, e garbellasi.

Pepe lungo; galiga, e garbellasi; caffera rotta.

Noce moscade, e gherbellansi; spigo, e gherbellasi.

Cardamone d’ogni ragione, e gherbellansi.

Scamonea, perle da pestare, manna, borrace, gomerabica.

Sangue di dragone, squinanti, turbitti, zendadi d’ogni ragioni.

Confetti d’ogni ragione, oro filato d’ogni ragione.

Seta cotta d’ogni ragione.

Ambra lavorata a modo di paternostri o in altro lavoro che siano forati e infilati, e fassi tara del filo.

E similmente tutte altre spezierie sottili e minute vi si vendono a libbre sottili, e il sacco o invoglia o altro vasello in che fussino le dette cose si rimane al comperatore per niente poi che n’è fatta tara.

Oro o argento filato da Lucca o di Genova o di Provenza vi si vendono a centinaio al modo che si vende a Lucca.

Perle minute vi si vendono a peso di libbre, d’once, di saggio, e di carati, secondo loro grossezza e loro bontade.

A dicine di pezze si vendono

Bucherami d’Arzinga, bucherami di Cipri, e la cassa in che fussino rimane al comperatore per niente.

19 A pezza si vendono

Velluti di seta, e cammucca, e maramati, e drappi d’oro d’ogni ragione, e nacchetti d’ogni ragione, e nacchi d’ogni ragione, e similmente drappi d’oro e di seta salvo zendadi.

Ciambellotti a pezza secondo ch’ell’è grande o piccola.

A centinaio di picchi di Gazeria si vende 2

Tele, canovacci d’ogni ragione, salvo tele di Campagna che si vendono come diremo qui appresso. E chi vende sì dà3 la corda, e ’l canovaccio ch’è intorno alla balla si à il comperatore per niente, e la ’nvoglia lana ch’è dentro alla balla sì la conta il venditore al comperatore per quello che se ne possono convenire insieme.


 [[ Print Edition Page No. 37 ]] 

Tele di Campagna si vendono a pezza, e intendesi che la pezza sia di 42 1/2 in 43 picchi di Gazeria,1 sicchè da pezze 2 1/3 si ragiona che facci 100 picchi di Gazeria. E il comperatore si à dal venditore corda e invoglia per la maniera dell’altre tele e canovacci.

Panni franceschi od oltramontani si vendono a pezza o a livrate o a reali. E se vendi a livrate o a reali sì li dai come sono taccati sanza misurarli, salvo se in sul panno fusse segnato alcuna cortezza, che dove vi fusse segnato, e il venditore lo rifarrebbe al comperatore quella cotale cortezza che taccata o segnata vi fusse. E se vendi a pezza e none a livrate nè a reali, sì conviene che ’l venditore faccia al comperatore ciascuna pezza tanti picchi secondo la terra ove il panno è fatto, come dirà ordinatamente in questo libro; e se fusse meno si è tenuto il venditore al comperatore di rifargliele fino al compimento della sua lunghezza; e se fusse più lungo che non è scritto qui a piede, quanto che fusse il piue si è del comperatore per niente. E il picco a che si misurano i panni si è uno picco per sè da quello delle tele, ed è minore che ’l picco di Gazeria a che2 si misurano le tele tanto che picchi 1 1/2 di panni lani fa picchi uno di Gazaria; e le 12 canne di Firenze fanno picchi 50 a quello de’ panni.

20 Gostantinopoli e Pera: lunghezze di panni

Celona picchi 44
Tornai picchi 54
Belvagio picchi 48
Bagnuolo picchi 43
Castellonuovo picchi 66
Parigi picchi 60
San Donigi picchi 54
Tolosa3 picchi 44
Nerbona picchi 44
Carcasciona <picchi> 44
Bindersi picchi 44
Pirpignano picchi 44
Monteulivo4 picchi 44
Borsella picchi 54
Mellino picchi 44
Loano, della picciola magione picchi 32
Loano, della gran magione picchi 44
Bruggia picchi 44
Vergati di Guanto picchi 46
Vergati di Poponlugnio picchi 44
Coperture d’Ipro5 picchi 44
Tritane picchi 44
Bianche di Nerbona picchi 22
Bianche6 di Bagnuolo picchi 42
Anversa picchi 42
Vinegia picchi 40
Milano picchi 44
Conmo picchi 44
Firenze picchi 48

 [[ Print Edition Page No. 38 ]] 

Panni fiorentini si vendono a pregio di tanti carati1 il soldo della valuta della canna, cioè se la canna è segnata in2 sul panno soldi3 40 a fiorino e il pregio della vendita si è a ragion di carati1 15 il soldo a fiorino sì si multiprica 15 carati4 vie 40 fanno 600 carati,4 di 24 carati4 uno perpero, che montano perperi 25, e perperi 25 monterà la pezza del panno di soldi3 40 a fiorino la canna. E il panno dè essere 12 canne di Firenze, che le contano per 48 picchi, e se fusse meno che 48 picchi sì lo dee rifare il venditore al comperatore insino nella 21 * somma de’ 48 picchi, e s’è più di 48 picchi sì si conta il più al meno per la ragione di 48 picchi.

E vendendo i panni in grosso, se il comperatore gli truova legati, sì dee avere dal venditore la invoglia e la corda della balla e le maestre corde dentro tutte per niente. Ma se truova panni sciolti fuori delle balle quando gli viene a vedere, non dee avere se non le maestre corde dentro per niente. E se i panni avessino bandinelle, allora in che modo il comperatore truova i panni, dè avere co’ panni quelle bandinelle che avessero e non più.

Vai crudi e pance di vaio e dossi di vaio, scheriuoli di Schiavonia si vendono a migliaio, e dàssene 1030 per uno migliaio.

Scheriuoli di Puglia a centinaio di novero di 100 per uno si vendono.

Martore e faine si vendono a centinaio di novero, di 100 per uno centinaio, salvo che si veggono per li veditori del comune di Pera chiamati sopra ciò, e se v’à de’ rei sì ne dà due rei per uno buono, e talora più e meno secondo come sono buoni et rei.

Becchime, cioè cuoia di becco e di montone, si vendono a pregio di tanti perperi il centinaio a novero; e se v’à da fare tara, sì se ne fae; e chi ne compera tante che sieno una balla si à la corda con che sono legate per niente.

Mandorle col guscio si vendono a novero a pregio di tante migliaia di mandorle a perpero come il venditore e ’l comperatore se ne convengono.

Datteri si vendono a migliaio di novero, e il cufino rimane al comperatore per niente.

Nocelle si vendono a moggio o di Pera o di Gostantinopoli secondo il patto, e torna il centinaio delle nocelle di Napoli in Gostantinopoli moggia 56½ e in Pera moggia 60 di Pera. E quando il venditore le misura al comperatore, sì li dàe per niente, cioè il sacco del canovaccio in che sono.

Noce si vendono a novero a pregio di tante migliaia a perpero.


 [[ Print Edition Page No. 39 ]] 

Schienali di storioni insalati si vendono a migliaio a novero, cioè mille appunto per uno migliaio, e fannosi termini d’aroti e d’ogn’altra malitia.

Sale si vende a moggio della misura del moggio del biado.

Olio chiaro e giallo di Vinegia, olio chiaro e giallo della Marca, olio di Puglia, olio di Gaeta e d’ogn’altra parte che venga in botte si vende a pregio di tanti perperi1 la botte di mezzo migliaio di Puglia o vero a botte di mena di Napoli; 22 * e dè tenere la botte di mezzo migliaio di Puglia e laine2 57, e la botte di mena di Napoli dee tenere laine 76, e chi vende a botte la dee fare di tante laine secondo chente è la botte del vino de’ detti luoghi a che il vendi. E la botte rimane al comperatore per niente vendendo a botte; ma se vendessi a laine e non a botte, la botte rimane al venditore e non al comperatore; ma quasi tutto vi si vende a botte, spezialmente chi vende in grosso, ma chi vende a minuto vende a laine a pregio di tanti carati la laina.

E tutto altro olio che vi viene in giarre si vende a pregio di tanti perperi1 la giarra; e la giarra dè essere piena insino al collo, e se fusse scema sì la riempie, e la giarra della terra si è del comperatore per niente. Ragionasi che la giarra di Sobilia di terra faccia da laine 8¼ in 8½.

Grano e orzo e tutti biadi e legumi vi si vendono a moggio a pregio di tanti aspri il moggio o di Pera o di Gostantinopoli, e ogni moggio si è 4 quarte e ogni quarta si è due pendaltre, e vendonsi a minuto a moggio e a quarte e a pendaltre e a mezzo pendaltre come la minuta gente ne vuole. E ’l moggio di Gostantinopoli si è maggiore che quello di Pera da 6 in 7 per centinaio.

Vino greco si vende a pregio di tanti perperi la botte di mena di Napoli, la quale si ragiona che tenga 48 metri, e se fusse sciema sì la riempie il venditore al comperatore, e la botte rimane al comperatore per niente.

Vino di Turpia di Calavria e vino di Patti di Cicilia e vino di Pescia3 di Puglia vi si vende per lo modo del greco.

Vino di Cutrone di Calavria vi si vende a pregio di tanti perperi la botte, e portavisi il più in botte che si portano da Vinegia a Cutrone, che sono di tenuta di . . . bigonce di Vinegia, la quale botte dee tenere metri 45 di vino alla misura di Gostantinopoli. E se meno tenesse si è tenuto il venditore al comperatore ad empierla insino in 45 metri, salvo che se il venditore dicesse al comperatore ‘I’ la vendo tale com’ella è, poco o assai ch’ella tenga,’ non è poi tenuto al comperatore di rimisurargliele nè di rifargli niente, ma dove non gliele dicesse converrebbe pure che gliele facesse 45 metri il frusto della botte vota. E la botte rimane al comperatore per niente.


 [[ Print Edition Page No. 40 ]] 

Vino della Marca si vende in botte o in carratello come sono.

Vino di Creti si vende a centi di metri a pregio di tanti perperi il centinaio de’ metri, e misurasi, e la botte rimane al comperatore per niente.

23 Vino di Romania bassa vi si vende anche come quello di Creti.

Vino del paese vi si vende a pregio di tanti perperi il centinaio de’ metri, e se ene in botti la botte rimane al venditore per niente, e se ene in giarra, sì sono le giarre del comperatore, e alcuna volta si vende a centi di giarre.

La moneta che vi si spende

In Gostantinopoli e in Pera si spendono di piue maniere monete, che primamente in tutti pagamenti di mercatantia si spendono e si dànno in pagamento a peso di bilance una moneta d’oro che s’appellano perperi, i quali sono di lega di carati 11 d’oro fine per oncia, e lo rimanente della lega infino in 24 carati sì ne sono li 6 carati d’argento fine e li 7 di rame per ogni oncia. Ogni perpero si conta in pagamento 24 carati, sicchè il perpero ene 24 carati e 24 carati sono uno perpero, e similmente il perpero si conta per uno saggio peso e uno saggio si conta uno perpero peso, sicchè chi dee avere 100 perperi sì mette 100 saggi pesi dall’una bilancia e dall’altra bilancia sì mette tanti pezzi di perperi d’oro che fanno il detto peso di 100 saggi; e per la detta ragione se il pagamento si dovesse fare di minore o di maggiore somma di perperi, così si metterebbe meno o più pesi di saggi nella bilancia, sicchè il pagamento di perperi si fa a peso e non a novero di conto.

E spendesi ne’ sopradetti luoghi ad minuto una moneta d’argento che ne vanno 12 per uno perpero e sono di lega d’once . . . d’ariento fine per libbra. E mettesi il detto grosso per 81 tornesi piccioli l’uno.

E spendesi un’altra moneta ch’è tutta di rame che si chiamano stanmini, e il tornese picciolo si conta per quattro stanmini, ma a questi stanmini non si fa nullo pagamento se none in passaggio di Gostantinopoli per lo paese, e per erbe e cose minute.

E spendevisi grossi viniziani d’argento di Vinegia, e vanno per uno perpero secondo che l’argento è caro o vile da 12½ in 13, e contasi il detto grosso di Vinegia per denari 8 tornesi piccioli l’uno come lo grosso grande del perpero detto di sopra.

Argento in pezzi si vende ne’ sopradetti luoghi a libbre, e della maggiore parte se ne fa sommi d’ariento che sono di lega d’once 11 e denari
 [[ Print Edition Page No. 41 ]] 
17 fine per libbra, i quali sommi si portano in Gazera e insino al Gattaio; e i detti sommi sono verghe d’argento che non sono iguali di peso, ma quale pesa più e quale meno * come vengono gittate, 24 ma sottosopra puote pesare l’una da once . . .

Oro massiccio in verghe, oro di lega ch’è di 23½ carati, oro di tanga, si vendono in Gostantinopoli e in Pera a saggio, di tanti carati il saggio peso.

Diritti che si pagano in Gostantinopoli di mercatantie che vi si mettono o tragono per li mercanti al comerchio dello imperadore

Gienovesi e viniziani sono franchi entrando e uscendo, che non pagano niente.

Pisani pagano di tutta la mercatantia che mettono in Gostantinopoli 2 per centinaio di ciò che vale la mercatantia in Gostantinopoli sanza abatterne nulla spesa fatta in essa, e oltre 2 per centinaio di ciò che ne traggono, e di ciò che traggono non sono costretti a pagare se non quando tragono. E altrettanto pagano a Pera.

Fiorentini, provenzali, catalani, anconetani, ciciliani e tutti altri strani pagano 2 per centinaio <entrando e 2 per centinaio>1 usciendo di ciò che vale la mercatantia, e sono costretti a pagare a una ora l’entrata e l’uscita, e poi sono signori di trarre quando e’ vogliono sanza pagare altro diritto, salvo che la moneta che prendi della tua mercatantia non usi di trafficare in comperare e rivendere nella terra, se non comperare per trarre; ma se comperi per rivendere nella terra, ogni volta che comperi e vendessi nella terra paghi 2 per centinaio. E se navicano dentro al Mare Maggiore, quando tornano pagano di ciò che recano 2 per centinaio e non più niente.

E quando si paga il diritto al comerchio sì se ne prende una poliza scritta di mano del comerchiaro, che se non2 traesse al tempo di quello comerchiaro, però che sta nello uficio uno anno e non più, puossi trarre al tempo dell’altro comerchiaro che venisse al detto comerchio e mostrargli per la detta poliza come avesse pagato l’entrata e l’uscita all’altro comerchiaro che uscito fusse avanti a quello che venisse.


 [[ Print Edition Page No. 42 ]] 

E vuolsi avere a mente che chi fa onore a’ comerchiari e dona loro alcuna cosa o danari, e a loro scrivani e turcimanni, 25 * ellino sì passano molto cortesemente e sempre ragionano la mercatantia che tu metti meno ch’ella non vale.

Avisamento dello svario che à da una ragione di grano a un’altra in Gostantinopoli e in Pera, e quanto è migliore l’una ragione di grano dell’altra

Grano di Rudistio si è grano che nasce nella Grecia di Gostantinopoli ed è il migliore grano di Romania, e sempre si vende più caro carati1 6 in 8 il moggio che quello di Caffa, sicchè grano di Caffa viene presso a quello di Rudisto.

Grano di Caffa è ’l migliore grano che sia nel Mare Maggiore e in Gazeria, e vale più che non vale grano di Lifetti del Mare Maggiore carati2 2 in 4 il moggio, sicchè tutto grano del Mare Maggiore vale quanto quello di Caffa salvo quello di Lifetti che non è sì buono grano come quello di Caffa e delli altri porti del Mare Maggiore.

Grano dell’ Asilo3 vale quasi a uno pregio con quello di Caffa e non à quasi di svario dall’uno4 all’altro, ma sempre si troverebbe comperatore più tosto di quello di Caffa che di quello dell’Asilo.

Grano da Maocastro è appresso all’Asilo e va quasi a uno pregio benchè quello dell’Asilo non sia migliore—pure è più vendereccio e conservasi meglio a navicarlo.

Grano di Varna e della Zaorra e di Vezina e di Sinopoli è peggiore grano che neuno degli altri detti di sopra e vagliono questi grani sempre peggio che quello di Rudisto carati5 12 in 14 il moggio, e quello di Caffa e di Gazeria del Mar Maggiore da carati6 6 in 8 il moggio. E grani di questi luoghi come Varna e di tutta la Zaorra7 e di Vezina e di Sinopoli tutti vanno a uno pregio, e altri grani non à in Romania da nome.

Orzo vale più quello di Rodisto che quello di Caffa carati8 4 il moggio, e più quello di Caffa che quello di Varna carati 2 in 3 il moggio. In oggi9 d’altre parte non ve ne viene da fare menzione.


 [[ Print Edition Page No. 43 ]] 

26 Quello che à di svario gli allumi in Gostantinopoli e Pera

Allume di rocca di Colonna1 è il migliore e lo meglio che si lavori nello Levante e nello imperio di Romania, e vale più che allume di sorta della buona luminiera da carati 12 in 15 il cantare.

Allume di sorta della buona luminiera va appresso della rocca di Colonna e vale meglio che allume di Foglia da carati 9 a 12 il cantaro.

Allume di Foglia va appresso della sorta della buona luminiera e vale meglio che allume del Cotai, cioè d’Altoluogo, da carati 6 in 8 il cantare.

Allume dal Cotai2 e d’Altoluogo va appresso d’allume di Foglia e vale meglio che allume lupaio turchesco da carati 4 in 6 il cantare.

Allume lupaio va appresso di Coltai d’Altoluogo e vale meglio che allume chisico3 e giachillo e corda da carati 3 in 4 il cantare.

Allume chisico, allume ghiaghillo, allume corda sono le piggiori sorte d’allume ch’escano di Romania o di Turchia.

Quello che ànno di svario di pregio e di sorte le cere di Romania e del Mare Maggiore che discende in Pera e in Gostantinopoli; e la cera zavorra è la migliore che discenda di detti luoghi, cioè in Romania 4

Cera zavorra è la migliore cera che discenda in Romania, e vale meglio che cera gittata in pani5 da 11 in 12 carati il cantare, ed è gialla e colorita più che l’altra ed è netta cera.

Cera gittata in forma e in pani va secondo quella della Zavorra e vale meglio che quella ch’è gittata in forma alla Tana da 11 in 12 carati il cantare, ed è netta cera.

Cera gittata in forma alla Tana non è così colorita cera nè così netta cera come quella gittata in pani, e tiene cronco, cioè ordura.6 Va secondo quella gittata in pani.

Quello che si paga pesaggio di mercatantia in Gostantinopoli e in Pera

27 Di tutto avere di peso che si pesa a cantara si paga ciascuno * delle parte, tanto il venditore come il comperatore, carati7 3 per dicina di
 [[ Print Edition Page No. 44 ]] 
cantare, salvo i genovesi, che sono franchi in Pera che non pagano niuno pesaggio. Ma i viniziani e tutta altra maniera di gente paga le dette carati1 3 per dicina di cantara.

E di tutto avere che si pesi a cento paga ciascuna delle parte carati1 una per centinaio di peso.

E di seta, di zafferano, di tutte spezierie minute che si vendino a decina di libbre2 e a libbra paga ciascuna delle parte carato1 ½ per dicina di libbre2.

E non se’ tenuto di fare nulla cortesia al pesatore nè altri, nè allo scrivano del peso, ma tuttavia perchè mantenga la tua ragione gli sì pure dona alcuna piccola cosa secondo la quantità della cosa che gli fai pesare, da carati1 2 in 6. Se non gli dessi niente non lo domanderebbe.

E tutte le cose che si pesano il venditore le dee fare portare e porre al peso, e ’l comperatore le se ne fa levare e portare poi a casa sua, e puote costare di portaggio, secondo che il magazzino è presso o da lungi, da 8 a 12 carati a cento delle cantare,3 salvo che allume non à tanto di spesa perchè il pesatore il va a pesare all’ostello o vero al magazzino del venditore—puossi ragionare che allume costi al venditore di porlo al peso da quattro o 6 carati le cento cantare.

Quello che si paga di garbellatura

E di spezierie è mestier che si garbellino in Gostantinopoli o in Pera, la quale garbellatura paga il venditore e il comperatore, tanto l’uno come l’altro per parte, come dirà appresso:

Pepe, e incenso, giengiovo, mastico, cannella, zettovare, e di tutte altre spezierie grosse che si garbellano, carati uno per centinaio di peso.

Gherofani, perchè sono fatichevoli a scergli, carato uno per dicina di libbre2.

Cubebe, macie, noce moscade, ribarbero, galinga, gordomoni, ispigo, legno aloe, e di tutte altre spetierie sottile che si garbellano, carati 3 per centinaio di libbre2.

28 Quello che si paga di senseraggio di mercatantie in Gostantinopoli e Pera

Di tutte mercatantie che si pesano o che non si pesano paga ciascuna delle parti carati 4 per 100 di perperi.

Di panni lani, d’onde che sieno, vendendo in grosso, da ciascuna delle parte carati 4 per 100 di perperi; e se vendessi pure una fino in 3 pezze paga carati 3 per pezza.


 [[ Print Edition Page No. 45 ]] 

Drappi a oro, ciambellotti, drappi di seta, da ciascuna delle parti carati 4 per 100 di perperi.

Di biado o di grano, da ciascuna parte carati 4 per 100 di perperi.

D’olio, da ciascuna delle parti carati 4 per 100 di perperi; e se vendesse l’olio pure a una o 2 botte insieme, si paga pure carati 2 per botte da ciascuna parte.

Vini grechi o d’altri vini, vendendo in grosse somme, carati 6 per cento di pipperi;1 e se lo vendi a minuto, da 25 botti in giuso, carati 2 per botte da ciascuna delle parte.

E benchè qui di sopra dica che si paga pure carati 4 per cento di perperi, e pertanto sì se ne dà per li mercatanti più carati per 100 di perperi, e però non si vuole ragionare meno che carati 6 per 100 di perperi.

Di cambiora a contanti, <o> per lettera a salvi in terra o a rischio, o d’oro o d’argento o sommi, dall’uno come dall’altro, carati 2 per 100 di perperi.

Di navoleggiamenti, da ciascuna delle parti carati 6 per 100 di perperi2 della montanza3 del nolo del legno noleggiato; ma pur fanno a vista, e dannano il padrone del navilio, o vero il mercatante che navoleggia, al sensale secondo come si terranno serviti o l’uno o l’altro, da 10 in 25 perperi per parte, secondo che è il navile; che se fosse per centinaio non darebbe se non è a ragione della montanza del nolo.

E se comperi in Pera allo ’ncanto alcuno gioiello o pietra o vasello d’oro o d’ariento, paga ciascuna delle parte carati 1 per perpero, che monta <per le cento perperi> a le perperi 4 e carati 4.4

Quello che si paga di legatura <di> balla o pondi in Gostantinopoli e in Pera

Seta a legarla bene, del fardello carati 8.

29 Di tutte spezierie che si leghino a pondo si vogliono carati ½ per pondo.

Allume per insaccare, e cucire le sacca, e legare e segnare le sacca, secondo il temporale che ’l fai fare talora per meno e talora per piue, ma sottosopra si può ragionare da carati 1 per balla.

Di bucherami, per cassa da carati 2½ in 3 carati.

Di zucchero in pani per metterlo in botti carati 1 per centinaio di peso.


 [[ Print Edition Page No. 46 ]] 

Spese che si fanno a chi compera grano o altro biado

Primieramenti, se ’l comperi grano che sia ancora in sul navilio sì1 costa per discaricarlo del navilio in terra e metterlo in magazzino carati 14 in 16 per 100 di moggia.

E per loghiera del magazzino il mese da perperi 1½ in 2 per 100 di moggia.

E chi il tenesse tanto o quanto in magazzino gli costa per farlo spaleggiare ed altre spese minute da carati . . . per 100 di moggia.

E per senseraggio carati 6 per 100 di perperi.

Spese che si fanno in Gostantinopoli e in Pera di panni lani

Per farlo piccoare, cioè misurare, carati ½ da ciascuna parte per pezza.

E per farli vedere di macchie o di taccie, per ciascuna parte carati ½ per pezza del tacciato.

E per fargli piegare paga il comperatore niente, il venditore carato 1 per pezza.

A chi riceve olio da ponente in Gostantinopoli, perchè quasi tutto la maggiore parte si dichiara in Gostantinopoli: Gostantinopoli e Pera per ispese che si fanno d’olio

Primieramente olio in botti per conducerlo dalla marina al magazzino tra per carta e bastagi, carati 2 <per> botte.

E per loghiera di magazzini si ragiona comunalmente da perperi 3 in 4 per 100 di botti, di ½ migliaio2 di Puglia la botte.

E per misuraggio quando lo vendi carati 2 per botte.

30 E chi ritiene olio in giarre di ponente, costa per barche * che stanno <di> continovo al legno,3 tanto quanto si pena a discaricarlo, a4 riceverle come si traggono di navi, e per bastagi che le traggono delle dette navi o barche e che portano le giarre dalla marina a magazzino e stivanle5 nel magazzino, da carati 16 per 100 di giarre.

E per loghiera del magazzino, secondo ch’egli è buono e grande e sicuro, per mese da perperi 1 a6 1½ per 100 di giarre.

E quando vendi l’olio in giarre non ai a pagare niente, perchè non si misurano; nè di riporle nè di portarle non ai a pagare niente, chè tutto
 [[ Print Edition Page No. 47 ]] 
paga il comperatore. Può costare al comperatore, tra in porle e portarle a casa sua, da carati 10 in 12 per 100 di giarre.

Spese che si fanno in Gostantinopoli e Pera di quoia

Primieramente, chi ricevesse1 quoia in navilio, costa per discaricarle dalla nave e metterle in terra alla marina e portarle dalla marina al magazzino da carati 6 in 8 per 100 di cuoia.

E per portarle al peso quando le vendi, da carati 6 in 8 per 100 di cuoia.

Per farle cernire a’ cernitori del comune e trarre le ree e le vane, da ciascuna parte carati 3 per 100 di cuoia.

E per farne levare le corna, e chi volesse mandare le cuoia in ponente, da carati 10 in 12 per 100 di cuoia, e le corna sono del signore delle cuoia.

Gostantinopoli e Pera per ispese che si fanno di vini di ponente

Primieramente, per portare il vino dalla marina al magazzino e per istivarlo nel magazzino, da carati 1½ in 2 per botte.

Per loghiera di magazzino ne puote venire per una botte da carati ½ in 1 il mese.

E per farlo gustare, e vedere le botte come sono sceme, da carati 6 per 100 botti.

E per farlo vedere a’ cernitori che ne traggono fuori quello che dè essere recuso, da carati 6 in 12 per 100 di botti.

E quando vendi, il venditore sì ’l fa trarre fuori del magazzino le botti, e se alle teste delle botti manca cerchio niuno, quelli cerchi che mancano nelle teste sì gli dee rifare il venditore al comperatore; ma se i cerchi delle teste sono alle botti e tutti gli altri cerchi ne fussino fuori, non è tenuto il venditore * di fare niuno cerchio al comperatore. 31 E puossi ragionare tra trarle del magazzino e facimento di cerchi in somma da carato 1 per botte.2


 [[ Print Edition Page No. 48 ]] 

Gostantinopoli e Pera: come il peso e la misura de’ detti torna in più parte e quelle con Gostantinopoli e Pera. Gienova e Pera

Il peso di Gostantinopoli con quello di Pera sono tutto uno a peso in Genova.

Il cantare,1 la libbra, il saggio di Gostantinopoli e di Pera si è tutt’uno co’ detti pesi de’ genovesi.

Il migliaio grosso di Gostantinopoli fanno in Genova2 <cantara 11>,3 libbre 11 in 12.

Il moggio del biado di Gostantinopoli è maggiore che quello di Pera 7 per centinaio.

Il moggio del biado di Pera fa in Genova mine 3 o più in tutto 7½ in 8 per centinaio, cioè che ’l moggia 100 di Pera fanno in Genova mine 308.

Canne4 100 di Genova fanno in Pera picchi 400.

Saggi 72 di Pera, che sono 1 libbra d’oro in Pera, fanno in Genova saggi 70, di saggi 72 d’oro per libbra di Genova.

E vagliendo in Pera il fiorino d’oro certa quantità di carati5 e vagliendo in Genova il fiorino soldi 25 <di> piccioli,6 e vogliendo cambiare di Pera in Genova, sì viene il perperi a denaro per7 denaro tanti soldi di genovini piccioli quanto sarà posto appetto di ciascuno numero di carati scritti ordinatamente qui appresso:8

A carati 38 viene il perpero9 soldi 15, denari 9 e 1/1910
A carati 38½ viene il perpero11 soldi 15, denari 7 e 1/77
A carati 39 viene il perpero soldi 15, denari 4 e 8/17 [8/13]
12A carati 39½ viene il perpero soldi 15, denari 2 e 32/79 [22/79]
A carati 40 viene il perpero soldi 15
A carati 40½ viene il perpero soldi 14, denari 9 7/9
A carati 41 viene il perpero soldi 14, denari 7 25/41
32 A carati 41½ viene il perpero soldi 14, denari 5 41/83
A carati 42 viene il perpero soldi 14, denari 3 e 3/7
 [[ Print Edition Page No. 49 ]] 
A carati 42½ viene il perpero soldi 14, denari 1 e 7/17
A carati 43 viene il perpero soldi 13, denari 11 e 19/47 [19/43]
A carati 43½ viene il perpero soldi 13, denari 9 e 9/29 [15/29]
A carati 44 viene il perpero soldi 13, denari 7 e 7/11
A carati 44½ viene il perpero soldi 13, denari 5 e 51/89 [71/89]
A carati 45 viene il perpero soldi 13, denari 4
A carati 45½ viene il perpero soldi 13, denari 2 e 22/91
A carati 46 viene il perpero soldi 13, denari 12/23
A carati 46½ viene il perpero soldi 12, denari 10 26/31

Gostantinopoli e Pera con Marsilia di Provenza

Il moggio del biado di Pera fae in Marsilia mine 9.

Cantaro 1 meno 1/8 di Pera fae in Marsilia cantare 1.

Cantara 2 2/3 di Pera fanno carica 1 in Marsilia.

Marco 1 d’argento di Marsilia fae in Pera once 9 e denari 22 1/2.

con Nimisi e con Monpolieri

Il migliaio grosso di Gostantinopoli fae in Nimissi et in Monpolieri cariche 4 e 1/3.

Il moggio del biado di Pera fae in Nimissi sestieri 6 e 3/4.

Corde 6 2/3 di Nimissi fanno in Pera picchi 100.

4 centinaia di Pera fanno 1 carica in Nimissi et in Monpolieri.

Cantare 1 meno 1/8 di Pera fanno cantare 1 in Nimissi e in Monpolieri.

Cantara 2 2/3 di Pera fanno carica1 1 in Nimissi e in Monpolieri.

Marchio 1 d’argento di Nimissi fa in Pera once 8 e denari 23 e grani 18. 33

con Vignone

Moggio uno di biado di Pera fanno manganari 4 1/2 in Vignone.

4 centinaia di Pera fanno carica 1 in Vignone.

Corde 6 e 2/3 di Vignone fanno picchi 100 in Pera.

Marchio 1 di Vignone fanno in Pera once 8 e denari 22 1/2.

Gostantinopoli e Pera con Nizza di Provenza

Moggio 1 di biado di Pera fanno in Nizza sestieri o vero mine 10.

con Puglia piana

Salme 100 di grano alla misura di Puglia fanno in Pera moggia 75 in 76.

Migliaia 1 d’olio di Puglia fanno in Gostantinopoli laini2 114, di laini2 573 per una botte di mezzo migliaio di Puglia.

Libbre 280 di Pera fanno in Puglia cantare 1.


 [[ Print Edition Page No. 50 ]] 

con Vinegia

Il migliaio grosso di Gostantinopoli fae in Vinegia libbre 1720 sottile.

Moggio 1 di biado di Gostantinopoli fae in Vinegia 4 staia.

Il migliaio sottile di Vinegia1 fae in Gostantinopoli libbre 960 sottili.

Il migliaio grosso di Vinegia fa in Gostantinopoli libbre 1520.

Il cantare di Pera fae in Vinegia libbre 156 sottile.

Il migliaio dell’olio alla misura di Vinegia fae in Gostantinopoli 202 metri di misura.

Il metro di Gostantinopoli si è libbre 25 di Vinegia.

Marco 1 d’argento al peso di Vinegia fae in Gostantinopoli once 9, denari 4.

34 Braccia 128 di tele alla misura di Vinegia fanno in Gostantinopoli picchi 100.

Libbre 96 di seta al peso di Gostantinopoli fae in Vinegia libbre 100 sottili.

Once 10½ grosse d’ariento di Vinegia fae libbre una in Gostantinopoli.

E vagliendo in Gostantinopoli il fiorino o vero ducato d’oro soldi 2 di grossi come si mette a pagamento di mercatantia <e> di cambi, e vogliendo cambiare di Gostantinopoli a Vinegia, sì varrebbe il pipero3 a denaro per denaro tanti soldi a grossi di Vinegia, di soldi 52 a grossi di Vinegia uno fiorino d’oro o vero ducato, di denari 26 a grossi il grosso di Vinegia, quanto sarà posto appetto di ciascuno numero di carati scritti qui appresso ordinatamente:4

A carati 38 viene il perpero soldi 32, denari 10 <2/19> a grossi
A carati 38½ viene il perpero soldi 32, denari 5 meno 1/77
A carati 39 viene il perpero soldi 32
A carati 39½ viene il perpero soldi 31, denari 7 e 11/79
A carati 40 viene il perpero soldi 31, denari 2 e 2/5
A carati 40½ viene il perpero soldi 30, denari 9 e 7/9
A carati 41 viene il perpero soldi 30, denari 5 9/41 [11/41]
A carati 41½ viene il perpero soldi 30, denari — 72/83
A carati 42 viene il perpero soldi 29, denari 8 4/77 [4/7]
A carati 42½ viene il perpero soldi 29, denari 4 32/85
 [[ Print Edition Page No. 51 ]] 
A carati 43 viene il perpero soldi 29, denari — 12/43
A carati 43½ viene il perpero soldi 28, denari 8 e 8/29
A carati 44 viene il perpero soldi 28, denari 4 e 4/11
A carati 44½ viene il perpero soldi 28, denari — e 48/81 [48/89]
A carati 45 viene il perpero soldi 27, denari 8 e 4/5
A carati 45½ viene il perpero soldi 27, denari 5 e 1/7
A carati 46 viene il perpero soldi 27, denari 1 e 13/23 35
A carati 46½ viene il perpero soldi 26, denari 10 e 2/31
A carati 47 viene il perpero soldi 26, denari 6 e 30/47
A carati 47½ viene il perpero soldi 26, denari 3 e 27/95
A carati 48 viene il perpero soldi 26, denari —

Gostantinopoli e Pera con Napoli di Terra di Lavoro

Canne 42 e palmi 6 di tele line di Napoli fanno in Gostantinopoli picchi 100, cioè sono telle della Cava.

La botte del vino di mena di Napoli, che è cogna 24 della misura di Napoli, fae in Gostantinopoli metri 48.

Il centinaio delle nocelle di Napoli fanno in Gostantinopoli moggia 56 1/2 e in Pera moggia 60.

Il cantare di Napoli fae in Pera libbre 280.

Il centinaio di Pera torna in Napoli ruotoli 35 5/7.

La botte di mena d’olio di Napoli fae in Gostantinopoli laine1 76.

Moggio uno di biado di Gostantinopoli fae in Napoli tomboli 9 e 5/6.

con Cicilia

Salme 100 di grano alla misura delle piagge di Cicilia fanno in Pera moggia 81 e 1/6.

Il cantaro sottile di Messina fae in Pera libbre 254.

Marchio 1 d’argento di Messina fae in Pera once 9 e denari 2 1/3.

Tarì2 29 e grani 10 a peso d’oro di Messina fanno in Pera once 1.

Il cantaro di Pera torna in Messina ruotoli 59 1/18 di Messina sottile.

Il centinaio3 di Pera fae in Messina ruotoli 39 e 7/18 di ruotolo sottile.

con Ancona

Il cantare di Gostantinopoli fae in Ancona libbre 130.

Moggia 100 di biado di Gostantinopoli fanno in Ancona some . . .

Il migliaio del mele d’Ancona fanno in Gostantinopoli e Pera libbre 36 1765.

Il migliaio dell’olio d’Ancona fanno in Gostantinopoli laine1 114.


 [[ Print Edition Page No. 52 ]] 

Canne 100 di canovaccio d’Ancona fanno in Gostantinopoli picchi 285.

Marchio 1 d’argento d’Ancona fanno in Gostantinopoli once . . .

con Pisa

Libbre 100 grosse di Gostantinopoli tornano in Pisa 154.

Il moggio del biado di Pera fae in Pisa staia 5 e 1/4 picchiate.

Il cantare di Pera fae in Pisa libbre 145.

Il centinaio di Pera fae in Pisa libbre 97.

Libbre 1 d’argento di Pisa fae in Pera once 12 e denari 13 e grani 15.

con Cadisi di Spagna

Il cantare di Pera fae in Cadisi ruotoli 91 1/2.

Il migliaio di Gostantinopoli, che è cantara 11 e ruotoli 11, torna in Cadisi cantara 10 meno 1/7 di cantare.

Fa ragion che costa a condugere allume di Gostantinopoli a Cadisi in navile disarmato da fiorini 3 d’oro il detto migliaio grosso di Gostantinopoli, che è cantara 11 e ruotoli 11 genovesche.

con Subilia di Spagna

Il migliaio grosso di Gostantinopoli, che è cantara 11 e ruotoli 11, fae in Subilia cantara 10 meno 1/7 di cantare di Subilia.

Cantare 1 e ruotoli 9 di Pera fae in Subilia cantare 1.

Rova 1 d’olio di Subilia fae in Gostantinopoli laine1 1 e 9/10 d’olio.

Il cafisso del biado alla misura di Subilia fae in Gostantinopoli moggia 1 1/2.

con Niffe di Spagna

Cantara 5 di lacca al peso di Pera fanno a Niffe cantara 3.

37 Il cafisso del biado alla misura di Niffe fae in Pera moggia 7.

con Bruggia di Fiandra

Il migliaio grosso di Gostantinopoli, che è cantara 11 e ruotoli 11 di Gostantinopoli, torna in Bruggia cariche 3 meno 1/7 di carica.

Il cantare di Pera torna in Bruggia libbre 108.

E ragionasi che costa a conducere il migliaio grosso dell’ allume da Gostantinopoli a Bruggia, tra di nolo e d’altre spese in navilio disarmato, da fiorini 7 d’oro, cioè fiorini 3 in 3 1/2 da Gostantinopoli a Cadis di Spagna e fiorini 3 1/2 d’oro da Cadisi a Bruggia di Fiandra.


 [[ Print Edition Page No. 53 ]] 

con Londra d’Inghilterra

Cantare 1 e ruotoli 1 di Gostantinopoli e di Pera di spezierie tornano in Londra libbre 100.

colla Tana del Mare Maggiore

Lo metro del vino alla misura di Gostantinopoli è tutto uno col metro della Tana.

Sommo 1 d’ariento della Tana si ragiona in Pera perperi 9 di Pera, e pesa il sommo once 7 1/2 di Pera, ed è di lega d’once 11 e denari 17 d’argento fine per libbra.

Saggi 6 della Tana fanno once 1 in Pera.

Cassidi 100 di biada alla misura della Tana fa in Pera moggia 125.

La libbra grossa della Tana fae in Pera libbre 30.

Saggi <72> o vero libbre 1 d’ariento di sommo al peso di Pera fae alla Tana saggi 69 della Tana, di saggi 45 della Tana per uno sommo, e in Pera si è pure 1 1/2 sommo di Pera.

Lo picchio di Pera è tutto uno col picchio della Tana.

Lo ruotolo della Tana fae in Pera libbre 1 1/2.

Lo cantare1 della Tana fae in Pera cantare 1.

Lo tocchetto della Tana fae in Pera libbre 2 1/2.

E la libbra sottile della Tana è tutta una con quella di Pera.

38 con Caffa del Mare Maggiore

Il metro del vino di Gostantinopoli e di Pera è tutto uno col metro di Caffa.

100 cassidi alla misura di Caffa fanno in Pera moggia 60.

Il cantare di Pera è tutt’uno col cantare di Caffa.

Libbre 7 grosse di Caffa fanno in Pera cantare 1.

Il saggio di Caffa è tutto uno col saggio di Pera.

con Tunizi di Barbaria

Cantare 1 e ruotoli 5 1/3 di Pera fanno in Tunizi cantare 1.

Libbre 2 di seta al peso di Pera fanno in Tunizi ruotoli 1 e tanto più che se ne fanno le spese di Pera in Tunizi e diritto e tutto infino venduta.

Once 3 1/2 d’ariento al peso di Pera fanno in Tunizi ruotoli 1.

Gostantinopoli e Pera con Lucca

Libbre 2 e once 2 di seta al peso di Pera fanno in Lucca libbre 2, cioè una
 [[ Print Edition Page No. 54 ]] 
coppia a che si vende seta in Lucca, e più in tutto libbre 1 1/2, cioè 3/4 d’una coppia <. . . .>1 due per cento di coppia.

colla Cava del Principato

Canne 42½ di tele della Cava fanno in Pera picchi 100.

39 MARE MAGGIORE

IXCaricatori d’ogni mercatantia

Caricatori2 ove si carica e si lieva biado in Gazeria e del Zacchia del Mare Maggiore per navicare inverso Gostantinopoli e Pera et in altre parte del mondo, e primieramente della banda di Gazeria:

Lo primo porto inverso la Tana si è Porto Pisano, e caricasi3 presso alla terra a 5 miglia nave di 2000 moggia di Pera, e li altri minuti navili si caricano più presso secondo che sono grandi o piccioli. E la misura di Porto Pisano è tutta una con quella di Caffa.

Lo secondo porto si è lo Cobardi,4 e caricasi presso alla terra a 10 miglia chente che nave si sia, però che vi si caricherebbe ogni navile. E la misura de lo Cobardi è maggiore che quella di Caffa ½ per centinaio.

Lo terzo porto si è Lobuosom, e caricasi di lunge alla terra 5 miglia e ogni navile, ed è tutta una misura con quella di lo Cobardi.

Lo quarto porto si è Ipoli, e caricasi di lunge alla terra 5 miglia e ogni navile, ed è tutta una misura con quella di Lobusum.5

Lo quinto porto si è il Vospero, e caricasi di lunge alla terra uno prodese di nave e ogni navile, ed è tutta una misura con quella d’Ipoli.

Lo sesto porto si è in Caffa6 dalla banda di verso Zecchia, ed è finissimo porto e caricasi presso alla terra secondo com’è grande il navilio e come vuole fondo. E questa misura di Caffa6 è tutta una misura con quella di Porto Pisano.

Lo settimo porto si è a Lifetti,7 ed è finissimo porto e caricasi presso al porto a uno prudese di nave e ogni navilio, ed è tutta una misura con quella di Caffa.6


 [[ Print Edition Page No. 55 ]] 

E dalla banda di Zecchia

Lo primo porto verso la Tana si è lo Balzimachi, e caricasi presso alla terra a 3 miglia e1 ogni navilio, ed è maggiore misura che quella di Caffa2 1 per centinaio.

Lo secondo porto si è il Taro, e caricasi presso alla terra a 3 miglia, 40 ed è tutta una misura cogli altri porti di Zecchia.

Lo terzo porto si è il Pesce, e caricasi presso alla terra a 5 miglia e ogni navilio, ed è tutto una misura coll’altre di Zecchia.

Lo quarto porto si è Sangiorgio; perchè è reo porto non vi si scarica3 niente.

Tutti i sopradetti porti ànno misura che si chiama moggio, chene due moggi de’ detti luoghi fanno uno moggio in Pera, e tanto piue cresce in Pera 2 per centinaio, e tanto cresce più quanto è maggiore l’una misura che l’altra de’ detti porti siccome divisa a dietro.

ALTOLUOGO DI TURCHIA 4

Il peso d’Altoluogo si chiama battimano, al quale peso si vende in Altoluogo tutte mercatantie.

Panni lani si vendono ad Altoluogo a una misura che si chiama accono.5

Biado si vende in Altoluogo a moggio.

E ragionasi che i panni che si volgono ad Altoluogo per quello paese vogliono essere panni di Nerbona e pirpignani e tolosani e nerbonesi, e i più colorati, e compartiti per balla cilestrini6 e turchini e vermigli e fistichini e alcuno smeraldino. E vogliono essere tonduti pure a una volta a mezzo pelo, e i panni gentili pure una volta et quella bene a dentro alla maniera di Setalia come divisa innanzi a carte <58>. E la loro comunale vendita di nerbonesi in Altoluogo si è da fiorini 14 d’oro il panno, e vogliono essere lunghi ancone7 18 d’Altoluogo o8 canne 12 di Cipri.

E vorrebbono tinti in lani di Firenze, coloriti a modo di nerbonesi, a pregio di fiorini 2 in 2¼ d’oro la canna, e vorrebbono essere da canne 12 e braccia 2 di Firenze lungo il panno, cioè la pezza, ed averebbesi della pezza del detto pregio di lunghezza da fiorini 32 in 36 d’oro.


 [[ Print Edition Page No. 56 ]] 

E d’Altoluogo1 si trae allume, e biado, e cera, e riso, e canape non filato.

Argento in pezzi e in buglione si vende ad Altoluogo a <. . . .2>.

Diritto che si paga in Altoluogo di mercatantia 3

Tutte maniere di genti che portino merce, all’entrare4 sono franchi, che non pagano niente salvo che di vino o sapone, 41 * perchè sono in appalto5 in Altoluogo, cioè in gabella; e di vino e di sapone come diremo qui appresso:

Vino, fiorino 1 d’oro la botte di Napoli.

Sapone d’ogni 23½ battimanni fiorini 2 d’oro, o del cantare di Cipri s’in sacca; e se fusse in casse come viene da Vinegia o d’Ancona, fiorino 1 d’oro per cassa.

E al trarre d’Altoluogo si paga diritto, tutte maniere di gente, di cera 2 per centinaio, e di tutte altre mercatantie 4 per centinaio.

Spese che si fanno al grano a trarlo d’Altoluogo

Primieramente, per loghiera de’ magazzini da quando si compera insino quando si manda dalla città d’Altoluogo alla marina, da 1/5 di fiorino d’oro il mese alle cento moggia.

E per vettura di bestie che conducono grano dalla città d’Altoluogo infino alla marina, che v’à da 9 miglia per terra, da fiorini 2 1/2 d’oro alle 100 moggia.

E per diritto al signore d’Altoluogo, 4 per centinaio.

E il conducere dalla riva alla marina a nave fanno le barche e’6 marinai delle navi e legni ove si carica per conducere poi d’Altoluogo altrove.


 [[ Print Edition Page No. 57 ]] 

Come il peso e la misura d’Altoluogo torna in certe terre e quelle con Altoluogo, e primieramente con Genova

Battimano 1 d’Altoluogo di cosa che non manchi torna in Genova libbre 32.

Moggia 100 d’Altoluogo di biado fanno in Genova mine 57.

con Pisa

Battimano 1 d’Altoluogo torna in Pisa libbre 31.

Moggia 100 di biado alla misura d’Altoluogo fanno in Pisa staia 951 picchiate.

con Firenze

Battimano 1 d’Altoluogo fae in Firenze libbre 29 1/2 in 30.

Moggia 100 di biado alla misura d’Altoluogo fanno in Firenze staia 260 rase.

La libbra dell’ariento di Firenze fae in Altoluogo libbre 1 e 1/11 di libbra. 42

Canne 1 di Firenze fae in Altoluogo ancone 1 e 5/12.

Altoluogo con Vinegia

Battimano d’Altoluogo fae in Vinegia libbre 33 1/3 sottile.

Moggia 100 di biado alla misura d’Altoluogo fanno in Vinegia staia 72 in 73.

Marchio 1 d’ariento al peso di Vinegia fae in Altoluogo . . .

con Gostantinopoli e Pera

Battimani 4 d’Altoluogo fanno in Gostantinopoli e in Pera cantare 1.

Moggia 100 di grano alla misura d’Altoluogo fanno in Gostantinopoli e in Pera moggia 19.

Libbre 1 d’ariento al peso di Pera fanno in Altoluogo . . .

XSETALIA DI TURCHIA

In Setalia si à due maniere di pesi, cioè calbano2 ch’è tanto a dire come stadera, e bilancia, e peso grosso e sottile; e ’l peso grosso è magiore che ’l peso sottile 10 per centinaio, e il peso grosso si è questo ch’è il calbano, cioè la stadera, e il peso sottile si è quello della bilancia.


 [[ Print Edition Page No. 58 ]] 

Al peso sottile, cioè alla bilancia, si vende pepe, e indaco, e cera, e zucchero, e rame, e stagno, e tutto avere sottile.

Al peso del calbano, cioè la stadera, si pesa sapone, e lino, e cotone, e allume, e galla, e alcana, e pece,1 e nocelle, e ferro, e formaggio.

Argento si vende in Setalia a pesi, che li 30 pesi fanno uno marchio di Cipri.

Oro filato si vende a pesi, che li 30 pesi fanno uno marchio di Cipri.

Ciambellotti si vendono a pezza tale com’ell’è, e vogliono essere bollati della bolla di Cipri.

43 Panni lani si vendono in Setalia a pezza e a taglio, e quelli che si vendono a taglio si vendono a braccia. E poi ragionano che in Setalia vogliano l’anno da 20 pezze di panni di Celona, e da 8 in 10 bisanti2 di Cipri la canna; e da 200 pezze di panni nerbonesi e pirpignani, e da costo in 9 in 12 fiorini d’oro la pezza; e i lombardesi da 40 pezze, di costo da 8 in 9 fiorini d’oro la pezza. E tutti i detti panni vogliono essere coloriti e ben chiari vermigli e gialli e fistichini, compartiti per balla i detti colori. E tutti i detti panni, a portargli làe vogliono essere cimati pure una volta, cioè a mezzo pelo, però che in Setalia non à cimatori; e i panni gentili e iscarlattini od altri gentili panni vogliono essere cimati per lo simile modo pure una volta, ma bene a dentro.

Grano e orzo e legumi si vende in Setalia a moggio e a ghilla, e le 20 ghille fanno uno moggio. Ed à di spesa a trarlo di Setalia oltre al primo costo in somma aspri 6, cioè li 3 aspri per la fonda, e l’uno aspro per assaggio, e uno aspro per portare ad mare, e l’uno aspro tra per pigione di magazzino e per tafereste che ’l conducono a terra alla nave, e tutte s’intende per moggio.

Bucherami3 si vende a pezza tale com’ella ene.

Bucherame vi si vendono a novero, cioè a uno insieme.

Diritto di mercantia che si paga a Setalia

Cipriani 2 per centinaio entrando e uscendo, e oltre a ciò sì pagano anche ½ aspro per sacco per saggio.

La compagnia de’ Bardi paga 2 per centinaio entrando e niente uscendo.

Biado paga denari 6 aspri per moggio come divisa dallato a dietro una faccia nella vendita del biado.

Di ciò che si compera, o chi vende, si paga ½ per centinaio di senseraggio.


 [[ Print Edition Page No. 59 ]] 

44 ERMENIA

XIErmenia per se medesimo, cioè in Laiazo d’Erminia ove si fa il forzo della mercatantia perchè ene alla marina e ivi dimorano del continovo i risedenti mercatanti

Pepe, e gengiovo, e zucchero, e cannella, e incenso, e verzino, e lacca, e cotone, e tutte spezierie grosse, e ferro, e rame, e stagno, tutte si vendono in Erminia a ruotoli d’occhia 151 per uno ruotolo, e di ruotoli 33 per uno cantare d’Erminia.

Sete e tutte spezie sottile vi si vendono a occhia2 d’occhie 121 per uno ruotolo, e chiamasi l’occhia della piazza.

Oro si vende a pesi, che li 50 pesi fanno 1 marchio d’Erminia.

Argento si vende a marchio, che è 50 pesi.

Perle3 si vendono a peso del marchio, e dàssi 40 de’ detti pesi per una ara grande di perle3.

Tele line e canovacci si vendono a centinaio di canne e a pregio di tanti bisanti, e di4 10 taccolini per bisante.

Sapone e lana e ciambellotti si vendono a ruotoli, d’occhie 15 per uno ruotolo.

Biado si vende a Laiazo in Erminia a moggio et a marzapanni, cioè in grosso5 a moggio, a minuto a marzapanni, e li 10 marzapanni fanno 1 moggio.

Seta chermisi si vende a occhia ch’è pesi 110 di diremo.

Zafferano si vende a occhia ch’è pesi 112 di diremo.

Olio si vende a botte tale com’ella ene.

Il bisante di Romania si conta 10 taccolini d’argento, e il taccolino vale denari 10 d’Erminia, e ’l denaro vale 4 folleri.


 [[ Print Edition Page No. 60 ]] 

Quello che la zecca d’Erminia dà dello marchio dell’argento a chi il mette nella detta zecca

Di sardesco taccolini 114, denari 1
Di piatte della bolla di Vinegia taccolini 113 e denari 1
A lega di tornesi grossi taccolini 111
A lega di gigliati taccolini 110 e denari 5
Di bracciali, cioè buenmini taccolini 109 e denari 2
45 Di sterlini taccolini 109, denari 5
Di verghe della bolla di Genova taccolini 109, denari 5
Di verghe della bolla di Vinegia taccolini 109, denari 5
Di raonesi d’argento di Cicilia taccolini 109, denari 5

Batte la detta zecca una moneta d’argento che si chiama taccolini, che sono di lega d’once 8 d’argento fine per libbra, e vannone per marchio come escono della zecca 91 de’ detti taccolini a conto.

Diritto di mercantia che si paga in Erminia

Gienovesi e viniziani sono franchi e ciciliani, che non pagano niente nè entrando1 nè uscendo, salvo di mercatantia2 che si pesasse pagano 1 per centinaio di pesaggio.

La compagnia de’ Bardi è franca, che non pagano niente per tutto lo reame d’Erminia nè entrando1 nè uscendo; ed ei diè3 <che> per nulla detta nè rappresaglia che fiorentini od altre gente, di che e che lingua si fussino,4 non puote ne dee essere detto niente nè in avere nè in persona della detta compagnia se non fusse per propia detta o per propio misfatto della detta compagnia. E di ciò ànno brivilegio con suggiello d’oro pendente del suggiello del re d’Erminia, detto5 in Erminia a dì 10 del mese di gennaio, anno della natività del nostro Signore Messer6 Gesù Cristo 1335, la quale franchigia per la detta7 compagnia la procacciò Francesco Balducci essendo nel detto tempo a Cipri per la detta compagnia.

Pisani pagano 2 per centinaio entrando e 2 per centinaio uscendo di ciò che vale la mercatantia.

La compagnia de’ Peruzzi di Firenze, e catalani e provenzali pagano 2 per centinaio entrando8 e 2 per centinaio uscendo.

E tutte altre maniere di gente pagano 4 per centinaio entrando e 4 per centinaio uscendo.


 [[ Print Edition Page No. 61 ]] 

Come i pesi e le misure d’Erminia tornano in diverse terre, e quelle con Erminia, e primieramente con Vinegia

Ruotoli 1 di spezierie d’Erminia torna in Vinegia libbre 20 e once 3 e ¼ sottili.

Ruotoli 49 di cotone d’Erminia tornano in Vinegia libbre 10001 sottili.

Occhia 1 di seta e di spezierie sottile d’Erminia torna in Vinegia libbre 1 e once 4 sottili.

Il migliaio grosso di Vinegia torna in Erminia * ruotoli 76 in 78, 46 o vuogli cantara 2½2 d’Erminia.

Marchi 100 d’argento al peso di Vinegia fa in Erminia marchi 106½.

Braccia 315 di tele line alla misura di Vinegia torna in Erminia canne 100.

Libbre 11 sottile di Vinegia tornano a Laiazo d’Erminia libbre 10.

Costano le mercatantie a conducere da Vinegia in Erminia e d’Armenia a Vinegia per nolo di comune ordinato per lo comune di Vinegia in galee armate come dirà qui a piede e diviserà inanzi a una carta:

Tele grosse e canovacci per soldi 6 di grossi d’argento di Vinegia alla balla a peso <di libbre> 350 al peso grosso di Vinegia.

Panni lani sottili, panni lini sottili, soldi 6 di grossi d’argento la balla di peso di libbre 260 al peso grosso di Vinegia.

Rame e stagno e ferro, soldi 6 di grossi d’argento il migliaio grosso di Vinegia.

Argenti in pezzi, uno per centinaio.

Oro filato, argento filato e altre simile cose dè avere di cassa 3 per cento.

Tutte spezierie, soldi 13 di grossi d’argento del migliaio sottile.

Cotone, soldi 13 di grossi d’argento del migliaio sottile.

Ciambellotti 2 per centinaio in galee armate; in legno disarmato 1½ per centinaio.

Zucchero, soldi 10 di grossi d’argento del migliaio sottile.

con Genova

Ruotoli 1 di spezieria al peso d’Erminia torna in Genova libbre 20.

Libbre 5 d’argento al peso di Genova fae in Erminia marchi 7.

Ruotoli 7½ d’Erminia fanno in Genova cantare 1.


 [[ Print Edition Page No. 62 ]] 

47 con Nimissi e con Monpolieri

Ruotoli 20 di Laiazo d’Erminia fanno in Nimissi e in Monpolieri carica 1.1

E ruotoli 6, occhie 8 di Laiazzo fanno in Nimissi e in Monpolieri cantare 1.

Marchio 1 d’argento al peso di Nimissi e di Monpolieri torna in Laiazo marchio 1 e sterlini 3.

Ruotoli 1 di Laiazzo torna in Nimissi libbre 15 grosse.

Occhie 1 di Laiazzo grosse2 a che si vende spezierie sottili fae in Nimissi libbre 1 e once 3 sottili di Nimissi.

Occhie 1 di Laiazo sottile a che si vende seta torna in Nimissi libbre 1 grossa.

Pesi 55 di Laiazo a che si vende le perelle fanno in Nimissi marchio 1.

con Maiolica

Ruotoli 21 meno ¼ d’Erminia fae in Maiolica carica3 1.

Marchio 1 d’argento al peso di Maiolica torna in Laiazzo marchio 1 e starlini 3.

Erminia con Subilia di Spagna

Ruotoli 9¼ d’Erminia di spezierie fanno a Sobilia cantare 1.

Cafisso 1 di biado alla misura di Subilia fae a Laiazo d’Erminia moggia 3 e marzapani 8, e i 10 marzapani per 1 moggio d’Erminia.

con Bruggia di Fiandra

Ruotoli 1 d’Erminia di spezieria fae in Bruggia libbre 14.

Marchi 1 d’argento al peso di Bruggia fae a Laiazzo in Erminia once 6 e sterlini 13.

con Londra d’Inghilterra

Ruotoli 8 d’Erminia fanno a Londra 1 centinaio <a> che4 si vende la spezieria, che è libbre 104 di Londra.

Il centinaio dello stagno a che si vende lo stagno in Londra, che è libbre 112 di Londra, fae in Laiazzo d’Erminia ruotoli 9 2/3 di ruotolo.


 [[ Print Edition Page No. 63 ]] 

48 con Puglia

Ruotoli 1 di spezieria d’Erminia fae in Puglia libbre 17 e once 1 1/2.

Salme 100 di formento di Puglia fanno in Laiazo moggia 188.

Marchio 1 d’argento al peso di Puglia fae in Laiazo d’Erminia marchio 1 e starlini 7.

con Messina di Cicilia

Ruotoli 1 di spezieria al peso d’Erminia fae in Messina e in Palermo e per tutta Cicilia ruotoli 7 e libbre 1 e once 1, d’once 12 per 1 libbra e di libbre 2½ per 1 ruotolo generale di Cicilia.

Marchio 1 d’argento al peso di Messina fae in Laiazo d’Erminia marchio 1, starlini 7.

Salme 100 alla misura generale di Cicilia fanno in Laiazzo d’Erminia moggia 198.

Erminia con Savastro di Turchia 1

Ruotoli 75 di Laiazo fanno a Savastro ruotoli 100.

Marchio 1 d’argento al peso di Laiazzo fae a Savastro . . .

Salme 100 di formento alla misura di Savastro fanno a Laiazzo . . .

colla Canea2 di Creti

colle fiere di Campagna di Francia

con Londra d’Inghilterra

XIIACRI DI SORIA

Acri di Soria per se medesimo quando era a mano di cristiani

In Acri si à 2 cantara, cioè il cantare della fonda e il cantare della catena, ed è maggiore il cantare della catena che il cantare della fonda ruotoli 5 per cantare. E chi compera sì dice ‘Tu me ’l darai al peso della catena,’ e se non lo dicesse, sì gliele conviene pigliare al peso della fonda.

Pepe Zucchero in pani 49
Giengiovo Polvere di zucchero
Verzino Denti di liofante
Indaco Cassia fistola3
Cotone mapputo Galla, ferro
Cotone filato Argento vivo
 [[ Print Edition Page No. 64 ]] 
Cera e incenso Rame e stagno
Lacca e zettoare Mele
Mastico Cuoia di bue
Canape filato Cuoia di bufolo
Non filato Carne insalata
Formaggio

Tutte le dette mercatantie e molte altre, tutte spezierie grosse, si vendono in Acri al cantare della catena.

Olio si vende in Acri a cantara, e misurasi; 20 buzi sono 1 cantare.

Seta si vende in Acri a ruotoli, ed è lo ruotolo libbre 6 e pesi 30 di bisanti, di pesi 79 per 1 libbra d’Acri.

Gherofani, e noce moscade, e cubebe, e mace, e galiga si vendono in Acri1 dicine di mene,2 e similmente tutte altre spezierie sottile.

Cannella si vende in Acri a centi di mene, e ciambellotti a pezza.

Bucherami e bordi si vendono a dicina di novero.

Perle si vendono ad ara, e l’ara si è pesi 40 di bisanti, di pesi 79 per 1 libbra.

Grano e orzo e tutti biadi, e noce e castagne e nocelle, si vendono in Acri a moggio, ed è il moggio del signore e della ruga di Pisa e della ruga di Vinegia tutto uno con quello delle magione dello Spedale del Tempio, ed è modelli 24, e quello della fonda, cioè la piazza ove si vende, si è altressì mondelli 24.

Il cantar d’Acri si è ruotoli 100, e lo ruotolo si è 12 occhie, e ogni occhia si è pesi 44, di pesi 79 per 1 libbra.

Zafferano si vende a dicine di libbre.

50XIII Come il peso e la misura d’Acri torna in diverse parti e terre, e quello con Acri, e primieramente con Allessandria

Cantare 1 d’Acri torna in Allessandria cantare 2 e ruotoli 20 forfori, a cantar 3,3 ruotoli 75 gerui, a cantara 2, ruotoli 41 leudi.

E mene 10 d’Acri fanno in Allessandria mene 10 scarse.

Bisanti 100 al peso d’Acri fanno in Allessandria bisanti 98 1/2.

con Gostantinopoli

Cantar 1 d’Acri fa in Gostantinopoli libbre 438 grosse.

Libbre 100 grosse di Gostantinopoli sono in Gostantinopoli libbre 140 sottili.

Mene 10 d’Acri fanno in Gostantinopoli libbre 15 1/2 grosse.


 [[ Print Edition Page No. 65 ]] 

Acri con Sallonicchi

Cantaro 1 1/2 d’Acri fa in Sallonicchi libbre mille.

con Savastro di Turchia

Ruotoli 47 di Savastro fanno in Acri cantaro 1.

Mene 2 1/4 di Savastro fanno in Acri ruotoli 1.

Diremi 33 1/3 di Savastro pesi fanno in Acri marchio 1 1/3.

Canne 100 di tele line alla misura d’Acri fanno in Savastro picchi 208 1/2 riscontrato.

con Laiazo d’Erminia

Moggia 5 di formento alla misura di Laiazzo fanno in Acri moggia 3.

Cantaro 1 d’Acri fae in Laiazo di spezieria ruotoli 37.

51 con Chiarenza

Cantaro 1 d’Acri torna in Chiarenza libbre 645 di cosa che none scemi, e di pepe 633 1/3, e di cotone 666.

Mene 10 d’Acri fanno in Chiarenza libbre 22 1/2.

Marchio 1 d’argento al peso di Chiarenza fae in Acri marchio 1 e sterlini 7.

Carati 23 sono in Chiarenza 1 perpero, e altrettanto a Stiva.

La canna d’Acri e la canna di Chiarenza sono tutto una misura.

con Ancona

Cantaro 1 d’Acri torna in Ancona libbre 666 di cotone, e di pepe 650.

Mene 100 d’Acri fanno in Ancona libbre 225.

Il migliaio del mele d’Ancona, che è in Ancona libbre 1560, fae in Acri cantare 2 e ruotoli 45.1

Canne 100 d’Ancona fanno in Acri canne 102.

Marchio 1 d’argento d’Ancona fae2 in Acri marchio 1 e starlini 7.

Acri con Messina di Cicilia

Cantaro 1 d’Acri fae in Messina cantar 2 e ruotoli 75 in 80 di spezierie, e di cotone cantar 2 e ruotoli 85 in 90 al peso sottile.

Mene 100 d’Acri fanno in Messina ruotoli 90 al peso sottile.

Mene 10 d’Acri di spezierie sottile fanno in Messina libbre 25 al peso3 d’oro.


 [[ Print Edition Page No. 66 ]] 

Pesi 6 e carati 6 d’Acri fanno in Messina once 1 a peso d’oro.

Salme 100 di vino di Messina fanno in Acri botte 55, e la botte si è buzi 6.

Marchio 1 d’argento al peso di Messina fae in Acri marchio 1 e starlini 7.

con Palermo di Cicilia

Cantaro 1 d’Acri fae in Palermo cantar 2 e ruotoli 75 in 80 di spezierie, e di cotone cantar 2 e ruotoli 85 in 90.

colle piagge di Cicilia

Salme 100 di grano alla misura generale delle piagge di Cicilia fanno in Acri moggia 148 in 150.

52 con Tunizi di Barberia

Cantaro 1 d’Acri fae in Tunizi cantar 4 e ruotoli 30.

Mene 4 d’Acri fanno in Tunizi ruotoli 15 1/2.

Marchio 1 d’argento al peso d’Acri fae in Tunizi miglioresi1 156.

Miglioresi1 360 fanno in Tunizi ruotoli 1.

Acri con Puglia

Cantaro 1 d’Acri di spezieria fae in Barletta libbre 633 1/3 in libbre 650, e di cotone 660 in 666.

Mene 100 d’Acri di cannella fanno in Barletta libbre 240 in 245.

Mene 10 d’Acri di spezierie sottile fanno in Barletta libbre 25 a peso d’oro.

L’ara delle perle, che è in Acri pesi 40 di bisanti,2 fae in Barletta once 6 e tarì 10 a peso d’oro.

Pesi 6 e carati 6 a peso di bisanti d’Acri fanno in Barletta once 1 a peso d’oro.

Il migliaio dell’olio di Puglia fae in Acri buzi 32, e buzi 20 sono 1 cantare.

Il migliaio della carne e del formaggio di Puglia, ch’è cantare 6 di Puglia, fae in Acri cantare 2 e ruotoli 50.

Salme 100 di formento alla misura di Puglia fae in Acri moggia 145 in 150.

Marchio 1 d’argento di Puglia fae in Acri marchio 1 e starlini 7.

con Napoli di Principato

Cantare 1 d’Acri torna in Napoli cantar 2 et ruotoli 50 di spezierie, e di cotone cantare 2 e ruotoli 65 in 70.

Mene 100 d’Acri di cannella torna in Napoli ruotoli 95 in 98.


 [[ Print Edition Page No. 67 ]] 

Il centinaio delle nocelle di Napoli torna in Acri moggia 90.

Botte 1 di mena di Napoli di vino torna in Acri buzi 18.

Il migliaio del canape di Napoli torna in Acri cantaro 1 1/2.

53 con Vinegia

Cantaro 1 d’Acri di spezieria fae in Vinegia libbre 750, e di cotone 760 in 775 sottile.

Mene 100 di cannella d’Acri fanno in Vinegia libbre 260 in 266 sottile.

Marchio 1 d’argento al peso di Vinegia fae in Acri marchio 1 e sterlini 10.

L’oncia dell’oro di Vinegia fae in Acri pesi 7 e carati 1/3, di carati 24 uno peso.

Acri con Firenze

Cantaro 1 d’Acri di spezieria fae in Firenze libbre 670, e di cotone fa 685.

Mene 101 d’Acri fanno in Firenze libbre 23 in2 23 1/2.

Pesi3 6 e carati 164 di bisanti d’Acri fanno in Firenze once 1.

E canne5 10 di Firenze6 fanno in Acri canne5 11 1/4.

Libbre 10 di zafferano di Firenze fanno in Acri libbre 10 e once 3, e più e meno secondo che è tenuto.

Once 8 e denari 2 1/2 d’ariento al peso di Firenze fanno in Acri once 8 e starlini 3.

con Pisa

Cantaro 1 d’Acri di spetierie fae in Pisa libbre 700 in 703, e di cotone 710.

Mene 10 d’Acri fanno in Pisa libbre 23 1/2 in 24.

Canne 10 di Pisa fanno in Acri canne 13 e 1/4.

Barili 100 di Pisa fanno in Acri botticelli 155 1/2, e la botticella si è 6 buzi.

Libbra 1 d’ariento di Pisa fae in Acri marchio 1 et once 3 e sterlini 16 1/2.


 [[ Print Edition Page No. 68 ]] 

con Genova

Cantare 1 d’Acri fae in Genova libbre 725, e di cotone 740.

Pesi 6 e carati 3 3/4 di bisanti d’Acri fae in Genova once 1.

Canne 10 di Genova fanno in Acri canne 11 scarse.

54 con Marsilia e con Nimissi e con Monpolieri

Cantaro 1 e ruotoli 10 d’Acri di spezieria fanno in Marsilia cariche 2, e di cotone cariche 2 e ruotoli 10, e altrettanto in Nimissi e in Monpolieri.

Mene 10 d’Acri fanno ne’ detti luoghi libbre 24.

Canne 10 de’ detti luoghi fanno in Acri canne 10 a frusto sanza presa.

Mezeruole 100 di vino di Marsilia fanno in Acri botticelle 54.

Ruotoli 1 di seta al peso d’Acri fae in Nimissi libbre 5 1/4.

Pesi 56 e carati 16 d’Acri di bisanti fanno in Nimissi marchio 1 d’argento.

Marchio 1 d’argento al peso di Nimissi fanno in Acri marchio 1 e sterlini1 7.

100 pesi di bisanti d’Acri fanno in Nimissi libbre 1 e once 4 sottili.

colle fiere di Campagna

Cantare 1 d’Acri fae in Fiera libbre 477.

Ruotoli 73 1/3 d’Acri fanno in Fiera carica 1; la carica si è libbre 350 di fiera.

Mene 10 d’Acri fanno in fiera libbre 16 1/2 in 17.

Marchio 1 d’argento al peso di fiera fae in Acri marchio 1 e sterlini 14 1/2.

con Famagosta di Cipri quando Acri era de’ cristiani

Cantaro 1 d’Acri al peso della catena fae in Famagosta e per tutta l’isola di Cipri cantaro 1.

Kanne 10 d’Acri fanno in Cipri canne 10.

Peso 1 di bisanti d’Acri fae in Cipri peso 1.

con Aleppo

Cantaro 1 d’Acri fae in Aleppo cantaro 1 e ruotoli 10.

colla Leccia

Cantare 1 d’Acri fae alla Leccia2 cantare 1 e ruotoli 6.


 [[ Print Edition Page No. 69 ]] 

55 Acri con Tripoli

Cantaro 1 d’Acri fae in Tripoli cantare 1 e ruotoli 16.1

con Damasco

Cantaro 1 d’Acri fae a Dommasco cantaro 1 e ruotoli 26.2

con Antioccia

Cantaro 1 d’Acri fae in Antioccia cantare 1 e ruotoli 18.

Acri per se medesimo poi che tornò ad mano de’ saracini, con Cipri

In Acri si à due cantari, cioè cantare taborani e cantar sottile. Al cantare sottile si vendono tutte spezierie e avere sottile, e chiamasi cantare dommaschino, e fae in Cipri ruotoli 80.

Al cantare tabarani si vende cotone, e cenere3 grevellera, e altre cose grosse, lo quale cantare taborrani fae in Cipri cantare 1 e ruotoli 25, di ruotoli 100 per uno cantaro.

Zafferano e oro filato si vendono in Acri4 a centinaio di pesi di diremi, che li 100 de’ detti pesi fanno 70 pesi in Cipri.

Oro in buglione si vende in Acri a maticale, che gli maticali 7 meno 1/3 fanno libbre 1 di Vinegia.

Sciamiti si vendono a pezza e dè essere braccia 15 di Cipri.

Ciambellotti si vendono a pezza e dè essere bracci 14 di Cipri.

Olio si vende a cantara tabarrani.

Formento e altri biadi a carica, che fa in Cipri moggia 13 di Cipri.

Bracci 100 d’Acri fae in Cipri braccia 98.

Pagasi di diritto in Acri 5 1/4 per centinaio entrando e altrettanto uscendo.

56 ALLESSANDRIA

In Allessandria si à di più maniere pesi come diviserà qui appresso:XIV

Cantare forfori, cantare gerui, cantare leuedi, mena, e libbra, e bisanti, e diremo, miglioresi; e ciascuno cantare si è ruotoli 100 di quello cotale cantare.

A cantar forfori si vendono

Giengiovo, e lacca, e ’ncenso, e verzino, e argento vivo, denti di liofante, orpimento, seme da vermini, e sandali, zettoaro, e aloe d’ogni ragione, e
 [[ Print Edition Page No. 70 ]] 
azurro fine della Magna, e azeruto, e cassia1 ligna, e tamerendi, e costo2 amaro: tutte queste cose si vendono a cantare forfori.

A cantar gerui si vende

Zucchero, e polvere di zucchero d’ogni ragione, e allume, e cera, datteri, canella, e galla, e stagno in verghe, e mastico, e mele, e mandorle sanza guscio, e olio in botte e scontasi per la botte il quarto, e olio di lino, e pece, e pegola, e ragia di pino, e riso, e rame, robbia, e sapone, zolfo, et vernice, e zibibbo, e minio,3 e candi, e anici, amidoi,4 comino, aghetta, acqua rosa, cotone, biacca, colla, calamarmatico, fistuchi, gomerabica, draganti, finocchio, squinanti, ladano, litergirio,5 negrella, sal nitro: tutte queste cose si vendono a cantare gerui.

A cantar leuedi si vende: Lino, asfore.

A dicina di cantar gerui si vendono: Noce, e nocelle, e castagne, mandorle col guscio, piombo, cenere6 grevella.

A dicine di novero si vendono: Olio in giarre.

A sporta si vende: 57 Pepe.

A peso7 si vende: Indaco, e dàssi8 ruotoli 100 forfori per 1 peso7 con tutto l’otre sanza garbellare, sanza fare nulla tara.

A mene si vendono: Cannella, gherofani, fusti di gherofani, galinga, noce moscade, pepe lungo, ribarbero, e zafferano.

A dicina di mene

Vermiglione, aloe patico, borrace, cardamoni, cafistola, armoniaco, cubebe, spigonardi, scamonea, meleghette, manna, munmia, mace, mirra, sene, salarmoniaco cioè lisciadro, sangue di dragone, turbitti, tuzia, silobalsimo,9 aspalto, fecita,10 agarigo, amommo, mirabolani d’ogni ragione, caffera, castoro, carpobalsimo, coloquinta, galbino, storace calamita,11 oppio tebaco,12 risalgallo, serrapino, vivole secche, sipodio di canna, scorza di Buggiea, zenzevarata.


 [[ Print Edition Page No. 71 ]] 

A peso di diremi si vendono: Perle, e muschio, e legno aloe.

A centinaio di pesi di diremi si vendono: Seta d’ogni ragione, argiento in piatti, oro in verghe o in monete.

A peso di bisanti si vendono: Ambra fine, e oro in verghe o in piatti o in buglione.

A centinaio di novero si vendono: Pillicceria tutta, e dàssi 104 per uno centinaio.

A ribeba si vendono: Grano, orzo, fave, e tutte altre biade e legumi.

A piatta si vendono: Oro, e argento, e stagno battuto.

A centinaio di matasse si vendono: Oro filato, e ciascuna matassa dè essere lunga fila 240, e ciascuno filo dè essere lungo . . .

58 Divisamento come si mette la mercatantia a carico di nave in Allesandria, cioè:

Cantar 5 forfori per 1 sporta di pepe, di gengiovo, di verzino, e d’indaco; il verzino sciolto.

Cantar 4 forfori per isporta di verzino legato.

Cantar 2½ gerui di zucchero e di polvere di zucchero per 1 sporta.

Cantar 3 leuedi1 di lino per 1 sporta.

Mene 200 di cannella e di cassa fistola per 1 sporta.

Libbre 500 di seta per 1 sporta

Come i pesi d’Allessandria rispondono l’uno all’altro in Allessandria medesima

Cantare 1 gerui si è cantare 1 e ruotoli 56 leuedi.

Ruotoli 5 gerui sono mene 6.

Mene 10 sono ruotoli 13 leuedi.

Mene 50 sono cantar 1 forfori.

Per la moneta che vi si spende

Bisanti . . . d’oro, che sono di lega di carati . . . d’oro fine per oncia, e a questa moneta d’oro si vende e compera ogni mercatantia. E perchè non sono iguali di peso, e quale pesa poco e quale assai, donde però sì se ne fae pagamento a peso di bilance, cioè che se dee avere bisanti 100 di pregio, si mette 100 pesi di bisanti dall’una bilancia e dall’altra bilancia mette tanti pezzi d’oro di bisanti coniati del conio del soldano che sono iguali a’ detti 100 pesi di bisanti, e così è per ragione del più e del meno che fusse il pagamento che s’avesse a pagare dall’uno mercatante all’altro o a ricevere.


 [[ Print Edition Page No. 72 ]] 

Diremi d’argento, che sono di lega d’once 8 d’argento fine per libbra, perchè non sono iguali di peso l’uno all’altro siccome dice di sopra della moneta dell’oro sì si dànno a peso di diremi per bilancia come la moneta dell’oro si dà per bilancia a peso di bisanti. E ragionasi che comunalmente li 23 in 25 diremi d’argento a peso vagliono 1 bisante d’oro, o li 201 diremi d’argento peso 1 fiorino d’oro, o il bisante d’oro fiorini 1 e 1/6 d’oro.

Diritto di mercantia e di cambio che si paga in Allessandria

Di ciò che metti in Allessandria all’entrare paga di diritto 20 per centinaio, e all’uscire paga niente.

E vendesi in Allessandria panni lani a pezza, 59 e fannosi canne 12 di Cipri la pezza.

Ciambellotti a pezza, e fannosi canne 14 di Cipri la pezza.

Sciamiti a pezza, e fannosi canne 15 di Cipri la pezza.

Tele line ad ara, cioè a braccia, e braccia 3 5/8 fanno canne 1 di Cipri.

XVCome i pesi e le misure d’Allessandria tornano in diverse parti, e quelle con Allessandria, e primieramente con Damiata e col Cairo di Bambillonia

Il peso e la misura d’Allessandria è tutto uno con quello di Damiata e con quello del Cairo di Bambillonia torna, e tanto si paga di diritto nell’uno luogo quanto nell’altro salvo che del legname si paga di diritto in Damiata 25 per centinaio all’entrare, e di germi, e d’altre averie de’ bastagi, 7 per centinaio.

con Napoli

Il cantar forfori d’Allessandria fae in Napoli libbre 120 in 122.

Il cantar gerui d’Allessandria fae in Napoli libbre 255 in 260.

Il cantar leuedi d’Allessandria fae in Napoli libbre 165 in 170.

Mene 100 d’Allessandria fanno in Napoli libbre 232 in 235.

Il centinaio delle nocelle di Napoli fanno in Allessandria pesi 6¾ e ogni peso si è cantar 10 gerui.

con Salerno

Cantaro 1 <forfori> d’Allessandria fae in Salerno libbre 120 in 122.

E ’l cantaro 1 leuedi vi fa libbre 165 in 170.


 [[ Print Edition Page No. 73 ]] 

E ’l cantaro 1 gerui vi fa libbre 255 in 260.

1Cubelli2 100 di nocelle di Salerno fanno in Allessandria pesi 2 e cantar 8 gerui, e ogni peso si è cantar 10 gerui.

con Barletta 3

Mene 100 d’Allessandria fanno in Barletta libbre 232 in 235.

Il migliaio dell’olio di Puglia fae in Allessandria cantar 6 gerui netto di tara.

Salme 100 di formento di Puglia fanno in Allessandria ribebe 160. 60

Marchio 1 d’argento al peso di Barletta fanno in Allessandria pesi 77 di migliaresi.

4Cantaro 1 forfori d’Allessandria fanno in Barletta libbre 119 in 120.

E ’l cantare 1 leuedi fae in Barletta libbre 166 in 170.

E ’l cantare 1 gerui fae in Barletta libbre 255 in 260.

Mene 100 d’Allessandria fanno in Barletta e in Salerno libbre 232 in 235.

Once 1 a peso d’oro di Puglia fae in Allessandria pesi 6 e carati 6¾ di bisanto.

con Gostantinopoli

Il cantaro 1 leuedi5 d’Allessandria fae in Gostantinopoli libbre 182 in 180.

Il cantaro 1 forfori5 d’Allessandria fae in Gostantinopoli libbre 144 in 147 grosse.

Il cantaro 1 gerui vi fa libbre 280 in 285 grosse.

Mene 100 d’Allessandria fae in Gostantinopoli libbre 150 in 1606 grosse.

con Chiarenza

Il cantaro 1 forfori d’Allessandria fae in Chiarenza libbre 120.

Il cantaro 1 leuedi vi fa libbre 165.

Il cantaro 1 gerui vi fa libbre 258.

Mene 100 d’Allessandria fanno in Chiarenza libbre 233.


 [[ Print Edition Page No. 74 ]] 

Marchio 1 d’argento al peso di Chiarenza fae in Allessandria pesi 77 di migliaresi.

Piperi 6 di Chiarenza fanno in Allessandria bisanti 6 e carati ½ a peso di bisanti.

con Messina di Cicilia

Cantaro 1 forfori d’Allessandria fae in Messina ruotoli 53; cantaro 1 gerui vi fa cantaro 1 e ruotoli 14; cantaro 1 leuedi vi fa ruotoli 73½—tutti al peso sottile di Messina. 61

Mene 101 d’Allessandria fanno in Messina libbre 25 a peso d’oro.

Marchi 1 d’ariento al peso di Messina fanno in Allessandria pesi 77 di migliaresi.

con Ancona

Cantaro 1 forfori d’Allessandria fae in Ancona libbre 120 in 122.

Cantaro 1 leuedi torna in Ancona libbre 165 in 166.

Cantaro 1 gerui torna libbre 255 in 260.

Mene 100 d’Allessandria fanno in Ancona libbre 225 in 230.

Marchio 1 d’argento d’Ancona fae in Allessandria pesi 77 di migliaresi.

Once 1 a peso d’oro d’Ancona fae in Allessandria pesi 62 e carati 6¾ a peso di bisante.

con Vinegia

Cantaro 1 forfori d’Allessandria fae in Vinegia libbre 140 a peso sottile.

Cantaro 1 leuedi d’Allessandria fae in Vinegia libbre 193 a peso sottile.

Cantaro 1 gerui d’Allessandria fae in Vinegia libbre 300 in 301 a peso sottile.

Mene 100 d’Allessandria fanno in Vinegia libbre 265 in 268 a peso sottile.

Marchio 1 d’argento di Vinegia fae in Allessandria pesi 78 1/2 di migliaresi.

Once 1 a peso d’oro di Vinegia fae in Allessandria bisanti 6 e carati 21 3/4 al peso di bisanti.

Il migliaio del mele a peso di Vinegia fae in Allessandria <cantara> 6 in 6 1/5 netto di tara.

Il migliaio dell’olio di Vinegia fae in Allessandria cantara 6 meno 1/3 netto di tara.

20 pesi a peso di migliorese d’ariento in verghe di Vinegia si contano per 1 bisante in Allessandria.

19 pesi a peso di migliorese di grossi nuovi coniati di Vinegia si contano per 1 bisante in Allessandria.


 [[ Print Edition Page No. 75 ]] 

Ragionasi al bisante vecchio d’oro d’Allessandria in Vinegia a comunal pregio a salvo in terra soldi 60 a grossi, di denari 26 a grossi il grosso d’ariento di Vinegia.

Ragionasi che costi di nolo la sporta del pepe d’Allessandria a Vinegia in galee armate da bisanti 7 d’oro.

62 Allessandria con Firenze

Cantaro 1 forfori d’Allessandria fae in Firenze libbre 103.1

Cantaro 1 leuedi fae in Firenze libbre 171.

Cantaro 1 gerui fae in Firenze libbre 266.

Mene 10 d’Allessandria fanno in Firenze libbre 22½ in 23.

Once 1 d’oro di Firenze fae in Allessandria pesi 6 e carati 16¾ a peso di bisante.

Libbra 1 d’argento al peso di Firenze fae in Allessandria pesi 112 di miglioresi.

con Pisa

Cantaro 1 forfori fae in Pisa libbre 130.

Cantaro 1 leuedi fae in Pisa libbre 180.

Cantaro 1 gerui fae in Pisa libbre 280.

Mene 100 d’Allessandria fae in Pisa libbre 240.

Libbra 1 d’argento al peso di Pisa fae in Allessandria pesi 109 di miglioresi.

Once 1 d’oro al peso di Pisa fae in Allessandria pesi 6 e carati 9 1/2 di bisanti.

con Genova

Cantaro 1 forfori d’Allessandria fae in Genova libbre 139.

Cantaro 1 leuedi vi fa libbre 193.

Cantaro 1 gerui vi fa libbre 300.

Mene 100 d’Allessandria fanno in Genova libbre 257.

Libbre 1 d’argento al peso di Genova fanno in Allessandria pesi 103 1/3 di migliaresi.

Once 1 d’oro al peso di Genova fae in Allessandria pesi 6 e karati 1 3/4.

con Provenza

Cantaro 1 forfori d’Allessandria fae in Provenza cantaro 1 e ruotoli 3.

Cantaro 1 leuedi vi fa cantaro 1 e ruotoli 42½.

Cantaro 1 gerui vi fa cantare 2 e ruotoli 22.


 [[ Print Edition Page No. 76 ]] 

Cantara 11 e ruotoli 35 gerui fanno in Provenza cantara 3, cioè 1 carica.

Mene 10 d’Allessandria fanno in Provenza libbre 24½ sottile.

Libbra 1 d’argento al peso di Marsilia fae in Allessandria pesi 117 di miglioresi.

Once 1 d’oro al peso di Provenza fae in Allessandria pesi 6 e carati 21 al peso di bisante.

16 corde di Nimissi fanno in Allessandria canne 100. 63

Marchio 1 d’argento al peso di Nimissi fae in Allessandria pesi 53 e carati 16 in peso di bisante.

colle Fiere di Campagna

Cantaro 1 forfori d’Allessandria fae in Fiera libbre 90.

Cantaro 1 leuedi vi fa libbre 125.

Cantaro 1 gerui vi fa libbre 194.

Mene 100 d’Allessandria fanno in Fiera libbre 168.

Libbra 1 d’ariento al peso di Fiera fae in Allessandria pesi 118 di miglioresi.

Once 1 d’oro al peso di Fiera fae in Allessandria pesi 6 e carati 22½ a peso di bisante.

con Castello di Castro

Cantara 17 di piombo a peso di Castello di Castro fanno in Allessandria cantar 10 gerui, chè <a> dicina di cantar gerui si vende piombo in Allessandria.

con Famagosta di Cipri

Cantaro 1 forfori d’Allessandria fae in Cipri ruotoli 19.

Cantaro 1 leuedi vi fa ruotoli 26.

Cantaro 1 gerui vi fa ruotoli 40.

Mene 102 d’Allessandria fanno in Cipri ruotoli 3 e occhie 4, d’occhie 12 per 1 ruotolo di Cipri.

100 pesi di bisanti d’Allessandria fanno in Cipri pesi 101½.

1 sporta di pepe d’Allessandria fae in Cipri ruotoli 95.

Ribebe 100 di grano alla misura d’Allessandria fanno in Cipri moggia 500.

Pesi 100 di diremi d’Allessandria fanno in Cipri pesi 71.

Braccia 100 d’Allessandria fanno in Cipri braccia 98.

Ragionasi che costi di nolo la sporta del pepe d’Allessandria in Famagosta da bisanti 1 d’oro d’Allessandria.


 [[ Print Edition Page No. 77 ]] 

64 CIPRI

XVIper se medesimo cioè in Famagosta

Tutta l’isola di Cipri si à pure uno peso e una misura e una muneta, e qui apresso e inanzi diviseremo come vi si vendono e comperano le mercatantie, e spezialmente in Famagosta però ch’ell’è quella terra dell’isola di Cipri ove più riparano i mercatanti a comperare e vendere le mercatantie, ed è alla marina ed à buono porto di mare.

E lo peso di Cipri si è a cantara, a ruotoli, a occhia, a libbre, a once, a pesi,1 a carati.

Il cantar si è ruotoli 100; e il ruotolo si è occhie 12, e ogni ruotolo si è libbre 6 e once 9;2 e ogni libbra si è once 12; e ogni oncia si è pesi 6 e carati 14, di pesi 79 per una libbra e di carati 24 per uno peso.

E la canna da misurare panni lani e lini di Cipri si è palmi 8 o vuogli braccia 3 1/2.

A cantara di peso e a pregio di bisanti si vendono in Cipri

Pepe tondo, polvere di zucchero, cassia fistola, e gengiovo, cotone filato, vermiglione, cannella, cera, lisciadro, verzino, allume, salarmoniaco, lacca, galla, nocelle, zettoaro, aloe, astifore, coloquinta, incenso, argento vivo, zuccheri in pani, orpimento, mandorle sanza guscio, comino, e riso, mastico, landano,3 manuvia, mele d’ape, mele di canna meli,4 mele di carnibe,5 robbia, zolfo, sene,6 vivole secche, pece navale, sapone, fistuchi, zibibbo, piombo, ghetta, ferro, erba laccia che l’appellano scimidina cioè erba gualda, carne salata, formaggio, pesci salati, cuoia di bufolo e prima le dette cuoia stanno al sole per ispazio di 4 dì e poi si pesano; cuoia di bue, beccume, lino, lana da fare ciambellotti, lana sucida di Cipri e della detta lana di Cipri si dà ruotoli 110 per 1 cantaro.

Lana lavata di Cipri, ma della lavata si dà pure ruotoli 100 per 1 cantare.

Corallo scorzuto, saime in giarre e scontasi per tara della giarra il 1/4 di ciò ch’ella pesa col saime.

65 A cantara di peso e a pregio di bisanti saracinesi si vende

Cotone mapputo, e stagno, et rame in pani, e rame duro.


 [[ Print Edition Page No. 78 ]] 

A cantara di misura e a bisanti saracinesi si vende

Olio chiaro e olio mosto e olio grosso, e ogni cantara si è 8 giarre di misura, e ogni giarra si è ruotoli 20 e occhie 10 di diritto peso d’olio, sicchè il cantaro di misura pesa a diritto peso netto di tara di giarre cantara 1 e ruotoli 66 2/3 d’olio di peso.

A ruotoli di peso e <a> bisanti si vende

Denti di liofanti, e gherofani, fusti di gherofani, cardamoni, galinga, noce moscade, pepe lungo, spigo, mace, ribarbero, scamonea, manna, borrace, caffera, gomerabica, sangue di dragone, squinanti, turbitti, galanga, mirabolani, indaco di Baldacca, indaco di Cipri, sandali, zenzaverate, e tutte altre spezierie sottili e tutti confetti.

Seta cruda di fardelli, e la seta si pesa a 5 ruotoli insieme e non più.

A libbra di peso e a bisanti bianchi si vende

Zafferano, e pesasi a ruotoli, e ragionasi ogni ruotolo libbre 6 e1 pesi 54, di pesi 79 per 1 libbra, e di pesi 44 per 1 occhia, e d’occhie 12 per 1 ruotolo.

Ambra concia, corallo pulito, otriaca, ambracanni,2 treforia3 magna.

Sciamiti si vendono a pezza tale com’ella ene, e dè essere braccia 15 di Cipri, a pregio di tanti bisanti saracinesi la pezza.

A centinaio di pesi e a bisanti bianchi si vende

Legno aloe, seta cotta torta, seta carmusi, zendadi fatti e lavorati nell’isola di Cipri, e della seta chermusi si dà 102 pesi per 1 centinaio di pesi a pagamento.

A peso di carrubole,4 cioè a carati, e a bisanti bianchi si vende oro e argento filato, a pregio di tante carrubole4 di bisanti, di carubole5 24 per uno peso e di pesi 796 per 1 libbra.

A otro7 tale com’egli è, e a bisanti bianchi si vende noce e castagne.


 [[ Print Edition Page No. 79 ]] 

A pezza tale com’ell’è, a bisanti bianchi, si vende velluti e camucca di seta, drappi a oro et maramanti, nacchi e tutti altri drappi di seta e d’oro salvo zendadi o sciamiti di seta.

Bucherami anche a pezza o a dicina di pezza, cioè bucherami che all’uno e all’altro si vendono.

Perle si vendono a peso, di pesi 79 per 1 libbra, e di carati 24 per 1 peso di bisanti bianchi.

Vai crudi si vendono a dicina di pelle e a bisanti bianchi.

Tele e canovaccio si vendono a centinaio di canne e a bisanti saracinesi.

Panni lani franceschi si vendono a’ drappieri di Cipri a pezza e a livrate, 66 e se vendi a livrate gli dai come sono pelle lire che sono scritte in sul panno, a pregio di tanti bisanti bianchi la lira di tornesi piccioli, o a pregio di tanti bisanti bianchi lo reale se sono taccati a reali1 di Fiandra, sanza misurare i detti panni; salvo se in sul panno fusse segnato alcuna cortezza che segnata vi fusse, quello che fusse il venditore è tenuto di rifarlo al comperatore. E se vendi a pezza e non a livrate sì ti conviene fare ciascuna pezza secondo della terra onde sono fatte lunghe come dirà qui appresso e inanzi, cioè:

Borsella canne 14
Mellino canne 11¾
Lovano, della picciola magione canne 11½
Lovano, della grande magione canne 14
Mellati di Bruggia canne 11¾
Vergati di Guanto braccia 12 anzi canne 12
Vergati di Popolungo canne 14
Coverture d’Ipro2 canne 6½
Tolosani3 e nerbonesi, carcascioni, Bindersi e Pirpignano, ciascuno canne 12
Bianchi di Nerbona, bianchi di Bagnuolo ciascuna canne 6
Amiensa canne 11¾

Panni lombardeschi si vendono a livrate a pregio di tanti bisanti bianchi la lira di genovini piccioli; chè si vendono a livrate non si misurano, ma sono canne 12 la pezza.

Panni di Vinegia si vendono a canne a pregio di tanti bisanti bianchi la canna, e sono da canne 9½ di Cipri.

Panni bianchi di Valenza si vendono a canna4 e a bisanti bianchi; sono da canne 18½ in 19 la pezza.


 [[ Print Edition Page No. 80 ]] 

E vendendo i panni a canne non è tenuto il venditore di dare al comperatore la ’nvoglia della balla, ma la corda sìe; e se vendi a balla cioè uno o due o 3 o più o meno, nominando balla a pregio di tanti bisanti bianchi la balla o la canna, si è tenuto il venditore di dare al comperatore la ’nvoglia del canovaccio e la corda per niente di tante balle quanto facesse mercato a numero di balle.

Panni fiorentini si vendono a pregio di tanti bisanti bianchi la canna, e non ànno lunghezza ordinata perchè quale1 è lungo piue e quale meno dell’altro.

A moggio e a cafisso e a bisanti bianchi si vende grano, orzo, e tutti altri biadi e legumi, e mandorle col guscio; e misurando il biado col moggio si è il moggio raso, 67 e misurando * a cafisso si è il cafisso colmo, salvo che le mandorle si dànno a moggio colmo come col cafisso.

Vino di Cipri si vende a botte tale com’ell’ene, a pregio di tanti bisanti bianchi la botte, ed è tenuto il comperatore di rendere la botte vota poi al venditore. E chi dell’isola medesima reca a vendere nel paese medesimo in otri o in somaggio il vende a metri a pregio di tanti bisanti bianchi il metro, e ogni metro si è 9 quarteroni ella2 fonda in Famagosta, cioè lo luogo ordinato dove si vende il vino, e ogni quarterone si è 4 quarte di misura; ma alla taverna d’uno bisante li 8 quarteroni fanno uno metro iu Famagosta, di quattro quarte il quarterone; e in Niccosia, ch’è la mastra terra di Cipri, li 15 quarteroni fanno uno metro; ma pure lo metro è tutto uno per tutta l’isola di Cipri, ma è tanto meno lo quarterone di Niccosia che quello di Famagosta che però n’entrano tanti più quarteroni nello metro in Niccosia che in Famagosta. E la botte del vino <a> che si vende il vino dell’isola di Cipri in Cipri non è cosa ordinata, ma puote tenere da 120 quarteroni di Famagosta.

Vini grechi o latini di Napoli o di Puglia o della Marca o di tutti altri vini forestieri che si rechino a vendere nell’isola di Cipri, spezialmente a Famagosta, si vendono a botte a pregio di tanti bisanti bianchi la botte tale com’ella è, e la botte vota rimane al comperatore; e ragionasi che tenga la botte di mena di Napoli in Famagosta 200 quarteroni, e quella di Puglia e della Marca, che sono come botti di ½ migliaio di Puglia, 150 quarteroni di Famagosta. E se le botti avessono mancamento, sì rifa il venditore al comperatore per la detta ragione, e riempiela di vino; e l’uno all’altro si fa alla volontà del venditore, e mette meglio al venditore a riempierla che rifarla.

Sale delle saline3 di Cipri la corte del re di Cipri il vende a migliaio di
 [[ Print Edition Page No. 81 ]] 
moggia colme a pregio di tanti bisanti bianchi il migliaio delle moggia, e il moggio si è moggio a misura di formento salvo che il formento si misura a moggio raso e il sale a moggio colmo.

Carube, cioè pome, si vendono in Cipri a una misura che s’appella sacco1 di Vinegia però che’ viniziani anticamente diedono di ciò la misura in Cipri; ed è il sacco di lana tessuto in accia, ed empiesi di carube, e intorno al detto sacco stanno abracciati cinque huomini, e colmasi il detto da carrube nel cerchio de’ detti cinque huomini quantunque vi se ne possono mettere fino di sopra alle teste de’ detti huomini, e quando è così colmato, ed eglino * gli dànno la pinta e fannolo cadere in terra; 68 e ragionasi che ’l detto sacco così misurato tiene tante carrube che volendole misurare alla misura del moggio con che si misura il grano in Cipri troverrai che sono 18 moggia colme e 23 moggia piene al piano e non colme, e possono pesare le carrubbe della misura d’uno sacco da cantara 1 e ruotoli 10 in 15 al peso di Cipri.

Oro in verghe o in buglione si vende a ragione di tanti bisanti bianchi al peso; secondo ch’egli è di bontadi di carati vale poco o assai; è ’l peso di pesi 79 per 1 libbra, e di carati 24 per 1 peso.

Argento in piatti o in verghe si vende in Famagosta a marchio, d’once 8 peso per 1 marchio, e di pesi 6 e carati 14 per 1 oncia, e di carati 24 per 1 peso, a pregio di tanti bisanti bianchi il marchio secondo la lega di che gli è.

E se lo metti nella zecca del re sarai pagato in 15 o in 20 dì il più alto, e aràne dalla detta zecca come diviserà qui appresso, e in questo s’intende a tutte maniere di gente che vogliono mettere argento nella detta zecca, cioè:

Del marchio d’ariento fine bisanti 25, carati 9.
D’argento sardesco bisanti 25, carati 1.
D’argento in piatte di Vinegia bisanti 24, carati 16.
Di grossi di Vinegia coniati bisanti 24, carati 18.
Di grossi tornesi bisanti 24, carati 8.
Di verghe della bolla di Vinegia bisanti 23, carati 16.
Di lega di sterlini bisanti 23, carati 6.
Di verghe della bolla di Genova bisanti 23, carati 15.
Di gigliati coniati bisanti 23, carati 16.
Di ragonesi coniati di Cicilia bisanti 23, carati —.
Di braccali coniati bisanti 23, carati 8.
D’agontani, fiorentini, e sanesi bisanti 24, carati 12.

 [[ Print Edition Page No. 82 ]] 

E di tutti altri argenti non numinati ne dà a ragione del fine secondo che sono di lega, e questo s’intende quando la zecca sia in mano del re che non sia in appalto, chè quando fusse in appalto, cioè in gabella, allora gli appaltatori ne dànno meno e piue come piace a loro.

La compagnia de’ Bardi e quella de’ Peruzzi ne dà la detta zecca carati due per marchio, di carati 24 per 1 bisante, e più che l’altre genti per gratia delle dette due compagnie n’ànno dal re di Cipri.

In Cipri si spendono bisanti bianchi1 d’ariento che sono di lega d’once 11 d’ariento fine per libbra, e come àne la zecca dello re di Cipri di due maniere,2 69 * cioè l’una maniera grossi grandi che n’entrano 48 nel marchio di Cipri e si contano due3 de’ detti grossi grandi uno bisante bianco, cioè soldi 4. All’altra maniera di grossi piccioli che n’entrano 96 in uno marchio di Cipri, de’ quali 4 de’ detti grossi piccioli si contano per uno bisante bianco; e il bisante bianco vale soldi 4 di piccioli, e i denari 2 piccioli si contano uno carato, di carati 24 per uno bisante bianco.

E spendesi anche in Cipri moneta piccola ch’è di lega d’once due e mezzo d’argento fine per libbra, ed entrane per libbra soldi 36 a conto, e ogni soldi 4 della detta moneta piccola si contano per uno bisante bianco, e il bisante è carati 24, sicchè ogni carato vale denari 2 piccolo.

E puotesi ragionare che vaglia il fiorino d’oro della detta moneta a comunal pregio di bisanti bianchi <. . .>

Quello ch’àe di spesa nella zecca di Cipri a fare la muneta dell’ ariento del re di Cipri oltre al primo costo dell’argento, e primieramente:

Per fonditura, d’ogni li 100 marchi, bisanti 1, come viene a marchio da denari 1/2.

E per mangiare al fonditore, carati 6 il dì, che ne tocca da denari 1 per marchio.

E per gli uverieri4 che gli lavorano e dirizzano e rendono i fiendoni fatti e bianchi, soldi 1 per marchio.


 [[ Print Edition Page No. 83 ]] 

E per gli munetieri che coniano la muneta, denari 2 1/2 per marchio.

E per discadimento d’argento a fonderlo e a lavorarlo, da once 5 1/2 per centinaio di marchi, che ne puote toccare da denari 8 per marchio.

E per carboni, da denari 2 per marchio.

E per ferramenti e dobbamento di ferri e di stigli della zecca, da denari 2 per marchio.

E per salaro del segnatore, bisanti . . . bianchi l’anno.

E per salaro dello ’ntagliatore de’ ferri, cioè de’ conii della muneta, bisanti bianchi . . . l’anno.

E per salaro del maestro della zecca che vi sta per lo re, da bisanti bianchi . . . l’anno.

Quello che à di spesa nella zecca del re di Cipri a fare la muneta piccola del re di Cipri oltre al primo costo dell’ argento e del rame:

Primieramente per fondere e fare le verghe, d’ogni 100 marchi bisanti 1, monta denari 1/2 per marchio.

E per la vivanda del fonditore, carati 6 il dì, monta denari 1/2 per marchio.

E per mancamento a fondere, 70 da 1 per centinaio, monta da denari 3 per marchio.

E per mancamento di bianchitura, da once 2 per centinaio di marchi, toccane da denari 3/4 per marchio.

E per discadimento agli uverieri che lavorano, da 1 per centinaio, toccane denari 3 al marchio.

E per li uvrieri che lavorano e adirizzano e rendono i fiendoni fatti, bisanti 20 al cento de’ marchi, toccane da denari 9 3/5 per marchio.

E per li monetieri che coniano la moneta, denari 2 per marchio.

E per carboni, soldi 3 per centinaio de’ marchi, monta 1/3 di denaro per marchio.

E per conciatura di ferri e di stoviglie della zecca, da 1/2 denaro per marchio.

E per salaro del segnatore, da bisanti bianchi . . . l’anno.

E per salaro dello ’ntagliatore de’ conii, bisanti bianchi . . . l’anno.

E per salaro del maestro della zecca che vi sta per lo re, da bisanti1 bianchi . . . l’anno.

XVIIQuello che si paga di diritto nell’isola di Cipri di mercatantia

Borgesi di Famagosta sono franchi entrando et uscendo sanza pagare nulla dirittura di comerchio.

Gienovesi e viniziani sono franchi entrando et uscendo che non pagano niente.


 [[ Print Edition Page No. 84 ]] 

Pisani, nerbonesi, provenzali, catelani, anconetani pagano di diritto al comerchio del re 2 per centinaio entrando e 2 per centinaio uscendo.

Fiorentini soleano pagare di diritto al comerchio del re 4 per cento entrando e 4 per centinaio uscendo, salvo la compagnia de’ Bardi e la compagnia de’ Peruzzi per gratia che aveano e ànno dal re di Cipri pagano pure 2 per centinaio entrando e 2 per centinaio uscendo; 71 e però tutti gli altri * fiorentini che vi vanno in Cipri che non fussino delle dette 2 compagnie e per non volere pagare 4 e volere pagare pure 2 per centinaio, sì si scusano tutti per pisani, di che per la detta cagione i pisani gli gravavono molto di loro imposte e di loro taglie e trattavono i fiorentini come fossoro giudei o loro servi. Di che Francesco Balducci, essendo per la compagnia de’ Bardi in Cipri e veggiendo che i pisani trattavono i fiorentini per sì mal modo, si procacciò di verso lo re di Cipri fino a dì 21 di maggio, anni 1324, d’avere gratia dal re che dove i fiorentini pagavano 4 per centinaio dal detto dì addietro, che dal detto dì innanzi pagassino pure 2 per centinaio, durando la detta gratia pure due anni; e poi a dì 23 d’ottobre, anni 1325,1 a richiesta del detto Francesco Balducci fu cresciuta la gratia anche uno anno oltre a’ primi due, nonestante che i primi due anni non fussino ancora compiuti; e poi a dì 21 settembre 1326, a richiesta del detto Francesco Balducci, nonestante che i tre anni non fussino ancor compiuti, sì fue cresciuta la detta gratia anche 5 anni; e poi a dì 3 d’agosto 1327 sì ebbe la gratia per tutto il tempo e per tutti i fiorentini di pagare pure 2 per centinaio entrando e 2 per centinaio uscendo siccome pagano i pisani. Ed à comandamento il balio del comerchio di Famagosta d’avere per fiorentini tutti quegli che colui che sarà per la compagnia de’ Bardi in Famagosta dirà che sieno fiorentini—egli gli debba trattare per fiorentini sanza altra pruova cercare.

E se discarichi mercantia in terra e sanza venderla la vuogli trarre fuori di Cipri, paghi per la entrata 2 per centinaio e niente usciendo.

E se avessi in su una nave o vero altro legno tua mercatantia e volessila trarre di quello legno ov’ella fusse e caricarla in altro legno nel porto di Famagosta sanza discaricarla in terra per mandarla fuori di Cipri, sì none paghi se none uno per centinaio in somma tra d’entrata e d’uscita.

E se traessi mercatantia d’alcuna terra di Cipri per mare per portare ad altra terra di Cipri per mare, sì paghi il diritto colae onde la trai come se la volessi trarre fuori dell’isola, ma traendola ed entrando per terra non paga niente.

Tutte altre maniere di gente che sieno brivilegiate che non abbino gratie di diritto dal re pagano di diritto al comerchio del re 4 per centinaio entrando e 4 per centinaio uscendo.


 [[ Print Edition Page No. 85 ]] 

E puoi comperare e vendere nella terra sanza nulla dirittura pagare.

E pagasi un altro diritto in Cipri che si chiama ‘missa,’ 72 lo quale diritto è messo per tenere il mare intorno all’isola di Cipri sicuro; lo quale diritto pagano i padroni de’ navili che arrecano le mercatantie di Turchia et da Rodi e d’Erminia e di Soria e di terra d’Egitto in Cipri. E non dee pagare il mercatante, ma i padroni de’ navili debbono pagare che recano le mercatantie, ma i detti padroni il fanno pagare a’ mercatanti di cui è la mercatantia, e tolgono tanto più di nolo quanto monta il diritto della missa; ma i padroni che sono viniziani o genovesi, perchè sono franchi al comerchio in Cipri, non ne pagano niente, ma il balio del detto diritto della missa si fa pagare al mercatante di cui è la mercantia che venisse in sul legno di viniziani o genovesi. Il quale diritto si paga di ciascuna mercatantia come dirà qui appresso e inanzi:

Pepe, gengiovo, cannella, e incenso, tuzia, verzino, e indaco, e tutte altre spezierie pagano bisanti bianchi 1 il cantaro, e ’l pondo dè essere ruotoli 40 di Cipri, e se più fusse pagherebbe a quella medesima ragione.

Cotone mapputo, bisanti 1 per cantaro.

Zucchero in pani in botte, bisanti 2½ per botte.

Zucchero di Cipri, carati 12 per cassa.

Cuori di cavalli confetti in casse, karati 6 per cassa, e se fusse in iscatole, carati 3 per iscatola.

Mele d’abellie1 cioè d’ape, carati 12 per botte.

Mele di cannameli, e galla, karati 12 per pondo.

Zucchero in pani, bisanti 3 per cantare.

Drappi d’oro e velluti di seta, karati 12 <per> pezza.

Pece navale, karati 12 per cantaro.

Cuoia di bue, bisanti 5 il centinaio a novero.

Beccume, karati 12 per fascio.

Sapone, karati 12 per sacco.

Lana da ciambellotti, karati 2 per sacco.

Seta, bisanti 5 per fardello.

Carrubie, cipolle, cipolline, karati 12 per centinaio di nate.

Olio che venga di luoghi nominati salvo che di ponente, bisanti 1 per botte.

Allume, karati 6 per sacco.

Vino che venga di luoghi nominati à la detta missa bisanti 1 per botte.

Ma vini che venghino da Rodi in là verso il ponente non paga niente di missa.


 [[ Print Edition Page No. 86 ]] 

Drappi di seta, 73 karati 6 per pezza.

Legname lavorato, il 1/10 del nolo.

Cera, bisanti 2 per cantaro.

Anisi, karati 6 per sacco.

Canape filato, karati 12 per fascio.

Capperi, karati 12 per botte.

Acqua rosa, karati 12 per cassa.

Vetro lavorato, bisanti 1 per cassa.

Riso, karati 6 per sacco.

Sumaimo, karati 12 per sacco.

Coinsines, karati 12 per sacco.

Frietta, karati 6 per sacco.

Papeo, bisanti 1 per balla.

Cotone filato, bisanti 1 per sacco.

Senapesemen, karati 6 per sacco.

Salarmoniaco, bisanti 1 le 100 pezze.

Cassia fistola,1 bisanti 1 per matta.

Orpimento, karati 6 per pondo.

Rame lavorato, bisanti 1 per cassa.

Cenere grevella, karati 6 per sacco.

Fistuchi, karati 12 per sacco.

Alcana, karati 12 per sacco.

Racino secco, karati 8 per fardello,2 cioè uve.

Cotone granato, cioè cotone col seme, carati 12 per sacco.

Aloe bianco, cioè uno cofetto con noce, carati 6 per iscatola, e del detto cofetto, carati 12 per cassa.

Cassoni, cioè scodelle di terra, carati 6 per gabbia.

Cotone, bisanti 1 e karati 12 per balla.

Grana di pomegranate, carati 8 per sacco.

Pesce insalato, karati 6 per fardello.

Acqua d’agresto, karati 12 per botte.

Lino, bisanti 1 per sacco.

Fichi secchi, carati 8 per cantaro.

E di tutte altre mercatantie di borgesi di Cipri che si portano di verso ponente o di Romania paga del nolo a ragione di ½ per centinaio di quanto monterà il nolo che dovrà pagare.


 [[ Print Edition Page No. 87 ]] 

Quello che si paga di legatura di mercantia

Di seta cruda, bisanti 1 e karati 12 per fardello.1

Di spezieria grossa, karati 1½ in carati 3 per pondo.

Indaco baccaddeo a metterlo nell’otre e ricurarlovi2 dentro, karati 9 per l’otre.

Di bucherami, da bisanti 1 per balla. 74

Di polvere di zucchero, carati 2 per cassa.

Quello che si paga di senseraggio di mercantia e di cambiora in Cipri

D’avere di peso, da ciascuna della parti karati 6 per centinaio di bisanti.

Di cambiora a contanti e per lettera, da ciascuna delle parti carati 3 per centinaio di bisanti.

Di navoleggiamenti, da ciascuna delle parti 1 per centinaio di quanto monta il nolo.

Di panni franceschi, da ciascuna parte karati 12 per pezza.

E di panni di Vignone e di bianchi di Valenza, da ciascuna delle parte bisanti 1 e carati 18 per balla.

Di ciambellotti, da ciascuna parte carati 3 per pezza.

Di bucherami, da ciascuna parte carati 12 per 10 pezze.

Di gioielli e di vasellamenta d’argento3 e di mercatantia che si vendono a gridaggio, cioè allo ’ncanto, in Cipri si paga il comperatore al gridatore ¼ di carato per ciascheduno bisante di quello che monta la cosa comperata per mano del gridatore, e il venditore non paga niente salvo che di quello che di sua cortesia volesse donare al gridatore, poco o assai come gli piace, che altrimenti non gli è tenuto.

Quello che à di spesa l’olio in Famagosta

Per conducerlo dalla marina al magazzino o vero alla cisterna4 e stivare le botti dell’olio nella cisterna, secondo che ’l magazzino o vero cisterne sono presso o lungi dalla marina ove si scarica l’olio quando viene dalla nave, da carati 3 in 12 per botte di mezzo migliaio di Puglia.

E per loghiera di cisterne o vero magazzini ove lo tenesse si ragiona comunalmente da 12 insino in 20 bisanti bianchi il mese il centinaio delle botti.

E per misuraggio al venditore quando lo vende, ½ carato per giarra, detta giarra di misura per 1 cantaro.


 [[ Print Edition Page No. 88 ]] 

E il comperatore allo apaltatore della giarra, carati 1 per giarra.

E per senseraggio, ciascuna delle parti carati 6 per centinaio di bisanti.

E per cortesia a’ misuratori secondo ch’è la quantitade, a tutta la somma da carati 12 in bisanti 1.

75 Tutte mercatantie che si pesano in Famagosta in sacco o in casse o in vaselli di legno o di terra, poi che sono fattane la tara si è il sacco o canovaccio o la cassa o il vasello in che si pesa si è del comperatore per niente, salvo se avesse più d’una scarpigliera o più d’uno sacco l’uno rimane al comperatore, qual più gli piace, e l’altro torna al venditore;1 salvo che d’alcuna mercatantia che ’l sacco del canovaccio l’uno va e si pesa per mercatantia, e se più d’uno n’àe, dell’uno si fa tara e l’altro va per mercatantia;2 le quali che3 sacca vanno per mercatantia sono quelle che diremo qui appresso:

Di cotone mapputo, di galla, d’orpimento, d’allume, di mandorle sanza guscio, di nocielle, d’alcanna, di comino, e di riso, di sapone, e di fichi.

4E se la mercatantia avesse cassa e corda, cioè fune, si è del comperatore la cassa e la corda, e ’l canovaccio rimane al venditore poi che n’è fatta tara.

In Cipri in nulla parte dell’isola non vale nulla carta di notaio se non fusse di testamento o di dota o di schiavi comperati o di navoleggiamento, salvo se lo re non la facesse valere per grazia a cui egli volesse mettere avanti per usare sua ragione.

Quando i mercati si fanno in Famagosta il comperatore dà caparro al venditore per mano del sensale, poco od assai come gli piace, e poi che ’l comperatore à dato caparro al venditore si vanno <il venditore e> il comperatore insieme al comerchio, cioè alla dogana, e fanno scrivere agli scrivani del comerchio in presenza del balio del detto comerchio le convenenze del mercato che ànno fatto insieme. E di presente che le convenenze sono scritte al detto comerchio si è fermo il mercato per modo che mai non si puote rompere se none s’amendue le parte, cioè il venditore e il comperatore, ne fussino in concordia d’anullare il detto mercato.

E quando alcuna delle parti non volessino ottenere il mercato poi che è scritto al comerchio, il balio del detto comerchio ne fa ragione di presente alla parte che gliene domanda ragione. E infino che ’l mercato non è
 [[ Print Edition Page No. 89 ]] 
scritto non è fermo e non è tenuto il venditore al comperatore nè il comperatore al venditore se none di tanto come vale il caparro che s’avessero dato insieme; cioè che se al comperatore non piacesse il mercato poi ch’avesse dato il caparro al venditore puote lasciare il caparro al venditore ed è quito del mercato, 76 e se al venditore * non piacesse da tenerlo allo comperatore sì gli rende il caparro ch’avesse ricevuto dal detto comperatore doppio, cioè che se avesse ricevuto uno fiorino d’oro per caparro gliene rende due ed è cheto il mercato, che non si possono adomandare nulla insieme; e questo s’intende avanti che ’l mercato sia scritto al comerchio del re, chè se è scritto al comerchio conviene che stia fermo, e non si può rompere s’amendue le parte non ne sono in concordia d’anullare il mercato.

Se tu vendi mercatantia a termine in Famagosta a persona che ti piaccia, prendine obrigazione sopra di lui d’essere pagato al termine che gliele dai, sì ti fa riconoscere davanti al balio del comerchio di Famagosta; e quando si riconosce davanti allo detto balio sì si scrive per mano dello scrivano del detto balio o vero del comerchio in sun uno libro che si chiama il libro delle rimmembranze del detto comerchio. E se v’è scritto e tu ne vogli domandare poi ragione davanti al detto balio al termine che gli dei avere, il detto balio te ne fa sommaria ragione e1 in fra ’l terzo giorno che te ne sarai richiamato o al quarto il più tardi te ne fa pagare al tuo debitore od egli lo mette in prigione e tienlovi insino a tanto che sarai contento e pagato dal tuo debitore. E contro alla scritta del comerchio non si puote apporre niente, nè per testimonanza che ’l debitore producesse nè per nullo altro modo, salvo se non mostrasse per iscritta del detto comerchio come pagato avesse il creditore; la qual cosa non potrebbe essere salvo se il creditore non avesse confessato per iscritta del detto comerchio ricevuto tutto o parte di quello che dovesse avere, che quello che confessato vi si trovasse scritto sarebbe rabattuto del debito; e altro non v’è che dasse <. . .>2 a lui l’avesse pagato non gli varrebbe niente se non quello che fusse scritto o conosciuto per iscritto del detto comerchio, e questa leggie si è per tutta l’isola di Cipri in ciascuna terra.

77XVIII Come i pesi e le misure di Famagosta tornano in diverse terre del mondo e quelle con Famagosta; primieramente con Damiata di terra d’Egitto

Il peso e la misura di Famagosta fae in Damiata come in Allessandria, siccome divisa in questo libro addrieto, però che ’l peso di Damiata e quello d’Allessandria e del Cairo di Bambillonia sì sono tutti uno peso e una misura, siccome divisa in questo libro a drieto.


 [[ Print Edition Page No. 90 ]] 

con Dommasco di Soria

Cantaro 1 di Dommasco fae in Famagosta ruotoli 80.

Pesi 100 di diremo di Dommasco fae in Famagosta pesi 70.

Marchio 1 d’argento di Famagosta fae in Dommasco 75 pesi di diremo.

Braccia 97 di Famagosta fanno a Dommasco braccia 100.

E vendesi in Domasco zafferano a centinaio di pesi di diremo.

Oro filato a libbre di Vinegia che è 110 pesi di diremo.

Oro in buglione a maticale1 che è 16 1/2 pesi di diremo il maticale.1

Sciamiti a pezza di braccia 15 di Cipri la pezza.

Ciambellotti a pezza di braccia 14 di Cipri la pezza.

Pagasi di diritto all’entrare di Dommasco 3 1/3 per centinaio; e all’uscire diremi 2 alla porta, salvo nocelle e pesce salato e formaggio e mele e olio 10 1/2 per centinaio.

con Baruti di Soria

Cantaro 1 di Famagosta fa in Baruti cantaro 1, al2 quale cantaro si vende in Baruti ogni mercatantia grossa; e àvi in Baruti un altro cantaro che si chiama cantar dommaschino, allo quale cantaro dommaschino si vende spezieria e ogni avere sottile, il quale cantare fae in Famagosta ruotoli 80.

Zafferano e ambra e argento in buglione si vendono a Baruti a centinaio di peso di diremi, che li 100 de’detti pesi fanno in Famagosta 70 pesi di Cipri, e simile si vende a’ detti pesi di diremi: <. . .>

Oro filato e oro in buglione si vende a maticale, 78 che li 7 meno 1/3 fanno libbre 1 di Vinegia.

Sciamiti si vendono a pezza che è braccia 15 di Cipri.

Ciambellotti a pezza ch’è braccia 14 di Cipri.

Olio si vende in Baruti al cantar grosso.

Formento e altri biadi si vendono in Baruti a una misura che s’appella carrara che fa in Cipri moggia 13.

Braccia 97 di Famagosta fanno a Baruti braccia 100.

Pagasi di diritto all’entrare in Baruti 1/2 per centinaio, e allo uscire 1 per centinaio.

con Amano e con Alappo di Soria 3

Cantar 1 d’Amano fae in Famagosta ruotoli 98.

Cantaro 1 d’Alappo fae in Famagosta ruotoli 99.


 [[ Print Edition Page No. 91 ]] 

con Antioccia

Cantaro 1 d’Antioccia fae in Famagosta ruotoli 99.

colla Leccia di Soria

Cantaro 1 della Leccia fae in Famagosta ruotoli 98.

Braccia 12 di Cipri fanno alla Leccia braccia 10.

E vendesi alla Leccia zafferano, e argento in buglione, e ambra, e oro filato a centinaio di diremi, che i detti 100 pesi di diremi fae in Cipri pesi 70.1

Oro in buglione2 a maticale, che 16½ pesi di diremo fanno 1 maticale.

Sciamiti a pezza, ch’è braccia 15 di Cipri la pezza.

Ciambellotti a pezza, ch’è braccia 14 di Cipri la pezza.

Olio a cantara, e vota la botte e fanne tara per quello ch’ella è.

Formento si vende alla Leccia a mecucco che fa in Cipri moggia 7½.

Pagasi alla Leccia di diritto 5 per centinaio entrando e 5 uscendo.

con Tripoli di Soria

Cantara 1 di Tripoli fae in Famagosta ruotoli 80.

Braccia 97 di Famagosta fanno in Tripoli braccia 100.

Vendesi in Tripoli zafferano e argento in buglione a centinaio di pesi di diremi, che i 100 pesi di diremi fanno in Famagosta pesi 70 di Cipri.

Oro filato si vende in Tripoli a libbre di Vinegia, ch’è 10 pesi di diremi.

Oro in buglione a maticale, ch’è 16½ pesi di diremi. 79

Ciambellotti a pezza, che3 braccia 14 vuol essere la pezza di Cipri.

Olio a cantara, e scontasi per la botte il ¼.

Fiormento e altri biadi a cantara che fa in Cipri moggia 13.

con Laiazzo d’Erminia

Cantaro 1 di Famagosta fae a Laiazzo ruotoli 37.

Marchio 1 d’argento al peso di Famagosta fae in Laiazo marchio 1.

Cafissi 3 1/3 di biado alla misura di Cipri fanno in Laiazzo 1 marzapane, di 10 marzapani per 1 moggio di Laiazzo.

con Savastro di Turchia

Cantaro 1 di Famagosta fae in Savastro ruotoli 47.

Mene 2 1/4 di Savastro fanno in Famagosta ruotoli 1.

Marchio 1 d’argento al peso di Famagosta fae in Savastro diremi 33 1/3.


 [[ Print Edition Page No. 92 ]] 

con Candelloro di Turchia

Cantaro 1 di Famagosta fa a Candeloro ruotoli 40 di spezieria e d’altre cose grosse ruotoli 42.

Scimeo 1 di biado alla misura di Candeloro fae in Famagosta cafissi 11.

Il bisante bianco di Famagosta si ragiona aspri 7 di Candeloro.

con Setalia di Turchia

Cantaro 1 di Cipri di spezieria fae in Setalia ruotoli 40 al peso del calbano, e alla bilancia ruotoli 42.

Moggio 1 di biado alla misura di Setalia fae in Cipri moggia 3½.

Canne 12 di Cipri di panno lano fanno in Setalia braccia 22.

Marchio 1 d’argento al peso di Cipri fae in Setalia pesi 30.

Famagosta con Altoluogo di Turchia

Cantaro 1 di Famagosta di cosa che non manchi fae in Altoluogo battimanni 23½.

80 Battimanni 1 d’Altoluogo fae in Cipri ruotoli 4¼.

Canne 1 di Famagosta fae in Altoluogo ancone 1½.

La1 misura del biado d’Altoluogo fae in Cipri cafissi 15½ di grano, e d’orzo 14½.

colla Palitia di Turchia

La misura a che si vende il biado alla Palitia fae in Famagosta cafissi 16, cioè moggia 2 di Cipri.

con Rodi

Cantara 1 di Cipri fae in Rodi ruotoli 98.

Moggia 100 di biado alla misura di Cipri fanno a Rodi moggia 103.

Canne 102 <di Rodi fanno in Cipri canne 10>.

E picchi 100 di tele line alla misura di Rodi fanno in Cipri braccia 134, di braccia 3½ di Cipri per 1 canna.

Marchio 1 d’argento al peso di Rodi fae in Cipri marchio 1 appunto.


 [[ Print Edition Page No. 93 ]] 

con Gostantinopoli e Pera

Cantaro 1 di Famagosta fae in Gostantinopoli libbre 438, e libbre 100 grosse di Gostantinopoli sono libbre 140 sottili di Gostantinopoli.

Cantaro 1 di Famagosta torna in Pera libbre 720 genovesche, chè in Pera tutte cose di peso vi si fanno come a Genova.

Braccia 150 di tele alla misura di Famagosta fanno in Gostantinopoli picchi 100.

Moggia 1 di biado alla misura di Gostantinopoli fae moggia 10 in Cipri.

Ragionasi che costi il moggio da Gostantinopoli in Cipri da perperi 1.

Libbre 5 d’argento al peso di Pera fanno in Cipri marchi 7 e starlini 5.

Sacco 1 di carube alla misura di Cipri fae in Pera moggia 1¾ a misura di biado.

con Sallonicchi

Cantaro 1 di Famagosta di cotone e di cera fae a Sallonicchi libbre 660. 81

Libbre 10 di seta al peso di Sallonicchi fanno in Famagosta ruotoli 1 e occhie 4 1/3.

con Candia di Creti

Cantaro 1 di Famagosta fae in Candia libbre 658 sottile.

La misura del biado di Candia fae in Famagosta cafissi 4 1/3.

colla Canea di Creti

100 misure alla misura della Canea fanno in Cipri moggia 53 1/2.

con Chiarenza

Cantaro 1 di Cipri di spezierie fae in Chiarenza libbre 644, e di cotone 666.

Marchio 1 d’argento al peso di Chiarenza fae in Cipri marchio 1 e starlini 7.

Pesi 1 di Cipri, di pesi 79 per 1 libbra di Cipri, fae in Chiarenza pipperi 1 a peso.

Canne 1 di Chiarenza fae in Cipri canne 1.

con Ancona

Cantaro 1 di Cipri di spezieria fae1 in Ancona libbre 650, e di cotone libbre 666.

Lo migliaio del mele d’Ancona, che è libbre 1560, fae in Cipri cantara 2 e ruotoli 40 in 50.


 [[ Print Edition Page No. 94 ]] 

Marchio 1 d’argento d’Ancona fae in Cipri marchio 1 e starlini 7.

Canne 100 d’Ancona di canovaccio fanno in Cipri canne 102.

con Tunizi di Barberia

Cantaro 1 di Cipri fae a Tunizi cantara 4 e ruotoli 20 di spezieria, e di cotone cantara 4 e ruotoli 30.

Il sacco delle carubie di Cipri fae in Tunizi cantara 4 meno ¼, e ànno di spesa in Tunizi da ½ bisante per cantaro.

con Messina

Cantaro 1 di Cipri fae a Messina cantara 2 et ruotoli 83 di spetieria, e di cotone cantara 2 et ruotoli 90 per tutta Cicilia.

Marchio 1 d’argento di Messina fae marchio 1 e starlini 7 in Cipri.

82 Pesi 6 e carati 6 di Cipri fanno oncie 1 a Messina a peso d’oro.

Salme 100 di grano alla misura delle piaggie di Cicilia fanno in Cipri moggia 825 in 830.

La canna di Messina è tutta una con quella di Cipri.

con Barletta di Puglia

Cantaro 1 di spezieria al peso di Cipri fae in Barletta libbre 630 in 633 1/3.

Cantaro 1 e ruotoli 57 di cotone al peso di Cipri fa migliaia 1 in Puglia.

Pesi 6 e carati1 6 di Cipri fanno oncie 1 in Puglia a peso d’oro.

Il migliaio dell’olio di Puglia fanno in Cipri giarre 12 1/2, di 9 giarre di misura per 1 cantaro.

Lo migliaio della carne e del formaggio di Puglia, che è cantara 6 in Puglia, fae in Cipri cantara 2 e ruotoli 30.

Salme 100 di biado alla misura di Puglia fanno in Cipri moggia 760 in 765.

Marchio 1 d’argento al peso di Puglia fae in Cipri marchio 1 e sterlini 7.

E puoi ragionare che per ogni 100 bisanti bianchi che costasse in Cipri lo cantar della spetieria viene costato il centinaio di Puglia sanza nolo tarì 19 e grani 12 di gigliati d’argento, di 60 gigliati per oncia e di bisanti bianchi 25 per un’oncia; vuolsi poi rabbattere della vendita di Puglia il nolo che costasse a conducerla di Cipri in Puglia, che puoi ragionare da tarì 2 de’ detti gigliati a centinaio di peso di Puglia. E se volessi sapere che viene il cantaro di Puglia a quella medesima ragione, però che ’l cantaro di Puglia si è centinaia2 2½, però si multiprica tarì 19
 [[ Print Edition Page No. 95 ]] 
e grani 12 via 2½, fanno once 1 e tarì 19, e tanto verrà costato il cantaro di Puglia sanza nolo.

E per ogni bisante saracinato che costò di primo costo in Cipri il cantaro del cotone al peso di Cipri viene costato il migliaio di Puglia tarì 19 e grani 14 di gigliati d’argento, di gigliati 60 per oncia 1 e di bisanti bianchi 3½ per 1 bisante saracinato e di bisanti bianchi 25 per un’oncia di 60 gigliati, e questo s’intende sanza nolo; vuolsi poi rabbattere della vendita che se ne facesse in Puglia il nolo che costasse a conducere di Cipri in Puglia, 83 che si puote ragionare che costasse il detto nolo da tarì 25 di detti * gigliati il migliaio di Puglia in navilio disarmato come vi si conduce.

Conducendo grano di Puglia in Cipri puoi ragionare che partendo 60 per lo quarto di quante once di gigliati d’argento venisse costo il centinaio delle salme del grano di Puglia condotte al porto di Famagosta di Cipri, ciò che ne verrà tanti cafissi del grano ti verrà a bisanti bianchi; cioè che se il centinaio delle salme del grano di Puglia viene costato once 40 come ò detto al porto di Famagosta, sì si vuole partire 60 in 10, però che 10 è il ¼ di 40, che ne viene 6, e 6 cafissi a bisante ti verrà avuto, ragionando che la salma di Puglia ti getti a vendita in Cipri 60 cafissi, e l’oncia 25 bisanti bianchi.

con Napoli

Cantaro 1 di Famagosta fae in Napoli cantar 2 e ruotoli 54.

Ruotoli 1 di spezieria sottile di Famagosta fae in Napoli libbre 7 e tarì 8 al peso sottile a che si vende la spezieria sottile in Napoli.

Il centinaio delle nocelle, che è tomboli 606 in Napoli, fae in Famagosta cantara 35 in 35½.

La botte di mena di greco di Napoli fae in Cipri, cioè in Famagosta, 200 quarteroni di vino.

Lo migliaio della carne di Napoli fae cantaro 1 e ruotoli 58 in Cipri.

Lo cento della carne di Napoli fae in Cipri ruotoli 35.

La libbra sottile di Napoli fae in Cipri pesi 75, di pesi 79 per 1 libbra di Cipri.

Cantaro 1 di Napoli di cosa che non manchi fae in Cipri da ruotoli 39½.

Botte 1 di mena di Napoli d’olio fae in Cipri cantaro 1 d’olio di misura a che si vende l’olio in Cipri, ed è 160 cafissi di Gaeta.

E puoi ragionare che a conducere spezieria di Cipri in Napoli costa di nolo in galea armata da tarì 15 di gigliati d’ariento, di 60 per oncia, il cantaro di Napoli; e da tarì 6 de’ detti gigliati in navilio disarmato il cantaro di Napoli; e che tanto viene costato il centinaio o il cantaro della spezieria di Cipri a Napoli come di Cipri a Puglia.


 [[ Print Edition Page No. 96 ]] 

con Gaeta

Cafissi 160 d’olio di Gaeta fanno cantara 1 d’olio di misura in Cipri, che è 8 giarre. 84

Il peso e la misura di Gaeta è tutto uno con quello di Napoli.

con Pisa

Cantaro 1 di Cipri fae in Pisa libbre 693.

1Canne 10 di Pisa fanno in Cipri canne 13¼.

Libbre 1 d’argento di Pisa fa marchio 1 e once 3 e starlini 16½ in Cipri.

con Firenze

Cantaro 1 di Cipri fae in Firenze libbre 655 in 660.

Canne 10 di Firenze fanno canne 12 meno 1/16 in Cipri fusto a fusto sanza presa.

Canne 11 1/4 netto di tara di presa, e di panni fiorentini, perchè mancano le canne 11 di Firenze, fanno canne 12 a vendita in Cipri netto di tara e di presa, e la presa si è mezzo palmo per ciascuna canna di Cipri.

Libbre 1 d’argento di Firenze fae in Cipri marchio 1 e once 4 e sterlini 3.

Marchio 1 di Cipri fae in Firenze once 7 e denari 21 e grani 14 2/3.

Pesi 6 e carati 16 di Cipri fanno once 1 in Firenze.

E vagliendo in Cipri il fiorino d’oro tanti2 bisanti bianchi come diviserà qui appresso, e vagliendo in Firenze il fiorino soldi3 29 a fiorino come si conta a pagamento di mercatantia, verrebbe a valere il bisante bianco a denaro per denaro tanti soldi a fiorino quanto sarà posto appetto di ciascuno numero di bisante bianco:4

A 4 bisanti, 05 carato <il fior.> viene il bisante soldi 7, denari 3 a fiorino
A 4 bisanti, 1 <carato> viene il bisante soldi 7, denari 2 10/97
A 4 bisanti, 2 <carati> viene il bisante soldi 7, denari 1 11/49
A 4 bisanti, 3 <carati> viene il bisante soldi 7, denari — 4/11
A 4 bisanti, 4 <carati> viene il bisante soldi 6, denari 11 23/25 [13/25]
A 4 bisanti, 5 <carati> viene il bisante soldi 6, denari 10 70/101
A 4 bisanti, 6 <carati> viene il bisante soldi 6, denari 9 15/17
A 4 bisanti, 7 <carati> viene il bisante soldi 6, denari 9 9/101 [9/103]
85 A 4 bisanti, 8 <carati> viene il bisante soldi 6, denari 8 4/13
 [[ Print Edition Page No. 97 ]] 
A 4 bisanti, 9 <carati> viene il bisante soldi 6, denari 7 19/35
A 4 bisanti, 10 <carati> viene il bisante soldi 6, denari 6 42/53
A 4 bisanti, 11 <carati> viene il bisante soldi 6, denari 6 6/107
A 4 bisanti, 12 <carati> viene il bisante soldi 6, denari 5 1/3
A 4 bisanti, 13 <carati> viene il bisante soldi 6, denari 4 68/109
A 4 bisanti, 14 <carati> viene il bisante soldi 6, denari 3 51/55
A 4 bisanti e carati 15 il fior. viene il bisante sol. 6, den. 3 e 9/37 a fior.
A 4 bisanti e carati 16 viene il bisante soldi 6, denari 2 e 4/7
A 4 bisanti e carati 17 viene il bisante soldi 6, denari 1 e 103/113
A 4 bisanti e carati 18 viene il bisante soldi 6, denari 1 e 5/19
A 4 bisanti e carati 19 viene il bisante soldi 6, denari — 72/115
A 4 bisanti e carati 20 viene il bisante soldi 6
A 4 bisanti e carati 21 viene il bisante soldi 5, denari 11 5/13
A 4 bisanti e carati 22 viene il bisante soldi 5, denari 10 46/59
A 4 bisanti e carati 23 viene il bisante soldi 5, denari 10 22/119
A 5 bisanti e carati — viene il bisante soldi 5, denari 9 3/5
A 5 bisanti e 1 carato il fior. d’oro viene il bisante sol. 5, den. 9 3/121
A 6 bisanti il fior. d’oro viene il bisante soldi 4, denari 10 a fior.

Famagosta con Vinegia

Cantaro 1 di Cipri di spetieria fae in Vinegia libbre 750 sottili, e di cotone libbre 760 in 775 sottili.

Cantaro 1 e ruotoli 6 2/3 di Cipri fanno in Vinegia cariche 2.

Marchio 1 d’argento di Vinegia fae in Cipri marchio 1 e starlini 10 e 5/8; 86 sicchè marchi 100 di Vinegia fanno in Cipri marchi 106 et once 5 e starlini 2 1/2, d’once 8 per 1 marchio e di1 20 starlini per 1 oncia di Cipri.

Once 1 a peso d’oro di Vinegia fanno in Cipri pesi 7 e carati 1/7.

Migliaia 1 d’olio di Vinegia fanno in Cipri giarre 12.

Libbre 1000 grosse di Vinegia di mele fae in Cipri cantara 2 1/2.

Braccia 100 di Vinegia fanno canne 31 1/2 in Cipri.

Cafissi 212 di biado di Cipri fanno staia 1 in Vinegia.

Migliaio 1 grosso di Vinegia di rame o ferro o stagno fae in Cipri cantara 2 1/8 di cantaro.

Libbre 11 di zafferano di Vinegia fanno libbre 113 in Cipri.

Grossi 102 2/3 d’argento coniati nuovi di Vinegia com’escono della zecca fanno marchio 1 in Cipri.

E vagliendo in Vinegia il fiorino d’oro o vero ducato d’oro soldi 52 a grossi, di denari 26 a grossi il grosso d’argento di Vinegia, e vagliendo il fiorino d’oro in Cipri tanti bisanti bianchi quanto dirà qui appiè e inanzi, contando bisanti bianchi li 3 1/2 uno bisante saracinato verrebbe
 [[ Print Edition Page No. 98 ]] 
a valere il bisante a denaro per denaro tanti soldi a grossi quanto sarà posto appetto di ciascuno numero di bisante bianco:1

A bisanti 4 e carati 0 il fior. d’oro, viene il saracinato sol. 45, den. 6 a grossi
A bisanti 4 e carati 1 il fiorino, viene il saracinato sol. 45, den. — 3/97 [36/97]
A bisanti 4 e carati 2 il fiorino, viene il saracinato sol. 44, den. 6 6/7
A bisanti 4 e carati 3 il fiorino, viene il saracinato sol. 44, den. 1 5/11
A bisanti 4 e carati 4 il fiorino, viene il saracinato sol. 43, den. 8 4/25
A bisanti 4 e carati 5 il fiorino, viene il saracinato sol. 43, den. 2 78/101 [98/101]
A bisanti 4 e carati 6 il fiorino, viene il saracinato sol. 42, den. 9 15/17
A bisanti 4 e carati 7 il fiorino, viene il saracinato sol. 42, den. 4 92/103
A bisanti 4 e carati 8 il fiorino, viene il saracinato sol. 42
A bisanti 4 e carati 9 il fiorino, viene il saracinato sol. 41, den. 7 2/25 [7/35]
87 A bisanti 4 e carati 10 il fiorino, viene il saracinato sol. 41, den. 2 26/53
A bisanti 4 e carati 11 il fiorino, viene il saracinato sol. 40, den. 9 93/107
A bisanti 4 e carati 12 il fiorino, viene il saracinato sol. 40, den. 5 1/3
A bisanti 4 e carati 16 il fiorino, viene il saracinato sol. 39
A bisanti 4 e carati 20 il fiorino, viene il saracinato sol. 37, den. 7 25/29
A bisanti 4 e carati 23 il fiorino, viene il saracinato sol. 36, den. 8 8/17
A bisanti 5 — il fiorino, viene il saracinato sol. 36, den. 4 4/5
A bisanti 6 il fiorino viene il saracinato soldi 30, denari 4

con Genova

Cantaro 1 di spetieria di Cipri fae in Genova libbre 720, e di cotone 740.

Pesi 6 e carati 4 e 1/8 di Cipri fanno in Genova once 1.

Libbre 1 di Genova fae in Cipri pesi 74 e carati 1 1/2, di pesi 79 per 1 libbra di Cipri.

Cafissi 26 1/2 di biado di Cipri fae in Genova mine 1.

Canne 10 di Genova fanno canne 11 scarse in Cipri.

Libbre 5 d’argento di Genova fanno in Cipri marchi 7 e starlini 5.

E vagliendo in Genova il fiorino soldi 25 di genovini piccioli e vogliendo cambiare i detti genovini piccioli per Cipri a bisanti bianchi di Cipri, sì ti verrà costato il fiorino d’oro <a> denaro per denaro tanti bisanti bianchi quanto sarà posto appetto di ciascuno numero di soldi di genovini piccioli scritti qui appiè:2

A soldi 5 <il bisante> verrà il fiorino bisanti 5 bianchi
A soldi 5, denari 1 verrà il fiorino bisanti 4, carati 22 2/61
A soldi 5, denari 2 verrà il fiorino bisanti 4 e carati 20 e 4/31
A soldi 5, denari 3 verrà il fiorino bisanti 4 e carati 18 e 2/7
A soldi 5, denari 4 verrà il fiorino bisanti 4 e carati 16 e 1/2
88 A soldi 5, denari 5 verrà il fiorino bisanti 4 e carati 14 e 10/13
A soldi 5, denari 6 verrà il fiorino bisanti 4 e carati 13 e 1/11
A soldi 5, denari 7 verrà il fiorino bisanti 4 e carati 11 e 31/67
 [[ Print Edition Page No. 99 ]] 
A soldi 5, denari 8 verrà il fiorino bisanti 4 e carati 9 e 15/17
A soldi 5, denari 9 verrà il fiorino bisanti 4 e carati 8 e 8/23
A soldi 5, denari 10 verrà il fiorino bisanti 4 e carati 6 e 6/7
A soldi 5, denari 11 verrà il fiorino bisanti 4 e carati 5 e 29/71
A soldi 6 verrà il fiorino bisanti 4 e carati 4
A soldi 7 verrà il fiorino bisanti 3 e carati 13 e 5/7

con Nimissi e con Monpulieri

Cantaro 1 e ruotoli 10 in ruotoli 11 di Cipri fanno cariche 2 in Provenza ne’ detti luoghi.

Ruotoli 1 di seta di Cipri fae in Provenza libbre 5 e 2/5 grosse.

Canne 10 di Nimissi fanno in Cipri canne 9 1/2 nette di tara di 1/2 palmo di presa per canna.

Marchio uno d’argento di Nimissi fae in Cipri marchio uno e starlini 9.

E ragionasi che costi di nolo a conducere le mercatantie di Cipri ad Aguamorta in Provenza a comunale pregio di nolo, tutta spezieria che si porta in pondi, saracinati 4 del cantaro di Cipri netto di tara. I provenzali in loro navilio non paga nullo nolo. E zucchero in casse o in botte, o polvere di zucchero o verzino o cannella o cotone filato, saracinati 4 1/2 del cantaro di Cipri netto di tara; e cotone mapputo o sene, cassia fistola, saracinati 5 del cantaro di Cipri; allume, orpimento, saracinati 2 1/2 del cantaro di Cipri. E pagasi di nolo in Aguamorta, a termine di due mesi giunta la nave in Aguamorta, per ciascuno saracinato 7 grossi tornesi d’argento o la valuta. E questo s’intende a tempo di pace, ma a tempo di guerra costa la metà o 3/4 più però che conviene che la nave vada meglio guernita di gente d’arme da potersi difendere bene.

89 con Marsilia di Provenza, con Vignone

Cantaro 1 e ruotoli 10 di Cipri fae cariche 2 ne’ detti luoghi.

Ruotoli 1 di seta di Cipri fa libbre 5 e 2/5 grosse ne’ detti luoghi.

Canne 10 de’ detti luoghi fanno canne 9 1/2 di Cipri nette di tara e di presa.

Marchio 1 d’argento de’ detti luoghi fae in Cipri marchio 1 e sterlini 7.

Corda 1 di tele di detti luoghi fae in Cipri canne . . .

colle fiere di Campagna

Cantaro 1 di Cipri fae in fiera libbre 477 di cosa che non manchi.

Ruotoli 73 1/3 di Cipri fanno carica 1 in fiera, che è libbre 350.

Marchio 1 d’argento di fiera fae in Cipri marchio 1 e sterlini 14 1/2.


 [[ Print Edition Page No. 100 ]] 

con Parigi di Francia

Ruotoli 74½ di Cipri fanno carica 1 in Parigi, che è libbre 350 di cosa che non manchi.

Alla 1 di Parigi fae in Cipri palmi 5 fusto a fusto sanza presa.

Marchio 1 d’argento di Parigi fae in Cipri marchio 1 e sterlini 10.

con Barzalona di Catalogna

Ruotoli 56¼ di Cipri fanno carica 1 in Barzalona di cosa che non manchi.

Marchio 1 d’argento di Barzalona fae in Cipri marchio 1 e starlini 8¾.

con Maiolica

Cantaro 1 e ruotoli 12½ di Cipri fanno in Maiolica cariche 2.

Ruotoli 56¼ di Cipri fanno in Maiolica carica 1.

Ruotoli 18 e occhie 9 di Cipri fanno a Maiolica cantara 1 della terra.

Ruotoli 22 di Cipri fanno a Maiolica cantaro 1 barberesco.

Cafissi 16½ di biado di Cipri fanno a Maiolica quartieri 1.

90 Quartieri1 96 d’olio di Maiolica fanno cantara 1 d’olio di misura in Cipri, che è 8 giarre di misura.

Marchio 1 d’argento di Maiolica fae in Cipri marchio 1 e sterlini 8¾.

con Sibilia di Spagna

Ruotoli 23 di Cipri fanno in Sibilia cantara 1.

Riove 40 d’olio di Sibilia fanno cantara 1 d’olio di misura in Cipri.

Riove 5 d’olio fanno una giarra in Sobilia, sicchè la giarra di Sobilia è tutt’una con quella di Cipri.

con Bruggia di Fiandra

Cantaro 1 di Cipri fae in Bruggia libbre 518.

Ruotoli 80 di Cipri d’allume fanno cariche 1 in Bruggia, ch’è libbre 4002 di Bruggia.

Cafissi 40 di Cipri di biado fanno otro3 1 in Bruggia.4

Marchio 1 d’argento di Bruggia, ch’è once 6 in Bruggia, fae in Cipri once 6 e starlini 13.

Alla 1 alla misura di Bruggia fae in Cipri palmi 2 5/8.


 [[ Print Edition Page No. 101 ]] 

Marchio 1 d’oro, ch’è once 8 in Bruggia, fae in Cipri once 8 e pesi 4 e carati 20, di carati 24 per 1 peso e di pesi 6 e carati 14 per 1 oncia di Cipri.

con Londra d’Inghilterra

Ruotoli 21½1 di Cipri fanno centinaia 1 a che si vende la spezieria in Londra.

Cafissi 60 di biado alla misura di Cipri fanno quartiere 1 a Londra.

Alle 2⅛ di Londra fanno in Cipri canne 1 fusto a fusto sanza presa.

Marchio 1 d’argento al peso della Torre di Londra fae in Cipri marchi 1 e starlini 7.

Il centinaio dello stagno, ch’è libbre 112 di Londra, fae in Cipri ruotoli 22 e occhie 8, d’occhie 12 per 1 ruotolo.

con Tripoli di Barberia

Cantaro 1 di Cipri fae in Tripoli cantara 4 et ruotoli 38.

Moggia 11 di biado di Cipri fanno cafissi 1 in Tripoli.

91 con Anversa di Brabante

Ruotoli 21½ di Cipri fanno in Anversa libbre 100.

con Corte di Papa

Marchio 1 d’argento al peso della Corte fae in Cipri once 7 e sterlini 19 e ⅝, di sterlini 20 per 1 oncia, e d’once 8 per 1 marchio.

con Rame di Soria 2

Cantara 1 della città del Rame fae in Cipri cantara 1, ruotoli 12.

Braccia 3 1/2 a che si vendono i panni in Rame fanno in Cipri canne 1, sicchè il braccio di Rame è tutto uno col braccio di Cipri.

E se vendi panni lani in Rame a pezza e none a braccia sì ti conviene fare ciascuna pezza canne 12 alla misura di Cipri, che sono braccia 42 di Cipri e di Rame.

Zafferano e argento in buglione et ambra et oro filato si vendono in Rame a centinaio di pesi di diremi, che li detti 100 pesi fanno in Cipri pesi 70.

Olio si vende in Rame a cantara, e se l’olio è3 in botte, sì si sconta per la botte il 1/44 per tara della botte.


 [[ Print Edition Page No. 102 ]] 

Oro in buglione si vende in Rame a maticale,1 che li 7 maticali1 meno 1/3 fanno libbre 1 di Vinegia.

Sciamiti vi si vendono a pezza, e dè essere braccia 15 di Cipri a misura.

Ciambellotti vi si vendono a pezza, ch’è braccia 14 di Cipri, e altrettanto ene2 a Rame.

Biado vi si vende a carra, che è 26 moggia di Cipri.

E pagasi di diritto ad Rame 11 per centinaio entrando e altrettanto uscendo.

92 RODI

XIXIl peso di Rodi si è a migliaio, a cantara, a ruotoli, a occhia, a libbre, a oncia, a peso, a canne, a marchi.

Il migliaio si è cantara 1 e 1/23 di3 Rodi.4

Il cantaro si è ruotoli 100.

Il ruotolo si è occhie 12.

Il ruotolo si è libbre 6 e once 8.

La libbra si è 12 once, e altressì la libbra si è pesi 79.

L’oncia si è pesi 6 e carati 14.

Lo peso si è carati 24.

Lo marchio si è once 8 di libbra.

L’occhia si è once 6 e 2/3.

La canna da misurare panni lani si è palmi 8.

Lo picco da misurare tele line si è lungo palmi 3 1/8 di palmi di canna.

Tutte cose che si vendono in Rodi a migliaio si pesano pure a cantaro, e dàssi cantaro 1 1/3 per 1 migliaio; e tutte cose che si vendono a cantara si pesano non con istadera ma con bilancia grande, ed àe i suo pesi di ferro.

Pepe e tutte spezierie grosse vi si vendono a cantare.

Tutte spetierie sottili vi si vendono a ruotoli.

Ciera vi si vende a rubo, e ogni rubo si è ruotoli 4, et ruotoli 100 per 1 cantaro.

Tinmiame, cioè incenso grechesco, vi si vende ad migliaio.

Caviale,5 ciòe sono uova6 di pesce, vi si vendono a cantare genovesco, e dàssi 5 cantara genovesche per 1 cantaro di Rodi.

Olio vi si vende a giarra, e ogni giarra si è 100 quarte.


 [[ Print Edition Page No. 103 ]] 

Zafferano si vende a Rodi a libbre, e pesasi a libbre colle bilance sottili, e a libbre genovesche, e dàssi libbre 7 1/2 per 1 ruotolo; e se non fai patto, s’intende a libbra de’ ruotoli di libbre 6 e once 8 per 1 ruotolo.

Panni lani vi si vendono a canna, e ogni canna sì si dà 1/3 di palmo di presa.

Tele line e canovacci strane fatte fuori dell’ isola di Rodi tutte vi si vendono a canna, e ogni canna si dà 1/3 di palmo di presa.

Tele di Rodi vi si vendono a picchio; e vino a metro, e ogni metro si è quarte 48.

93 Carne fresca e pesci freschi vi si vendono a ruotoli d’occhie 14 per 1 ruotolo; e tutte cose insalate e altre minuteria a ruotoli d’occhie 12 per 1 ruotolo.

Formento e tutti biadi vi si vendono a moggio et a cafisso, e ogni moggio si è 8 cafissi. E misurasi con gavette, cioè che pigliano il biado colle gavette e versano sopra il moggio o sopra il cafisso, e per lo detto modo la misura viene molto leggiere.

Argento in buglione si vende in Rodi a marchi d’once 8 per 1 marchio, e di pesi 6 e carati 14 per 1 oncia, e di carati 24 per 1 peso.

Spendesi a Rodi una moneta d’argento che si batte a Rodi che si chiamano gigliati, e sono di lega d’once 11 e sterlini 3 d’argento fine per libbra; ed entrane in 1 marchio di Rodi 57 a conto, e la zecca di Rodi ne rende pure 55 1/2 a conto per marco; e spendesi a Rodi per carati 16 l’uno, di denari 2 di Rodi per 1 carato, e di carati 24 per 1 bisante, e di soldi 4 di piccioli per 1 bisante.

E spendesi a Rodi un’ altra moneta d’ariento che si chiamano aspri, che sono di lega d’once . . . d’argento fine per libbra; e mettesi l’uno per denari 16, cioè per carati 8 l’uno, sicchè i 3 de’ detti aspri si contano per 1 bisante di Rodi.

Ragionasi che vaglia il fiorino d’oro a Rodi comunalmente bisanti 6 e carati 16 di Rodi, di carati 24 di Rodi per 1 bisante, e di denari 2 piccioli per 1 carato.

Quello che costa a fare sapone a Rodi, e quanto olio e altre cose si vogliono mettere a una cotta di sapone, e primieramente

Botti 6 d’olio chiaro, di mezzo migliaio di Puglia la botte, puote costare di buono e reo da fiorini 12 d’oro la botte, monta fiorini 72 d’oro.

Cantara 5 di cenere grevellera, che si ragiona che costi da fiorini 3 1/2 d’oro il cantaro, monta fiorini 17 1/2 d’oro.

Moggia 42 di calcina alla misura del moggio di Rodi, possono costare da fiorini 1/3 d’oro.


 [[ Print Edition Page No. 104 ]] 

E per legna da ardere, da fiorini 2 d’oro.

E per maestratico, col costo de’ lavoranti, in somma da fiorini 5 d’oro.

E per l’appalto alla magione dello Spedale, 94 da fiorini 10 d’oro.

E per loghiera di cisterne in che si guarda l’olio avanti che si metta a cuocere, che conviene che la saponeria se ne fornisca, e guardilo nelle cisterne per averlo apparecchiato quando à bisogno di lavorare, e per altre spese che bisogna intorno a ciò, in somma da fiorini 1 1/3 d’oro.

E per mancamento d’olio a guardarlo o in farlo venire di Puglia vegnendo, in somma da fiorini 3 d’oro.

Somma per tutto da fiorini 111 2/3 d’oro, e rende una cotta da cantara 14 1/2 in cantara 14 e ruotoli 70 di sapone fresco come si trae della caldaia della saponeria. E puotesi ragionare che manchi da quando si leva dell’aia a quando si vende o si peni a vendere, da cantara 1 di peso per cotta, e resterebbe alla vendita da cantara 13 1/2 di sapone a una cotta di sapone, che verrebbe costato il cantaro di Rodi da fiorini 8 1/4 d’oro.

Come il peso e la misura di Rodi torna con diverse terre, e quelle con Rodi, e primieramente con Altoluogo di Turchia

Cantaro 1 di Rodi fae in Altoluogo ruotoli . . .

Moggio 1 di biado d’Altoluogo fae in Rodi moggia 2 e caffisso 1.

con Ancona, anzi con Ania

Moggio 1 di biado d’Ania fae a Rodi moggia 2 e cafissi 1.

colla Palattia di Turchia

Moggio 1 di biado dalla Palattia fa in Rodi moggia 2 larghetto.

con Setalia di Turchia

Cantaro 1 di Rodi fae in Setalia ruotoli 40 al peso della stadera, e ruotoli 42 al peso della bilancia.

Moggio 1 di biado di Setalia fae a Rodi moggia 3 1/2.

Marchio 1 d’argento di Rodi fae in Setalia pesi 30.

con Candia di Creti

Cantaro 1 di Rodi fae in Candia libbre 670 sottili.

Misure 100 di biado di Candia fanno a Rodi moggia 55.

Mistati 100 di vino di Candia fanno a Rodi metri 11 1/4.


 [[ Print Edition Page No. 105 ]] 

95 con Puglia

Salme 100 di biado di Puglia fanno a Rodi moggia 775.

Migliaio 1 d’olio di Puglia fanno a Rodi giarre 11 1/10.

Cantaro 1 di Rodi fae in Puglia libbre 633 1/3.

Marchio 1 d’argento di Puglia fae a Rodi marchio 1 e sterlini 7.

con Napoli di Principato

Come in Puglia; e la botte di mena di Napoli di vino fae a Rodi metri 15.

Il centinaio delle nocelle di Napoli fae a Rodi cantara 35 in 36.

Salme 100 di biado di Napoli fanno a Rodi moggia 850.

con Firenze

Cantaro 1 di Rodi fae a Firenze libbre 670.

Libbre 1 d’argento di Firenze fae a Rodi marchio 1 e once 4 e sterlini 3.

Canne 10 di Firenze fanno a Rodi canne 11 e 15/16 fusto a fusto sanza presa.

Picchi 100 di tele di Rodi fanno in Firenze canne 32.

XXCANDIA DI CRETI

Il peso di Candia si è a migliaio grosso, a migliaio sottile, a centinaio, a libbra, a saggio; e così com’è in Candia così è per tutta l’isola di Creti.

Lo migliaio grosso si è libbre 1540 sottili.

Lo migliaio sottile si è libbre 1000 sottili.

Lo centinaio si è libbre 100 sottile.

Come le mercantie si vendono in Candia

Tutte spezierie grosse si vendono a centinaia.

Tutte spezierie sottili si vendono a libbra.

A migliaio grosso vi si vendono rame e stagno e piombo e ferro.

A migliaia sottile si vende mele, mandorle schiacciate, nerella, sapone. 96

Olio vi si vende a migliaio ch’è maggiore che quello d’Ancona 2 metri, ed è metri 40 il migliaio.

Canovacci vi si vendono a centinaio di braccia,1 che e’2 100 canne d’Ancona fanno in Candia braccia 330.

Oro vi si vende a saggio, e saggi 77½ di Candia fanno in Firenze libbre 1 d’oro.


 [[ Print Edition Page No. 106 ]] 

Vino a mistati,1 e 33 mistati fanno 1 botte di mezzo migliaio di Puglia.

Grano e tutti biadi vi si vende a misura, e misura si chiama.

Candia per i diritti che vi si pagano

Chi mette mercatantia in Candia e trae quella medesima che v’à messa, non paga niente, ma se la vende sì paga 2 per centinaio se viene di levante, e in levante s’intende da Cipri in Barberia.

E se vende nella terra e compera cosa che non abbia messa, non paga niente, ma se la vuole trarre paga 4 per centinaio, salvo chi viene e va d’Allessandria paga pure 2 per centinaio.

E tutte cose che vengono di ponente in Candia salvo drapperia, tutte altre cose sì pagano 4 per centinaio, e ponente s’intende dal greco verso la tramontana fino a gherbino.

E se comperi mercatantia dell’isola di Creti la quale tu non v’abbi messa, e vogliala trarre di Candia, sì ne pagherai a trarnela 4 per centinaio.

E tutti i panni di lana che metti in Candia, sì ne paga 8 per centinaio all’entrare, e altrettanto all’uscire della mercatantia che avessi comperata della moneta tratta2 della vendita de’ panni.

Come il peso e la misura di Candia torna in diverse terre, e quelle con Candia, e prima con Vinegia

Lo migliaio grosso di Candia fae in Vinegia libbre 1100 grosse.

Lo migliaio sottile di Candia fae in Vinegia libbre 1140 sottile.

con Ancona

Lo migliaio dell’olio d’Ancona fae in Candia metri 38.

Canne 100 di canovaccio d’Ancona fae in Candia braccia 330.

97 con Puglia

Lo migliaio dell’olio di Puglia fae in Candia metri 40.

Salme 100 di formento di Puglia fanno in Candia misure 1425.

Tomboli 22 di nerella di Puglia fae in Candia 1 migliaio sottile.


 [[ Print Edition Page No. 107 ]] 

con Firenze

Saggi 77½ al peso d’oro di Candia fanno in Firenze libbre 1 d’oro.

XXICICILIA

In Messina di Cicilia si à due cantara, che l’uno è maggiore che l’altro ruotoli 10 per cantaro; e al cantaro sottile si vende ogni mercatantia, salvo carne e formaggio e ogni grascia che si vendono a cantaro grosso. Il cantaro di Messina sottile è tutto uno col cantaro di Palermo e di tutta l’altra Cicilia, e il detto cantaro sottile si è libbre 250 in Messina.

Vino si vende in Messina a salma.

Olio vi si vende a cafisso, e cafissi 8¼ d’olio di misura fanno 1 cantaro grosso in Messina.1

Oro in verghe e in buglione vi si vende a once di libbre, che tarì 30 sono once 1 d’oro in Messina.

Ariento a marchio, ch’è marchio di Cologna, e tarì 33 pesi sono once 1 d’ariento in Messina.

Grano e tutti altri biadi vi si vendono in Messina a salme ch’è maggiore che la salma generale delle piagge di Cicilia 20 per centinaio.

In Cicilia si batte moneta d’oro e moneta d’argento e moneta picciola, e battesi pure in Messina ciascuna della lega e peso come dirà qui appresso:

La moneta dell’oro di Cicilia s’appellano in Cicilia piereali, e alcuni dicono raonesi d’oro, e sono di lega di carati 24 d’oro fine per oncia, ed entrane 6 in una oncia a peso. E di quanto oro tu vuogli mettere nella zecca di Messina, sì n’à dal maestro della zecca dell’oncia dell’oro fine <. . .>.

La moneta dell’argento di Cicilia simigliantemente chi gli chiama 98 piereali e chi gli chiama raonesi d’argento, e sono di lega d’once 10 e starlini 17 d’argento fine per libbra, ed entrane per libbra di Messina 96 a conto, sicchè tarì 48 ne viene ad entrare per libbra, a ragione di tarì 3 e grani 15 peso per l’uno. E la zecca di Messina dàe d’ariento fine tarì 37 e grani 4 del marchio, e se lo argento fusse meno di lega che fine, sì te ne paga a ragione del fine secondo che è di lega.2


 [[ Print Edition Page No. 108 ]] 

La muneta picciola di Cicilia si è di tenuta di ½ oncia d’argento fine per libbra, ed entrane in una libbra soldi 40 di denari fatti a conto, e ispendesi soldi 1, denari 6 de’ detti piccioli per 1 grano, e li 10 grani vagliono 1 raonese d’argento, e li 2 raonesi vagliono 1 tarì, e li 30 tarì vagliono 1 oncia.

Tutti i pagamenti che si fanno in Messina di mercatantia che tu comperi o vendi in Messina sì s’intende a once correnti di Messina, che li 60 raonesi d’argento meno 4 grani sono once 1 corrente di Messina. Ma per tutte l’altre terre di Cicilia li 60 raonesi interi sono once 1 a pagamento di mercatantia.

Mercatantia che si vendono a Messina a cantara sottile

Pepe tondo, giengiovo, lacca, zettoara, incenso, mandorle sanza guscio, cannella in casse o in gabbia o ’n balle, galbano, mastico, corallo mezzano o minuto, gomerabica—e tutte le dette cose si garbellano.

Cera, e robbia e dàssi sacco per robbia, allume e dàssi sacco per allume, sapone d’ogni ragione, cotone mapputo et dàssi sacco per cotone, cotone filato e fassi tara del sacco.

Riso e dàssi sacco per riso, e se avesse più d’un sacco <del sacco> e della corda si fa tara. E così d’ogni mercatantia che avesse corda o più d’uno sacco, più d’una scarpiglia, onde dell’una non si facesse tara.

Fistuchi e fassi tara del sacco; galla e dàssi sacco per galla, e se tenesse terra o mondizia se ne farebbe tara; orpimento e dàssi sacco per orpimento; zafflore1 e fassi tara del sacco; alcana e fassi tara del sacco; comino e dàssi sacco per comino; zucchero d’ogni ragione; verzino scorzuto.

Mele in ogni vasello che fusse, e se fusse in giarre, s’abbatte di tara per le giarre 20 per centinaio, e la giarra è poi del comperatore; e se fosse in botte o in barile, 99 similmente * si fa tara della botte e dello barile per quello che fossero, e la botte o vero barile si è poi del comperatore; e se fosse in otre sì s’abatte per tara dell’otre ruotoli 3 per ciascuno otre, e l’otre ritorna al venditore.

Zolfo, e se ene in sacco il sacco va per zolfo, e se fusse in barile si fa tara, e ’l barile rimane al comperatore.

Sene e fassi tara del sacco; pece e fassi tara del sacco o vasello in che fusse.

Argento vivo, e fassi tara di tutti orgagni in che fusse, e gli orgagni sono poi del comperatore.

Cassia fistola, e fassi tara della natta, cioè delle stuoie in che fusse, 10 per centinaio.


 [[ Print Edition Page No. 109 ]] 

Cannella in isporte, e fassi tara della sporta e garbellatura che potesse tenere 10 per centinaio.

Sale armoniaco, cinabro cioè vermiglione e fassi tara della cassa e corde; landano,1 et rame, corallo pulito, datteri, zibibbo, cuoia di bue.

A ruotoli si vendono in Messina

Seta d’ogni ragione e borrace, squinanti.

A libbre si vendono

Gherofani, e cubebe, riubarbero, et mace, e pepe lungo, galinga, noce moscade, cardamone, spigo, caffera, scamonea, turbitti, zafferano, manna, fusti di gherofani, sangue di dragone, perle da pestare—e tutte le dette spezierie minute si garbellano.

A salma si vendono

Mandorle col guscio, nocelle, castagne, e sale, e la quale salma si è 16 grossi tomboli, che sono 32 piccoli.

A migliaio di novero si vendono

Vai interi d’ogni ragione, e dàssene . . .

A centinaia di novero si vendono

Pance e dossi2 di vai, e dàssene 102 per 1 centinaio.

Scheriuoli d’ogni ragione, d’onde che sieno.

Martore e faine e lupi e agnelline e beccume, cioè cuoia di becco.

A pezza si vendono

Velluti di seta, drappi d’oro, camucca di seta, e tutti i drappi di seta e d’oro di levante.

Zendadi a pezza di canne 8 la pezza.

Sciamiti d’ogni ragione, e bucherami d’ogni ragione. 100

Panni di Pirpignano, panni di Nerbona, panni di Monteulivo, panni di Carcasciona, panni di Tolosa, panni di Bindersi—e tutti questi sciamiti e panni di canne 12 la pezza.


 [[ Print Edition Page No. 110 ]] 

Quanto vogliono essere lunghi in Messina i panni lani che vi si portano a vendere

Fiorentini, le 11 canne di Firenze, vogliono essere in Messina canne 12
e Melano canne 12
e Borsella d’alle1 382 canne 12
e Borsella d’alle1 44 canne 14½
e Mellino canne 12
e Sant’Omieri canne 12
e Parigi canne 16
e San Dionigi canne 15
e Lilla canne 12
e Orci3 canne 12
e Cielona4 canne 12
et Guanto, tutti canne 14½
e Guanto, mellati canne 12
e vergati di Guanto canne 12½
e vergati da Popolungo5 canne 12½
e vergati di Terramondo canne 12½
biffe di Proino canne 11¼
vergati di Proino canne 11¼
e bianche di Proino canne 14½
e gammurre di Proino tinte canne 11¼
e tiree di Proino tinte canne 12
Bruggia canne 12
Anversa canne 12
e Canbragio canne 12
Mostieri canne 17
e Tornai canne 14½
e Belvagio canne 12
e Castellonuovo canne 12
e Bagnuolo, che vi si chiamano rimisi canne 14½

Pagasi misuratura d’ogni ragione di panni in Messina grani 2 per pezza, e l’uno grano paga il venditore e l’altro il comperatore.


 [[ Print Edition Page No. 111 ]] 

Senseraggio di mercantia che si paga in Messina

Di tutte maniere di panni, ciascuna delle parti, grani 1½ per oncia.

Di formento, ciascuna delle parti, grani ½ per salma.

Quello che si paga di pesaggio di mercantia in Messina

D’indaco paga il comperatore forestiere tarì1 1 per cantaro; e se il forestiere lo vende paga grani 2½ per cantaro.

Cotone d’ogni ragione, galla, e allume, lana barberesca, stagno, et rame—di tutte queste paga il comperatore grani 4 per cantare, chi vende grani 2½ per cantaro.

Cicilia per diritto di mercatantia

101 Gienovesi, catalani, nerbonesi sono franchi: quando vengono di Catalogna, di Provenza o da Genova non pagano niente; ma quando comperano in Cicilia per trarla fuori dell’isola, pagano 1 per centinaio; e se comperassono, e quello che avessero comperato rivendessero nell’isola sanza trarre, pagherebbono 3 per centinaio di quanto comperassono e vendessono; e se venissono con mercatantia di fuori dell’isola e non vendessoro, non pagano diritto nullo.

Ogn’altro straniero che mettessero o traessero mercatantia pagano 3 per centinaio; e chiunque compera mercatantia in Messina paga grani 3 per oncia a colui che la vende di casatico, salvo se non fa patto quando compera di dire, ‘Io non pagherei cassatico.’

Come si fa in Palermo di Cicilia

Il cantar di Palermo è tutto uno col cantare sottile di Messina, e tutte cose si fanno in Palermo come in Messina, salvo d’alcune cose come diviserà qui appresso e inanzi:

Olio si vende in Palermo a cantara e a cafissi, e ogni 10 cafissi di Palermo sono 1 cantaro d’olio in Palermo.

Ancora, chi compera in Palermo2 cotone, galla, allume, e lana barberesca, stagno, e rame—di queste cose non paga di pesatura niente, ma colui che vende paga grani 2 per cantaro.

Tutte cose che si vendono in Palermo, paga chi vende grani 2½ per alzata, salvo di lana o formaggio o burro paga il comperatore grani 5 per alzata s’è rendabile.

Frutta si vende in Palermo a salma della frutta di Messina, che è 16 grossi tomboli.


 [[ Print Edition Page No. 112 ]] 

In Palermo non à se none uno cantaro, così quello della grascia come quello della spezieria, ch’è tutto uno.

Ispese et avarie che si pagano a trarre et caricare grano in Cicilia per trarre fuori dell’isola, oltre alla prima compera, di ciascuno porto per sè, spezialmente onde si trae grano:

Primieramente1 si paga alla corte del re, di qualunque porto di Cicilia si trae, tariì . . . , di raonesi d’argento 60 per oncia, di tratta per ciascuna salma di grano.

E alla detta corte per doana, tarì 1 per salma.

102 E da altre spese secondo i porti onde si trae, in qual piue, et il tarì della doana, e prima:

Al Termine, a Palermo si à grani2 10 per salma di grano, che li grani 4 si dànno al maestro portolano, e grani 1½ si dà a’ portolani piccioli3 e ½ grano4 per lo tombolo, e questi cotali grani 6 sono a tutti gli porti di Cicilia d’onde che tu vuogli trarre grano; e il rimanente, cioè grani 4 per salma, sono per portatura del grano dal magazzino alla marina, et per barche, e stimatori che stimano la portatura delle navi e d’ogni altro legno che si carica, e alzatori e appolatori e altre avarie minute, siccome di dare bere a’ misuratori.

In Cicilia si à due misure di biado, cioè che tutte le piaggie di verso il ponente infino al fiume Salso si è una misura per sè che si chiama salma generale di Cicilia, e dal fiume Salso in là verso levante fino a Messina si è altra misura che si chiama salma grande di Cicilia, ed è maggiore che la salma generale delle piagge 20 per centinaio, e nella detta grande misura sì si intende Terranuova bench’ella sia in tra le piagge e il detto fiume Salso.5 E qui appresso et innanzi diviserà come la salma generale di Cicilia torna in diverse parte del mondo, e diremo delle 100 salme, cioè come le 100 salme tornano in più e in più paesi e terre:

In Puglia salme 110
In Napoli salme 100
In Roma rugghi 214
In Pisa staia leggieri e picchiate 450
In Genova mine 250
 [[ Print Edition Page No. 113 ]] 
A Tripoli di Barberia cafissi 75 in 80
A Buggie1 di Barberia falacche 250
A Famagosta di Cipri moggia 8252
A Laiazo d’Erminia moggia 200
Allessandria d’Egitto ribebe 165
Ad Agri di Soria moggia 161
A Rodi moggia 870
A Gostantinopoli moggia 82 1/2
A Chiarenza moggia 666
A Negroponte moggia 733
A Stiva moggia 890
Ad Ancona moggia 167
Ad Arestimo starelle 750
A Barzalona quartieri 440
A Firenze staia 1145
Ad Arli sestieri 465
In Marsilia sestieri 675
A Nerbona sestieri 417
A Terragona cafissi 150
A Valenza cafissi 150
A Vinegia staia 320
A Tunizi in Barberia cafissi 112
A Maiolica quartieri 400
A Corneto moggia 60
A Bruggia di Fiandra uti 170
A Londra d’Inghilterra quartieri 113
A Rimine di Romagna staia 210 103
All’Aquila d’Abruzi coppe3 1540
A Sobilia di Spagna cafissi 52 1/2
A Niffe di Spagna cafissi 11 2/3
A Tortosa di Catalogna cafissi 53
Alla Canea di Creti4 misure 1560
A Sallonicchi di Romania cubelli 247
A Loridi in Catalogna cafissi 35
Ad Aguamorta sestieri 550
A Castello di Castro starelle 580
A Colliveri mine 150
 [[ Print Edition Page No. 114 ]] 
A Bologna corbe 4451
A Nimissi in Provenza sestieri 855
A Munpolieri sestieri 590

Le 20 grani sono in Cicilia tarì 1, e li 30 tarì sono in Cicilia once 1 a peso d’oro, e tarì 33 sono once 1 in Cicilia a peso d’argento, e rispondono in altre terre come dirà qui appresso:

Tarì 33 once 1 in Cologna.
Tarì 31 e grani 12 1/2 once 1 in Acri.
Tarì 31 e grani 12 once 1 in Cipri.
Tarì 29 e grani 18 1/2 once 1 in Gostantinopoli.
Tarì 29 e grani 10 once 1 in Pera.
Tarì 33 once 1 in Chiarenza.
Tarì 33 once 1 in Ancona.
Tarì 33 e grani 3 1/3 once 1 in Vinegia d’argento.
Tarì 30 e grani 16 once 1 in Vinegia d’oro filato.
Tarì 31 once 1 in Bologna.
Tarì 322 once 1 in Firenze.
Tarì 31 e grani 13 1/3 once 1 in Siena.
Tarì 31 e grani 15 once 1 in Lucca.
Tarì 31 e grani 3 once 1 in Pisa.
Tarì 29 e grani 10 once 1 in Genova.
Tarì 33 e grani 6 2/3 once 1 in Maiolica.
Tarì 34 e grani 10 once 1 in fiera, d’ariento.
Tarì 34 e grani 13 once 1 in Parigi d’argento.
Tarì 34 e grani 10 once 1 in Bruggia a peso d’oro.
Tarì 35 once 1 in Bruggia a peso d’argento.
Tarì 33 once 1 in Londra alla zecca.
Tarì 31 e grani 7 once 1 in Roma.
Tarì 32 e grani 6 once 1 in Perugia.
Tarì 31 e grani 13 2/3 once 1 in Corte di Papa.
Tarì 32 e grani 6 2/3 once 1 in Sobilia.
Tarì 33 once 1 in Vignone.

104 Come il peso e la misura di Messina torna in diverse parti del mondo, e quelle con Messina, e prima con Palermo di Cicilia

Il cantaro sottile di Messina è tutt’uno col cantaro di Palermo.

Cafissi 7½ d’olio di Messina fanno cantara 1 d’olio in Palermo.

Salme 100 di grano alla misura di Messina fanno salme 120 in Palermo.


 [[ Print Edition Page No. 115 ]] 

con Barletta di Puglia

Cantaro 1 sottile di Messina fae in Barletta ruotoli 90.

Marchi 1 d’argento di Messina fae in Barletta marchi 1.

Salme 100 di grano alla misura delle piagge di Cicilia fanno in Barletta salme 110.1

Salme 100 alla misura di Messina fanno in Barletta salme 132.

Il migliaio dell’olio di Puglia fae in Messina cafissi 58 in 60.

con Napoli di Principato

Botte 1 di mena d’olio di Napoli o di Gaeta fae in Messina cafissi 39 in 40 d’olio.

Marchi 1 d’argento di Messina fae in Napoli once 8 e tarì 24.

Cantaro 1 di Messina fae in Napoli ruotoli 90.

con Firenze

Cantaro 1 sottile di Messina fae in Firenze libbre 228 in 234.

Once 1 di Firenze fae in Messina tarì 32 a peso d’oro.

Marchi 1 d’argento al peso di Messina fae in Firenze once 8 e denari 6.

Canne 10 di Firenze fanno in Messina canne 11¼ fusto a fusto, e a vendita le 11 canne di Firenze fanno in Messina canne 12.

E vagliendo in Firenze il fiorino d’oro soldi 29 a fiorini come si conta in Firenze a pagamento di mercatantia, e vagliendo in Cicilia il fiorino d’oro tanti tarì quanti dirà qui appiè e di sotto, verrebbe a valere l’oncia di 60 raonesi d’argento di Cicilia tante lire a fiorino quanto diviserà appetto de’ tarì scritti:2

A tarì 7 e grani viene l’oncia lire 6, soldi 4, denari 3 3/7 a fiorino.
A tarì 7 e grani 1 viene l’oncia lire 6, soldi 3, denari 4 120/141 a fiorino. 105
A tarì 7 e grani 2 viene l’oncia lire 6, soldi 2, denari 6 30/71 a fiorino.
A tarì 7 e grani 3 viene l’oncia lire 6, soldi 1, denari 8 20/143 a fiorino.
A tarì 7 e grani 4 viene l’oncia lire 6, soldi —, denari 10 a fiorino.
A tarì 7 e grani 5 viene l’oncia lire 6, soldi —, denari — a fiorino.
A tarì 7 e grani 6 viene l’oncia lire 5, soldi 19, denari 2 10/73 a fiorino.
A tarì 7 e grani 7 viene l’oncia lire 5, soldi 18, denari 4 60/147 a fiorino.
A tarì 7 e grani 8 viene l’oncia lire 5, soldi 17, denari 6 30/37 a fiorino.
A tarì 7 e grani 9 viene l’oncia lire 5, soldi 16, denari 9 51/149 a fiorino.
A tarì 7 e grani 10 viene l’oncia lire 5, soldi 16, denari — a fiorino.
A tarì 7 e grani 15 viene l’oncia lire 5, soldi 12, denari 3 3/31 a fiorino.
A tarì 7 e grani 19 viene l’oncia lire 5, soldi 9, denari 5 11/53 a fiorino.
A tarì 8 viene l’oncia lire 5, soldi 8, denari <9 a fiorino.
A tarì 8 e grani 1 viene l’oncia lire 5, soldi 8, denari >3 0 144/161 a fiorino.

 [[ Print Edition Page No. 116 ]] 

con Pisa

Cantaro 1 sottile di Messina fae in Pisa libbre 240 in 245.

Marco1 d’argento di Messina fae in Pisa once 8 1/2.

con Genova

Cantaro 1 sottile di Messina fae in Genova libbre 254.

Marco 1 d’argento di Messina fae in Genova once 9, denari 2 1/3.

Salme 100 di grano alla misura generale di Cicilia fanno in Genova mine 250.

E vagliendo in Genova il fiorino d’oro soldi 25 di genovini piccioli come in Genova si conta a pagamento di mercatantia, e vagliendo in Cicilia tanti tarì di ragonesi d’argento il fiorino d’oro come dirà qui appresso e di sotto, verrebbe a valere2 l’oncia di 60 raonesi d’argento a denaro per denaro tante lire di genovini piccioli quanto sarà posto appetto di ciascuno numero di tarì scritti:3

106 A tarì 7 e grani viene l’oncia lire 5, soldi 7, denari 1 5/17 [5/7] di genovini
A tarì 7 e grani 1 viene l’oncia lire 5, soldi 6, denari 4 84/141
A tarì 7 e grani 2 viene l’oncia lire 5, soldi 5, denari 7 43/71
A tarì 7 e grani 3 viene l’oncia lire 5, soldi 4, denari 10 106/143
A tarì 7 e grani 4 viene l’oncia lire 5, soldi 4, denari 2
A tarì 7 e grani 5 viene l’oncia lire 5, soldi 3, denari 5 24/29 [11/29]
A tarì 7 e grani 6 viene l’oncia lire 5, soldi 2, denari 8 64/73
A tarì 7 e grani 7 viene l’oncia lire 5, soldi 1, denari 4 8/37 [s. 2, d. 0 24/49]
A tarì 7 e grani 8 viene l’oncia lire 5, soldi 1, denari — 82/149 [d. 4 8/37]
A tarì 7 e grani 9 viene l’oncia lire 5, soldi —, denari 8 8/49 [8/149]
A tarì 7 e grani 10 viene l’oncia lire 5, soldi
A tarì 7 e grani 15 viene l’oncia lire 4, soldi 16, denari 9 9/31
A tarì 7 e grani 19 viene l’oncia lire 4, soldi 14, denari 4 12/159
A tarì 8 e grani viene l’oncia lire 4, soldi 13, denari 9
A tarì 8 e grani 5 viene l’oncia lire 4, soldi 10, denari 10 10/11

XXIICHIARENZA

In Chiarenza si à due maniere di pesi, cioè peso grosso e peso sottile. Al peso grosso si vende ogni mercatantia salvo od oro o argento.

In Chiarenza e per tutta la Morea vanno a perpero sterlini 20, e gli sterlini non vi si vendono nè vi si veggiono, ma ispendonvisi torneselli piccioli che sono di lega d’once 2½ d’argento fine per libbra, ed entrane
 [[ Print Edition Page No. 117 ]] 
per libbra soldi 33, denari 4 a conto, e * ogni denari 4 de’ detti tornesi piccioli si contano per 1 sterlino, 107 e li 3 sterlini 1 grosso viniziano d’ariento di zecca di Vinegia, e li 7 grossi 1 pipero.

Lo pipero di Chiarenza si è karati 23, cioè che à carati 23 a peso per uno perpero,1 cioè per uno pipero.

Vino si vende in Chiarenza a metri.

Grano e tutti biadi si vendono in Chiarenza a moggio.

Diritto di mercatantia che si paga in Chiarenza

Di ciò che metti in Chiarenza pagano i forestieri 3 per centinaio e i borghesi della terra pure 2 per centinaio.

E se la mercatantia che metti nella terra vendi nella terra, la moneta che n’avessi a rinvestire nella terra paghi all’uscire 2¼ per centinaio se la rinvestissi in avere che si pesi, in questo modo che l’uno per centinaio sia per lo peso e l’uno <e un quarto>2 per centinaio sia per le mura, cioè 1 tornesello picciolo per pipero.

E se la moneta che prendessi della mercatantia che mettessi nella terra, e rivestissi in mercatantia che non si pesasse, siccome sarebbe sciamiti e bucherami, uve passe, e simile cose che non si pesano, sì paga 1¼3 per centinaio, cioè il diritto delle mura, e non altro diritto.

E se investissi più moneta che non avessi preso della mercatantia che avessi messo nella terra, del soprapiue paghi 5¼ per centinaio d’avere di peso, e d’avere che non si pesi pure 4 e ¼ per centinaio.

E se la mercatantia che mettessi in Chiarenza non la volessi vendere in Chiarenza e volessila trarre di Chiarenza per portarla in altra parte a vendere, sì la puoi trarre sanza pagare niuno diritto. Ma se la ritornassi poi a vendere in Chiarenza, paghi 3 per centinaio, e così d’ogni altra mercatantia che vi mettessi.

D’oro nè d’ariento non si paga diritto nullo nè all’entrare nè all’uscire.

Di biado, se non li vuoi trarre fuori della terra, paghi 3½ per centinaio e oltre a ciò uno tornese piccolo per moggio.

Lo dobbiere della Morea pesa nel regno di Puglia tarì 5 e grani 6.


 [[ Print Edition Page No. 118 ]] 

108 Spese che si fanno a fare la moneta picciola di Chiarenza

La moneta picciola di Chiarenza si è di lega d’once 2½ d’ariento fine per libbra, e vannone in una libbra soldi 33, denari 4 a conto, e chiamasi tornesella picciola, e ànno di spesa a lavorargli nella zecca come dirà qui appresso:

Primieramente per once 2½ d’argento fine, piperi . . .

Per mancamento a fondere, da starlini 3 per libbra.

Per uvraggio agli uvrieri che ’l lavorano,1 da sterlini 2½ per libbra.

Per affinatura, istarlini ½ per libbra.

Per salaro dello ’ntagliatore de’ ferri da coniare la detta moneta, soldi 150 di viniziani grossi l’anno.

Per salaro del fabbro che fa i detti ferri, e a conciare gli altri stovigli della zecca, piperi 100 l’anno.

E per salaro di colui che sta alla bilancia, pipperi 100 l’anno.

E per salaro de’ maestri della zecca, piperi 300 l’anno.

E per monetaggio a’ monetieri che coniano, sterlini 1½ per libbra.

Come le misure di Chiarenza tornano in diverse terre, e quelle con Chiarenza, e primamente con Istiva

Libbre 100 di Chiarenza fanno a Stiva libbre 107.

Moggio 42 di biado di Stiva fanno in Chiarenza moggia 3.

Metri 12 di vino di Stiva fanno in Chiarenza metri 24.

Canne 1 di Chiarenza fae a Stiva braccia 3½.

con Nigroponte

Libbre 100 di Chiarenza fanno a Nigroponte libbre 93.

Braccia 340 di panno lino di Nigroponte fanno canne 100 in Chiarenza.

con Coranto

Libbre 100 di Chiarenza fanno a Coranto libbre 102.

Il moggio dell’uve passe di Coranto cresce in Chiarenza libbre 4.

con Durazzo

Libbre 100 di Chiarenza fanno in Durazzo libbre 105.


 [[ Print Edition Page No. 119 ]] 

109 con Patrasso

Libbre 100 di Patrasso fanno in Chiarenza libbre 106.

Canne 102 di Chiarenza fanno a Patrasso canne 100.

Moggia 100 di Chiarenza fanno a Patrasso moggia 108.

con Napoli

Libbre 100 di seta e di cocollo al peso di Chiarenza fanno in Napoli libbre 100.

XXIIISTIVA

Li 12 viniziani grossi di Vinegia d’argento sono a Stiva 1 pipero, che vale sterlini 23½ comunalmente, e il pipero di Stiva si è carati 23, cioè che à carati 23 a peso per 1 pipero.

Vino si vende a Stiva a metri.

D’ogni mercatantia che metti a Stiva paga 2 per centinaio entrando e altrettanto1 uscendo, salvo che d’oro e d’ariento non si paga niente.

Stiva con Nigroponte

Braccia 100 di Stiva fae a Nigroponte braccia 102.

Libbre 114 di Stiva fanno libbre 100 a Nigroponte.

Stiva con Coranto

Libbre 105 di Stiva fanno a Coranto libbre 100.

NIGROPONTE

Li 12 viniziani grossi d’ariento sono 1 pipero ad Nigroponte, e comunalmente vagliono starlini 23½.2

D’ogni mercatantia che metti in Negroponte paghi 2 per centinaio entrando e altrettanto uscendo.

110 SARDIGNA

Ispendesi in Sardigna, spetialmente in Castello di Castro,XXIV una moneta d’argento che si chiamano anfrusini,3 che sono di lega d’once 11 d’ariento fine per libbra, ed entrane in uno marchio di Castello com’ escono della
 [[ Print Edition Page No. 120 ]] 
zecca 72 de’ detti grossi anfrusini a conto, e spendesi in Castello per denari 18 piccioli anfrosini l’uno. Ed e’ detti anfrosini piccini sono di lega d’once . . . d’ariento fine per libbra, ed entrane in uno marchio a peso soldi . . . di detti piccioli a conto.

Di Sardigna non s’osa trarre argento in piatte però che tutto si conviene mettere nella zecca del signore per battere la moneta del signore, ed è pena capitale a chi sbolzonasse la muneta di là, cioè del paese di Sardigna.

Possonsene bene trarre la moneta coniata del signore, cioè gli anfrusini grossi d’ariento, e assai se ne portano per diverse parte, spezialmente in Napoli e in Cipri, ed entrane nella libbra di Napoli da 99 a conto, e nel marchio di Cipri da 69 a conto.

Spese che si fanno a chi vuole trarre grano fuori dell’isola di Sardigna

Primieramente, per tratta al signore, lire 7, soldi 10 d’anfrusini piccioli per centinaio di starella.

E per gabella di piazza, soldi 4, denari 2 per centinaio di starelle.

Per misuratura, soldi 3 per centinaio di starelle.

E per portare a mare colle carra, soldi 5, denari 7 per centinaio di starelle.

E per saccheria con che si porta, soldi 2, denari 6 per centinaio di starella.

E per barche che lo conducono da terra alla nave, soldi 4, denari 9 per centinaio di starella.

Somma per tutto da lire 8, soldi 10 d’anfrusini al centinaio delle starella, oltre al primo costo del grano.

E se volessi mettere il grano in magazzino a mano a mano che l’avrai comperato, sì paga la prima misuratura quando comperi, e una misuratura * quando carichi, 111 tanto l’una volta quanto l’altra, e oltre a ciò a’ bastagi che ’l portano a’ magazzini da soldi 3, denari 6 in soldi 6 d’anfrosini il cientinaio delle starelle secondo che ’l magazzino è presso o lunge dalla marina.

E l’orzo àe tutte le sopradette spese come il grano salvo che dove per la tratta del grano si paga lire 7, soldi 10 per centinaio di starelle, l’orzo non paga di tratta se non lire 5 d’anfrosini piccioli per centinaio delle starelle.

Et in Arestano àe di spesa il grano e l’orzo, oltre al primo costo, a trarnelo dell’isola di Sardigna, che dirà appresso:

Per la tratta di grano, lire 5 per centinaio di starelle.

Per la tratta dell’orzo, lire 2, soldi 10 per centinaio di starelle.


 [[ Print Edition Page No. 121 ]] 

Per tutte altre spese minute à l’orzo quanto il grano, in somma di soldi 70 in soldi 401 anfrusini per centinaio di starelle.

Spese che si fanno a trarre sale di Sardigna

Primieramente, per primo costo alla corte, lire 6 d’anfrosini per centinaio de’ quartini.

Per loghiera di sporte a’ salmieri, con che si carica, soldi 2 per centinaio di quartini.

E per bastagi che ’l portano alle barche, soldi 8 in 10 per centinaio di quartini.

E per barche che lo conducono di terra allo mare, da soldi 8 in 9 per centinaio di quartini.

E cala a conducerlo di Sardigna a Napoli ad assegnarlo a’ doanieri in Napoli, da 10 in 14 per centinaio.

Come il piombo si vende in Sardigna e che spesa v’àe a trarlo fuori di Sardigna o dell’isola

Piombo si vende in Castello di Castro a cantare catalanesco, e navoleggiasi a cantar barberesco, e à di spesa, oltre al primo costo, come dirà qui dallato in questa faccia, cioè come segue:

Primieramente, per lo primo costo, lire . . . d’anfrusini il cantaro.

E per senseria, denari 1 per cantaro.

E per pesatura, per ogni volta denari 1 per cantaro.

E per bastagi quando si pesa, denari 1 per cantaro.

E per bastagi a conducerlo a casa, denari 1 per cantaro.

E per portare a mare, a’ carradori denari 1 per cantaro.

E per barche che lo conducono da terra a nave, denari 1 per cantaro.

E per doana, denari 4 per lira.

E pesasi due volte, l’una quando si compera e l’altra quando si carica.

E a Villa di Chiesa, 112 1 denaro meno per cantaro che in Castello * però che ’l venditore il dà posto a casa del comperatore a costo del venditore.

Spese che si fanno a conducere barruccami da Perugia in Castello di Castro 2

Per vettura e passaggio da Perugia infino a Pisa, in somma da fiorino 1 d’oro la balla di pezze 26 di baraccami.

E da Pisa infino a Porto Pisano, da soldi 8 di piccioli pisani la balla.

E per nolo da Porto Pisano in Castello, da fiorini 1 1/3 d’oro per balla.


 [[ Print Edition Page No. 122 ]] 

Come i pesi e le misure di Castello di Castro di Sardigna tornano in diverse terre, e quelle con Castello di Castro con Colliveri

Lo centinaio delle starelle di grano di Castello fanno misure 25 4/5 a Colliveri di grano.

con Tunizi di Barbaria

Once 17 e denari 16 d’argento di Castello fanno in Tunizi ruotoli1 1 d’argento.

Sardigna con Barzalona

Lo marchio dell’argento di Castello è tutt’uno col marchio di Barzalona.

La libbra dell’ariento al peso di Barzalona è tutt’una colla libbra di Castello.

con Niza di Provenza

Il centinaio delle starelle di biado alla misura di Castello fanno a Nizza sestieri 125.

con Gaeta

40 cafissi d’olio di Gaeta fanno in Castello di Castro quartare2 32 in 33 d’olio.

113 MAIOLICA

XXVIn Maiolica si vendono le mercatantie a diverse maniere di pesi e di misure come diviserà qui appresso:

A carica, che è cantara 3 al peso della terra.

A cantara della terra, cioè della città di Maiolica, ch’è libbre 104 di maiorchini.

A libbre di Maiolica, di libbre 104 per 1 cantare.

A cantaro barberesco, ch’è cantaro 1, libbre 17 di Maiolica, sicchè il cantaro barberesco pesa libbre 121 di Maiolica.

A marco, ch’è once 8, once3 di libbra.

A canne, ch’è palmi 8.

A quartare et a quartiere.


 [[ Print Edition Page No. 123 ]] 

Qui appresso diviserà a che peso e a che misura ciascuna mercantia per sè si vende, e prima a carica si vendono

Pepe tondo,1 mandorle sanze guscio, cera, cotone mapputo, giengiovo, lacca e gherbellasi, allume, verzino scorzuto, cannella, grana d’ogni ragione, zucchero in pani, e polvere di zucchero d’ogni ragione, cassia fistola, tartero cioè gromma,2 incenzo d’ogni ragione, galla d’ogni ragione, comino, gomerabica, vernice.

A cantara della terra vi si vendono

Argento vivo, e vermiglione cioè cinabro, e mele d’ape, e lino, e sapone in pezze, e stoppe, e carne, e saime3 insalate, e fichi secchi dell’isola,4 e gli altri a sporta che dè essere cantaro 1 della terra; indaco d’ogni ragione salvo del golfo, e mondiglia di verzino, e avorio d’ogni ragione, e denti di liofante, e mastico, turbitti, zettoara, zucchero candi, chitirra5 cioè draganti, orpimento, galbano, zolfo, tamerindi, mirra, sene, timiame6 <cioè> incenso di greci, zafflore, erba da vermini, landano,7 lisciadro * cioè salarmoniaco, polvere d’oriallo, tuzia, biacca,8 verderame, guado, 114 agnellina di Maiolica, agnellina di San Matteo, lana e agnellina d’Inghilterra, agnellina di Maiorica.

A cantar barberesco vi si vende

Rame d’ogni ragione, ferro, piombo,9 e stagno, e indaco del golfo, fichi di Maiolica, fichi di Catalogna et d’ogni altro luogo fuori dell’isola a sporta e dee tenere 1 cantaro barberesco, zibibbo <cioè> uve secche, lana di Garbo, boldroni, cuoia di bue, e anche le dette cuoia di bue si vendono a centinaia di cuoia, cioè a numero di 100 cuoia, e promettonsi di tante cantara barberesche il centinaio delle cuoia a conto.

A libbre del cantaro della terra vi si vendono

Cordovani concio d’ogni ragione, zafferano, e cotone filato, e zendadi, seta d’ogni ragione, zendadini, taffetta, verzino mondo, meleghette o
 [[ Print Edition Page No. 124 ]] 
vuoli tu dire nocisarche o in grana o1 pome che fussero, mirabolani, noce moscade, gherofani, et mace, e galiga,2 e spigo, scamonea, castoro, e legno aloe, sangue di dragone, sandoli, e mummia, spodio, cubebe, e cardamone, e borrace, pepe lungo, riubarbero, e fusti di gherofani.

A once di libbre del cantaro della terra vi si vende

Argento in piatti o in buglione, e vendesi a marchi ch’è once 8, d’once 14 per una libbra del cantaro della terra.

Perle a once della sopradetta libbra.

Oro in verghe o in buglione, oro filato, balsimo si vendono a once d’once 12 per libbra.

A canne si vendono

Tele di Rensa, ed è tutta una3 colla canna di Monpolieri.

Panni lani d’ogni ragione, e vogliono che ogni pezza sia canne 16 a fusto sanza presa, e a pagamento si contano per 15 canne sicchè ½ palmo viene a ogni canna di presa, e le 15 canne di pagamento fanno in Firenze canne 10.

A pezza si vendono

Drappi a oro, e ciambellotti, e bucherami.

A centinaio di novero vi si vende

Lupi cervieri, e leopardi, giannette, agnelline sardesche, lupi di bosco, beccume d’ogni ragione, luberne—e tutte queste cose sono pure a centinaio per uno centinaio.

Robolme, lupi, e volpi spagniuoli.

Conigli a vestido, e ’l vestido si è paia 55, cioè pelli 110 di coniglio.

115 Agnelline, cioè pelli d’agnelline barberesche, ed àssene 110 per uno centinaio se non fai patto del più, ma se ne fai patto talora n’ai più di 110 per uno centinaio.

Agnelline di Maiolica, 100 per uno centinaio; gavane, e robolme, e gavani di Spagna, e gavani di lupi,4 e pelle di volpi, pelle di Spagna, pelle di lupi.

Acciaio si vende a balla di 300 verghe per balla.

Alie d’avoltoio si vendono a uccello, cioè 2 alie e 1 coda per 1 ucciello,
 [[ Print Edition Page No. 125 ]] 
e di1 30 penne per alia e di1 12 penne per coda se sono appiccate, e se non sono appiccate, sì se ne dà 100 penne per 1 ucciello.

Olio si vende a Maiolica a quartara, che le 144 quartare fanno 1 migliaio di Puglia.

Vino greco e vino latino si vendono a Maiolica a botte di mena di Napoli, e intendesi che la botte debba tenere 90 quartare.

Vino di Maiolica e vino di Provenza vi si vende a quartare.

Grano e tutti altri biadi vi si vendono a quartiera.

Carte di papeo, a risima.

Tele di Bisenzona, tele d’Ascura vi si vendono a pezza che è una corda, e ciascuna corda si è canne . . .

La moneta picciola di Maiolica si è di lega d’once 2 e denari 13 d’ariento fine per libbra, o vuolli tu dire di lega d’once 2, denari 18 d’argento di lega di barzalonesi grossi d’ariento, i quali barzalonesi d’argento sono di lega d’once 11 e denari 2 d’argento fine per libbra. La quale moneta picciola si è di due maniere, cioè scempi e doppi, de’ quali scempi com’escono della zecca n’entrano nel marchio di Maiolica soldi 23, denari 4, o menati per lordura che tengono, pure soldi 23, denari 2 a conto per marco, e soldi 23, denari 3. E i doppi come escono della zecca n’entrano nel marchio di Maiolica soldi 11, denari 6 a conto, e de’ menati per lordura che tengono, pure soldi 11, denari 5 a conto per marco.

E la moneta d’argento di Maiolica sono di lega d’once 11, denari 2 d’argento fine per libbra, ed entrane soldi . . . a conto de’ detti grossi d’argento per uno marco di Maiolica come escono della zecca, e spendonsi in Maiolica per denari 18 di piccioli maiorchini l’uno, e chiamasi . . .

116 Diritto di mercantia che si paga in Maiolica e chiamasi lelda

Ogni forestiere che mette o trae mercatantia paga in Maiolica del costo della mercantia denari 2 per lira.

E d’oro e d’argento 1/2 denaro per lira uscendo.

Spese che si fanno all’olio in Maiolica

Comperando olio di mosto, per schiaratura denari 4 per quartara.

E per giarra in che si mette, denari 2 per quartara.

E per misuraggio al venditore, 1 per centinaio, che ne puote toccare alla quartara da 2/5 di denaro.


 [[ Print Edition Page No. 126 ]] 

Spese che à il grano a chi il porta a vendere in Maiolica poi ch’egli è giunto al porto di Maiorca, e ciò s’intende al centinaio de’ quartieri

Primieramente, per barca che ’l conducono dalla nave alla riva della marina, da soldi 8 in 9 di maiorchini al centinaio de’ quartieri.

E per iscaricarlo delle barche in terra, soldi 3, denari 6 il centinaio de’ quartieri, e per misurare alla marina avanti che si porti allo magazzino, soldi 1, denari 6 per centinaio de’ quartieri.

E per paleggiare e muralli, cioè gabbie di giunchi che si mettono a’ musi delle bestie che ’l porta perchè non lo mangino, denari 6 per centinaio de’ quartieri.

E per le bestie che ’l portano dalla marina al magazzino, da soldi 8 e ½ per centinaio de’ quartieri.

E per loghiera de’ magazzini, ragionando che starai in magazzino mentre che si pena a vendere il più da 6 mesi, soldi 20 per centinaio di quartieri.

E per misuratura e portare dal1 magazzino alla bottega ove si vende, soldi 4 per centinaio de’ quartieri.

E per pale e spazzole, cioè grenate, e loghiera di misura, in somma da soldi 1 per centinaio de’ quartieri.

E per salaro del venditore che ’l vende alla bottega, da soldi 5 per centinaio de’ quartieri.

E per impositione della terra, denari 4 per lira di ciò che vale il grano.

E per lelda del re, denari 2 per lira di ciò che vale il grano.

Somma la spesa del grano lire . . . , soldi . . . , denari . . . di Maiolica.

117 Quello che si paga senseraggio di mercatantia e di cambio in Maiolica

Lanaggio d’Inghilterra, soldi 1 del centinaio.

Lanaggio di Garbo sucido o lavato, denari 2 del cantaro, e simile d’ogn’altro lanaggio, ma oltre a ciò il mercatante fae alcuna cortesia al sensale come gli pare o piace.

Grana da tignere, soldi 10 della carica.

Spezieria grossa o sottile, soldi 1 per carica, e oltre a ciò alcuna cortesia fae al sensale come gli pare o piace.

Zendadi, soldi 1 per cassa; taffetta e zendadini denari 1 per lira.

Perle, denari 1 per lira; oro filato, soldi 1 per cassa; argento filato, denari 6 per cassa.

Argento in piatti o in buglione, denari 1 per marco.2

Cuoia di bue e cuoia di becco, soldi 2 per centinaio di cuoia.


 [[ Print Edition Page No. 127 ]] 

Come il peso e la misura di Maiolica torna in diverse terre, e quelle con Maiolica, e primieramente con Barzalona

Lo peso e la misura di Barzalona di tutte cose è tutto uno peso e una misura con quello di Maiolica, però che Barzalona quando i catalani conquistorono Maiolica il diedoro a Maiorica tale com’ene in Barzalona.

Marco 1 d’argento di Maiolica fa oggi in Barzalona marchi 1 e sterlini 1.

con Munpolieri e con Nimissi di Provenza

Cantaro 1 di Maiolica al peso della terra fae in Monpolieri e in Nimissi libbre 130, di libbre 128 per 1 cantaro di Monpolieri e di Nimissi, e di cantara 3 de’ detti luoghi per 1 carica, sicchè la carica di Maiolica viene a essere maggiore che quella di Monpolieri e di Nimissi libbre 6.

Marchi 1 d’argento di Maiolica è tutto uno col marco di Monpolieri e di Nimissi.

Quartiera 1 di grano di Maiolica fae in Monpolieri sestieri 1 1/3, e in Nimissi sestieri 2.

con Aguamorta di Provenza

Come con Monpolieri e con Nimissi, salvo che quartiera 1 di grano di Maiolica fae in Aquamorta sestieri 1 1/3.

118 con Cicilia

Cantaro 1 e ruotoli 60 al peso comunale di Cicilia fae in Maiolica carica 1.

Cantaro 1 d’olio di Palermo fae in Maiolica quartieri 12.

Salme 1 generale di biado di Cicilia fae in Maiolica quartiere 4.

Marco 1 d’argento al peso di Messina fae in Maiolica once 7, denari 23 3/4.

Quartieri 12 d’olio di Maiolica fanno a Messina cafissi 7 1/2.

Canne 10 in Maiolica fanno canne 10 in Cicilia.

con Puglia

Cantaro 1 e ruotoli 44 di Puglia fanno a Maiolica carica 1.

Migliaio 1 d’olio di Puglia fae in Maiolica quartieri 144.

Salme 100 di grano di Puglia fae a Maiolica quartiere 364.

Marco 1 d’argento al peso di Barletta fae in Maiolica once 7, denari 23 3/4.

con Napoli di Principato

Cantaro 1 e ruotoli 44 di Napoli fanno a Maiolica carica 1.

La botte di mena di Napoli fae in Maiolica quartieri 90.

Salme 100 di grano alla misura di Napoli fanno a Maiolica quartiere 400.


 [[ Print Edition Page No. 128 ]] 

con Pisa

La carica di Maiolica di spezierie fae in Pisa libbre 384.

Il cantaro di Maiolica al peso della terra fae in Pisa libbre 128.

Il cantaro barberesco di Maiolica fa in Pisa libbre 146.

Il marco dell’argento di Maiolica fae in Pisa once 8, denari 13 1/2.

La libbra a che si vende zendadi in Maiolica fae in Pisa once 14 1/3.

La quartiera del grano di Maiolica fae in Pisa staia 1 1/16 di staio picchiato.

con Firenze

Cantaro 1 di Maiolica al peso della terra fa in Firenze libbre 124.

Cantaro 1 barberesco di Maiolica fa in Firenze libbre 139 in 142.

Marco 1 d’argento di Maiolica fae in Firenze once 8 e denari 9.

119 Canne 10 di Firenze fanno a Maiolica canne 11 1/3.

Maiolica con Genova

Cantaro 1 di Maiolica della terra fae in Genova libbre 136.

Cantaro 1 barberesco di Maiolica fae in Genova libbre 155 in 158.

Marco 1 d’argento di Maiolica fae in Genova once 9.

Quartiere 1 3/5 di grano di Maiolica fae in Genova mina 1.

con Subilia

La carica di Maiolica fae in Subilia cantara 2 1/2.

Cantaro 1 di Maiolica al peso della terra fae in Subilia ruotoli 83 1/3.

Cantaro 1 barberesco di Maiolica fa in Subilia ruotoli 95.

Rove 5 d’olio alla misura di Subilia fanno a Maiolica quartiere 12.

Cafissi 1 di grano alla misura di Subilia fae in Maiolica quartiere 7 1/2.

Marchi 100 d’argento al peso di Subilia fanno a Maiolica marchi . . .

colle piagge di Spagna

Cafissi 1 di grano alla misura delle piagge1 di Spagna fae a Maiolica quartiere 33.

Carica 1 di Maiolica fae a Niffe e a Zaffi e ad Arzilla e a Sale delle piagge di Spagna cantara 2 e ruotoli 45, di ruotoli 100 per 1 cantare delle piagge.

Cantaro 1 della terra di Maiolica fae alle dette piagge ruotoli 82 meno 1/4.

Cantaro 1 barberesco di Maiolica fae alle piagge ruotoli 93.


 [[ Print Edition Page No. 129 ]] 

con Vinegia

Carica 1 di Maiolica fae in Vinegia libbre 420 sottili.

Cantaro 1 della terra di Maiolica fae in Vinegia libbre 87 grosse.

Cantaro 1 barberesco di Maiolica fae in Vinegia libbre 163 sottili e libbre 103 grosse di Vinegia.

Lo migliaio grosso di Vinegia fae a Maiolica cantara 11 3/7 di cantaro al peso della terra.

Marco 1 d’argento al peso della terra di Vinegia fae in Maiolica once 8 e denari 2.

Quartiera 1 e 1/4 di grano di Maiolica fae in Vinegia 1 staio di grano.

120 con Bruggia di Fiandra

Carica 1 di Maiolica fae in Bruggia libbre 294.

Lo cantaro barberesco di Maiolica fa in Bruggia libbre 114.

Quartare 200 d’olio alla misura di Maiolica fanno in Bruggia 1 tonello d’olio.

Marco 1 d’argento al peso di Bruggia, ch’è once 6 in Bruggia, fae in Maiolica once 61 e denari 8 e grani 9 e 1/7 di grano. O vuolli tu dire che marchi 21 d’argento al peso di Bruggia fanno a Maiolica marchi 16 e once 5 e denari 8 pesi.

Marchi 1 d’oro al peso di Bruggia, ch’è once 8 in Bruggia, fae a Maiolica once 8, denari 8.

Alle 100 di Bruggia fanno in Maiolica canne 44.

Cantaro 1 di Maiolica al peso della terra fae in Brugia libbre 98.

con Tunizi di Barberia

Cantaro 1 e ruotoli 24 al peso della terra di Maiolica fanno cantaro 1 in Tunizi.

Marchi 2 e once 1 e starlini 5 1/2 d’ariento al peso di Maiolica fanno in Tunizi ruotoli 1 d’argento.

con Parigi e con Pirpignano

Carica 1 di Maiolica fae in Parigi libbre2 250, e altrettanto in Pirpignano.

Carica 1 di Parigi torna ne’ detti luoghi cantara 4 1/5, di cantara 3 per 1 carica.

Maiolica con Gostantinopoli

Cantaro 1 barberesco di Maiolica di ferro fae in Gostantinopoli libbre 158.

Lo migliaio grosso d’allume di Gostantinopoli, che è cantara 11 e ruotoli 11 genovesche in Maiolica, fa cariche 4 e 1/5.


 [[ Print Edition Page No. 130 ]] 

Lo marchio dell’argento al peso di Maiolica fae in Gostantinopoli once 9 meno denari 2 pesi, di 24 denari per 1 oncia.

La carica di Maiolica fae in Gostantinopoli libbre 416.

Cantaro 1 di Maiolica al peso della terra fae in Gostantinopoli ruotoli 91.

Cantara 2 e ruotoli 77 1/3 di Gostantinopoli fanno a Maiolica carica 1.

Quartiera 1 e 5/19 d’olio alla misura di Maiolica fanno in Gostantinopoli laine1 1 d’olio.

121 con Londra d’Inghilterra

Carica 1 di Maiolica fae a Londra libbre 270.

Sacco 1 di lana al peso di Londra fae in Maiolica libbre 390 al cantaro barberesco.2XXVI

122 TUNIZI DI BARBERIA

XXVIIper se medesimo

In Tunizi si à pure uno cantare di ruotoli 100 per 1 cantare, al quale3 cantare si vende e compera tutte mercatantie che si vendono e comperano a peso in Tunizi. Veramente d’alcune si dà più d’uno cantare per uno cantaro, di quelle onde sarà divisato qui appresso; ma quelle onde non se ne facesse menzione, sì si intende pure ruotoli 100 per 1 cantare. E lo ruotolo di Tunizi è di peso miglioresi 360 altressì nuovi come vecchi.

Cotone mapputo vi si vende a cantara, e dàssi ruotoli 110 per 1 cantare.

Lino a cantara, e dàssi ruotoli 105 per 1 cantare.

Carrube a cantara, e dàssi ruotoli 105 per 1 cantaro.

Nocelle e castagne a cantara d’un cantar per 1 cantare, di ruotoli 110 per 1 cantaro, cioè genovesi; e altre genti ruotoli 102 per 1 cantaro.

Lana e boldroni a cantara di ruotoli 100 per 1 cantaro.

Canovacci vi si vendono a centinaio di canovacci.

Vino vi si vende a mezeruole.

Olio vi si vende in Tunizi a mataram. E chi ’l porta a Tunizi nol vi porti in botti vecchie, acciò che nogli possa essere apposto che le botti abbino tenuto vino o grassa, acciò che se ti fusse apposto ch’avessoro tenuto vino o grassa od osso di porco, sì ti sarebbe rifiutato, e saresti all’amenda della corte, e oltre a ciò, la corte vi metterebbe entro catarame, e converrebbeloti trarre fuori del paese. E però, chi ’l vi porta il
 [[ Print Edition Page No. 131 ]] 
porti in botti nuove, acciò che nolli possa essere apposto difalta nulla. E ricordo che di presente che l’olio in botti1 si discarica in Tunizi, la corte vuole che si traga delle botti e che si metta in giarre, e se ingiarrandolo vi si trovasse entro osso di porco o ratto, cioè topo morto, sì ne terrebbe la corte il modo di rifiutarlo come in questo capitolo è divisato; e però a chi ’l porta a Tunizi o in tutte terre di saracini, sì vi vuole avere buona guardia perchè niuna delle dette difalte gli possa essere apposta.

Grano e tutti altri biadi si vendono in Tunizi a cafisso.

Lo bisante di Tunizi vale 8 miglioresi nuovi, e vale 10 miglioresi vecchi; 123 e a miglioresi vecchi si vende e compera, e contasi a pagamento 8 miglioresi nuovi per 10 miglioresi vecchi.

Seta cruda vi si vende a ruotoli, e dàssi ruotoli 1 et once ½2 per 1 ruotolo, e d’once 16 per 1 ruotolo.

Diritto di mercantia che si paga in Tunizi

D’oro et d’argento, chi ’l mette in Tunizi paga 5 per centinaio, et per danari che si pagano per vino a’ saracini e a’ sergenti per tutto3 ¼ per centinaio, sicchè 5 e ¼ per centinaio si puote ragionare in tutto. E chi ’l mettesse nascosamente, che non fusse trovato nè saputo poi, non pagherebbe niente; e se gli fusse trovato all’entrare, non porta pena nulla se non che paga il diritto come dice qui di sopra; e perchè poi fusse trovato in zecca non ne paga diritto nullo. E l’oro si puote campare assai di non pagare diritto a metterlo nascosamente, perch’è di picciolo vilume, ma l’argento no, perchè è di maggiore imbuglio che non è l’oro. E benchè trovato ti sia, vogliendo tu mettere dentro nascosamente per non pagare il diritto ed essendo trovato, non paghi se none il diritto; nondimeno ne perdi fede e onore, chè per lo inanzi non ti dànno nè darebbono tanta fede come se non t’avessoro trovato il4 fallo.

Cristiani pagano all’entrare d’ogni mercatantia 10 per centinaio e non altro diritto, salvo che fiorentini pagano 10½, ch’àvi5 spese di scrivani e altro bene intorno di 1 per centinaio, sicchè a fiorentini viene in tutto 11½ per centinaio; e i viniziani pagano 10 per centinaio, e altri 10¼, e poi gli scrivani e altre spese.

E àvi uno diritto che si chiama fedo, e paganlo i saracini, ma i cristiani il s’accollano a loro per iscontarsi ne’ loro debiti colla corte, e conviene chi mette in corte faccia di patto di potere scontare ogni diritto e fedo di cristiani e di saracini.


 [[ Print Edition Page No. 132 ]] 

Chi ne trae tanto quanto à messo non paga nulla, ma chi trae e non à messo paga mezzo diritto.

Ogni cantaro di lana paga alla corte bisanti 5 e ¼, e di spesa di sacco e altre spese caricata, da miglioresi 8 per cantaro.

Lo cantare delle cuoia si à1 fedo bisanti 4 per cantaro, e i boldroni bisanti 4 per cantaro, e altre spese insino caricate da miglioresi 5 per cantaro.

124 Cera si à fedo bisanti 1½ per cantaro e ½ per altre spese a caricare.

Olio à di fedo bisanti 3 per giarra, o picciola o grande che sia. E spacciasi a mettere l’olio nella terra di Tunizi per bisanti 8 la giarra, che a 10½ per centinaio viene da bisanti 10, sicchè da bisanti 602 si puote ragionare il migliaio di diritto e di fedo; e il migliaio di Puglia torna in Tunizi da 12 e ½ in 13 giarre, e à di spesa il migliaio dell’olio, tra per mandare da porto alla3 terra in giarre, e portare a vendere, e i denari contanti si pagano in doana, e ogni maniera di spesa insino ch’è venduto, da bisanti 8 il migliaio, che, ragionando da 36 mattarre il migliaio, viene la mattarra miglioresi 2 e ¼, e4 di fedo e di diritto da bisanti 60 il migliaio, viene miglioresi 16½ la matarra, sicchè miglioresi 18¾ viene la matarra.5

Seta si à fedo bisanti 1¼ lo ruotolo e altre spese oltre a ciò àe6 10 per centinaio.

Cotone si à fedo7 bisanti 2 il cantaro e altre spese oltre a ciò àe6 10 per centinaio.

Grano si à di diritto miglioresi 2 per cafisso, e di scaricare infino venduto ragiona in somma miglioresi 8 in 9 per salma. Fedo non à nullo. E le 100 salme di Cicilia sono in Tunizi cafissi 100 e tanto più che se ne fanno le spese in Tunizi.

Frutta, cioè nocelle e castagne, ànno di diritto e poi in portaggio infino vendute nella terra oltre allo diritto, miglioresi 5 in 5½ per cantaro, e non ànno fedo, che viene da 15 in 16 per centinaio.

Spetierie e stagno et rame ànno il diritto; e di spesa di mare alla terra, secondo che sono ragionate, il pondo ¾ di bisanti perchè si pesa, ma se fusse panni o canovacci o cosa che non si pesa ragiona pure ½ bisante per pondo per barche e bastagi e altre spese minute.


 [[ Print Edition Page No. 133 ]] 

Per la zecca dell’oro e dell’argento

La zecca di Tunizi batte moneta d’oro e d’ariento, e rende la muneta fatta in 15 dì, e fa doble d’oro a lega di carati 23 1/2 d’oro fine per oncia allegato ad argento e none a rame, salvo che l’argento con che sono allegate si è di lega d’once 11 1/2 d’argento fine per libbra, e vogliono l’oro e l’ariento allegato alle dette leghe in zecca.

E chi mette oro in zecca di carati 23 1/2, 125 sì rende la zecca tante doble d’oro coniate a peso quanto à ricevuto oro, ma togliene battitura miglioresi 2 per dobbra, e più a ogni 68 dobbre 1 migliorese, e intendesi oro in verghe; a1 moneta coniata in terra di saracini toglie fattura 3/4 di miglioresi per dobbra.

Lo ruotolo con che si pesa l’oro in zecca è once 16, e ogni ruotolo si ragiona dobble 106 2/3, che ne viene per oncia di Tunizi dobble 6 e 2/3.

Nella zecca si à due ruotoli, che tanto pesa l’uno come l’altro, ma l’oncia dell’oro è più forte che quella dell’argento tanto che le once 16 d’oro sono 1 ruotolo, e l’once 18 d’argento sono 1 ruotolo, ma tutto è uno ruotolo, l’uno come l’altro; ma all’once 18 d’argento si fanno i miglioresi nuovi, e vannone per ruotolo 360 miglioresi a conto, che ne viene 20 per oncia, e ciò si fa perchè cade più a taglio a battere miglioresi.

E chi mette argento allegato in zecca, sì gliene dà la zecca bisanti 45 meno 1/8 di bisante dello ruotolo, e togliene per facitura miglioresi 18 meno 1/4 dello ruotolo, sicchè resta bisanti 43, miglioresi 1.

La zecca toglie bisanti vecchi d’oro del lione, i quali fece battere il soldano che si chiama Benduccodara,2 per oro di dobbla che si ragiona che sieno di lega di carati 23 1/4 d’oro fine per oncia.

L’argento che si porta di Castello di Castro di Sardigna in Tunizi vuol essere in verghe più sottili che quelle dell’oro che si fanno in Firenze.

E cominciò a battere la zecca di Tunizi l’anno del 1331 e così batte ancora doble d’oro di lega di carati 22 d’oro fine per oncia larghetto.

Come il peso e la misura di Tunizi tornano in più terre, e quelle con Tunizi, e prima con Buggiea di Barbaria

Lo cantaro di Tunizi e quello di Buggiea si è tutt’uno cantar.

Lino si vende a Buggiea a cantara, lo qual cantaro di lino si è cantaro 1½ d’altra mercatantia.


 [[ Print Edition Page No. 134 ]] 

con Buona di Barberia

Lo cantar di Buona è minor che quello di Tunizi e di Buggie ruotoli 4.

126 con Palermo di Cicilia

Lo cantaro di Palermo torna in Tunizi di cosa che non manchi cantaro 1 e ruotoli 50, e di mele e di burro e d’altre mercatantie grosse1 cantara 1 e ruotoli 40, e più e meno secondo che le mercatantie crescono e scemano.

Once 19 e tarì 6 e grani 10 di Palermo a peso d’oro fanno in Tunizi ruotoli 1 a peso d’argento.

E cantaro 1 d’olio alla misura di Palermo fanno in Tunizi matarre 5.

Tunizi con Gaeta di Principato

Cafissi 100 d’olio alla misura di Gaeta tornano in Tunizi matarre 15.2

con Napoli di Principato

Lo cantare di Tunizi fae in Napoli ruotoli 58 in 60.

Il centinaio delle nocelle grosse di Napoli fae a Tunizi cantara 145 in 150.

Il centinaio delle nocelle barberesche di Napoli fae in Tunizi cantara 165 in 170.

Il centinaio delle nocelle di Napoli fae in Tunizi cantara 126.

Il centinaio delle castagne monde di Napoli fanno in Tunizi cantara 230.

Once 19 e tarì 6 e grani 10 a peso d’argento di Napoli fanno a Tunizi ruotoli 1 d’argento.

Braccia 100 di canovaccio a misura di Napoli fae in Tunizi canne 28.

Il centinaio delle castagne gusciose di Napoli fae in Tunizi cantara 130.

Miglioresi nuovi 232 di Tunizi a conto fanno libbre 1 d’argento in Napoli, e dànne la zecca di Napoli tarì 38 e grani 17 di gigliati d’argento della libbra.

E ragionasi a cambio li 20 bisanti di Tunizi 1 oncia, di gigliati d’argento 60 per oncia.

E puotesi ragionare che nocelle barberesche di Napoli vagliano in Tunizi comunalmente meglio che nocelle grosse di Napoli da 10 per centinaio.

Botte 1 di mena di Napoli di vino fae in Tunizi mezeruole 5½, e ogni mezeruola si è 2 quartini in Tunizi.

Tombolo 1 di calterom, cioè gromma di botti, di Napoli fae in Tunizi ruotoli 48 netti di tara.


 [[ Print Edition Page No. 135 ]] 

127 con Pisa

Cantaro 1 di Tunizi fae in Pisa libbre 153.

Barili 100 di vino alla misura di Pisa fanno a Tunizi mezeruole 67.

Braccia 325 di panno alla misura di Pisa fanno in Tunizi braccia 101.

1 staio1 d’olio alla misura di Pisa fae a Tunizi giarre 2 d’olio.

Once 18½ d’ariento al peso di Pisa fanno a Tunizi ruotoli 1 d’ariento.

con Genova

Cantaro 1 di Tunizi fae in Genova di cosa che non manchi libbre 158.

Libbre 2 di seta al peso di Genova fanno in Tunizi ruotoli 1 e tanto più che se ne fanno le spese da Genova a Tunizi e diritto e tutto fino venduta.

Once 19½ d’ariento al peso di Genova fanno a Tunizi ruotoli 1.

colle fiere di Campagna di Francia

Cantara 3 e ruotoli 25 in 26 di Tunizi fanno in fiera carica 1.

con Nimissi di Provenza 2

Lo cantaro di Tunizi fae in Nimissi cantaro 1 et ruotoli 20, di3 ruotoli 100 per 1 cantaro.

Cantara 2 1/2 di Tunizi fanno in Nimissi carica 1.

Libbra 1 e 1/2 d’ariento di Nimissi fae in Tunizi ruotoli 1.

con Vinegia

Cantara 9 e ruotoli 33 1/3 di Tunizi fanno a Vinegia libbre 1000 grosse.

Once 17 e sterlini 1 1/4 a peso d’ariento di Vinegia fanno a Tunizi ruotoli 1 d’argento.

Cafisso 1 di grano alla misura di Tunizi fae in Vinegia 3 staia.

Migliaio 1 d’olio alla misura di Vinegia fae in Tunizi matarre 35.

Cantaro 1 di Tunizi torna in Vinegia libbre 165 sottili.

Once 20 1/2 di seta al peso di Vinegia fanno in Tunizi ruotoli 1.

128 con Firenze

Cantaro 1 di Tunizi torna in Firenze libbre 145 1/2.

Once 18 d’argento al peso di Firenze fanno in Tunizi ruotoli 1 d’ariento.

Dobble 71 3/4 d’oro correnti4 di Tunizi fanno in Firenze libbre 1.


 [[ Print Edition Page No. 136 ]] 

con Sobilia di Spagna

Cantaro 1 di Tunizi fae in Sobilia ruotoli 97.

con Ancona

Cantaro 1 di Tunizi fae in Ancona libbre 142 1/2 in 143.

Migliaio 1 d’olio d’Ancona fa in Tunizi matarre 35.

Canne 100 di canovaccio alla misura d’Ancona fa in Tunizi canne 93.

con Turpia di Calavria

Salme 100 di vino alla misura di Turpia fanno in Tunizi mezeruole 82.

colla Scalea

Salme 100 di vino alla misura della Scalea fanno in Tunizi mezeruole 95.

con Setta di Spagna

Cantaro 1 di Tunizi è tutt’uno cantar con quello di Setta.

Tunizi con Castello di Castro di Sardigna

Libbre 100 d’olio alla misura di Castello fanno a Tunizi cantara 39.

XXVIIITRIPOLI DI BARBERIA

per se medesimo

Grano si vende a Tripoli a cafisso e a barcelle, e le 20 barcelle sono 1 cafisso a Tripoli.

Diritto di mercantia che si paga a Tripoli

129 Grano paga diritto al signore in Tripoli bisanti 38¼ * per centinaio di cafissi. E bisanti 6½ di Tripoli si ragionano 1 dobbra d’oro; o vuolli tu li bisanti 5, fiorini 1 d’oro a comunale pregio.

Come il peso e la misura di Tripoli torna in più terre, e quelle con Tripoli, e prima con Messina, con Palermo e colle piaggie

Lo cantaro sottile di Messina è tutto uno col cantaro di Palermo; fae a Tripoli cantaro 1 e ruotoli 59.

Salme 100 di grano alla misura delle piagge fanno a Tripoli cafissi 75.


 [[ Print Edition Page No. 137 ]] 

GIERBI DI BARBERIA

per se medesimo

Miglioresi 10 di Gerbi sono 1 bisante in Gerbi, e li 6 bisanti di Gerbi si ragionano 1 dobbra d’oro a comunale pregio.

Come il peso e la misura di Gerbi torna in più terre, e quelle con Gerbi, e prima con Messina di Cicilia

Mattari 5 d’olio alla misura di Gerbi fanno in Messina cafissi 8 d’olio.

Gierbi con Palermo e colla Val di Mazara di Cicilia

La mattaro dell’olio alla misura di Gerbi fae in Palermo e nella Val di Mazara 2 cafissi d’olio.

Cafissi 10 di Palermo e della Val di Mazara fanno cantaro 1 d’olio in Palermo, sicchè adiviene che 5 mattare d’olio alla misura di Gerbi fanno cantaro 1 d’olio in Palermo e nella Val di Mazara.1XXIX

XXXVINEGIA

In Vinegia si à due libbre, cioè libbra grossa e libbra sottile, 134 e le libbre 100 grosse sono libbre 158 sottile, e libbre 400 sottile sono 1 incarica a Vinegia.

XXXILo migliaio grosso di Vinegia si è libbre 1580 sottile.

Lo migliaio sottile si è libbre 1000 sottile.

Le mercatantie si vendono e comperano in Vinegia a migliaio grosso e a migliaio sottile e a carica e a centinaio e a libbra et a marchi e a staio e a balla e a braccia come diviserà qui appresso, ciascuna cosa e a suo peso e a sua misura:

A carica si vende pepe tondo solamente, et gherbellasi.

A centinaio si vende

Giengiovo, canella, lacca, incenso, indaco, mastico, zettoara—tutte queste sette cose si garbellano, cioè vagliano.


 [[ Print Edition Page No. 138 ]] 

Verzino scorzuto, zucchero, polvere di zucchero d’ogni ragione, zucchero candi, tamerindi, cassia fistola, sene, cera d’ogni ragione, salarmoniaco, sandoli d’ogni1 ragione, orpimento, argento vivo, vermiglione, cotone filato, landano,2 armoniaco, zafflore, coloquinti, porcellane, mirra, mirabolani d’ogni ragione * non conditi, 135 aloe3 d’ogni ragione, costo, corcumma, turbitti, squinanti,4 seme da vermini, serrapino, sarcocollo, vetriuolo, e draganti,5 fistuchi, galbano, anisi, minio, verderame, gomerabica, vernice.

Tutte altre simile a’ qui nominate si vendono a Vinegia a centinaio di peso sottile.

A libbre sottili si vendono

Gherofani, noce moscade, mace, cubebe, galiga, cardamoni, pepe lungo, scamonea, spigo, caffera, ribarbero, tuzia—e tutte queste dodici cose si garbellano.

Sangue di dragone, legno aloe, storace calamita, meleghette, spodio di canna, oppoponaco, oppio tebaico,6 azurro d’ogni ragione, zafferano d’ogni ragione, seta d’ogni ragione, mirabolani conditi, amomo, foglie di gherofani, castoro,7 e tutte spezierie minute, borrace.

A once di marchi vi si vende perle forate e perle non forate.

A marchi vi si vendono argento in piatti, argento in verghe, argento in buglione d’ogni ragione.

A migliaio vi si vende cotone mapputo, allume d’ogni ragione, riso, e mandorle schiacciate, timiame, et regolizia, comino, sapone duro, sapone molle.

A carato di marchio vi si vende

Oro in verghe, oro in piatti, oro in buglione d’ogni ragione. E vendonsi a pregio di tante lire di grossi il carato; e8 di tanti carati quanto l’oro si truova che tenga di lega per oncia, si multiprica tanti carati quant’egli è di lega vie tante lire di grossi quanto vale di pregio il carato, e tante lire a grossi quanto monta il multipricamento tanto monterà il marchio dell’oro, però che a marchi d’once 8 per uno marco si pesa, ed è tutt’uno col marchio a che si pesa l’ariento di marchi.


 [[ Print Edition Page No. 139 ]] 

A migliaio grosso vi si vende

Rame d’ogni ragione, stagno, piombo, ferro d’ogni ragione, lana d’ogni ragione, robbia d’ogni ragione, sevo, canape, stoppa, carne insalata, formaggio, e aghetta, e pece,1 zolfo, paniccella, e scotano.2

Mele d’ape vi si vende altressì a migliaio grosso, ma di mele si dà libbre 1100 per uno migliaio grosso.

A centinaio grosso vi si vende trementina, galla, lino d’ogni ragione, 136 vischio, e filo di lino, e stame di lana, rame lavorato battuto, filo di rame.

Olio vi si vende a migliaio di misura, lo quale migliaio si è 40 metri di misura, e lo metro tiene a peso libbre 30½ grosse d’olio.

A pezza vi si vendono bucherami, e drappi a oro, sciamiti, e marimanti, nacchi, e nacchetti dalla Tana, velluti di seta, ciambellotti, e baraccami; panni lini a pezza e a braccia.

Carte di papeo a risima.

Datteri vi si vendono a migliaio di novero, e dàssene 1100 per 1 migliaio.

Guado si vende a migliaio, di libbre 1400 sottile per 1 migliaio.

Cuoia di bue vi si vendono a balla, e ogni balla si è 10 cuoia, e sieno d’ogni ragione.

Cuoia di cavallo vi si vendono a centinaio di novero.

Beccume montanine a centinaio di novero.

Grano e orzo e tutti altri biadi e tutti legumi vi si vendono a staia di misura, e ogni 12 staia di misura in Vinegia sono 1 moggio in Vinegia.

A staia di peso vi si vendono

Uve passe, e dàssene libbre 260 sottili per 1 staio.

Noce e mandorle col guscio si dà libbre 140 grosse per 1 staio.

Nocelle e senape, e dàssene libbre 112 grosse per 1 staio.

Fichi secchi, e dàssi libbre 220 grosse per 1 staio.

Castagne, e dàssi libbre 200 grosse per 1 staio.

Carubbe, e dàssi libbre 133 grosse per 1 staio.

Vinegia per la zecca

Se metti ariento in Vinegia, sì ’l ti conviene appresentare a’ signori ordinati per lo comune sopra a ciò in 3 dì, e fra 3 dì che sarai giunto con esso in Vinegia paghi denari ½ piccioli per marco; e poi quando l’ai appresentato, il ti conviene vendere su per lo cambio, e convienloti avere
 [[ Print Edition Page No. 140 ]] 
venduto a cittadino infra 5 dì, e poi che l’avrai appresentato a’ signori ordinati sopra ciò; e da che il vende paghi denari ½ picciolo per marco. E abbi a mente che tu nol vendessi prima che l’avessi1 appresentato, e nollo facessi pesare se prima nollo facessi battere, cioè scuotere del ceneracciolo, però che la zecca non vuole altrimenti.

137 E se vuoli, puoi metterlo in zecca fra ’l detto termine di 5 dì se se’ forestiere, e se il metti in zecca, sì ne riaverai dalla zecca di Vinegia fra 15 o 20 dì poi che l’avrai messo lire 11, soldi 13 a grossi di Vinegia del marchio, e di denari 26 a grossi 1 grosso di Vinegia; et a trarne uno marchio di Vinegia com’ escono della zecca, soldi 9, denari 1 di grossi di Vinegia2 a conto.3

E se metti oro nella zecca di Vinegia, sì te ne dà la detta zecca a ragione di lire 5, soldi 8 del carato del marchio, ma di soldi 39 della detta moneta uno ducato d’oro di zecca.4

In Vinegia non si può mettere nullo avere di levante nè per terra nè per mare per nullo forestiere che non sia cittadino di Vinegia sotto pena di lire 50 per libbre 100.

A Vinegia stanno nipoti d’uno Maestro Francesco da Bologna che partono oro da ariento, e tolgono del marchio grossi 4 viniziani, di grossi 24 per 1 ducato; e talora se ne vengono a Bologna, ma il più stanno pure a Vinegia; e questo è quello che, se vogliono torre, possono, e fare meno e più come piace loro, e puòssi fare patto con loro meglio.

Quello che si paga pesaggio di mercatantie e merce in Vinegia per forestieri e per cittadini

Seta, e zendadi, e drappi a oro, filugello, e zafflore, gherofani, e fusti di gherofani, noce moscade, pepe lungo, galiga, e mace, zafferano, e fiore di
 [[ Print Edition Page No. 141 ]] 
cannella, cubebe, borrace, e caffera, ribarbero, scamonea, e tutte spezierie sottile che si vendono a libbre si pesano a stadera in Vinegia, e paga il comperatore. Forestiere paga denari 24 piccioli per 100 libbre, e se si pesano per trarre di galea o di nave1 o vero per partigione paga pure denari 12 per 100 libbre. Il cittadino paga pesaggio delle dette cose, il cittadino che compera, denari 12 piccioli per 100 libbre, e se le fa pesare per trarre di galea o di nave o vero per partigione paga pure denari 6 per centinaio di libbre.

Anche a stadera sottile: pepe, gengiovo, cannella, verzino, zucchero, e polvere, e lacca, e zettoaro, indaco, e grano, e setole di cavallo, e denti di liofante, orpimento, e riso, e mandorle, uve passe minute. E tutte altre spezierie che si vendono a centinaio sì paga il fiorestiere che compera denari 50 piccioli per migliaio sottile, e il cittadino che compera paga pure denari 23 per migliaio; 138 * e se si pesa per trarre di galea o di nave o vero per partigione, paga il forestiere denari 20 per migliaio sottile e il cittadino pure denari 18 per migliaio sottile.

Anche a stadera sottile si vende cotone, e cera, e allume di rocca, e allume di feccia, e comino, robbia macinata, et regolitia, e lino. E ’l forestiere che compera paga per pesatura denari 30 piccioli per migliaio, e se si pesasse per trarre di galea o di nave o vero per partigione pur denari 12 per migliaio sottile; e ’l cittadino che compera paga denari 13 per migliaio sottile, e per trarre di galea o vero di nave o per partigione pur denari 6½ piccioli per migliaio sottile.

A stadera grossa si vende cordovano, e cinabro, e tuzia, e ismeriglio, e lana tedesca, e lana francesca, e lana fiamminga, e tutte queste cose, bene che si pesino a grosso, paga a sottile come paga il pepe al forestiere et per ragione del pepe al cittadino.

Anche a stadera grossa vi si vende ferro, et rame, e stagno, e piombo, bronzo, e tutto metallo; e formaggio, e carne, e sugna, e sevo, e mele, e tutta grascia; e mandorle col guscio, noce, e fichi, e nocelle, e castagne, e tutte frutte; e lana grossa, e allume, gattina, bosso, galla, e altre cose. E ’l forestiere che compera paga denari 42 piccioli per migliaio grosso, e se facessi pesare per nolo e trarre di galea o di nave o vero per partire, paga denari 20 per migliaio; e il cittadino che compera paga pure denari 18 per migliaio, e per trarre di galea o di nave o vero per partigione paga pure denari 9 per migliaio.


 [[ Print Edition Page No. 142 ]] 

Diritto di mercatantie che si paga in Vinegia a chi la vi mette

Di tutte mercatantie e avere di levante che vegna a Vinegia con galee armate non paga dazio nullo, e di tutte mercatantie e avere di levante che vegna a Vinegia con navilio disarmato si paga di dazio 5 per centinaio; e grano non paga nullo dazio.

Vino paga lire 1, soldi 10 la fonda o l’anfola, e denari 4 piccioli per botte; anzi che lo scarichi si vuole pagare; e per la guerra di Bonvolento arrosono al vino di dazio 1 ducato e non l’ànno poi levato.1

E di tutte cose che vengono di verso ponente per terra, cioè zafferano e lane e argento vivo e canovacci e carte e cera e altre cose che vengono di verso Raugia, 139 pagano * dazio 1 per centinaio; salvo che canovacci e le tele line pagano anche denari 6 per libbra più che 1 per centinaio.2

Olio paga all’entrare in Vinegia lire 8 a grossi per migliaio d’olio.

E mele paga dazio lire 4 a grossi il migliaio.

E carne paga dazio lire 4 a grosso il migliaio.

Formaggio paga dazio lire 4 a grosso il migliaio.

Rame e stagno e piombo paga dazio 2½ per centinaio.

E pellame paga dazio denari 6 per lira.

Cose che pagano dazio all’uscire di Vinegia

Lino d’ogni ragione grossi 6 del centinaio di peso.

E mandorle sanza guscio soldi 20 a grossi il centinaio di peso.


 [[ Print Edition Page No. 143 ]] 

E cuoia passe soldi 3 per libbra.

E datteri a novero soldi 3 a novero per migliaio.

E pesce insalato soldi 3 per libbra.

E pegola spanna soldi 7 a grossi il centinaio di peso.

E vino di Creti et vino di Romania e vino di Rimbola soldi 8 di grossi l’anfolla.

Tutto legname lavorato soldi 2 per lira, salvo di bosso non paga niente perchè viene di levante. Nocelle e noce e castagne e tutte spezierie, e seta d’ogni ragione, e cotone e allume e lana non pagano dazio nullo, ma paga soldi 2, denari 111 per la bolletta, cioè per polizza.

Senseraggio di mercantia che si paga in Vinegia

D’ogni mercatantia che vendi o comperi in Vinegia si paga senseraggio soldi 5 di piccioli per centinaio di libbre2 grossi per parte.

Spese che si fanno al pepe in Vinegia

Per senseraggio a’ sensali del comune, soldi 5 piccioli del centinaio del pepe, e di denari 32 de’ detti piccioli per 1 grosso d’ariento di Vinegia, e le 4 centinaia3 sono 1 incarica in Vinegia.

E per legatura grossi 1 e 1/3 per carica.

E per pesarlo soldi 1, denari 8 per carica.

E per recare, denari 12 piccioli per carica.

4E d’altri sensali che non sieno di comune, per carica grossi 9.

E per dazio al comune 1/2 grosso per centinaio, che si ragiona che ne venga alla incarica grossi 9.

E per caricarlo a galea per Fiandra grossi 1 per carica.


 [[ Print Edition Page No. 144 ]] 

140 Vinegia per nolo di comune di Vinegia in Fiandra e di Fiandra a Vinegia con galee armate

Zucchero in botte, soldi 30 di grossi il migliaio sottile.

Polvere di zucchero en casse, soldi 22 di grossi il migliaio sottile.

Pepe, verzino in casse, soldi 27 di grossi il migliaio sottile.

Cera, soldi 20 di grossi il migliaio sottile.

Pillicceria, soldi 25 di grossi il migliaio sottile.

E gherofani e mace e tutte spezierie sottile, soldi 27 di grossi il migliaio sottile.

E allume e guado e robbia, soldi 15 di grossi il migliaio sottile.

Tele d’ogni ragione, di Fiandra a Vinegia, soldi 30 di grossi il migliaio sottile.

E rame e stagno, soldi 5 di grossi il migliaio sottile.

Grana in sacca, 4 per centinaio di valuta.

Seta cruda, 2 per centinaio di valuta.

Bucherami d’ogni ragione, 3 per centinaio di valuta.

Vino di Creti, soldi 25 di grossi l’anfolla.

Lane d’ogni ragione, le libbre 500 sottili di Vinegia, soldi 30 di grossi.

E le dette galee allo andare di Vinegia in Fiandra per tutto il cammino non osano levare nulla mercatantia di Vinegia in Fiandra e in nessuna parte altro che in Vinegia all’andare di Vinegia in Fiandra; ma al tornare di Fiandra a Vinegia possono levare onde e dove vogliono. E chi vi carica suso, e allo andare in Fiandra non paga nullo dazio in Vinegia, e chi v’à suso roba al tornare di Fiandra a Vinegia la puote mettere e vendere e trarre sanza pagare nullo dazio in Vinegia.

Noli di comune di Vinegia in Cipri e di Cipri a Vinegia in galee armate

Di tutte spezie, soldi 13 di grossi il migliaio sottile.

Zuccheri, soldi 10 di grossi il migliaio.

Panni lani sottili e panni lini sottili, soldi 6 di grossi della balla, di libbre 260 grosse per balla.

Rame e stagno e ferro, soldi 6 di grossi del migliaio grosso di Vinegia.

E avere sottile di cassa, 3 per centinaio di valuta.

Pepe e lacca e indaco e ’ncenso e cera e altre simili cose, cioè altre simile spezierie, soldi 10 di grossi d’ariento di Vinegia del cantare di Cipri a Vinegia, e soldi 13 di grossi del migliaio sottile di Vinegia.

E ciambellotti, 2 per centinaio in galee armate, e in legno disarmato 1½ per centinaio di valuta.


 [[ Print Edition Page No. 145 ]] 

E argento in pezze o in buglione, 11 per centinaio.

E oro filato e argento filato 3 per centinaio.

141 Noli di comune di Vinegia a Chiarenza e a Curone e a Mudone e a Negroponte, e da’ detti luoghi a Vinegia con galee armate

Panni lani grossi e grigi, e canovacci, soldi 4 di grossi alla balla di libbre 350 grosse di Vinegia.

E panni lani2 sottili e tele line sottile, soldi 4 di grossi alla balla di libbre 260 grosse di Vinegia.

E avere sottile di cassa, ½ per centinaio di valuta.

E rame e stagno, soldi 4 di grossi del migliaio grosso di Vinegia.

E da’ detti luoghi a Vinegia

Seta, 2 per centinaio di valuta.

Bucherami e drappi di seta e grana, 4 per centinaio di valuta.

E uve passe, soldi 6 di grossi del migliaio sottile.

Cera e spezierie grosse, soldi 10 di grossi del migliaio sottile.

E spezierie sottile,3 soldi 6 di grossi del migliaio sottile.

E conducendo le sopradette cose con galee armate a Vinegia non pagano dazio nullo a Vinegia.

XXXIICome i pesi e le misure di Vinegia tornano in diverse parte e terre, e quelle con Vinegia, e primieramente con Ferrara

Libbre 100 sottile di Vinegia fanno in Ferrara libbre 87.

Marco 1 d’argento al peso di Ferrara fa in Vinegia once 8 e denari 2.

Moggio 1 giusto di formento di Ferrara, che è 20 staia giuste e 22 staia rase, torna in Vinegia staia 7 meno 1/54 di staio.

con Padova

Libbre 100 sottili di Vinegia fanno in Padova libbre 100.

Marchi 1 d’argento di Padova è tutt’uno col marco di Vinegia.

E lo staio del biado alla misura di Vinegia fa in Padova staia5 3.

E chi trae lino di Padova paga del migliaio di peso lire 4 di piccioli.


 [[ Print Edition Page No. 146 ]] 

142 con Chermona

Lo migliaio del cotone al peso di Vinegia fa in Chermona pesi 36 in 37, e lo peso si è libbre 27 in Chermona.

Carica 1 di pepe al peso di Vinegia fae in Chermona pesi 16, di libbre 25 il peso.

E il peso di Vinegia e quello di Chermona sono tutt’uno peso, l’uno come l’altro.

con Bologna

Libbre 100 sottile di Vinegia fanno in Bologna libbre 84.

Braccia 37 di Bologna fanno in Vinegia braccia 36.

Libbra 1 d’ariento al peso di Bologna fa in Vinegia once 12 et denari 3 pesi, d’once 8 per 1 marco di Vinegia e di denari 24 pesi per 1 oncia.

Migliaio 1 di lana di Tunizi al peso di Vinegia fae in Bologna libbre 1333 lorde, e fassi tara in Bologna libbre 10 per soma1 e libbre 3 per centinaio, sicchè si puote ragionare che lo migliaio di Vinegia di lana di Tunizi torni in Bologna libbre 1260 nette d’ogni tara.

con Fermo della Marca

Migliaio 1 d’olio di Fermo fae in Vinegia metri 47.

Rubi 50 di lino di Fermo fanno a Vinegia libbre 1000 grosse, ed altrettante di carne, ed è lo rubo libbre 28.

Salma 1 di seme di lino di Fermo torna in Vinegia staia 2 5/8.

Salma 1 di formento di Fermo fae in Vinegia staia 2 1/4.

Braccia 100 di Fermo fanno in Vinegia braccia 96.

Salme 10 1/2 di vino di Fermo fanno in Vinegia anfola 1.

E lo rubo di Fermo si è libbre 28 in Fermo.

con Firenze

Libbre 113 in 113 1/2 sottile di Vinegia fanno in Firenze libbre 100.

Migliaio 1 grosso di Vinegia fae in Firenze libbre 1400.

Libbre 1 di Vinegia a che si pesano perle e oro filato e perperi d’oro fae in Firenze once 11, denari 14.

Marchi 1 d’argento al peso di Vinegia fa in Firenze once 8, denari 10, e altrettanto il marchio dell’oro.

Kanne 10 di Firenze fanno in Vinegia braccia 36.

Staia 1 di grano di Vinegia fae in Firenze staia 4.

143 Anfola 1 di vino alla misura di Vinegia fa in Firenze cogna 1 1/3.

Moggio 1 della vallonia alla misura di Vinegia fae in Firenze libbre 850.


 [[ Print Edition Page No. 147 ]] 

E ragionasi che costi a conducere una soma di pepe, ch’è libbre 500 di Vinegia, a Firenze e da Firenze a Pisa, tra per vettura e per passaggio, da fiorini 5 e 1/4 d’oro.

Et ragionasi che costi a conducere una balla di seta, ch’è libbre . . . di Vinegia, a Firenze <. . .>

con Pisa

Libbre 100 sottili di Vinegia fanno in Pisa libbre 92 in 93.

Le braccia1 18 di panno alla misura di Vinegia fanno in Pisa braccia 17.

Libbre 100 grosse di Vinegia fanno in Pisa libbre 143.

Libbre 1 d’ariento di Vinegia, ch’è marchi 1½ di Vinegia, fae in Pisa once 13.

con Lucca

Libbre 100 sottile di Vinegia fanno in Lucca libbre 90.

Libbre 10 di seta al peso di Vinegia fanno in Lucca libbre 9.

Libbre 1 di zendadi o di drappi di seta di Lucca torna in Vinegia once 13¼, e pagano all’entrare di Vinegia 2 per centinaio.

con Genova

Libbre 100 sottili di Vinegia fanno in Genova libbre 96.

Canne 10 di Vinegia fanno in Genova braccia . . .

Marchi 1 d’argento al peso di Vinegia fa in Genova once 9, denari 3.

Mina 1 alla misura di Genova fa in Vinegia staia 1¼.

Libbre 100 grosse2 di Vinegia fanno in Genova libbre 147 et once 1 e carati 20¼, di3 carati 144 per 1 oncia, o vuoi tu dire once 1 e denari 3 e grani 9, e di denari 24 per oncia 1, e di grani 24 per 1 denaro peso.

Canne 10 di Genova fanno in Vinegia braccia 35.

con Vienna

Marco 1 d’argento di Vienna fae in Vinegia once 8, denari 3, di denari 24 pesi per 1 oncia.

88 buemini d’argento a conto sono 1 marco peso in Vinegia.

144 con Nimissi e con Monpolieri

Libbre 100 sottile di Vinegia fanno ne’ detti luoghi libbre 944 sottili.

Marchio 1 d’argento al peso di Vinegia fanno ne’ detti luoghi once 8 e denari 2.


 [[ Print Edition Page No. 148 ]] 

Sestieri 8 di grano alla misura di Nimissi fa in Vinegia 3 staia.

Carica 1 de’ detti luoghi, ch’è cantara 3, fae in Vinegia libbre 416 sottili.

Corda 1 di Nimissi che è canne 6 di Nimissi, fae in Vinegia braccia 19½.

Once 16¼ infino in once 16½ di seta al peso di Vinegia fanno ne’ detti luoghi libbre 1 grossa a che si vende seta in Nimissi e in Monpolieri.

colle fiere di Campagna e di Francia 1

Libbre 100 sottili di Vinegia di spetieria fanno in fiera libbre 65.

Libbre 540 sottili di Vinegia fanno in fiera carica 1, che è libbre 350 di fiera.

Marco 1 d’argento di fiera fae in Vinegia once 8, denari 5.

Libbre 100 sottili di Vinegia fanno in fiera libbre 88½ sottili.

con Parigi

Libbre 100 sottili di Vinegia fanno in Parigi libbre 62½, d’once 15 per libbra e di libbre 350 per 1 incarica di spetieria.

La carica del pepe di Vinegia, ch’è libbre 400 sottili, fae in Parigi libbre 246, d’once 15 per libbra di Parigi.

Libbra 1 d’oro e d’argento filato di Vinegia fae in Parigi once 10½.

Libbre 144 di seta di Vinegia fanno in Parigi libbre 100.

con Borsella di Brabante e con Anguersa

Libbre 160 sottili di Vinegia fanno in Borsella libbre 100 in 103.

Libbre 100 sottili di Vinegia fanno ad Anguersa libbre 60 in 62.

145 con Pera di Romania

Libbre 100 di Pera fanno a Vinegia libbre 103 in 104 sottili.

Cantaro 1 di Pera, ch’è libbre 150 genovesche, fanno in Vinegia di spezieria libbre 157 sottili.

Libbre 112 grosse di Vinegia fanno in Pera 1 cantaro, ch’è libbre 150 genovesche.

E saggi 56 di Pera fanno a Vinegia marchio 1.

con Tripoli di Barberia

Cantaro 1 di Tripoli fae in Vinegia libbre 175 sottili.


 [[ Print Edition Page No. 149 ]] 

con Subilia di Spagna

Cantaro 1 di Subilia fae in Vinegia libbre 175 sottili.

Cafisso 1 di biado alla misura di Subilia fae in Vinegia staia 6 meno uno quarto.

Vinegia con Chiarenza

Lo centinaio a che si vende e compera mercatantia in Chiarenza fae in Vinegia libbre 115 in 118 sottili.

Perpero 1 di Chiarenza, che vale in Chiarenza 20 sterlini, si ragiona in mercatantia 7 viniziani grossi d’argento.

Moggia 2 di biado alla misura di Chiarenza fae in Vinegia staia 1.

Libbra 11 d’ariento di Vinegia fae in Chiarenza libbre 1 e denari 3 meno ¼ di denaro uno, <di denari 24> per 1 oncia.2

Moggia 100 di vallonia alla misura di Chiarenza fanno in Vinegia moggia 6, di staia 12 per 1 moggio.

Moggio 1 d’uve3 passe di Chiarenza, ch’è libbre 67 di Chiarenza, fae in Vinegia libbre 83 a peso sottile, che le libbre 260 sottile sono 1 staio in Vinegia, et pagasi datio in Vinegia soldi 3 per libbra.

con Negroponte

Libbre 100 di seta o di cera o di grano al peso di Negroponte fanno in Vinegia libbre 125 sottile.

Perpero 1 di Negroponte si ragiona 25 sterlini, <e> in mercatantia soldi 204 a grossi di Vinegia, di denari 26 a grossi 1 grosso di Vinegia.

Moggia 100 di biado alla misura di Negroponte sono in Vinegia staia 42.

E spendesi in Negroponte tutte monete di Vinegia per lo medesimo corso ch’elle si spendono in Vinegia, e similmente vi si spendono torneselli piccioli per 3 bagattini l’uno.

146 colla Cannea di Creti

Le 100 misure di biado della Cannea fanno in Vinegia staia 20½.

con Coranto

Moggia 100 di biado alla misura di Coranto fa a Vinegia staia 55 e ½.


 [[ Print Edition Page No. 150 ]] 

con Raugia di Schiavonia

Libbre 100 di cera al peso di Raugia fanno in Vinegia libbre 119 sottili.

Once 12 d’ariento al peso di Raugia fanno in Vinegia once 11 d’ariento.

In Raugia si spendono viniziani grossi d’argento, et moneta picciola di rame che s’appellano folleri; e ’l viniziano grosso vale 30 folleri et per tanto si spendono in Raugia.

con Giadra di Schiavonia

Moggio 1 di biado di Giadra fae in Vinegia staia 1 e ¼.

Marco 1 d’argento al peso di Giadra fa in Vinegia marchio 1.

Libbre 100 di Giadra fanno in Vinegia libbre 112 sottile.

colla Tana del Mare Maggiore

Libbre 5 della Tana fanno in Vinegia libbre 100 grosse di Vinegia.

La misura a che si vende il biado alla Tana fa a Vinegia 51 staia.

Once 7 meno 2 grossi viniziani d’argento fanno alla Tana uno sommo peso2 d’argento, et ragionasi lo detto sommo soldi 8 <di> viniziani grossi.

E ragionasi che costi le mercatantie a conducerle da Vinegia alla Tana con galee armate per nolo ordinato3 per lo comune di Vinegia come dirà qui di sotto:

Panni grossi e grigi, e canovacci, soldi 8 di grossi di Vinegia la balla, di libbre 350 al peso grosso di Vinegia.

E panni lani sottili e tele line sottile, soldi 8 di grossi la balla, di libbre 260 al peso grosso di Vinegia.

E ’l rame e stagno, soldi 8 di grossi il migliaio grosso di Vinegia.

E avere sottile di cassa paga 1 per centinaio di valuta.

Et a venire colle galee armate dalla Tana a Vinegia pagano di nolo come dirà qui appresso:

147 Spezierie grosse, soldi 16 di viniziani grossi il migliaio sottile di Vinegia.

Verzino e mace e cubebe e noce moscade et gherofani e altre spezierie sottile, lire 25 a grossi il migliaio sottile di Vinegia, e di denari 26 <a> grossi 1 grosso di Vinegia.

Cera, soldi 15 di grossi il migliaio sottile di Vinegia.

Vai, soldi 2 di grossi il migliaio a conto.


 [[ Print Edition Page No. 151 ]] 

E le dette cose mettendole colle galee armate di Vinegia non pagano dazio nullo in Vinegia.

con Trevigi

Lo staio del biado alla misura di Vinegia fa in Trevigi staia 3.

con Melano

Lo migliaio grosso di Vinegia fae in Milano libbre 600 grosse, d’once 28 per 1 libbra grossa di Milano.

Lo migliaio sottile di Vinegia fae in Milano libbre 920 sottile di spezierie, e di bambagio libbre 860 per tara che se ne fa.

con Faenza di Romagna <e con Ravenna> 1

<La corba del grano alla misura di Faenza fae in Vinegia staia 1 meno 2/5>.

La corba del grano alla2 misura di Ravenna fae in Vinegia staia 1 meno 2/5.

con Perugia

Libbre 100 sottili di Vinegia fanno in Perugia libbre 90.

Migliaio 1 sottile di Vinegia fa in Perugia libbre 900.

E puote costare la soma del cotone, ch’è libbre 500, a conducere da Vinegia a Perugia a comunale vettura, da fiorini 2 e 1/2 d’oro, e la soma3 della spezieria da fiorini 3 e 1/8 d’oro.

con Londra d’Inghilterra

Libbre 100 sottile di Vinegia fanno a Londra libbre 60 in 62.

Libbre 1 e once 9 1/2 di seta al peso sottile di Vinegia fanno a Londra once 18.

Marco 1 e starlini 3 1/2 d’argento al peso della Torre di Londra fanno in Vinegia marco 1 d’argento, e ’l marchio della Torre di Londra si è appunto col marchio di Cologna della Magna.

Sacca 1 di lana al peso di Londra d’Inghilterra, ch’è chiovi 52 in Londra, fae in Vinegia libbre 330 grosse.

148 E vagliendo in Londra in Inghilterra il fiorino d’oro tanti sterlini d’ariento come diviserà qui appiede et dallato, e vagliendo in Vinegia
 [[ Print Edition Page No. 152 ]] 
il fiorino o vero ducato d’oro soldi 2 di grossi d’argento di Vinegia come si mette a pagamento di mercatantia e di cambio in Vinegia, verrebbe a valere il marchio delli starlini a denaro per denaro tanti soldi di grossi di Vinegia quanto sarà posto appetto di ciascuno numero di sterlini della valuta del fiorino in Inghilterra:1

A denari 33 isterlini il fiorino, viene il marchio sol. 9, den. 8 e 4/11 di grossi
A denari 33¼ isterlini il fiorino, viene il marchio sol. 9, den. 4 e 16/17 [d. 7 65/133]
A denari 33½ isterlini il fiorino, viene il marchio sol. 9, den. 7 e 42/67 [d. 6 42/67]
A denari 33¾ isterlini il fiorino, viene il marchio sol. 9, den. 5 e 7/9
A denari 34 isterlini il fiorino, viene il marchio sol. 9, den. 4 e 16/137 [16/17]
A denari 34¼ isterlini il fiorino, viene il marchio sol. 9, den. 3 e 7/23 [d. 4 16/137]
A denari 34½ isterlini il fiorino, viene il marchio sol. 9, den. 2 e 70/139 [d. 3 7/23]
A denari 34¾ isterlini il fiorino, viene il marchio sol. 9, den. 1 e 132/141 [d. 2 70/139]
<A denari 35 isterlini il fiorino, viene il marchio sol. 9, den. 1 e 5/7>
A denari 35 e ¼ isterlini il fiorino, viene il marchio sol. 9, den. — 12/71 [d. 0 132/141]
A denari 35 e ½ isterlini il fiorino, viene il marchio sol. 9, den. — 16/137 [d. 0 12/71]
A denari 35 e ¾ sterlini il fiorino, viene il marchio sol. 8, den. 11 59/143
A denari 36 sterlini il fiorino, viene il marchio sol. 8, den. 10 e 2/3
A denari 36¼ sterlini il fiorino, viene il marchio sol. 8, den. 9 e 27/29
A denari 36½ sterlini il fiorino, viene il marchio sol. 8, den. 9 e 15/73
A denari 36¾ sterlini il fiorino, viene il marchio sol. 8, den. 8 e 72/147
A denari 37 sterlini il fiorino, viene il marchio sol. 8, den. 7 e 29/37
A denari 37¼ sterlini il fiorino, viene il marchio sol. 8, den. 7 e 13/49 [13/149]
A denari 37½ sterlini il fiorino, viene il marchio sol. 8, den. 6 e 2/5
149 A denari 37¾ sterlini il fiorino, viene il marchio sol. 8, den. 5 e 109/151
A denari 38 sterlini il fiorino, viene il marchio sol. 8, den. 5 e 1/9 [1/19]
A denari 38¼ sterlini il fiorino, viene il marchio sol. 8, den. 4 e 60/153
A denari 38½ sterlini il fiorino, viene il marchio sol. 8, den. 3 e 57/77
A denari 38¾ sterlini il fiorino, viene il marchio sol. 8, den. 3 e 2/31 [3/31]
A denari 39 sterlini il fiorino, viene il marchio sol. 8, den. 2 e 6/13
A denari 39¼ sterlini il fiorino, viene il marchio sol. 8, den. 1 e 131/157
A denari 39½ sterlini il fiorino, viene il marchio sol. 8, den. 1 e 17/79
A denari 39¾ sterlini il fiorino, viene il marchio sol. 8, den. — 32/53
A denari 40 sterlini il fiorino, viene il marchio sol. 8, den. —
A denari 40¼ sterlini il fiorino, viene il marchio sol. 7, den. 11 e 65/161
A denari 40½ sterlini il fiorino, viene il marchio sol. 7, den. 10 e 22/27
A denari 40¾ sterlini il fiorino, viene il marchio sol. 7, den. 10 e 26/163 [38/163]
A denari 41 sterlini il fiorino, viene il marchio sol. 7, den. 9 e 27/41
A denari 41¼ sterlini il fiorino, viene il marchio sol. 7, den. 9 e 1/11
A denari 41½ sterlini il fiorino, viene il marchio sol. 7, den. 8 e 44/83
A denari 41¾ sterlini il fiorino, viene il marchio sol. 7, den. 7 e 163/167
A denari 42 sterlini il fiorino, viene il marchio sol. 7, den. 7 e 3/7

 [[ Print Edition Page No. 153 ]] 

Vinegia con Castello di Castro

Lo centinaio delle starella del grano alla misura di Castello fanno in Vinegia staia 49.

Lo centinaio de’ quartini di sale alla misura di Castello fanno in Vinegia moggia 13, e le 12 staia sono 1 moggio in Vinegia.

150 con Triesti di Capo d’Istria

Staia 105 di grano alla misura di Vinegia fanno in Triesti pure moggia 100.

con Frioli

Staia 1 di grano alla misura di Vinegia fae in Frioli staia ½.

Marco 1 d’ariento è tutto uno marco con quello di Vinegia.

con Mantova

Staia 12 di grano alla misura di Mantova fanno in Vinegia staia 5.

con Mudone e con Curone di Romania

Il migliaio grosso de’ detti luoghi si è tutt’uno col migliaio grosso di Vinegia.

E il migliaio sottile de’ detti luoghi fae in Vinegia 1 migliaio e uno quarto sottile.

Braccia 100 alla misura di Vinegia fanno in Mudone e Curone braccia 120.

Perpero 1 de’ detti luoghi si è 24 sterlini, di 12 viniziani grossi <il perpero>.

con Sallonicchi di Romania

Cubelli 100 di grano alla misura di Sallonicchi fanno a Vinegia staia 130.

con Cherso di Schiavonia

Staia 100 di grano alla misura di Cherso fanno in Vinegia staia 107.

con Napoli

Marchio 1 e ½ d’argento et d’oro al peso di Vinegia torna in Napoli once 13, denari 12.

Vinegia con più paesi e misure di sale

100 misure di sale da Ghelle di Schiavonia fanno a Vinegia moggia 9.

100 misure di sale da Navilio di Schiavonia fanno a Vinegia moggia 9.

100 misure di sale di Pugo di Schiavonia fanno a Vinegia moggia 9.


 [[ Print Edition Page No. 154 ]] 

100 misure di sale di Nova di Schiavonia fanno a Vinegia moggia 9.

100 misure di sale di Luchi di Schiavonia fanno a Vinegia moggia 9.

151 100 misure di sale di Sibinicco di Schiavonia fanno a Vinegia moggia 13.

100 misure di sale di Salpi di Puglia e d’Ircani e di Spanto1 di Puglia fanno a Vinegia moggia 26.

100 moggia di sale di Chiarenza fano a Vinegia moggia 4½.2

100 misure di sale di Durazzo fanno a Vinegia moggia <. . .>.

100 misure di sale d’Allessandria fanno a Vinegia moggia 16.

100 misure di sale di Sardigna fanno a Vinegia moggia 13.

100 misure di sale da Ieviza fanno a Vinegia moggia 54.

100 misure di sale di Sarabese di Barberia fanno in Vinegia moggia 26.

1000 moggia di sale di Cipri fanno a Vinegia moggia 27.

100 misure di sale di Chioggia fanno a Vinegia moggia 4.

100 misure di sale di Cervia fanno a Vinegia moggia 3.

100 misure di sale d’Ancona fanno a Vinegia moggia 37.

8 olle di sale da Iera di Provenza fanno in Pisa quarre 62, cioè 1 staio grosso di sale, e lo staio grosso si è in Pisa staia 15½ picciole, le quale fanno a Vinegia moggia . . .

13 staia di sale alla misura di Vinegia sono a grano in Vinegia staia 12.

XXXIIIFRIOLI

Grano si vende in Frioli a staia; sale si vende in Frioli a olla; panni lani e panni lini vi si vendono a passo che è braccia 2 di Vinegia.

Il peso di Frioli di mercatantia e d’oro e d’argento è tutt’uno peso col peso di Vinegia.

Ispendesi in Frioli moneta d’oro e moneta d’ariento e moneta picciola; e quella dell’ariento s’appella fregiacchesi e sono di lega i vecchi d’once 6 d’ariento di lega di viniziano per marchio, e i nuovi d’once 4 e denari 18 d’argento viniziano per marchio, ed entrane in uno marchio tanti dell’uno come dell’altro, cioè da soldi 17½ in soldi 18 e ½ a conto per marchio come sono, da forti a fieboli, sicchè comunalmente n’entrano in uno marchio soldi 18, 152 o nella libbra soldi 27 a * conto; e ragionasi che costi a fare fare la detta moneta come dirà qui appresso e inanzi:

Per argento, lire3 <. . .> di bagattini per marchio, o la metade più per libbra.


 [[ Print Edition Page No. 155 ]] 

Per rame, soldi 1 di bagattini per libbra.

Per ovraggio agli ovrieri, soldi 2 a bagattini per libbra.

Per munetaggio, denari 10 bagattini per libbra.

Per adirittura, denari 5 bagattini per libbra.

Per calo a fondere, 4 once per centinaio di marchi, e once 6 per centinaio di libbre.

Per1 carboni e coregiuoli, in somma da denari 6 di bagattini per libbra.

Per ferri da monetare, da denari 4 bagattini per libbra.

Per peggioramento di fregiacchesi e d’altra moneta, da soldi2 6 bagattini per libbra.

Per l’utole che ne vuole il signore, cioè lo patriarca, soldi 12 bagattini per libbra; e questo del signore s’intende quando esso la vendesse altrui, chè quando non la vendesse, se maggiore utole v’avesse, sarebbe suo, cioè del signore.

Somma che puote costare la libbra da lire . . . di bagattini, di denari 14 bagattini il fregiacchese; e ragionasi che comunalmente gli 60 fregiacchesi vaglino 1 fiorino d’oro.

Le mercatantie si vendono e comperano per tutto lo paese di Frioli a marchi, di soldi 13, denari 4 fregiacchesi d’argento a conto per 1 marco, e a minuto si mette il fregiacchese per denari 14 bagattini piccioli di Vinegia l’uno, di denari 32 piccioli bagattini 1 grosso d’ariento di Vinegia.

con Chioggia

Moggia 100 di sale alla misura di Chioggia fanno in Frioli olle 60; costano in Chioggia il centinaio delle moggia del sale lire 7 di bagattini di Vinegia.

E costa per uno dazio al comune di Chioggia il ¼ del primo costo, cioè il ¼ di lire 7 che è lire 1, soldi 15 bagattini.

E costa per uno altro dazio al detto comune lire 10 di bagattini.

E costa per nolo da Chioggia ad Aquilea o infino a Palazuolo in Frioli da lire . . . di bagattini il centinaio delle moggia.

Costa poi a conducerlo d’Aquilea o da Palazuolo a Udine da soldi 1 e ½ a soldi 2 e ½ l’olla.

E costa da trarlo d’Aquilea il carro, ch’è da olle . . . , fregiacchesi3 2, cioè soldi 2, denari 4 bagattini.

E costa pigione * di magazzini in somma da soldi . . . di bagattini il 153 centinaio dell’olle.


 [[ Print Edition Page No. 156 ]] 

A conducere biada da mare in Frioli infra terra

Se viene in navilio grande sì conviene che facci porto prima od a Grada od a Buti,1 che sono presso a 10 miglia, e se viene con picciolo navilio si puote andare con esso infino ad Aquilea o infino a Palazuolo; e puote avere di spesa a conducerlo d’Aquilea o da Palazuolo a Udine per terra da denari 16 in 22 bagattini lo staio di Frioli, che istaio 1½ di Frioli fae 1 staio in Vinegia.

Lo staio di Civita o di Colmonia da Frioli è maggiore che lo staio d’Udine di Frioli da 8 per centinaio.

XXXIVANCONA

In Ancona si à due pesi, e l’uno è maggiore che l’altro 3 per centinaio. Al peso grosso si vende ogni mercatantia salvo seta e zafferano e tutte spetierie sottile che si vendono a libbra del peso sottile.

Mele si vende a migliaio, di libbre 1560 grosse per 1 migliaio.

Olio si vende a migliaio, e misurasi a una misura che si chiama metro, e li 40 metri di misura sono 1 migliaio, il quale pesa libbre 1700 grosse d’Ancona.

Ancona si à due misure: l’una è braccia, e braccia 3 e 1/3 sono 1 canna; e panni lani si vendono a canna, e ’l panno lino si vende a braccia.

Diritti di mercantia che si paga ad Ancona

Primeramente, di tutte cose che l’uomo compera in Ancona paga 2 per centinaio, e poi la puoi vendere e trarre e farne che ti piace sanza altro diritto pagare. E qualunque mercatantia venisse in Ancona per terra e l’uomo la volesse trarre per terra, paga soldi 5 per soma; e se la volessi trarre per mare e portarla dentro dal golfo pagheresti denari 3 per libbra; e se la volessi trarre fuori del golfo pagheresti 2 per centinaio. E simigliantemente chi recasse dentro mercatantia per mare dentro dal golfo e volessela trarre per terra o per mare o per lo detto golfo paga denari 3 per libbra; 154 e se * la volessi mettere in Ancona e vendere in Ancona e portarla per mare fuori del golfo pagheresti 2 per centinaio. D’ogni mercatantia che venga in Ancona per terra e per mare dentro dal golfo, e tue la vendi dentro nella terra, sì puoi rivestire la moneta sanza altro diritto pagare, e se venisse di fuori del golfo, non ne puoi avere tratta.


 [[ Print Edition Page No. 157 ]] 

Come le mercatantie si contano a nolo in navili disarmati venendo di Romania e di Schiavonia in Ancona

Coiame non concio, libbre 1500 per 1 migliaio d’Ancona.

Coiame concio, libbre 1200 per 1 migliaio.

Valonea, 6 quarteruoli a misura, libbre . . . per 1 migliaio.

Uve di Coranto, libbre 1500 per 1 migliaio.

Cera, libbre 1500 per 1 migliaio.

Lana non lavata, libbre 1500 per 1 migliaio.

Lana lavata, libbre 1000 per 1 migliaio.

Ischiavine, libbre 1000 per 1 migliaio.1

Formaggio, libbre 1500 per 1 migliaio.

Carne insalata, libbre 1500 per 1 migliaio.

Doghe di botte di ½ migliaio, 66 libbre per 1 migliaio.

Doghe di botte grosse, 33 per 1 migliaio.

Doghe di botticelle, 400 per 1 migliaio.

Remi non conci, 20 per 1 migliaio.

Remi conci, 25 per 1 migliaio.

Guadaregli, 25 per 1 migliaio.

Tavole comunali, 20 per 1 migliaio.

Sale, 6 quarteruole per 1 migliaio.

Agnelline, 1000 per 1 migliaio.

Come le mercatantie si contano a nolo in navili disarmati da Agontani da Ancona in Cipri 2

Vino,3 botticelle di tenuta di 20 in 24 metri l’una per 1 migliaio.

Olio, 1 botte di 20 in 24 metri per 1 migliaio.

Stoppa, libbre 1000 per 1 migliaio.

Pelo di becco, libbre 1000 per 1 migliaio.

Cera, libbre 1500 per 1 migliaio.

Cuoia di bufole, libbre 1500 per 1 migliaio.

Grano, fave e orzo, quarteruole 6 per 1 migliaio.

Remi conci, 25 per 1 migliaio.

Remi non conci, 20 per 1 migliaio.

Fustani, pezze 40 per 1 migliaio o vero per 1 balla. 155

Santelarezine,4 pezze 16 per 1 balla.


 [[ Print Edition Page No. 158 ]] 

Panni fiorentini, pezze 7 per una balla.

Saie fiorentine, pezze 10 per una balla.

Panni franceschi, pezze 5 per 1 balla.

Panni bigielli, braccia 300 per 1 balla.

Canovacci, braccia 400 per 1 balla.

Sapone in casse, libbre 1200 per 1 migliaio. E puote pesare una cassa piena di sapone come va da Ancona in Cipri da libbre 400 d’Ancona, e lo fusto della cassa sanza lo sapone da libbre 55 in 60 d’Ancona.

Come le mercatantie si contano a nolo in navilio disarmato d’Ancontani a ritornare di Cipri in Ancona, e in Puglia similmente

Cotone mapputo, cantaro 1 per cantaro di Cipri.

Lino, cantaro 1½ per 1 cantaro di cotone.

Datteri, cantara 2 per 1 cantaro di cotone.

Pepe, incenso, e gengiovo, e polvere di zucchero in casse o in botte, cantara 2 per 1 cantaro di cotone, e in casse o in botte s’intende che fossero solamente la polvere o zucchero o incenso.

Zucchero in pani confetti sanza casse o sanza botti, cantara 1 per cantaro di cotone.

Cassia fistola, cantaro 1 per cantaro di cotone.

Cannella, cantaro 1 e ½ per cantaro di cotone.

Lana sucida, cantaro 2 per cantaro di cotone.

Lana lavata, cantaro 1 per cantaro di cotone.

Bottami e botti disfatte e legate in fascio con corda, una per 1 cantaro di cotone.

Bottame 15 disfatte e infasciate e non legate per 1 cantaro di cotone.

Cuoia non conce, cantara 2 per 1 cantaro di cotone.

Cuoia conce, cantara 1½ per 1 cantaro di cotone.

Pegola, cantara 3 per 1 cantaro di cotone.

Ladana, cantara 2 per 1 cantaro di cotone.

Allume in botti o in sacca, e cenere gravella in botte o ’n sacca o in che che fussoro, cantara 4 per 1 cantaro di cotone.

156 Ancona per la moneta che vi si spende

Ispendesi in Ancona monete d’ariento e monete picciole. La moneta dell’ariento si chiamano agontani grossi, che n’entrano soldi 12 a conto in 1 libbra peso d’Ancona, e sono di lega d’once 11 e denari 14 d’ariento fine per libbra. E ragionasi che costino a farli fare la detta moneta come dirà qui di sotto, i quali grossi d’ariento1 si spendono e si mettono in Ancona per soldi 2 d’agontani e ravignani piccioli:


 [[ Print Edition Page No. 159 ]] 

Primieramente, per ariento, lire . . . d’agontani piccioli per libbra.

Per rame, soldi . . . d’agontani piccioli per libbra.

Per calo a fondere dell’ariento, once 4 per centinaio di libbre.

Per ovraggio, soldi 1 per libbra.

Per bianchitura, once 1½ per centinaio di libbre di calo, toccane soldi . . . per libbra.

E per amendare, cioè per riconoscerli al peso a uno a uno, denari 3 per libbra.

E per carboni e olio et gromma e sale e candele di1 sevo e ferri e coreggiuoli e masseritie, in somma soldi 1 per libbra.

E per coniare la detta moneta, denari 6 per libbra.

E per salaro d’uno fonditore, da fiorini 50 d’oro l’anno, toccane da denari . . .

E per salaro d’uno saggiatore, da fiorini 60 d’oro l’anno, toccane da denari . . .

E la moneta picciola si chiamano agontani piccioli, ed entrane soldi 42, denari 6 per libbra a conto, e sono di lega d’once 2, denari 4 d’argento fine per libbra.

E anche si spende in Ancona ravignani piccioli che sono d’una medesima lega a peso che gli acontani piccioli.

Come il peso e la misura d’Ancona torna in diverse terre, e quelle con Ancona, e primamente con Chiarenza

Libbre 100 di mercantia al peso d’Ancona fa in Chiarenza libbre 100.

Moggia 4 1/32 di vallonia alla misura di Chiarenza fanno in Ancona 1 quartiere, e lo quartiere pesa in Ancona libbre 220.

Braccia 333 1/33 d’Ancona sono in Chiarenza canne 100.

Canne 102 di canovaccio d’Ancona fanno in Chiarenza canne 100.

Moggio 1 d’uve4 passe di Chiarenza fa in Ancona libbre 72 in 76. 157

Marco 1 d’argento al peso d’Ancona fa in Chiarenza marchi 1.

Moggia 900 di sale alla misura di Chiarenza fanno in Ancona some 101.

Moggia 4 1/4 di grano alla misura di Chiarenza fa in Ancona soma 1.

Moggia 5 1/3 d’orzo alla misura di Chiarenza fa in Ancona soma 1.


 [[ Print Edition Page No. 160 ]] 

E questo svario dal grano all’orzo si è però che in Ancona si misura l’orzo a misura colma e il grano a misura rasa.

con Vinegia

Libbre 100 d’Ancona fanno in Vinegia libbre 114 sottili.

Braccia 36 di Vinegia fanno in Ancona braccia 37½.

Soma 1 di formento d’Ancona fae in Vinegia staia 2.

Some 20 di vino d’Ancona fanno in Vinegia anfole 3.

Migliaio 1 d’olio d’Ancona fa in Vinegia migliaio 1 e metri 1½, di metri 40 per 1 migliaio d’olio di Vinegia.

Marco 1 d’argento al peso di Vinegia fa in Ancona1 once 7, denari 20, di denari 24 pesi per 1 oncia.

con Bologna

Libbre 100 d’Ancona fanno in Bologna libbre 92.

Braccia 100 di Bologna fanno in Ancona braccia 102.

Once 12 di Bologna fae in Ancona once 12, denari 9, di denari 24 per 1 oncia.

con Ascoli

Libbre 100 d’Ancona fanno in Ascoli libbre 102.

Canne 100 di canovaccio d’Ascoli fanno in Ancona canne 128 in 130.

La misura del panno lino d’Ascoli è tutt’una colla misura d’Ancona.

con Fermo

Migliaio 1 d’olio d’Ancona è minore che quello di Fermo metri 6, di metri 40 per 1 migliaio.

Canne 100 di canovaccio di Fermo fanno in Ancona canne 125 in 128.

158 Some 100 di formento d’Ancona fanno in Fermo some 106 1/4.2

con Cervia

Le 100 corbe di sale di Cervia fanno ad Ancona staia 13 di sale.

con Civitanuova e con Fano

Canne 100 di canovaccio di Civitanuova fanno in Ancona canne 110.

Some 100 di grano d’Ancona fanno in Civitanuova some 108 2/3.

Some 100 di grano d’Ancona fanno in Fano some 106 1/4.


 [[ Print Edition Page No. 161 ]] 

con Firenze

Libbre 100 d’Ancona fanno in Firenze libbre 102.

Canne 10 di Firenze fanno in Ancona braccia 37 1/2.

Marco 1 d’argento al peso d’Ancona fa in Firenze once 8 1/4.

Soma 1 di grano d’Ancona fa in Firenze staia 8 scarse.

con Sallonicchi

Migliaio 1 d’olio d’Ancona fa in Sallonicchi metri 21.1158-160

XXXVPUGLIA

161 E prima Barletta perchè è quella terra di Puglia ove più stanno i risedenti mercatanti a fare il traffico della mercatantia e cambio. In Barletta si vende avere di peso secondo ch’ello ene, cioè a migliaio, e a cantaro, e a centinaio, e a libbra.

XXXVIE lo migliaio si è 4 cantara.

E lo cantaro si è 100 ruotoli.

E lo ruotolo si è libbre 2 1/2 grosse, d’once 12 grosse per 1 libbra, e di tarì 33 1/3 per 1 oncia grossa.

E la libbra sottile si è once 12, di tarì 30 pesi per 1 oncia sottile.

E tutte mercatantie di peso che si vendono in Barletta a migliaia di peso, sì si intende 4 cantara per 1 migliaio sottile, e 6 cantara per 1 migliaio grosso, e così per tutta Puglia.

E lo peso del formaggio di Puglia si è ruotoli 20, di libbre 2 1/2 grosse per 1 ruotolo, sicchè lo peso viene a essere libbre 50 grosse, e 30 pesi fanno 1 migliaio di formaggio in Puglia.

E il carro del grano si è in Puglia salme 7 1/2 di Puglia.

Diritti di mercatantie che si pagano in Puglia

Se facessi mercato d’alcuna mercatantia in alcuna terra di Puglia e la detta mercatantia fusse in un’altra terra di Puglia che in quella ove si facesse il mercato, sì ti converrebbe pagare lo diritto là dove fai lo mercato se si sapesse, e similmente là dove tu assegnassi la mercatantia, e però si vuole fare il mercato segretamente. Ancora di qualunque mercatantia vendi in Puglia, se se’ forestiere paghi dogana grani 18 per oncia,
 [[ Print Edition Page No. 162 ]] 
e se quelli che compera è cittadino paga fondacaggio e doana in somma grani 33 per oncia, salvo se la mercatantia fosse fondacata pagherebbe pure dogana grani1 18 per oncia. E se avessi tratta puoi rivestire tanta moneta sanza pagare diritto quanto ai preso della tua mercatantia. Fondacato non si paga di nessuna mercantia più d’una volta, potendo tu mostrare come la mercantia sia stata fondacata un’altra volta.

E per tutto lo regno ovunque tu comperi olio, si è suo diritto tarì 20 per migliaio se non fai patto co’ doganieri, ma fassi patto a 7 o a 6 tarì lo meno per migliaio * come l’uomo puote meglio patteggiare. 162 E da che l’ai condotto a Brandizio o a Manfredonia, se lo vuoi trarre fuori del regno, se non fai patto pagheresti tarì 1 per botte, ma fassi patto insino in grani 10 per botte, di grani 10 per 1 gigliato.

Se fussi a Brandizio con panni franceschi e tu gli volessi trarre fuori del regno, pagheresti per balla tarì 3½ insino in 7½, e se fussono fondacati pagaresti pure tarì 1 per balla.

Qualunche mercatantia venisse per mare a Brandizio, se vuole iscaricare e non vendere paga tarì 2 per pondo se non fai patto; fassi patto a tarì 1 per pondo. E se lo vuoi vendere nella terra pagheresti grani 18 per oncia. E se avessi bucherami o bordi o ciambellotti in Brandizio che venissono d’oltramare, sì pagheresti 10 tarì per pondo, e fassi patto co’ doanieri il meglio che si puote.

Seta lavorata o non lavorata dounque giugne con essa in Puglia in terra di fondacato, sì la ti conviene infondacare, ed è suo diritto grani 10 per libbra. D’altra mercatantia non ti possono sforzare di pagare fondacato volendo tue sicurare che tue la porterai a vendere in terra del regno che aggia fondacato.

E di seta e di zendado e di tutta seta lavorata che venisse a Brandizio di fuori del regno paga 10 per centinaio,2 et se t’è trovato che venisse da Brandizio sanza pagare diritto, dovunque3 ti fosse trovata nel regno pagheresti 10 per centinaio.2

<Puglia per facitura d’olio mosto> 4

A volere fare olio mosto nel paese di Puglia in sulla ricolta dell’olio, sì sono le spese svariante5 da una terra a un’altra, qual più e qual meno
 [[ Print Edition Page No. 163 ]] 
secondo l’usanza e costume delle terre, ma direno di quello che si fanno nella contrada di Bari però ch’è quella terra ch’è più comune e dove si fa più quantitade d’olio:

Primieramente, a gente che vanno a’ trapetti, cioè a’ frantoi dove si macina, e che stanno alla porta della terra, però che così è l’usanza della terra di Bari—si è che quando truovi lo debitore tuo con iolio sì lo puote prendere sanza niuna corte, ed è assai fiate che uno debitore d’olio dovrà dare a più persone, e quando arreca l’olio, chi prima il prende il si tiene; sicchè per quella cagione si mettono 3 o 4 persone secondo la quantità dell’olio che fa fare, e dànno loro il mese da tarì 6 insino in tarì 8, che ne viene da grani 10 al migliaio dell’olio.

E per diritti all’entrare della terra, grani 4 per migliaio.

163 E costa per salaro di colui che sta a riceverlo alle botti a ragione di tarì <1>1 per 1002 di staio, di 40 staia per 1 migliaio, che monta da grani 8 per migliaio.

E costa per postura, cioè per loghiera di botti in che si tiene e che si guarda comunalmente, da terì 3 per migliaio. Ed è tenuto il signore delle botti, per la locchiera che ne prende, di renderlo a misura, e a suo rischio di quanto n’avenisse infino che ista nelle dette sue botti.

E costa per lo salaro del fattore che ’l fa, per fattura, tarì 2 per migliaio.

E costa per diritto al re, che si chiama piazza, non faccendo patto, grani 18 per oncia; fassi patto a grani . . . , monta da tarì <. . .> il migliaio.

E costa per datio della terra, a grani 4 per oncia, terì . . . e grani . . . per migliaio.

E costa che manca a rischiarare, il decimo, e questo decimo si è olio grosso che si ragiona a valuta la metà a3 valuta del chiaro, sicchè resta di rischiaratura da terì . . . per migliaio.

E se ’l vendi chiaro paghi la piazza della rivenditura, che costa sanza patteggiare grani 18 per oncia, ma chi fa olio e non à franchigia sì fa patto dinanzi, et tale fiata patteggian grani 12 per oncia, e quando terì 4 per migliaio,4 tanto vendendo quanto non vendendo e tanto cacciando quanto non cacciando.

E quando ai intenzione di cacciarlo, patteggia per fondaco e piazza, che è tenuta la mercatantia di fondacarsi, in somma da terì 8 in 9 il migliaio; e se è olio grosso, si paga pure la metade.


 [[ Print Edition Page No. 164 ]] 

E costa a quello che l’attigne e misura, grani 4 per migliaio.

Et costa se ’l vuolli cacciare per te e farlo portare a mare, grani 10 per migliaio.

Et vuolsi avere a mente che olio da Monopeli o da Bari in là in verso lo levante è piggiore che quello di Bari o da Bari in quae verso il ponente da terì 6 per migliaio, e perchè non è tanto destro a caricare alla marina come da Bari o da indi in qua.

E a dare l’olio chiaro della cannella insino spedicato e caricato e posto in nave, si v’à di spesa il migliaio come dirà qui appresso:

Per lo costo di due botte vote, in somma da tarì1 9 al migliaio.

E per barbaschi et ribattitura le botti, tarì2 2 al migliaio.

Et per misuratura e attignitura, grani 4 per migliaio.

E per portarlo a mare, grani 10 il migliaio.

E per uscitura a Bari o a Melfeta, terì 6 al migliaio, e a Giovanazo terì 5 al migliaio.

E per senseraggio, tarì 2 al migliaio.

Somma la detta spesa da tarì 19 e3 grani 14, di grani 10 uno gigliato d’argento.

164 Puglia per facitura di formaggio

Primieramente, per facitura, tarì 2 per migliaio.

E per levarlo dell’aia4 e metterlo in magazzino, terì . . . e grano 1 per migliaio.

E per sale, 3 tomboli il migliaio, terì 2 e grani 5 per migliaio.

E per fare pestare il detto sale, grani 1 per migliaio.

E per acqua e terra e garzoni ch’aiutano insalare, grani 1 per migliaio.

E per magazzino e guardatura, secondo ch’è grande, grani 15 per migliaio.

E per lo maestro che lo ’nsala, grani 9 per migliaio.

E per mancamento, da 11 per 100,5 viene da terì . . . per migliaio.

E per datio della terra, grani 4 per oncia, che viene da terì . . . per migliaio.

E per piazza sanza fare patto, grani6 18 per oncia, che viene da terì . . . per migliaio.

E se vendi alla stadera, paghi la piazza della rivenditura, salvo s’avessi fatto patto dinanzi pagheresti secondo che patteggiassi; quando si fa patto
 [[ Print Edition Page No. 165 ]] 
tarì 1 per migliaio,1 tanto comperando e rivendendo quanto comperando e non rivendendo; e quando si patteggia terì 4 in 4 e ½ per migliaio cacciando fuori del regno, e simile non cacciandolo. E questi patti si fanno però che quando si vende si caccia in nome del venditore e non del comperatore, sicchè non ci2 à più niuna avaria3 salvo in Bari, che v’à un’altra avaria,3 che quello che vende paga una dogana che si chiama mezza pesatura, ch’è grani 15 per migliaio; e se lo vendi in fiera franca4 e cacciasi, non à niuna avaria3 salvo5 la detta mezza pesatura che mai non è franca.

Quello che si paga senseraggio di mercatantia e di cambiora in Puglia 6

Per 100 salme di grano, tarì 2.

E per 100 salme d’orzo, tarì 1.

E per altre mercantie, grani 12 per oncia.

E per cambio, per ogni once 100, grani 15.

165 Come le fiere di Puglia cominciano ordinatamente

XXXVIILa fiera d’Ascoli della mattina7 di Puglia comincia franca dì 5 di gennaio, e dura 8 dì, ed è buona.

La fiera di Bitonto va secondo la Pasqua di Ressurresso, che se la detta Pasqua è avanti che dì 11 d’aprile sì comincia la detta fiera franca8 dì 11 d’aprile, e se la detta Pasqua fusse dopo dì 11 d’aprile sì comincia la detta fiera franca il secondo dì della detta Pasqua, e dura 8 dì.

E la fiera di Manfredonia comincia a dì 18 o a dì 20 d’aprile franca e dura 8 dì, ed è cattiva.

E la fiera di Brandizio comincia franca a dì 24 d’aprile, e dura 8 dìe; è convonevole fiera.

E la fiera di Taranto comincia franca a dì 26 d’aprile, e dura 8 dì, ed è buona fiera.

E la fiera di Corneto di Puglia si è 2 volte l’anno; la prima comincia franca a dì 29 di maggio, e l’altra a dì 26 di settembre, e durano ciascuna 8 dì, e poco vagliono.

E la fiera di Bari si è 3 volte l’anno, e le due si chiamano sanbre, e
 [[ Print Edition Page No. 166 ]] 
l’altra si è la fiera principale. E la prima sanbra comincia franca a dì 6 di maggio, e dura 8 dì; e la seconda sagra1 comincia franca a dì 28 di settembre, e dura 8 dì; e la fiera principale comincia franca a dì 1 di dicembre, e dura 8 dì, ed è buona fiera.

E la fiera di Trani comincia franca dì 26 di maggio, e dura 8 dì, ed è buona fiera.

E la fiera di San Giovanni Ritondo comincia franca a dì 10 di giugno, e dura 8 dì, e poco vale.

E la fiera di Barletta si è 2 volte l’anno, e comincia la prima franca a dì 8 d’agosto, e dura 8 dì; e la seconda fiera si chiama la fiera2 di San Martino, e comincia franca a dì 12 di novembre, e dura 8 dì, ed amendue sono buone fiere.

E la fiera di Foggia comincia franca dì 8 avanti la festa di San Bartolommeo del mese d’agosto, e dura 8 dì, ed è cattiva fiera.

E la fiera di Salerno comincia franca a dì 14 di settembre, e dura 10 dì, ed è la migliore fiera del regno.

La fiera di Giovanazo comincia franca dì 8 avanti la festa di San Matteo del mese di settembre,3 e dura 8 dì, ed è cattiva fiera.

E la fiera di Noccia di Saraccino4 comincia franca a dì 26 d’ottobre, e dura 8 dì, ed è buona fiera.

E la fiera di Potenza comincia franca dì 24 di novembre, e dura 8 dì, ed è convenevole fiera.

165 XXXVIIICome la misura del grano di Puglia torna in diverse parte del mondo

Cioè la misura di Manfredonia di Puglia, chè quella di Barletta si è maggiore che quella di Manfredonia 2½ per 100,5 ma perchè si carica più in Manfredonia che a Barletta, sì diremo pure della misura di Manfredonia, e prima come le 100 salme di grano di Manfredonia fanno ad Acri:

Acri, moggia 145
Allessandria di terra d’Egitto, ribebe 145
A Laiazzo in Erminia, moggia 180
A Famagosta in Cipri, moggia 760
A Rodi, moggia 775
 [[ Print Edition Page No. 167 ]] 
A Gostantinopoli in Romania, moggia 76
A Chiarenza, moggia 600
A Negroponte, moggia 660
A Stiva, moggia 800
Ad Ancona, some 150
A Vinegia, staia 292
A Bologna, corbe 400
A Firenze, staia rase 1200, e colme 1050
A Pisa, staia leggieri 414 1/2, e picchiate 390
A Genova, mine 228
A Marsilia,1 sestieri 620
A Nimissi, sestieri 770
Ad Arli, sestieri 420
A Nerbona, sestieri 394
Ad Aguamorta, sestieri 520
A Colliveri, mine 136
A Barzalona, quartiere 364
A Maiolica, quartiere 364
A Tunizi in Barberia, cafissi 100
A Monpolieri, sestieri 533 1/3
A Roma,2 rugghi 193 167
A Corneto, moggia 53 1/2
Alle piaggie di Cicilia, salme 91
A Sallonicchi di Romania, cubeli 2253
A Ortona in Abruzzi, tomboli 350
A Buggiea in Barberia, falacche 228
A Bruggia in Fiandra, utti 153
A Londra in Inghilterra, quartiere 102
A Tripoli di Barberia, cafissi 70
A Rimine di Romagna, staia 190
A Brandizio di Puglia, salme 91
A Napoli di Principato, salme 91
All’Aquila in Abruzi, coppe 1400
A Sobilia in Ispagna, cafissi 48
A Triesti in Istria, staia 278
A Candia di Creti, misure 1425
A Colle di Barberia, comine4
 [[ Print Edition Page No. 168 ]] 
A Buona di Barberia, comine1 700
A Raugia di Schiavonia, staia 265
A Garda2 di Schiavonia, moggia 230
A Catera di Schiavonia, misure 1200

Come i pesi minuti di Puglia e di Napoli e di tutto lo regno di Puglia rispondono in diverse terre del mondo

Li 20 grani sono nel regno di Puglia tarì 1, e li 30 tarì sono 1 oncia a peso d’oro, e 33 1/3 tarì a peso di mercatantia.

Terì 33 <fa> once 1 in Barletta a peso d’ariento.

Terì 30 fa once 1 in Napoli a peso d’oro e d’ariento.

Terì 33 fa once 1 in Messina a peso d’ariento.

Terì 30 fa once 1 a Messina a peso d’oro.

Terì 33 fa once 1 in Cologna.

Terì 33 e grani 12 1/2 fa in Acri once 1.

Terì 33 fa once 1 in Chiarenza a peso d’argento.

Terì 33 fa once 1 in Ancona a peso d’argento.

Terì 33 e grani 13 1/3 fa 1 oncia in Vinegia a peso d’oro e d’argento.

Terì 30 e grani 16 fa in Vinegia once 1 a peso d’oro filato.

Terì 34 fa once 1 in Bologna.

Terì 32 fae once 1 in Firenze.

Terì 31 e grani 13 1/3 fae in Siena 1 oncia.

168 Terì 31 e grani 15, once 1 in Lucca.

Terì 31 e grani 3, once 1 in Pisa.

E terì 29 e grani 10, once 1 in Genova.

Terì 33 e grani 6 e 2/3, once 1 in Nimissi e in Monpolieri e a Maiolica.

Terì 34 e grani 10, once 1 in fiera di Campagna di Francia.

Terì 34 e grani 13, once 1 in Parigi a peso d’argento.

Terì 34 e grani 10, once 1 in Bruggia a peso d’oro, e a peso d’argento terì 35.

Terì 33, once 1 a Londra d’Inghilterra.

Terì 31 e grani 7, once 1 a Roma.

E terì 29 e grani 10, once 1 in Pera.

Terì 32 e grani 6, once 1 in Perugia.

Terì 29 e grani 18 1/2, once 1 in Gostantinopoli.

Terì 31 e grani 13 e 2/3, once 1 al peso della Corte di Papa.

Terì 31 e grani 12, once 1 in Famagosta di Cipri.

Terì 32 e grani 6 2/3, once 1 in Sibilia di Spagna.


 [[ Print Edition Page No. 169 ]] 

Terì 33 e grani 6 2/3, once 1 in Napoli e Puglia e per tutto lo regno a peso di mercatantia.1

Come il peso e la misura di Puglia torna con diverse terre del mondo, e diremo con Barletta però ch’ell’è quella terra ove più stanno i risedenti mercanti a fare la mercantia e cambio, e primieramente diremo con Napoli di Principato

Lo peso e la misura di Napoli è tutt’uno col peso e colla misura di Barletta, salvo di biado però che

Salme 100 di Puglia sono in Napoli pure salme 91.

E lo staio dell’olio di Barletta fa in Napoli staia 2 d’olio.

con Palermo di Cicilia

Migliaio 1 d’olio di Puglia fae in Palermo cantari 8 d’olio.

Cantaro 1 di Barletta fa in Palermo cantaro 12 e ruotoli 10.

Salme 100 di grano di Palermo fa in Barletta salme 110.

con Tunizi di Barberia

Migliaio 1 d’olio di Puglia fa in Tunizi mattare3 37 e ½.

Salme 100 di formento di Puglia fanno a Tunizi cafissi 100.

169 con Buggiea di Barberia

Migliaio 1 d’olio di Puglia fae in Buggea kantar 4 d’olio.

Salme 100 di formento di Puglia fanno in Buggea falacche 228.

con Tripoli di Barberia

Cantaro 1 di Tripoli fa in Barletta ruotoli 57 meno ¼, di libbre 2 e ½ grosse per 1 ruotolo.

Salme 100 di formento di Puglia fanno a Tripoli cafissi 69 in 70, e lo cafisso si è 20 barcelle in Tripoli. E paga di diritto il formento a Tripoli a re di Tunizi bisanti 38¼ per centinaio di cafissi, di bisanti 6½ per 1 dobra d’oro.


 [[ Print Edition Page No. 170 ]] 

con Ancona

Cantaro 1 di Barletta fa in Ancona libbre 250.

E la canna di Barletta è tutt’una colla canna d’Ancona.

Salme 1 di formento di Puglia fa in Ancona some 1½.

Migliaio 1 d’olio di Puglia fa in Ancona metri 42, e li 40 metri sono 1 migliaio d’olio in Ancona.

con Istiva

Salme 1 di formento di Barletta fa in Istiva moggia 8.

con Raugia di Schiavonia

Salme 100 di formento di Puglia fanno a Raugia staia 260 in 265, e ragionasi che costi di nolo di Puglia a Raugia da once 2, di gigliati d’argento 60 per oncia, il centinaio delle salme.

Libbre 1 d’ariento di Raugia fa in Barletta once 12 e terì 5.

Libbre 100 di cera di Raugia fa in Barletta libbre 101 1/2.

Migliaio 1 d’olio di Puglia fa in Raugia migliaio1 1 meno 1/20.

con Catera di Schiavonia

Salme 100 di formento di Puglia fanno in Catera moggia 174, e ogni moggio si è 8 staia in Catera.

Libbre 1 d’argento di Catera fa in Barletta once 12 e terì 7.

Libbre 100 di cera di Catera fa in Barletta libbre 102.

Migliaio 1 d’olio di Puglia fae in Catera migliaio1 1 meno 1/20.

170 con Zara di Schiavonia

Salme 100 di formento di Puglia fa in Zara moggia 220 in 224.

E ragionasi che costi di nolo di Puglia a Zara da once 2, di gigliati d’argento 60 per once, il centinaio delle salme.

con Chiarenza

Cantar 1 di Barletta fa in Chiarenza libbre 250 di spezierie.

Salme 1 di grano di Puglia fa in Chiarenza moggia 6.

La canna di Chiarenza e la canna di Barletta è tutt’una misura.

Metri 40 di Chiarenza fanno in Barletta 1 botte di 1/2 migliaio.

Libbre 1 d’argento di Puglia fae in Chiarenza libbre 1 meno denari 3, di denari 24 pesi per 1 oncia.


 [[ Print Edition Page No. 171 ]] 

con Negroponte

Saggi 6 meno 1/2 carato, di carati 24 per 1 saggio, di Negroponte fanno in Barletta once 1 a peso d’oro.

Salma 1 di formento di Barletta fa in Negroponte moggia 6 e 2/3.

con Vinegia

Migliaio 1 di cotone di Barletta fanno in Vinegia libbre 1180 sottili.

Migliaio 1 d’olio di Puglia fa in Vinegia metri 42, e li 40 metri sono in Vinegia 1 migliaio.

E migliaio 1 di formaggio di Puglia, ch’è cantara 6 di Puglia, torna in Vinegia libbre 1070 a peso grosso.

Braccia 4 di Vinegia fa in Barletta canne 1 1/4.

Salme 1 di grano di Puglia fa in Vinegia staia 3 meno 2/25 di staio.

Marco 1 d’argento al peso di Vinegia fa in Barletta once 8 e sterlini 3 1/2.

Libbre 100 sottile di Vinegia <fanno> libbre 83 di spezieria in Barletta.

E vagliendo in Vinegia il fiorino d’oro soldi 2 di grossi di Vinegia come si conta a pagamento di mercantia in Vinegia, e vaglendo in Barletta o vero in Napoli li 5 fiorini d’oro tanti gigliati d’argento come diremo qui appiè e inanzi, sì verebbe a valere l’oncia di 60 gigliati per Vinegia a denaro * per denaro tanti1 soldi di grossi d’argento di Vinegia quanto 171 sarà posto appetto di ciascuno numero di gigliati scritti qui appiè e inanzi ordinatamente:2

A 50 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia soldi 12 di grossi
A 50 1/4 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 11, den. 11 e 19/673 di gr.
A 50 1/3 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 11, den. 11 e 7/151 di gr.
A 50 1/2 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 11, den. 10 e 58/101
A 50 2/3 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 11, den. 10 e 2/19
A 50 3/4 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 11, den. 9 e 177/203
A 51 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 11, den. 9 e 3/17
A 51 1/4 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 11, den. 8 e 20/41
A 51 1/3 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 11, den. 8 e 20/77
A 51 1/2 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 11, den. 7 e 83/103
A 51 2/3 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 11, den. 7 e 11/31
A 51 3/4 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 11, den. 7 e 27/207
A 52 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 11, den. 6 e 6/13
A 52 1/4 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 11, den. 5 e 107/209 [167/209]
A 52 1/3 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 11, den. 5 e 91/157
A 52 1/2 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 11, den. 5 e 1/7
A 52 2/3 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 11, den. 4 e 56/69 [56/79]
A 52 3/4 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 11, den. 4 e 104/201 [104/211]
A 53 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 11, den. 3 e 45/53
 [[ Print Edition Page No. 172 ]] 
1 <A 53 1/4 gigliati> per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol 11, 3 e 45/213
A 53 1/3 gigliati <per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol.11, den. 3>
A 53 1/2 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 11, den. 2 e 62/107
172 A 53 2/3 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 11, den. 2 e 26/161 di gr.
A 53 3/4 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 11, den. 1 e 41/43
A 54 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 11, den. 1 e 1/3
A 54 1/4 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 11, den. 0 e 166/217 [156/217]
A 54 1/3 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 11, den. 0 e 24/163 [84/163]
A 54 1/2 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 11, den. 0 e 12/109
A 54 2/3 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 11 e 29/41
A 54 3/4 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 11 e 110/219 [111/219]
A 55 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 10 e 10/11
A 55 1/4 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 10 e 70/221
A 55 1/3 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 10 e 10/83
A 55 1/2 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 9 e 27/37
A 55 2/3 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 9 e 57/167
A 55 3/4 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 9 e 33/223
A 56 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 8 e 4/7
A 56 1/4 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 8
A 56 1/3 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 7 e 137/169
A 56 1/2 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 7 e 49/113
A 56 2/3 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 7 e 1/17
A 56 3/4 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 7 e 198/227 [6/227]
A 57 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 6 e 6/19
A 57 1/4 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 5 e 175/229
173 A 57 1/3 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 5 e 25/43
A 57 1/2 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 5 e 5/23
A 57 2/3 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 4 e 148/173
A 57 3/4 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 4 e 156/231
A 58 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 4 e 4/29
A 58 1/4 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 3 e 141/233
A 58 1/3 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 3 e 3/5 [3/7]
A 58 1/2 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 3 e 1/13
A 58 2/3 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 2 e 8/11
A 58 3/4 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 2 e 26/47
A 59 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 2 e 2/39 [2/59]
A 59 1/4 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 1 e 123/237
A 59 1/3 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 1 e 31/89
A 59 1/2 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 10, den. 1 e 1/119
A 59 2/3 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 10, den. — 120/239 [120/179]
A 59 3/4 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 10, den. — 120/239
A 60 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 10, den. —
A 60 1/4 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 9, den. 11 121/241
A 60 1/3 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 9, den. 11 61/181
A 60 1/2 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 9, den. 11 1/121
A 60 2/3 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 9, den. 10 124/171 [124/182]
A 60 3/4 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 9, den. 10 126/243
174 A 61 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 9, den. 10 <2/161>
A 61 1/4 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 9, den. 9 27/49
A 61 1/3 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 9, den. 9 9/123 [9/23]
A 61 1/2 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 9, den. 9 <9/123>
A 61 2/3 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 9, den. 8 28/37
 [[ Print Edition Page No. 173 ]] 
A 61 3/4 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 9, den. 8 148/237 [148/247]
A 62 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 9, den. 8 4/31
A 62 1/4 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 9, den. 7 165/241 [165/249]
A 62 1/3 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 9, den. 7 95/187
A 62 1/2 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 9, den. 7 1/5
A 62 2/3 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 9, den. 6 42/47
A 62 3/4 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 9, den. 6 186/251
A 63 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 9, den. 6 2/7
A 63 1/4 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 9, den. 5 211/233 [211/253]
A 63 1/3 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 9, den. 5 13/19
A 63 1/2 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 9, den. 5 49/1271
A 63 3/4 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 9, den. 4 16/17
A 64 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 9, den. 4 1/2
A 64 1/4 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 9, den. 4 16/257
A 65 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia sol. 9, den. 2 10/13

Puglia con Firenze

Cantaro 1 di Barletta fa in Firenze libbre 258 in 260.

Libbre 100 di Barletta di spezierie, che sono ruotoli 40 di Puglia, fa in Firenze libbre 104.

Terì 32 a peso d’oro e d’argento fanno in Firenze once 1.

Salma 1 di grano di Puglia fa in Firenze staia 10 colme. 175

E vagliendo i gigliati d’argento in Puglia et in Napoli per Firenze tanti a numero et a conto per 5 fiorini d’oro come diviserà quie appresso e inanzi, e vagliendo il fiorino d’oro a Firenze soldi 29 a fiorino come si mette e conta a pagamento di mercatantia, verrebbe a valere l’oncia di2 60 gigliati d’argento a denaro per denaro per3 Firenze tante lire a fiorino quante sarà poste appetto di ciascuno numero di gigliati scritti qui appiè e inanzi:4

A 50 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia lire 8, sol. 14, den. — a fior.
A 50 1/4 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia lire 8, sol. 13, den. 1 e 41/108 [41/67]
A 50 1/3 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia lire 8, sol. 12, den. 10 26/151
A 50 1/2 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia lire 8, sol. 12, den. 3 37/101 [33/101]
A 50 2/3 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia lire 8, sol. 11, den. 8 10/19
A 50 3/4 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia lire 8, sol. 11, den. 5 1/7
A 51 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia lire 8, sol. 10, den. 7 1/17
A 51 1/4 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia lire 8, sol. 9, den. 9 3/41
A 51 1/3 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia lire 8, sol. 9, den. 5 59/77
A 51 1/2 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia lire 8, sol. 8, den. 11 19/103
A 51 2/3 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia lire 8, sol. 8, den. 4 20/31
A 51 3/4 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia lire 8, sol. 8, den. 1 9/23
A 52 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia lire 8, sol. 7, den. 3 9/13
 [[ Print Edition Page No. 174 ]] 
A 52 1/4 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia lire 8, sol. 6, den. 6 18/209
A 52 1/3 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia lire 8, sol. 6, den. 2 142/157
A 52 1/2 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia lire 8, sol. 5, den. 8 4/7
A 52 2/3 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia lire 8, sol. 5, den. 2 22/29 [22/79]
A 52 3/4 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia lire 8, sol. 4, den. 11 31/201 [31/211]
A 53 gigliati per 5 fiorini d’oro viene l’oncia lire 8, sol. 4, den. 1 43/53

176 Puglia con Gaeta

Cafissi 250 d’olio alla misura di Gaeta fa in Puglia 1 migliaio.

con Salerno

Sestieri 10 d’olio alla misura di Salerno fa in Puglia migliaia 1 d’olio.

con Monopoli di Puglia

Salme 100 di biado alla misura di Monopoli fanno in Barletta salme 116.

con Brandizio

Salme 100 di biado alla misura di Brandizio fanno in Barletta salme 125.

con Genova

Migliaio 1 d’olio o di formaggio di Barletta, che è cantara 6 di Puglia, fae in Genova cantara 10½.

Salme 100 di grano di Puglia fanno in Genova mine 228.

Migliaio 1 d’olio di Puglia fa in Genova barili 8 d’olio, e ogni barile d’olio si è in Genova cantaro 1 d’olio a peso.

Cantaro 1 di Barletta fa in Genova libbre 280.

E vagliendo i gigliati d’ariento in Puglia o in Napoli per Genova tanti a numero e a conto per 5 fiorini d’oro come dirà qui appresso e inanzi, e vagliendo in Genova il fiorino d’oro soldi 25 di genovini piccioli come si mette a pagamento di mercatantia e di cambio, verrebbe a valere l’oncia di 60 gigliati d’argento in Genova tante lire di genovini piccioli quanto sarà posto appetto di ciascuno numero di gigliati d’ariento, cioè:1

A 50 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 7, sol. 10, den. — di genovini
A 50 1/4 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 7, sol. 9, den. 3 1/61 [3/67]
A 50 1/3 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 7, sol. 9, den. — 12/131 [12/151]
A 50 1/2 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 7, sol. 8, den. 6 18/101
A 50 2/3 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 7, sol. 8, den. 0 6/19
A 50 3/4 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 7, sol. 7, den. 9 81/203
177 A 51 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 7, sol. 7, den. 0 12/17
 [[ Print Edition Page No. 175 ]] 
A 51 1/4 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 7, sol. 6, den. 4 4/41
A 51 1/3 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 7, sol. 6, den. 1 19/76 [19/77]
A 51 1/2 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 7, sol. 5, den. 7 59/103
A 51 2/3 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 7, sol. 5, den. 1 29/31
A 51 3/4 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 7, sol. 4, den. 11 2/231 [3/23]
A 52 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 7, sol. 4, den. 2 10/13
A 52 1/4 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 7, sol. 3, den. 6 102/209
A 52 1/3 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 7, sol. 3, den. 3 105/137 [117/157]
A 52 1/2 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 7, sol. 2, den. 10 2/7
A 52 2/3 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 7, sol. 2, den. 4 68/79
A 52 3/4 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 7, sol. 2, den. 2 34/201 [34/211]
A 53 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 7, sol. 1, den. 6 e 6/53
A 54 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 6, sol. 18, den. 10 e 2/3
A 55 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 6, sol. 16, den. 4 4/11
A 56 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 6, sol. 13, den. 11 1/7
A 57 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 6, sol. 11, den. 6 6/19 [18/19]
A 58 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 6, sol. 9, den. 3 21/29
A 59 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 6, sol. 7, den. 1 25/29 [25/59]
A 60 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 6, sol. 5
A 61 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 6, sol. 2, den. 11 25/61
A 62 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 6, sol. -, den. 11 19/31 178
A 63 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 5, sol. 19, den. — 4/7
A 64 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 5, sol. 17, den. 2 1/4
A 65 gigliati per fiorini 5 d’oro viene l’oncia lire 5, sol. 15, den. 4 8/13

con Sibilia di Spagna

Rove2 62½ d’olio alla misura di Sobilia fanno in Puglia migliaio 1 d’olio.

con Cadisi di Spagna

Salme 100 di grano di Puglia fanno a Cadisi cafissi 48.

con Cosenzia di Calavria

Salme 4 di vino di Cosenzia fanno 1 botte di mezzo migliaio in Puglia.

E lo migliaio del cotone di Cosenzia è minore che quello di Barletta l’ottavo.

con Perugia

Migliaio 1 di cotone di Barletta fa in Perugia libbre 1062.

Il centinaio della spezieria al peso di Barletta fa in Perugia libbre 108 e ½.

E ragionasi di spesa alla soma del cotone, ch’è di peso di libbre 500 di Puglia, a conducerlo da Barletta a Perugia da fiorini 3¼ d’oro, e altrettanto della soma della spezieria, così l’una come l’altra.


 [[ Print Edition Page No. 176 ]] 

con Castello di Castro di Sardigna

Migliaio 1 d’olio di Puglia fa in Castello di Castro quartiere 200.

con Salonacchi

Saggi 6 e karati 4 di perpero a peso di Salonacchi fa in Barletta once 1 d’oro.

coll’Aquila di terra di Bruzzi

Salme 100 di grano alla misura di Manfredonia di Puglia1 fanno all’Aquila coppe 1400.

E ragionasi che costi di spesa a conducerlo di Puglia1 alla marina di Pescara in Abruzi, però che quivi si fa porto, da once 4 in 5 il centinaio delle salme, e dalla marina di Pescara insino alla Aquila per terra, che v’à da due giornate di bestie, da once 11 e terì 20 di gigliati d’argento il centinaio delle salme, 179 * sicchè per tutto si ragiona che costerebbe tra nolo e vettura di Puglia all’Aquila in somma da once 16½ il centinaio delle salme.

La misura del biado di Barletta e quella di Bari è tutta una misura.

Vino si vende in Bestia di Puglia a centinaio, ed è lo centinaio 20 salme di misura, e la salma si è 20 annate; e lo centinaio si è botte 5½ di mezzo migliaio di Puglia.

CUTRONE DI CALAVRIA

SALERNO

per se medesimo

Il peso e la misura di Salerno si è tutto uno peso e una misura con quello di Napoli e di tutto lo regno salvo che di quelle cose che diremo qui appresso:

Frutta, cioè nocelle, si vendono in Salerno a centinaio, ed è il centinaio tomboli 640, o vuoi cubelli <. . .>.2


 [[ Print Edition Page No. 177 ]] 

Olio si vende in Salerno a sestaro che li 10 sestari d’olio di Salerno fanno 1 migliaio in Puglia d’olio.

La fiera di Salerno comincia a essere franca a dì 14 settembre, e dura franca dieci giorni, ed è la migliore fiera del regno.

Salerno con più terre, e quelle con Salerno, e prima con Napoli

Il tombolo delle nocelle di Salerno1 e quello di Napoli è tutt’uno tombolo e una misura.

Cubelli 250 di nocelle di Salerno fanno 1 centinaio di nocelle in Napoli, ch’è tomboli 606.

con Castello a Mare

Il tombolo delle nocelle di Salerno e quello di Castello a Mare è tutto uno tombolo e una misura.

con Gaeta

Sestari 1 d’olio di Salerno fa in Gaeta-cafissi 25 d’olio.

NAPOLI DI PRINCIPATO

per se medesimo

In Napoli si vende avere di2 peso secondo che è, cioè a migliaio e a cantare e a centi e a libbra e oncie.

E lo migliaio si è 4 cantara.

E lo cantaro si è 100 ruotoli.

E lo ruotolo si è libbre 2 1/2 grosse, d’once 12 grosse per 1 libbra, e di terì 33 1/3 per 1 oncia grossa.

E la libbra sottile si è once 12, di terì 30 pesi per 1 oncia sottile.

E tutte mercatantie che si vendono in Napoli a migliaio di peso s’intende e si dà 4 cantara per 1 migliaio. E tutte mercatantie che si vendono a cantara di peso sì si intende ruotoli 100 per 1 cantaro, e di libbre 2 1/2 grosse per 1 ruotolo, e di tarì 33 1/3 per 1 oncia di libbra.

180 E * di tutte mercatantie che si vendono in Napoli a centinaio di peso sì
 [[ Print Edition Page No. 178 ]] 
s’intende lo centinaio ruotoli 40 per 1 centinaio, e di libbre 2 1/2 grosse per 1 ruotolo, e di tarì 33 1/3 per oncia di quella libbra.

E tutte mercatantie che si vendono in Napoli a libbre sì s’intende a libbra sottile, d’once 12 per 1 libbra, e di tarì 30 pesi per 1 oncia.

A migliaio vi si vende

Cotone mapputo d’ogni ragione, e fassi tara del sacco e della corda s’è legato, e il sacco1 e la corda rimane al comperatore per niente poi ch’è fatta la tara.

A cantara vi si vende

Pepe tondo a pregio di tante once, di gigliati d’argento 60 per oncia; e il cantare si garbella, e la gherbellatura rimane al comperatore poi che n’è fatta tara; e così è di tutte mercatantie che si gherbellano. E dà il venditore con esso al comperatore uno sacco per pondo e non più, e se il pondo avesse più d’uno sacco, non ne dee avere il comperatore se none uno, quale più gli piace; e se il pondo2 avesse corde, sì rimangono le corde al venditore e non al comperatore, e similmente ene di tutte spetierie che ànno corda e sacca.

A cantar vi si vendono allume d’ogni ragione, galla, e datteri, e fassi tara della sporta; mandorle stiacciate, e fassi tara del sacco in che sono; orpimento, e fassi tara del sacco e corda; cassia fistola, e fassi tara della sporta; stagno, e piombo, e ghetta, e fassi tara della sporta; e mele d’ape, e fassi tara del vasello in ch’egli è.

E carne insalata di porco, e fassi tara per lo sale ruotoli 3 per cantare; o vuolli tu scuotere ciascheduna mezina3 di carne tre volte sopra due travi in terra per mano di due bastagi, perchè il sale se ne caggia, e se le fai scuotere non ai poi tara nulla delli 3 ruotoli per cantaro. E per simile modo si fa di tutta grascia salvo di carne affummata, e formaggio di Puglia e di Cicilia e di Sardigna.

Ferro, e acciaio, e pece, e i detti ferri e acciaio e pece non li osa comperare altro che i gambellotti della corte, e chi gli comperasse altro che i detti gambellotti perderebbe lo terzo, e nondimeno pagherebbe lo diritto alla doana.

Canape crudo e non lavorato, e canape filato, e sartia di canape comessa, tutte si vendono a cantara di Napoli.

Lana di Cicilia vi si vende a cantara di Napoli, e non si fa nulla tara di legami con ch’ella è legata. E lana barberesca vi si vende in Napoli a
 [[ Print Edition Page No. 179 ]] 
cantara barberesco, e fassi tara del sacco in ch’ella è, e lo cantare barberesco si è in Napoli * ruotoli 56. 181 E lana sardesca si vende in Napoli a cantara di Sardigna, e delle legature con ch’ene legata si fa tara ruotoli 1 per cantare, e le legature si sono poi del comperatore per niente.

A centinaio si vende in Napoli 1

Giengovo, e cannella, e lacca, e zettoaro, e incenso, e galinga, e pepe lungo, e tutte le dette spezierie si garbella.

Zucchero in pani d’ogni ragione, e la botte o vero cassa in che viene rimane al comperatore per niente poi che n’è fatta tara.

Polvere di zucchero d’ogni ragione, e fassi tara della cassa in ch’ell’è, e poi la cassa rimane al comperatore per niente.

Aloe2 d’ogni ragione; cera e fassi tara del sacco e della corda, e poi il sacco e la corda rimane al comperatore per niente.

Argento vivo, e fassi tara del bugliolo con che si pesa, e poi il bugliuolo con tutte le corde rimane al comperatore per niente.

Vermiglione, cioè cinabro, e pesasi colla cassa e corda, e poi della cassa e corda si fa tara, e fattone tara rimangono al comperatore per niente; e corallo non pulito.

A libbra sottile si vendono in Napoli

Cotone filato, e fassi tara del sacco, e il sacco rimane al venditore; seta d’ogni ragione, oro filato, argento filato, borrace, e zenzaverate e fassi tara della busta3 in che fusse; e zafferano, e legno aloe, e tutti i confetti, e mirabolani conditi e fassi tara dello sciloppo in che fussino e poi rimane al comperatore per niente; gherofani, e cubebe, e cardamoni, e noce moscade, e mace, e spigo, e riubarbero, e scamonea, caffera, gomerabica, sangue di dragone, turbitti, mirabolani non conditi, mummia—tutte le dette cose si vendono in Napoli a libbra sottile, e tutte si garbellano, cioè vagliano, salvo la mummia.

A centinaio di misura si vendono

Nocelle si vendono in Napoli a centinaio di misura, e ogni centinaio si è a misura tomboli 606 rasi infino a ferro; e la misuratura4 paga il comperatore.

Noce, e castagne monde, e castagne scorzute si vendono in Napoli per la maniera delle nocelle, e al detto centinaio di misura.


 [[ Print Edition Page No. 180 ]] 

182 Olio si vende in Napoli a staio, ed entrane in una botte di mena di Napoli staia 51, e la botte paga il comperatore; e le staia 2 di Napoli fanno 1 staio d’olio in Barletta.

Vino greco e vino latino si vendono in Napoli a botte di mena di Napoli, la quale botte si è del comperatore per niente; la quale botte di mena dee tenere a misura cogna 24 di Napoli; e tutte comunemente si vendono colla feccia del vino, e comunemente à di tara questa feccia 4 per centinaio a danno del comperatore da torbido ad essere tutto chiaro.

Lino si vende in Napoli a centinaio di dicine, di libbre 10 grosse per dicina.

Mandorle col guscio si vendono in Napoli a misura di tombolo, a tanti tomboli per oncia.

Velluti di seta, e drappi di seta, e drappi a oro, e ciambellotti, e bucherami, e zendadi, tutti si vendono in Napoli a pezza tale com’ella ene.

Panni franceschi di lana si vendono in Napoli a pezza o a livrate, e se vendi a livrate si è a pregio di tanti terì di gigliati d’argento la libbra di tornesi piccioli o vero la libbra di parigini piccioli. E se vendi a livrate sì non se’ tenuto di rifare cortezza nulla se non quella che si trovasse taccata o scritta in sul panno; e se il panno avesse alcuna macchiatura o stracciatura, sì ti conviene fare l’ammenda. E se vendi a pezza sì ti conviene fare che tenghino a lunghezza secondo il corso di Napoli ciascuna pannina come diremo qui appresso e inanzi:

Borsella, della gran magione vuol essere canne 14.
Borsella, della piccola magione, canne 12.
Mellina, canne 12.
Lovano, della piccola magione, canne 6.
Lovano, della grande magione, canne 14.
Mellati di Bruggia, canne 12.
Vergati di Guanto, canne 12¾.
Vergati di Popolungo, canne 13.
Coverture d’Ipro,1 canne 7.
Tolosani e nerbonesi2 e bindersi, canne 12.
Gargasciona, <cioè> Carcasciona, canne 12.
Pirpignano, canne 12.
Bianche di Nerbona, canne 6.
Anversa, canne 12½.

Panni lombardeschi si vendono a balla, e ciascuna balla dee avere pezze otto di panni, e ciascuna pezza di panno dee tenere di lunghezza canne
 [[ Print Edition Page No. 181 ]] 
183 12; veramente le più volte si truova * canne 12 e palmi 2 o palmi 4 di panno. E i panni lombardesi che si chiamano scarlattine si vendono similmente a balla d’otto pezze per balla, e dè tenere ciascheduna pezza canne 14; veramente la maggior parte si truova canne 14 e palmi 4 o 6 il panno.

Panni catalaneschi, panni maiolichini, panni di Villaggi tutti si vendono a pezza in Napoli, a pregio di tante once, di gigliati d’ariento 60 per oncia, la pezza, e ciascheduna pezza dè essere lunga canne 12; e se avessino macchie o stracciature sì si fa l’amenda; e il venditore non dà al comperatore nè corda nè bandinella, nè a’ lombardeschi altressie.

Tele della Cava, tele di Provenza, tele di Gaeta si vendono in Napoli a pregio di tanti terì, di gigliati 60 d’argento per oncia, la canna.

Canovacci per nocelle o per altra frutta o per fare invoglie sì si vendono in Napoli a centinaia di braccia, e vendesi a pregio di tanti terì, di gigliati d’argento 60 per oncia, il centinaio delle braccia; e ogni braccia 3 1/3 sono 1 canna in Napoli.

Cuoia di bue ciciliane, cuoia di bue barberesche, cuoia di bufalo si vendono in Napoli a cantara di Napoli, e avanti che si pesino stanno due dì al sole a seccarsi e asciugarsi, e poi si pesano. E se fossero legate o tenessero ossa, della legatura od ossa che tenessoro si fa tara, e le legature poi che n’è fatto tara rimangono al comperatore per niente.

Cuoia di cerbio, cuoia di danio si vendono in Napoli a cientinaio di pelli.

Vai d’ogni ragione, o crudi o conci, si vendono in Napoli a migliaio di novero, e dàssene1 a conto 1020 per 1 migliaio.

Pelliccerie, cioè agnelline ciciliane, conigli, e tutto pellame di pellicceria si vendono in Napoli a centinaio, di 104 pelli per 1 cento.

Pelliccerie di Barberia si vende in Napoli a centinaio, di 103 pelli per 1 centinaio.

Pelliccerie lavorate in guarnache si vendono in Napoli a guarnacca.

Tonnina si vendono in Napoli in grosso a centinaio di barili, e promettesi olorosa e netta d’ogni male sapore.

Sardelle, acciughe si vendono in Napoli a barili tale com’ell’ene.

Sale di Sardigna si vende in Napoli a centinaio di quartini, a pregio di tante once, di gigliati d’argento 60 per oncia, * il centinaio di quartini. 184 E non l’osa comperare nè vendere altri che i doganeri della doana del sale, e se altra persona lo rivendesse in Napoli che i doanieri, quello cotale che contro a ciò facesse sarebbe alla mercè della corte del re dello avere e della persona. E il pregio che ’l doaniere ne dà a coloro che ’l
 [[ Print Edition Page No. 182 ]] 
portano a vendere a Napoli non è tale che a lui vegna più di grani1 5½ il tombolo, ed elli lo vende grani 21 il tombolo perchè à comperata la doana del re.

Formento e orzo e tutti biadi si vendono in Napoli a salma, e la salma si è 8 tomboli; ed è maggiore la salma di Napoli che quella di Manfredonia e di Barletta di Puglia 10 per centinaio.

Perle si vendono in Napoli a oncia sottile, di terì 30 pesi per 1 oncia, a pregio di tante once, di gigliati d’argento 60 per oncia, l’oncia delle perle, secondo ch’elle sono buone; e se fossero buone di tanti carati sì si vendono a conto, a pregio di tanti terì d’argento il carato, e secondo ch’egli è di bontà di carati così monta l’oncia, di terì 30 pesi per 1 oncia.

Argento in piatti o in verghe o in buglione si vende in Napoli a libbra, d’once 12 per 1 libbra, e di terì 30 per 1 oncia. E non si usa vendere in Napoli altri che alla zecca dello re, e se altra persona lo comperasse fuori della zecca, quello cotale che lo comperasse sarebbe alla mercè del re e del maestro della zecca di perdere l’argento che comperato avessi.

E se metti argento nella zecca di Napoli, s’intenda la zecca o vuo’ tu maestro della zecca come dirà qui di sotto:

Del fine, terì 42 della libbra.

E dello sardesco, terì 41 e grani 11 della libbra.

Di lega di viniziano, tarì 40 e grani 12 della libbra.

E di lega di grosso tornese, tarì 40 e grano 1 della libbra.

E di lega di ragonesi di Cicilia, tarì 38 e grano2 1 della libbra.

E di miglioresi nuovi di Tunizi, tarì 38, grani3 17 della libbra.

E di tutti altri argenti che di sopra non sono nomati, secondo la lega di che eglino sono di tenuta s’intenda.

La zecca a ragione della lega del gigliato

E i gigliati sono di lega d’once 11 e sterlini4 3 d’ariento fine, cioè terì 3, ed entrane nella libbra di Napoli quando escono della zecca soldi 6, denari 8 di gigliati coniati a conto, a ragione di terì 4 e grani 10 peso il gigliato, e tanto dee pesare, e così pesa quando escono della zecca del re.

185 La moneta picciola di Napoli si chiamano gherardini, però che Gherardino
 [[ Print Edition Page No. 183 ]] 
Gianni di Firenze gli fece battere, e lo re volle che per amore del detto Gherardino portassero il suo nome, cioè Gherardino, e però si chiamano gherardini;1 i quali sono di lega di denari 18 d’ariento fine per libbra, ed entrane soldi 40 a conto in 1 libbra. E furono fatti per ispendersi per lo regno li 6 de’ detti gherardini piccioli per 1 grano, e per grani 10 il carlino, e oggi si spendono per . . . a gigliato d’ariento, e ’l gigliato vale grani 10, e li 2 gigliati vale tarì 1 d’argento.

La moneta dell’oro di Napoli sono carlini d’oro, e sono di lega d’oro fine, cioè di carati 24 d’oro fine per oncia, ed entrane in 1 oncia a peso 6 carlini d’oro, sicchè viene a pesare l’uno terì 5; e il maestro della zecca di Napoli si dà a chi mette oro in zecca, del carato dell’oro fine terì 1 e grossi o vu’ tu grani 17½ d’oro.

XXXIXDiritto di mercatantia che si paga in Napoli

Oro in verghe o in buglione, argento in piatti o in buglione, perle e pietre preziose non pagano diritto nullo, che sono franchi per tutto lo regno. Ma in ciò non s’intende nè oro nè argento filato che, perchè sono lavorati al lavorio di seta o vero filato sotto, sì pagano di diritto grani . . . per oncia. Veramente nè oro nè ariento in buglione nè nulla moneta coniata non usa trarre del regno salvo la moneta del re, carlini d’oro o gigliati d’ariento; e se altro che della moneta del re volessi trarre, e fusseti trovata per li passaggieri, sì perderesti quanto trovato ti fosse, e saresti alla mercè del signore, salvo che se t’accordi co’ passaggieri ed ellino ti fanno la polizza dell’uscita, puoi andare e trarre sicuro, ma altrimenti no, e se ti accordi paghi grani 3 per oncia.

Di Napoli non s’osa trarre nulla grascia nè legname lavorato o non lavorato, nè per forestiere nè per cittadino, se non s’accordano colla corta, e perchè n’avesse tratta d’altra mercatantia non vale niente; e l’accordo colla corte si è costumato terì 2 per oncia, 186 e grani 21½ per cantare di * peso al comperatore, e grani 10 per oncia di buono danaio.

Di tutte mercatantie che metti in Napoli per terra o per mare paghi di doana grani 18 per oncia di quello che vale in Napoli, cioè 3 per centinaio, e puoi trarre poi altrettanta mercatantia della valuta della tua dal dì che la vi metti a uno anno sanza pagare doana se la trai infra l’anno, che non pagherai se non terì 1 e grani 5 per oncia, cioè le grani 15 per fondacato e li grani 10 per lo buono danaio della terra.

E qualunque mercatante forestiere mette mercatantia in Napoli o per mare o per terra sì la puote trarre di Napoli e puotela portare per tutto lo regno ove gli piace in terra che abbia fondaco e dogana alla marina; e da
 [[ Print Edition Page No. 184 ]] 
quella cotale dogana e fondaco ove sarai giunto con essa farai andare risposta alla doana di Napoli come quella cotale mercatantia vi sia giunta, e se non facessi venire la detta risposta a Napoli, pagheresti per fondaco grani 15 per oncia. E se trai mercatantia di Napoli la quale tu v’abbi messa, e non l’abbi venduta, e voglila portare infra terra nel regno, paghi a quella cotale dogana ove la porti grani 15 per oncia, e se infra terra non la potessi vendere e tornila a Napoli onde la levasti, sì la puoi vendere sfondacata, e1 chiunche la compera da te sì ti darà grani 15 per oncia per lo fondaco che è non2 pagato. E se tu la portassi a un’altra dogana a vendere, sì conviene al doaniere di prima rendere il fondacaggio all’altra dogana, però che per tutto lo regno a3 direttano fondaco ove si vende per la prima fiata abbia quello diritto di quello fondaco pagato; poi la puoi portare per tutte le dogane sanza pagare fondaco; e convienti avere la polizza del fondaco dove ai pagato per poterla mostrare ove bisognasse.

Tutte mercatantie che vengono per mare nel regno e di là vegnono poi per terra a Napoli, e di Napoli la voglia poi portare e trarre fuori per tutto lo regno sanza venderla, paga grani 15 per oncia, e terì 1 e grani 6 e 2/3 per soma che si chiama refica. E questa refica e fondacaggio fece lo ’mperadore Federigo secondo, e questo Re Uberto osserva i suoi capitoli.

E qualunque persona comperasse canape crudo o canape maturo non lavorato o lavorato o in qualunque cosa fusse lavorato, o in picciola sorta o in grande, sì paga a chiunque ene amiraglio del re a mettere tarì 1 per ciascuno cantare di diritto, e oltre a ciò il diritto della corte, grani 18 per oncia di doana, e grani 15 per fondaco, e grani 2½ per cantare di pesatura, 187 e grani 10 per * oncia di buono danaio a chiunque comperasse il detto canape.

Olio, carne, tutta grascia, legname, formaggio pagano diritto in Napoli alla dogana del re tarì 3 e grani 15 per oncia, cioè tarì 3 per dogana e le grani 15 per fondaco. Veramente4 si fa patto co’ doanieri a meno, cioè infino in tarì 2 per oncia, come puoi convenire con loro; ma dove non patteggiassi co’ doanieri prima, pagheresti lo intero, cioè tarì 3 e grani 15 per oncia. E oltre al detto diritto sì si paga anche grani 10 per oncia di buono danaio, lo quale diritto del buono danaio in tutte mercatantie lo paga lo comperatore e niente il venditore. E di questo diritto del buono
 [[ Print Edition Page No. 185 ]] 
danaio non si rallenta1 mai niente, chè in termine conviene che il comperatore il paghi a tutte mercatantie che compera.

Vini pagano di diritto tarì 2 e grani 8½ per oncia, cioè le grani 18 per doana e li grani 15 per fondaco e grani 5½ per ciascuna botte e grani 10 per lo buono danaio; ma i vini che l’uomo voglia per lo suo bere nè entrando nè uscendo non se ne paga diritto al buono vino.2

Seta paga uno diritto che s’appella giusso, che è 10 per centinaio. E sì tosto come lo legno in ch’ella viene al porto à surto l’ancora, immantanente si ànno guadagnato i doanieri lo detto diritto della seta; e però si vuol essere avisato chi l’à in porto che avanti che lo legno surga l’ancora in mare di patteggiare co’ doanieri. Ed elli costumano tutto giorno di fare patte a meno di 10 per centinaio, secondo che l’uomo si puote convenire con loro, ma dove l’uomo non trattasse patto con loro e non s’accordasse con loro, ti possono domandare e prendere interamente tutto lo detto diritto della seta, cioè 10 per centinaio. E questo cotale diritto della seta è per questa medesima maniera e per tutto lo regno.

Chi è cittadino di Napoli e del contado della città di Napoli si è franco, che non pagano diritto nulla di niuna mercatantia che mettano in Napoli onde che vengano, o per mare o per terra; la puote vendere a cui gli piace senza pagare nullo diritto. Ma se la volessoro vendere alle loro botteghe, pagherebbono per lo comperatore terì 1 e grani 5 per oncia, cioè li grani 15 per fondaco, e li grani 10 per lo buon danaio.

Ancora ànno i cittadini di Napoli e i contadini della detta città che tutti i loro frutti di loro propie posessioni possono trarre fuori del reame sanza nulla dirittura pagare.

188 XLIspese che si fanno a uno centinaio di nocelle in Napoli dal primo costo infino a caricate in nave e spedicate del porto di Napoli

Primieramente, per lo primo costo delle nocelle, ragionandole a comunale pregio, da once 10 il centinaio, ch’è tomboli 606 a misura.

E per braccia 450 di canovaccio per fare sacca per infasciarvi dentro le nocelle, a ragion3 di terì 10 il centinaio delle braccia a comunale pregio, e fassene sacca, montano di pregio once 1 e tarì 15.

E per ispago e cucitura le dette sacca, in somma terì 1 e grani 5.

E per misuratura il detto canovaccio, a grani 3 1/3 il centinaio delle braccia monta grani 15.

E per diritto della dogana del costo del canovaccio a grani 18 per oncia, e non paga fondaco il canovaccio, monta la doana tarì 1 e grani 7.


 [[ Print Edition Page No. 186 ]] 

E per diritto del buono danaio del costo del1 canovaccio, grani 10 per oncia, monta grani 15.

E per misuratura le nocelle, al centinaio tarì 2.

E per insaccatura, tarì 2.

E portarle dal magazzino alla marina, tarì 4.

E per le barche che le portano dalla riva del mare a nave, tarì 1.

E per diritto della doana, grani 18 per oncia di quanto le nocelle costassino, però che del canovaccio n’è pagato il diritto come intra queste spese, monta tarì 9 e grani 15.2

E per diritto del fondaco della medesima maniera a grani 15 per oncia, monta tarì 7 e grani 15.

E per diritto del buono danaio a grani 10 per oncia della medesima maniera, monta tarì 5 e grani 3.

E senseria, tarì 2.

Somma per tutto, once 12 e tarì 22 e grani 5 di gigliati d’argento tra per lo primo costo e spese infino a caricate in nave e spedicate del porto di Napoli siccome pare per le partite scritte di qua dallato a drieto una faccia, che levandone il primo costo, cioè l’once 10, resterebbe ch’arebbe di spesa a uno centinaio di nocelle in Napoli da once 2 e tarì 22 e grani 5 d’argento. E se più d’once 10 costassero di primo costo il centinaio, per once che costassoro più di primo costo sì vorrebbe crescere alla spesa grani 43 per oncia, 189 cioè le grani * 18 per la doana e li grani 15 per lo fondaco e li grani 10 per lo buono danaio; e se meno d’once 10 costassero il centinaio, per la medesima ragione si vorrebbe rabbattere delle spese per once che costassero meno a ragione di grani 43 per oncia.

Ispese che si fanno in Napoli a una botte di vino greco dal primo costo infino a carica in nave e spedicato del porto di Napoli, e similmente agli altri vini

Primieramente, per lo primo costo del vino con tutto il fusto della botte, però che ’l fusto della botte è del comperatore per niente, e riempiela il venditore al comperatore sopra la feccia, da once . . .3

E per mancamento a trarne la feccia e riempiere la botte di vino chiaro, ragionasi da 4 per centinaio, che ne puote toccare a una botte, ragionando che costi tarì 25 di primo costo, da tarì 1 per botte.


 [[ Print Edition Page No. 187 ]] 

E per ficcatura i cerchi nelle teste, e per conducere le botti piene dal magazzino alla riva della marina, che poi1 il paliriscalmo della nave la se ’l tira dalla riva a nave per acqua, da terì 15 il centinaio delle botti, puotene toccare alla botte da terì—, grani 3.

E per istoppa e muscelli e beveraggio a’ genti che la conciono, da grani 2 per botte.

E per ribattitura i cerchi e salci, da grani 5 per botte.

E per doana, grani 18 per oncia, toccane a una botte grani 15.

E per fondaco, grani 15 per oncia, toccane a una botte grani 12½.

E per buono danaio, grani 10 per oncia,2 toccane a una botte grani 8½.

E per diritto del decimo del costo della botte, grani 5½.

E per senseria al venditore, grani 10 per botte.

Somma la spesa d’una botte di vino scritta ordinatamente di sotto sanza il primo costo, da tarì 3 e grani 11½ d’argento;3 e se più o meno di tarì 25 costasse la botte di primo costo, così monterebbe il diritto della doana e fondaco e buono danaio all’avenante del più e del meno che costasse il vino di prima compera.

Navoleggiasi in Napoli le navi e legni di carico a centinaia di salme di grano, e se non vuogli caricare grano e volessi dare vino o olio o nocelle o carne insalata o altra mercatantia * sì le conteresti a nolo come diremo4 qui appresso: 190

100 salme di grano per 1 centinaio.

20 botti di mena di Napoli di vino o d’olio per 1 centinaio.

33 1/3 botti di mezzo migliaio di Puglia di vino o d’olio per 1 cento.

606 tomboli di nocelle in 100 sacca per 1 centinaio.

100 cantara di carne salata di Napoli per 1 centinaio.

XLICome il peso e la misura di Napoli torna in diverse terre del mondo, e quelle con Napoli, e prima con Castello a Mare

Il centinaio delle nocelle e della frutta di Castello a Mare, che sono cubelli 2405 di Castello a Mare, fanno in Napoli tomboli 640.

con Gaeta

Cafissi 1 e 1/8 d’olio di Gaeta fanno in Napoli staia 1 d’olio.


 [[ Print Edition Page No. 188 ]] 

con Pisa

Cantaro 1 di Napoli di cosa che non manchi fa in Pisa libbre 270 in 272.

Cogna 100 di vino greco alla misura di Napoli fanno in Pisa barile 25.

Il centinaio delle nocelle di Napoli fae in Pisa staia 275.

Libbre 1 d’ariento in Pisa fa in Napoli once 12 e tarì 13 e grani 16.

con Genova

Cantaro 1 di Napoli di cosa che non manchi fa in Genova libbre 280.

Cogna 24 di vino greco alla misura di Napoli fa in Genova mezeruole 4 e 4/5.

Salme 100 di grano alla misura di Napoli fa in Genova mine 250.

Libbre 1 d’argento in Genova fa in Napoli once 11 e tarì 24.

191 con Firenze

Cantaro 1 di Napoli di cosa che non manchi fa in Firenze libbre 258 in 260.

Migliaio 1 di lino di Napoli fa in Firenze libbre 942.

Centinaio 1 di spezieria di Napoli fa in Firenze libbre 104.

Cogna 21 di greco di Napoli fanno in Firenze cogna 1.

Libbra 1 d’oro e d’ariento di Firenze fa in Napoli once 12 e tarì 24.

Canne 1 di Firenze fa in Napoli palmi 9, di palmi 8 per 1 canna.

Salma 1 di formento di Napoli fa in Firenze staia 10 e ½.1

Libbre 100 sottili di Napoli fanno in Firenze libbre 93 e once 9.

Il centinaio delle nocelle di Napoli fa in Firenze staia 985.

Libbre 100 di Firenze fanno in Napoli libbre 96 grosse.

Napoli con Damiata di terra d’Egitto

Cantara 2 di piombo di Napoli fanno in Damiata cantara2 3½.

con Buggiea di Barbaria

Il centinaio delle nocelle di Napoli fanno in Buggiea cantara 145.

Cantaro 1 di Buggiea fa in Napoli ruotoli 59.

Migliaio 1 d’olio di Napoli fa in Buggiea cantara 4 e alcuna cosa più.

con Cutrone di Calavria

Salme 6 1/8 di vino di Cutrone fanno in Napoli 1 botte di mena.


 [[ Print Edition Page No. 189 ]] 

con Turpia di Calavria

Salme 6 1/41 di vino in Turpia fanno 1 botte di mena in Napoli.

con Castello di Castro

Lo centinaio delle nocelle di Napoli fa in Sardigna, cioè in Castello, starelle 420.

Cantaro 1 di Napoli fa in Castello cantara 2 e libbre 4 e once 6.

Marco 1 d’argento al peso di Castello fa in Napoli once 8 e tarì 22½.

99 anfrusini d’ariento coniati, cioè della muneta di Castello, fanno libbre 1 in Napoli.

E li 108 de’ detti anfrusini a conto fanno libbre 1 in Castello. 192

con Caffa del Mare Maggiore

La botte del vino in Napoli di mena fa in Caffa metri 50.

con Parigi

Botte 1 di mena di Napoli di vino fa in Parigi cestieri 64, e li 96 cestieri di Parigi sono 1 tinello di vino in Parigi, sicchè verrebbe ad essere lo tinello del vino alla misura di Parigi botte 1 e ½ di mena di Napoli.

colla Tana del Mare Maggiore

Botte di mena di Napoli di vino fa alla Tana metri 50.

con Bruggia di Fiandra

Cantara 12 e ruotoli 99 in cantara 2 di Napoli fanno carica 1 in Bruggia, che è libbre 400 di Bruggia.

XLIIGAETA

per se <medesimo>

Il peso e la misura di Gaeta è tutt’uno col peso e colla misura di Napoli.

Olio si vende in Gaeta a cafisso a pregio di tanti cafissi a once d’ariento, e li 250 cafissi di Gaeta si ragionano che sieno 1 migliaio d’olio di Puglia, o vuolli tue che li 160 cafissi di Gaeta fanno 1 botte di mena di Napoli.


 [[ Print Edition Page No. 190 ]] 

Ed à di spesa l’olio a trarlo di Gaeta a una botte di mena di Napoli oltre al primo costo come dirà qui appresso:

Per lo fusto della botte vota, da tarì 3.

Per lo diritto della dogana, grani 18 per oncia, da tarì 11 e grani 16.

Per lo diritto del fondaco, grani 15 per oncia del costo dell’olio, tarì 1 e grani 10.

Per lo diritto della terra, grani 5 per oncia del costo dell’olio, grani 10.

Per salaro di coloro che stanno a vederlo misurare quando si misura alla marina e si mette nelle botte, grani 1 per botte.

Per portatura alla marina l’olio, grani 4 per oncia di ciò che costa l’olio di prima compera, monta da grani 8 per botte.

193 Per salci e legature e strignere e incretare le botti, da grani 12 per botte.

E per senseria, grani 10 per botte.

Per cambio di carlini di zecca a quelli di peso, grani 2 per oncia del costo dell’olio, monta da grani 4 per botte.

Per un altro diritto della terra, da grani 6 per botte.

Somma la spesa detta di sopra tarì 8 e grani 17 d’ariento, ragionando che la botte di mena costasse di primo costo da once 2 d’argento, che v’ebbe da 80 cafissi a once <1>. Ma se più o meno d’once 2 di primo costo costasse l’olio, così sarebbe più e meno la spesa, all’avenante di tutte quelle.

Gaeta con Palermo

Cafissi 32 d’olio alla misura di Gaeta fanno in Palermo cantara 1 d’olio.

FIRENZE

per se medesimo, e a che peso e a che misure vi si vendono le mercatantie o vero comperano

Firenze si à due pesi, cioè stadera e bilancia, e il peso della stadera è maggiore che quello della bilancia 2 per centinaio.

Al peso della stadera si vende ogni mercatantia salvo oro o ariento o seta o zafferano e tutte spezierie sottile.

Al peso della bilancia si vende oro e ariento e zafferano e seta e tutte spezierie sottile. E la seta si vende a coppia, ch’è libbre 2 del detto peso della bilancia.

Grano e tutti altri biadi e legumi si vendono in Firenze a staio raso.


 [[ Print Edition Page No. 191 ]] 

Vino si vende in Firenze in grosso a cogna, e a minuto si vende a quarto e a mezzo quarto e a metadella e a mezetta e a terzeruola e a quartuccio e a terziere. E ’l cogno si è 12 orcia e 25 mezine o 100 quarti o 200 mezzi quarti o 400 metadelle o 2671 terzieri od 800 mezette o 1600 quartucci; e fassene 5 some del cogno, * di due barili per soma, 194 d’uno barile di 40 metadelle.

Olio si vende in Firenze a orcio di misura e a libbre di misura; e ogni libbre 8 di misura fanno 1 orcio, e ogni libbra si è a peso di stadera libbre 10 e 5/8, sicchè l’orcio intero dell’olio pesa libbre 85 netto a peso di stadera.

In Firenze si batte moneta d’oro e moneta d’ariento e moneta picciola come diviserà qui appresso et innanzi:XLIV primieramente, si batte in Firenze moneta d’oro che s’appellano fiorini d’oro, che li 96 fiorini d’oro a conto pesano appunto libbre 1 in Firenze; e sono di lega finissima, quanto più possono essere, che sono di carati 24 fine per oncia. E chi mette oro fine nella zecca di Firenze, che altrimenti non lo riceverebbe se non fusse fine, ma ricevendolo fine sì ne dàe al mercatante che ’l vi mette, d’ogni libbra fiorini d’oro 95 e 2/5, sicchè ne rimane alla zecca per lo comune soldi 12 a oro, de’ quali soldi 12 a oro se ne fanno le spese a fare la moneta, cioè il fiorino d’oro, e rimanne al comune alcuna cosa, come dice qui appresso e inanzi:

Per gli uvrieri che gli lavorano e dirizzano e rendono i fiedoni fatti e ricotti e ribianchiti, costa soldi 2, denari 9 per libbra.

Per gli munetieri che gli coniano, denari 9 piccioli per libbra.

Per carboni, denari 4 piccioli per libbra.

Per ferri e pile, e per gli torselli, e per conciare masserizie, denari 1 piccioli per libbra.

Per calo che fa l’oro a lavorarlo, denari 9 piccioli per libbra.

Sommano queste 5 partite soldi 4, denari 92 piccioli per libbra.

Per salaro dello ’ntagliatore che intaglia i conii con che si coniano i detti fiorini d’oro, all’anno lire 80 piccioli.

Per salario di due orafi che sentenziano e giudicano l’oro nella zecca, a ragione di lire 60 piccioli l’anno per ciascuno, montano tramendue lire 120.

Per salaro di coloro che tengono il conto della zecca e che pesano l’oro, in somma di lire 120 piccioli l’anno.

Per salaro d’uno garzone che aiuta loro, lire 30 l’anno.


 [[ Print Edition Page No. 192 ]] 

E battesi in Firenze una moneta d’ariento, cioè grossi d’ariento, che n’entrano appunto soldi 13, 195 denari 10 de’ detti grossi * a conto in una libbra di Firenze, e sono di lega d’once 11½ d’ariento fine per libbra. E chi mette ariento della detta lega nella zecca di Firenze sì ne rià dalla detta zecca de’ detti grossi coniati soldi 13,1 denari 7 a conto della libbra; e grossi 3 ne rimangono nella zecca per libbra per lo comune, de’ quali 3 grossi ne fanno le spese a fare la detta moneta, e se v’à rimaso si è del comune, come diviserà qui apresso. E’ quali grossi si chiamano per nome <guelfi2> e si spendono per soldi 2 e denari 8 piccioli l’uno, piccioli fiorentini.

Per fonditura a fare le verghe dell’argento, denari 2 piccioli3 per libbra.

Per gli uvrieri che gli lavorano4 e dirizzano e rendono i fiedoni bianchiti, soldi 2, denari 6 piccioli per libbra.

Per gli monetieri che coniano la moneta, denari 10 piccioli per libbra.

Per carboni, tra ogni cosa denari 7 piccioli per libbra.

Per ferri di pile e di torselli, e conciatura di stoviglie e di masseritie, denaro 1 piccioli per libbra.

Per calo che fa l’argento a fonderlo e a lavorare, da once 5½ per centinaio di libbre, che ne tocca denari . . . piccioli per libbra.

Per lo salaro del saggiatore che fa il saggio, lire 60 piccioli l’anno.

Per tutti altri uficiali della moneta dell’oro de’ detti qui a drieto salvo il salaro de’ sentenziatori, che non bisognano alla moneta dell’argento come alla moneta dell’oro però che il5 saggiatore è in luogo de’ sentenziatori, puote costare per tutto lire 150 l’anno.

E battesi in Firenze moneta picciola che è di lega d’once 1 d’argento fine per libbra, che i6 soldi 45 della detta moneta piccioli siccome escono della zecca di Firenze pesano appunto 1 libbra di Firenze. E chi mette argento nella zecca di Firenze per volere moneta piccina sì ne rià della zecca soldi 37 della detta moneta piccina a conto per ciascuna libbra; e <il> rimanente alla zecca del comune, ch’è soldi 8 de’ detti piccioli per libbra, de’ quali soldi 8 se ne fanno le spese a fare la detta moneta piccina, e se v’à di rimaso si è del comune come diviserà dallato e inanzi.

E battesi in Firenze un’altra moneta piccina ch’è più grossa che quella di sopra, che s’appellano lanaiuoli, che sono di lega d’once 2 d’argento fine per libbra, 196 ed entrane a conto * soldi 21, denari 9 in 1 libbra di
 [[ Print Edition Page No. 193 ]] 
Firenze, e spendesi in Firenze per denari 4 l’uno de’ detti piccioli di sopra. E chi mette argento nella detta zecca di Firenze per avere della detta moneta piccina chiamati lanaiuoli sì ne rià dalla detta zecca soldi 20 de’ detti lanaiuoli piccini per conto per ciascuna libbra, e rimanne alla zecca del comune soldi 1, denari 9 di detti lanaiuoli per libbra, de’ quali soldi 1, denari 9 a conto di lanaiuoli se ne fa le spese a fare la detta moneta, e se v’à di rimaso si è del comune. E i quali soldi 1, denari 9 a conto, che vagliono soldi 7 di piccini minuti, sì se ne fa le spese come diviserà qui innanzi a piè della spesa de’ piccioli minuti:

Per fonditura e fare le verghe, denari 2 piccioli per libbra.

Per gli ovrieri che gli lavorano, soldi 3 piccioli per libbra.

Per gli dirizzatori che gli dirizzano, denari 7 piccioli per libbra.

Per gli monetieri che gli coniano, soldi 1, denari 7 piccioli per libbra.

Per carboni, in tutto da denari 7 piccioli per libbra.

Per ferri e pile e torselli e conii, da denari 1½ piccioli per libbra.

Per altre spese minute, da denari 1 piccioli per libbra.

Per calo a fonderli e a lavorargli, da once 8 per 100 libbre.

Per lo intagliatore che intaglia i ferri con che si coniano la detta moneta, lire 160 piccioli l’anno.

Per salaro del saggiatore che fa il saggio, lire 60 piccioli l’anno.

Per tutti altri uficiali come alla moneta dell’ariento detto dallato a dietro, per tutto in somma da lire 150 piccioli l’anno.

E la spesa de’ lanaiuoli piccioli:

Per fonditura, denari 2 piccioli per libbra.

Per gli ovrieri, soldi 2 piccioli per libbra.

Per adirizzare, denari 4 piccioli per libbra.

E per munetaggio, denari 9 piccioli per libbra.

Per carboni, denari 6 piccioli per libbra.

E per coreggiuoli, denari 4 piccioli per libbra.

Per ferri, denaro 1 picciolo per libbra.

E per calo a fondere e a lavorare, once 8 peso per 100 libbre, toccane alla libbra da denari . . . per libbra.

Per lo cassiere e garzone, e per lo ’ntagliatore, 197 come di sopra alla minuta moneta, avegna che tutto si puote fornire per uno l’una moneta e l’altra.

Firenze per ispese d’affinare oro e trarre a fine il cimento

Primieramente, puoi ragionare ch’a fondere oro ti caleranno le libbre 10 d’oro, denaro 1 peso d’oro.

E ragiona che del calo che farà l’oro tuo ad affinarlo, cioè dell’oro e
 [[ Print Edition Page No. 194 ]] 
dell’argento che arà tirato a sè il cimento quando l’oro s’affina, tu ne riarai dell’once 6 di calo pure 5.

E costa in Firenze affinatura la libbra dell’oro a tutte spese del maestro affinatore, soldi 10 piccioli.

E costa uno fuoco che se li dà nella zecca del comune di Firenze poi che è sentenziato per fine per più cautela del comune, soldi 1, denari 7 piccioli per libbra a’ rimettitori della detta zecca del comune, a tutte spese de’ detti rimettitori.

E costa fonditura il cimento e ismeratura uno pane che si fa di libbre 90 di cimento, a tutte spese del maestro smeratore, soldi 35 a fiorino, di soldi 29 il fiorino d’oro.

E costa partitura l’oro dall’ariento ch’è tratto del cimento, soldi 2, denari 6 piccioli per libbra.

E riassi in Firenze del carato dell’oro partito dall’ariento tratto del cimento, soldi 10 a fiorino, di soldi 29 il fiorino, uno fiorino d’oro.

E riassi in Firenze dell’oncia dell’argento selvaggio partito dall’oro tratto del cimento, soldi 14 a fiorino dell’oncia.

E riassi in Firenze delle loppe del cimento fonduto, d’ogni loppa d’uno pane, soldi 5 di piccioli.

Puoi ragionare che portando a vendere a’ cambiatori di Firenze oro in verghe o in piatte, n’arai d’oro di lega di carati 21 o da indi in giuso a ragione di soldi 9, denari 7 a fiorino del carato, e più in tutto denari 8 a fiorino d’ogni carato d’ariento; che se fusse oro di lega di carati 15 d’oro fine per oncia, e tenesse 1 carato di rame per oncia, sì resterebbe che terrebbe karati 8 d’argento fine per oncia, de’ quali carati 8 non ti paga se non per carati 5, cioè per compimento di 16 carati infino in 21 carati. E se di meno o di più carati fusse, da 21 carato in giuso, sì ti paga alla medesima ragione infino in compimento di 21 carato, rabbattuto lo rame che tenesse il tuo oro; 198 e se l’oro fusse da 21 * carato in suso, ti rabatterebbe a ogni oncia peso del tuo oro denari 8 a fiorino per ogni carato d’ariento che tenesse da 21 carato in suso, rabattutone il1 rame che tenesse.

XLVTermini di cambiora che si mandano a pagare o a ricevere per lettera di pagamento di Firenze in diverse parte del mondo o di diverse a Firenze, o da una terra ad un’altra intra mercatanti di Firenze

S’intendono gl’infrascritti termini usati sanza nominarli al fare dello mercato del cambio siccome saranno scritti quie appiede e inanzi ordinatamente:


 [[ Print Edition Page No. 195 ]] 

Primieramente, d’ogni cambio che si facesse in Firenze per Pisa, cioè di mandare a pagare o a ricevere, sì si intenda che dal giorno che la moneta è pagata e ricevuta in Firenze, cioè colà si fa il cambio, dal detto dì a 5 dì si debbiano pagare e ricevere in Pisa, e altrettanto à di termine se il cambio fusse fatto in Pisa e di Pisa in Firenze.

E di Firenze a Genova, 15 dì, e altrettanto da Genova a Firenze.

E per Provenza e per Francia, 2 mesi, e altrettanto de’ detti luoghi a Firenze.

Per Fiandra, 70 dì, e altrettanto di là a Firenze.

Per Spagna, 3 mesi, e altrettanto di là a Firenze.

Per Inghilterra, 75 dì, e altrettanto di là a Firenze.

Per Maiolica, 2 mesi, e altrettanto di là a Firenze.

Per Corte di Papa secondo là dove la detta Corte fusse; quando ell’ene a Roma, 15 dì, e altrettanto di là a Firenze.

E quando ell’è in Provenza, 1 mese, e di là a Firenze 1 mese e 1/2.

E per Vinegia a dì 5 veduta la lettera in Vinegia, e di Vinegia a Firenze, 20 dì dal giorno che si paga o ricevono in Vinegia1 si debbono pagare o ricevere in Firenze.1

E per Bologna, 3 dì, e altrettanto di là a Firenze.

E per Milano, 1 mese, e altrettanto di là a Firenze.

E per Perugia, 10 dì, e altrettanto di là a Firenze. 199

E per Roma, 15 dì, e altrettanto di là a Firenze.

E per Aquila, 10 dì, e altrettanto di là a Firenze.

Per Napoli, 20 dì, e altrettanto di là a Firenze.

Per Puglia, 25 dì, e altrettanto di là a Firenze.

Per Ancona, 20 dì, e altrettanto di là a Firenze.

Per Rodi, 2 mesi, e altrettanto di là a Firenze.

Per Cipri, 3 mesi, e altrettanto di là a Firenze.

Per Gostantinopoli, 2 mesi e 1/2, e altrettanto di là a Firenze.

Per Cicilia, 1 e 1/2 mese, e altrettanto di là a Firenze.

Per Tunizi, 1 e 1/2 mese, e altrettanto di là a Firenze.

E se il cambio si facesse in Genova per Napoli e per Puglia, si è 1 mese, e altrettanto di là a Genova.

E se il cambio si facesse in Genova per Vinegia, si è 1/3 di mese, e simigliante di là a Genova.

E se il cambio si facesse in Milano per Vinegia, si è 1 mese, e altrettanto di là a Milano.

E se il cambio si facesse in Bruggia per Genova, si è 2 mesi, e altrettanto di là a Bruggia.

E se il cambio si facesse in Pisa per Vinegia, si è 20 dì, e altrettanto di là a Pisa.


 [[ Print Edition Page No. 196 ]] 

E se il cambio si facesse in Vinegia per Puglia si è 20 dì, e altrettanto di là a Vinegia.

E di tutti i luoghi scritti di sopra e dallato a dietro si possono essere i termini più e meno secondo i patti che i mercatanti patteggiassero insieme, però che patto fatto rompe ogn’altro ordinamento; ma quando patto o accordo nullo non ne fusse diterminato tra li mercatanti al fare dello mercato, intenderebbono i termini usati soprascritti, cioè intra mercatanti di Firenze, e ancora intra l’altre gente altressì vogliendo fare buona usanza di mercatantia. Ma per fuggire ruota o briga, quando lo cambio si facesse con altra gente che co’ fiorentini, sì si vuole ricordare il termine usato e fare lo termine usato o più o meno secondo che mette bene al mercatante che à bisogno e nicistade del cambiare, e secondo lo suo bisogno e la sua necessitade faccia come puote lo meglio.

Anche per termini di cambiora per lettere e di tutti i denari che vanno in avuta o in rendita di coloro che fossero per le compagnie di Firenze a Nimissi in Provenza o in Francia o in Fiandra o in Inghilterra, 200 sì si solea ragionare loro a * fiorini in Firenze per lettere dello pagamento per la prossima fiera di Campagna apresso del giorno della moneta pagata o ricevuta ne’ detti luoghi a’ termini nominati e usati de’ detti luoghi di Firenze.

Firenze per senseraggio di cambiora

Di fiorini d’oro nuovi o vecchi o a peso pisano o a che peso si sono che si comperano o vendono in Firenze, da ciascuna delle parte denari 6 per 100 fiorini d’oro.

D’argento in piatti o ’n verghe o in buglione che si comperi o venda manesco, da ciascuna delle parti denari 1½ piccioli per libbra.

Di fiorini d’oro che si cambino per Pisa overo per Siena o per Perugia, da ciascuna delle parti soldi 1 piccioli per 100 fiorini d’oro.

Di fiorini d’oro per Genova o per Vignone o per Parigi, da ciascuna delle parte soldi 2 piccioli per 100 fiorini d’oro.

Di fiorini d’oro per Fiandra, da ciascuna parte soldi 2, denari 6 piccioli per 100 fiorini d’oro.

Di marchi per Inghilterra a salvi in terra, da ciascuna parte soldi 10 per centinaio.

Di marchi a rischio di mare e di gente, da ciascuna parte soldi 20 di piccioli per 100 marchi.

Di fiorini d’oro per Milano o per Padova o per Verona, da ciascuna parte soldi 2, denari 6 piccioli per centinaio di fiorini d’oro.

Di sconti che si fanno in sulle tavole o in su’ fondachi di Firenze, da ciascuna parte soldi 2 piccioli per 100 fiorini d’oro.


 [[ Print Edition Page No. 197 ]] 

D’oro in verghe o in piastre o in pagliuole o in monete d’oro o in buglione d’oro, da ciascuna parte soldi 8 per libbra.

D’once per Napoli o per Puglia, da ciascuna parte soldi 5 piccioli per centinaio d’once.

Di cambiora per Vinegia, da ciascuna parte soldi 2 piccioli per lira 1 di Vinegia.

Di cambiora per Cicilia, da ciascuna parte soldi 5 piccioli per centinaio d’once.

XLVICome il peso e la misura di Firenze torna in diverse terre del mondo, e quelle con Firenze, e prima con Pisa

201 Libbre 100 di Firenze al peso della stadera fanno in Pisa libbre 105.

Braccia 40 di Firenze fanno in Pisa braccia 34.

Libbre 1 d’argento al peso di Firenze fanno in Pisa once 12, denari 8.

Staio 1 di grano picchiato in Pisa fa in Firenze staia 2 e 11/16 colmi.

Staia1 1 di sale alla misura di Pisa fa in Firenze staia 33 di sale.

con Lucca

Libbre 100 al peso della stadera di Firenze fanno in Lucca libbre 101 o 102.

Braccia 30 di Lucca fanno in Firenze braccia 28.

Libbre 1 d’argento di Firenze fanno in Lucca once 12 e denari 1 1/2.

Libbre 100 di Lucca al peso di seta fanno in Firenze libbre 97, once 4.

con Siena

Libbre 100 di Firenze al peso della stadera fanno in Siena libbre 103.

Libbre 1 d’argento al peso di Firenze fanno in Siena once 12, denari 3.

con Perugia

Libbre 100 di Firenze al peso della stadera fanno in Perugia libbre 104.

Braccia 40 di Firenze fanno in Perugia canne 9.

Libbre 1 d’argento al peso di Firenze fa in Perugia libbre 1.

Corba 1 di grano alla misura di Perugia fa in Firenze staia 10.

202 con Corneto

Moggio 1 di grano alla misura di Corneto fa in Firenze staia 22 1/2.


 [[ Print Edition Page No. 198 ]] 

con Roma

Libbre 100 di Firenze al peso della stadera fa in Roma libbre 96 o 97.

Canne 10 di Firenze fanno in Roma braccia 38.

Libbre 1 d’argento al peso di Firenze fanno in Roma once 12, denari 6.1

Rubbi 100 di grano alla misura di Roma fanno in Firenze staia 620.

Seta si vende in Roma al peso di Lucca, cioè seta cruda.

con Genova

Libbre 100 di Firenze al peso della stadera fanno in Genova libbre 108 1/3.

Canne 10 di Firenze fanno in Genova braccia 31.

Mina 1 di grano alla misura di Genova fa in Firenze staia 4 e 9/162.

Libbre 1 d’argento al peso di Firenze fa in Genova once 12, denari 22.

Cantaro 1 di Genova fa in Firenze libbre 138 1/3.

con Chiarenza

Libbre 100 di Chiarenza fanno in Firenze libbre 102 in 103.

Once 12 1/2 d’argento al peso di Firenze fanno in Chiarenza marchi 1 1/2.

Moggia 1 d’uve passe di Chiarenza fanno in Firenze libbre 78.

Moggio 1 di grano alla misura di Chiarenza fa in Firenze staia 2.

Perpero 6 1/4 al peso di Chiarenza fa in Firenze once 1 a peso del regno di Puglia, perchè perperi si vendono e pesano in Firenze al peso del regno.

Perpero 1 si è carati 23 peso in Chiarenza.

Canne 10 di Firenze fanno in Chiarenza canne 11 e 1/4.3

Moggia 100 di valonia alla misura di Chiarenza fa in Firenze libbre 5100.

con Negroponte

Libbre 100 di Negroponte fanno in Firenze libbre 111 di seta e di grana e di cera.

203 con Melano

Libbre 100 di Firenze fanno in Milano libbre 105.

Canne 10 di Firenze fanno in Milano braccia 34.

Libbre 1 di Firenze d’argento fa in Milano once 12, denari 8.


 [[ Print Edition Page No. 199 ]] 

con Chermona

Libbre 100 di Firenze fanno in Chermona libbre 112.

Canne 10 di Firenze fanno in Chermona braccia 40.

Pepe si vende in Chermona a peso, e lo peso si è 25 <libbre>1 chermonese.

Cotone si vende in Chermona a peso, e lo peso si è libbre 27.

con Cervia di Romagna

Corbe 100 di sale alla misura di Cervia fanno in Firenze staia 90.

con Bologna

Libbre 100 di Firenze fanno in Bologna libbre 95.

Canne 10 di Firenze fanno in Bologna braccia 37.

Once 12 d’argento al peso di Bologna fanno in Firenze once 12, denari 18.

Corba 1 di grano alla misura di Bologna fa in Firenze staia 3.

con Imola di Romagna

Corba 1 di grano alla misura d’Imola fa in Firenze staia 3.

con Faenza di Romagna

Corba 1 di grano alla misura di Faenza fa in Firenze staia 3.

con Ravenna di Romagna

Corba 1 di grano alla misura di Ravenna fa in Firenze staia 3.

con Gostantinopoli e con Pera

Moggio 1 di grano a Gostantinopoli fa in Firenze staia 14.

Canne 12 di Firenze fanno in Gostantinopoli picchi 48 in 50 di panni lani.

Libbre 1 d’argento di Firenze fa in Gostantinopoli once 12, denari 22.

Libbre 100 di Gostantinopoli2 grosse fanno in Firenze libbre 147.

Cantaro 1 di Pera fa in Firenze libbre 138 1/3.

Perpero 1 peso di Gostantinopoli fa in Firenze denari3 3 e grani 14 di grosso4 peso.


 [[ Print Edition Page No. 200 ]] 

204 Saggi 6 di Gostantinopoli fanno in Gostantinopoli1 once 1 a peso.

E vagliendo in Gostantinopoli2 e in Pera il fiorino d’oro tanti carati a numero come sarà scritto qui appresso, e vagliendo in Firenze il fiorino d’oro soldi 29 a fiorino come si mette e paga e conta a pagamento di mercatante, verrebbe a valere il perpero di carati 24 per 1 perpero tanti soldi a fiorino quanti fia posti appetto di ciascuno numero di carati scritti qui dappiede e dallato inanzi:3

A carati 38 il fiorino viene il perpero soldi 18, denari 3 e 15/19 a fiorino.
A carati 38½ il fiorino viene il perpero soldi 18, denari — 22/77 [72/77]
A carati 39 il fiorino viene il perpero soldi 17, denari 10 2/3 [2/13]
A carati 39½ il fiorino viene il perpero soldi 17, denari 5 73/79 [d. 7 35/79]
A carati 40 il fiorino viene il perpero soldi 17, denari 4 4/5
A carati 40½ il fiorino viene il perpero soldi 17, denari 2 2/9
A carati 41 il fiorino viene il perpero soldi 17, denari 1 19/41 [s. 16, d. 11 29/41]
A carati 41½ il fiorino viene il perpero soldi 16, denari 9 21/83
A carati 42 il fiorino viene il perpero soldi 16, denari 6 6/7
A carati 42½ il fiorino viene il perpero soldi 16, denari 4 9/17 [44/85]
A carati 43 il fiorino viene il perpero soldi 16, denari 2 19/43 [10/43]
A carati 43½ il fiorino viene il perpero soldi 16, denari 0
A carati 44 il fiorino viene il perpero soldi 15, denari 9 9/11
A carati 44½ il fiorino viene il perpero soldi 15, denari 7 61/89
A carati 45 il fiorino viene il perpero soldi 15, denari 5 3/5
A carati 45½ il fiorino viene il perpero soldi 15, denari 3 57/91 [51/91]
A carati 46 il fiorino viene il perpero soldi 15, denari 1 12/27 [13/23]
A carati 46½ il fiorino viene il perpero soldi 14, denari 11 19/31

205 con Nimissi e con Monpolieri

Libbre 122 1/6 di libbra al peso della stadera di Firenze fanno in Nimisi e in Monpolieri cantare 1, e le 3 cantara sono 1 carica.

Canne 10 di Firenze fanno in Nimisse canne 11 e 1/4.

Sestiere 1 di grano alla misura di Nimissi fanno in Firenze staia 1 1/2.

Marchio 1 d’argento al peso di Nimissi fa in Firenze once 8, denari 8.

Libbre 1 di carica di Nimissi fanno in Firenze once 14, denari 16.

Libbre 1 sottile di Nimissi fanno in Firenze once 11, denari 6.

con Marsilia

Canne 11 1/4 di Marsilia fanno in Firenze canne 10.

con Arli

Sestiere 1 di grano d’Arli fa in Firenze staia 2 e 2/3.


 [[ Print Edition Page No. 201 ]] 

con Vignone

Corda 1 di tela di Vignone fa in Firenze canne 6 scarse.

Marco 1 d’argento di Vignone fa in Firenze once 8, denari 7.

Cantaro 1 di Vignone, che è libbre 100, fa in Firenze libbre 123 in 125.

Canovacci si vendono a corda, ed è la corda canne 6 e 3/4.

con Corte di Papa

Once 8 di Firenze d’ariento fanno in Corte marchio 1 e denari 3, di denari 24 per 1 oncia, e d’once 8 per 1 marchio.

con Subilia di Spagna

Marchio 1 d’argento al peso di Sibilia fa in Firenze once 8, denari 2.

Libbre 1 al peso di Sibilia di mercantia fa in Firenze once 17 1/3.

Cafisso 1 di grano alla misura di Sibilia fa in Firenze staia 22 colme.

Braccia 1 1/3 alla misura di Firenze fa in Sibilia varra 1.

Cantare 1 di Sibilia fa in Firenze libbre 105. 206

Rove <4?>1 meno 1/12 di rove d’olio alla misura di Sibilia fanno in Firenze orcio 1 d’olio.

colle fiere di Campagna

Libbre 100 al peso della stadera di Firenze fanno in fiera libbre 73.

Marchio 1 d’argento al peso di fiera fa in Firenze once 8, denari 15.2

Libbre 1 di Firenze fa in fiera once 11, denari 3.

con Parigi

Once 16 2/3 al peso3 della stadera di Firenze fanno in Parigi libbre 1 e once <1 e denari>4 15 di Parigi.

Marchio 1 d’argento e d’oro al peso di Parigi fa in Firenze once 8, denari 16.

Libbre 500 al peso della stadera di Firenze fa in Parigi carica 1.

Libbre 1 d’argento al peso di Firenze fa in Parigi once 11, denari 2.

Tinello 1 di vino di Parigi, ch’è in Parigi cestieri 96, e ciascuno cestiere si è 8 pinte, e la pinta di Parigi è alcuna cosa maggiore che la metadella
 [[ Print Edition Page No. 202 ]] 
di Firenze, sicchè si puote ragionare il tinello di Parigi da cogna 2 di Firenze.

Sestiere 1 di grano di Parigi fanno in Firenze staia 5 1/2.

Firenze con Ancona

Libbre 100 d’Ancona fanno in Firenze libbre 102.1

Canne2 10 di Firenze fanno in Ancona braccia 37 1/4.

Marchio 1 d’argento d’Ancona fa in Firenze once 8, denari 6.

Soma 1 di grano d’Ancona fa in Firenze staia 7 colme.

con Londra d’Inghilterra

Libbre 100 di Londra fanno in Firenze libbre 138 in 140.

Sacco3 1 di lana al peso di Londra fa in Firenze libbre 433 in 440 netto di tara che ne fanno i lanaiuoli.

Marchio 1 d’argento al peso della Torre di Londra fa in Firenze once 8, denari 8.

E vagliendo in Firenze il fiorino d’oro soldi 29 a fiorino come si conta e si mette a pagamento di mercatantia e di cambiora in Firenze, e vagliendo in Inghilterra il fiorino d’oro tanti starlini d’ariento quanto diviserà qui appresso e inanzi, verrebbe a valere il marchio delli sterlini a denaro per denaro tante lire a fiorino quanto sarà posto appetto di ciascuno numero di starlini:4

207 A denari 33 sterl. il fior. viene il mar. lire 7, sol. —, den. 7 e 2/11 [3/11] a fior.
A denari 33¼ starl. il fior. viene il mar. lire 6, sol. 19, den. 6 e 78/133
A denari 33½ sterl. il fior. viene il mar. lire 6, sol. 18, den. 6 e 6/67
A denari 33¾ sterl. il fior. viene il mar. lire 6, sol. 17, den. 4 e 8/45 [d. 5 7/9]
A denari 34 sterl. il fior. viene il mar. lire 6, sol. 16, den. 5 e 11/17
A denari 34¼ sterl. il fior. viene il mar. lire 6, sol. 15, den. 5 e 95/137
A denari 34½ sterl. il fior. viene il mar. lire 6, sol. 14, den. 5 e 21/23
A denari 34¾ sterl. il fior. viene il mar. lire 6, sol. 13, den. 6 e 42/139
A denari 35 sterl. il fior. viene il mar. lire 6, sol. 12, den. 6 e 6/7
A denari 35¼ sterl. il fior. viene il mar. lire 6, sol. 11, den. 7 e 81/141
A denari 35½ sterl. il fior. viene il mar. lire 6, sol. 10, den. 8 e 32/71
A denari 35¾ sterl. il fior. viene il mar. lire 6, sol. 9, den. 9 e 69/143
A denari 36 sterl. il fior. viene il mar. lire 6, sol. 8, den. 10 e 2/3
<A denari 36¼ sterl. il fior. viene il mar. lire 6, sol. 8>
<A denari 36½ sterl. il fior. viene il mar. lire 6, sol. 7, den. 1 e 35/73>
 [[ Print Edition Page No. 203 ]] 
<A denari 36¾ sterl. il fior. viene il mar. lire 6, sol. 6, den. 3 e 5/49>
<A denari 37 sterl. il fior. viene il mar. lire 6, sol. 5, den. 4 e 32/37>
A denari 37¼ sterl. il fior. viene il mar. lire 6, sol. 4, den. 6 e 32/37 [114/149]
A denari 37½ sterl. il fior. viene il mar. lire 6, sol. 3, den. 10 e 114/149 [d. 8 4/5]
A denari 37¾ sterl. il fior. viene il mar. lire 6, sol. 2, den. 2 e 4/5 [d. 10 146/151]
A denari 38 sterl. il fior. viene il mar. lire 6, sol. 2, den. 1 e 146/151 [5/19]
A denari 38¼ sterl. il fior. viene il mar. lire 6, sol. 1, den. 3 e 5/19 [35/51]
<A denari 38½ sterl. il fior. viene il mar. lire 6, sol. 0, den. 6 e 18/77>
<A denari 38¾ sterl. il fior. viene il mar. lire 5, sol. 19, den. 8 e 28/31>
A denari 39 sterl. il fior. viene il mar. lire 5, sol. 18, den. — e 28/31 [d. 11 9/13]
A denari 39¼ sterl. il fior. viene il mar. lire 5, sol. 18, den. 2 e 9/13 [94/157]
A denari 39½ sterl. il fior. viene il mar. lire 5, sol. 17, den. 4 e 44/157 [d. 5 49/79]
A denari 39¾ sterl. il fior. viene il mar. lire 5, sol. 16, den. 8 e 49/79 [120/159]
A denari 40 sterl. il fior. viene il mar. lire 5, sol. 16, den. — e 120/159 [d. 0]
A denari 40¼ sterl. il fior. viene il mar. lire 5, sol. 5, den. 3 e 57/161 208
A denari 40½ sterl. il fior. viene il mar. lire 5, sol. 14, den. 6 e 22/27
A denari 40¾ sterl. il fior. viene il mar. lire 5, sol. 13, den. 10 e 62/163
A denari 41 sterl. il fior. viene il mar. lire 5, sol. 13, den. 2 e 2/41
A denari 41¼ sterl. il fior. viene il mar. lire 5, sol. 12, den. 5 e 9/11
A denari 41½ sterl. il fior. viene il mar. lire 5, sol. 11, den. <9 e 57/83
A denari 41¾ sterl. il fior. viene il mar. lire 5, sol. 11, den.> 1 e 109/160 [109/167]
A denari 42 sterl. il fior. viene il mar. lire 5, sol. 10, den. 7 e 7/8 [d. 5 5/7]

Firenze con Castello di Castro di Sardigna

Marchio 1 d’argento di Castello, ch’è tutt’uno col marchio di Barzalona di Catalogna, fa in Firenze once 8, denari 6.

con Sallonicchi di Romania

Libbre 100 di cera o di cotone al peso di Sallonicchi fa in Firenze libbre 100.

Libbre 10 di cera al peso di Sallonicchi1 fa in Firenze libbre 9.

XLVIIPISA

In Pisa si à due pesi cioè stadera e bilancia, e lo peso della stadera è maggiore che quello della bilancia 2 per centinaio.

Al peso della bilancia si vende spezieria sottile a libbre, e se fusse la quantità da libbre 100 in su sì si peserebbe a una stadera ch’è più sottile peso che la stadera ove si vende l’altra mercatantia 1 per centinaio.

Lana e boldroni, cotone, pepe, giengiovo, tutte avere di levante si vendono in Pisa a centinaio di stadera.

Carne, formaggio, coiame, si vendono in Pisa a cantare ch’è libbre 158 al peso della stadera.2


 [[ Print Edition Page No. 204 ]] 

Olio si vende in Pisa a staio ch’è libbre 12 di misura, e ogni libbra di misura si è libbre 20 di peso.

Seta si vende in Pisa a peso di Lucca, che le libbre 100 di Lucca fanno in Pisa libbre 97 e once 4; 209 e vendonsi a coppia, * cioè le libbre 2 per 1 coppia, a pregio di tante lire <e> soldi di piccioli la coppia.

Quello che si paga in Pisa di senseraggio e di mercantia o di cambio secondo gli ordini pisani 1

Cuoia di bue, chi vende denari 6.2

Panni franceschi, soldi 3 per panno chi vende.

Panni nostrali3 da soldi 24 in su la canna, paga chi vende soldi 2 per panno.

Panni albagi e taccolini4 o mezalani od ogn’altro panno di colore da soldi 24 la canna, paga chi vende soldi 1 per panno.

Lana sucida, boldroni di Garbo,5 chi vende per fascio o per sacco soldi 3.

Lana lavata e6 tonduta di Garbo, chi vende paga soldi 2 per centinaio.

Lana francesca lunga, e agnellina, e nerbonese,7 di Pirpignano, e d’Inghilterra, e di Fiandra,8 chi vende paga soldi 3 per sacco.

Lana nostrale,9 chi vende paga soldi 1 per centinaio di peso.

Lana sardesca agnellina e legata, denari 4 per centinaio.

Stame filato di Garbo o10 francesco, paga chi vende soldi 3 per centinaio.

Miccino e pelatura11 e grattugia e maconne, chi vende soldi 3 per centinaio.


 [[ Print Edition Page No. 205 ]] 

Stame di legati,1 chi vende paga soldi 1 per centinaio.

Panni lini e canovacci, chi vende paga soldi 2 per balla.

Barracchani2 d’ogni ragione, chi vende paga soldi 23 per balla.

Oro, ciascuno delle parti soldi 2 per centinaio de’ fiorini d’oro.

Argento bianco e bolzone4 d’argento, ciascuna delle parti soldi 1 piccioli5 per libbra.

Argento morato,6 ciascuna delle parti denari 47 per libbra.

Cambiora da una terra a una altra e allogare denari, ciascuna delle parti soldi 2 per centinaio di fiorini d’oro.

Cambiare monete d’argento a fiorini d’oro, soldi 1 per centinaio di fiorini d’oro <da ciascuna parte>.8

Bolzone di monete picciole,9 ciascuna delle parti denaro 1.

Rame d’ogni ragione, chi vende denari 6 piccioli per centinaio di peso.

Stagno in verghe marcato,10 chi vende soldi 1, denari 6 per centinaio.

Piombo, chi vende soldi 1 per migliaio.11

Ferro infranto,12 chi vende soldi 1, denari 6 per centinaio di peso.13

Acciaio, chi vende soldi 3 per balla. 210

Pecie, chi vende denari 4 per centinaio di peso.

14Formaggio ciciliano e galorese e cavallo, chi vende denari 3 per cantare.

Formaggio sardesco bianco, chi vende soldi 315 per pondo.

Tonnina, chi vende paga del barile grande denari 4.

16Tonnina, chi vende paga del terzeruolo17 denari 3.

Sorra in giarre, chi vende denari 6 della giarra.

Nocelle e noce e fichi secchi, chi vende denari 2 per istaio.

Carne insalata e lardo e sugna18 e sevo d’ogni parte, chi vende paga denari 4 per centinaio di peso.


 [[ Print Edition Page No. 206 ]] 

Grano, chi vende denari 1 dello staio, sì veramente che la senseria non monti più che le lire <20>.1

Orzo, chi vende delle 100 staia soldi 5, sì veramente che la senseria non possa montare più che lire 15.

Di navolegiamenti2 <di legni>,3 il padrone de’ legni4 denari 8 per pondo, <e chi navoleggia, per pondo denari 4,> sì veramente che5 non possa montare la senseria più di lire 15.

Sale, chi vende paga soldi6 2 dello staio grosso.

Navoleggiare balle e altre merce, tutte pagano gabella, li navaiuoli <sol. uno> e lo mercante7 per balla denari 6.

Del matrimonio e delle posessione che si vendono e che si comperano, paga ciascuna parte denaro 1 per lira, e che la somma non monti più che lire 20 di senseraggio.

Pepe, chi vende soldi 1, denari 6 per centinaio.

Giengiovo belledi,8 chi vende soldi 4 per centinaio.

Giengiovo colombino, chi vende soldi 4 per centinaio.

Cannella di Romania, chi vende soldi 2 per centinaio di peso.

Cannella d’Allessandria, chi vende soldi 39 per centinaio.

Zucchero bambillonio, chi vende soldi 3 del centinaio.

Zucchero caffettino, chi vende soldi 3 del centinaio.

Polvere di zucchero10 di Cipri, chi vende soldi 2 per centinaio.

Polvere di zucchero10 d’Allessandria, chi vende soldi 2 per centinaio.

Cera di Romania o d’altra parte che fusse, paga soldi 2 del centinaio.

11Cera barberesca, chi vende soldi 3 del centinaio.

Verzino12 mondo, chi vende soldi 8 del centinaio.

Verzino scorzuto,13 chi vende soldi 8 del centinaio.

Mondiglia14 di verzino, chi vende soldi 4 del centinaio.

Gherofani, chi vende denari 2 per libbra.15


 [[ Print Edition Page No. 207 ]] 

211 Fusti di gherofani, denari 3 per centinaio chi vende.

Datteri d’Allessandria,1 chi vende soldi 2 per centinaio.

Noce moscade, chi vende denari 32 per libbra.3

Spigo grosso, chi vende denari 3 per centinaio.

Mace grossa, chi vende denari 3 per libbra.3

Caffera fine, chi vende denari 44 per libbra.3

Zafferano toscano, chi vende denari 3 per libbra.3

Zafferano catalano, chi vende denari 3 per libbra.3

Incenso di Romania, chi vende soldi 3 per centinaio di peso.

5Cinabro,6 chi vende soldi 3 per centinaio.

7Zafferano marchigiano, chi vende denari 3 per libbra.3

Verderame, chi vende soldi 2 del centinaio.

Cassia fistola, chi vende soldi 2 del centinaio.

Meleghette8 in grome, chi vende paga denari 3 per libbra.9

Cubebe dimestiche, chi vende denari 3 per libbra.3

Cubebe salvatiche, chi vende denari 3 per libbra.3

Ribarbero fine, chi vende denari 3 per libbra.3

Turbitti fini, chi vende soldi 3 del centinaio.

Scamonea, chi vende denari 3 per libbra.3

Pepe lungo, chi vende denari 310 per libbra.3

Indago di Gabbadeo,11 <chi vende> soldi 8 del centinaio.

12Comino di Spagna, chi vende soldi 2 del centinaio.

Anici dolci, chi vende soldi 2 del centinaio.

Zolfo13 giallo, chi vende soldi 1 del centinaio.

Sapone14 di Spagna, <chi vende> soldi 1, denari 6 del centinaio.

Mandorle sanza guscio,15 <chi vende> soldi 1 per centinaio.

Riso di Spagna, <chi vende> soldi 1 per centinaio.

Mastico, chi vende soldi 4 per centinaio.

Zaffole16 di Valenza, chi vende soldi 3 del centinaio.


 [[ Print Edition Page No. 208 ]] 

Allume di rocca grosso, chi vende soldi 1 del centinaio.

Mele provincialesco, chi vende soldi 1 del centinaio.

Zettoaro1 chi vende soldi 3 del centinaio.

Grana di Coranto, chi vende soldi 12 del centinaio.

Grana di Spagna, chi vende soldi 12 del centinaio.

Lacca di Romania fine, chi vende soldi 8 del centinaio.

Biacca sottile, chi vende soldi 8 del barile.

Biacca mezzana, chi vende soldi2 8 del barile.

Robbia di Romania, chi vende soldi 1 del centinaio.

Arzicco, chi vende denari 6 del centinaio

Scotano provenzalesco, chi vende denari 4 per centinaio.

Cardamone dimestico <et salvatico>, chi vende denari 2 per libbra.3

Cotone d’oltre a mare, chi vende soldi 24 per sacco.

212 Bucherame d’Arzinga,5 chi vende denari 3 per pezza.

Bucherame di Cipri, <e di Tunizi> chi vende denari 3 per pezza.

Guado, chi vende soldi 96 per migliaio.

Polvere d’oricello,7 chi vende soldi 1, denari 6 per centinaio.

Agnelline provenzalesche o vero di magello, chi vende denari 6 del centinaio.

Volpe provenzalesche,8 chi vende denari 6 per centinaio.

Avortoni piccioli di Provenza,9 chi vende soldi 2 del centinaio.

Conigli, chi vende soldi 1 del centinaio.

Danii10 sardeschi, chi vende soldi 1 del centinaio.

Vai bolgari,11 chi vende soldi 10 del migliaio.12

Scherioli di Giadra,13 scherioli di Calavria e altre pillacerie,14 chi vende soldi 1 per centinaio.

Seta mordecascio,15 seta ghella, seta turci,16 seta talani,17 seta mettasella,
 [[ Print Edition Page No. 209 ]] 
seta soriana di colore inlinc,1 seta di fregio di colore inlunc; tutte le dette sete, chi vende soldi 6 per centinaio di libbre.2

Zendadi bianchi, tartani3 <detti> cangiacolori, e oro4 filato, et argento filato di Venetia,5 velluti di più ragioni; di tutte le dette cose, chi vende denari 1 per libbra.6

Carte mezane, carte reali,7 chi vende denari 3 per risima.8

Tele di Stormo,9 tele di Borgogna, tele di Renso, e veli larghi bolognesi, chi vende denaro 1 per libbra.10

Lino, chi vende denaro 1 per libbra.10

Quello che à di spesa il grano a conducerlo dal Porto Pisano a Pisa e da Pisa a Firenze

Primieramente, per farlo misurare in Porto Pisano in barche o vero in piatte che lo conducono dal Porto a Pisa, ogni pondo di grano, che è 24 staia di Pisa, in somma soldi 1 di pisani.

Per nolo di Porto Pisano a Pisa infra’ 2 porte di Pisa, e ogni pondo, in somma soldi 18 di pisani.

E per farlo misurare in Pisa quando si riceve delle barche o vero piatte in Pisa, e ogni pondo, soldi 1 di pisani.

E per metterlo in magazzino in Pisa per ogni pondo, soldi 3.

Somma la spesa insino a Pisa lire 1, soldi 3 di pisani piccioli il pondo, ch’è 24 staia pisane, sicchè verrebbe a costare lo staio pisano insino a Pisa da denari 11½ di pisani piccioli, lo quale staio di Pisa torna in Firenze da staia 2¾.

E a volerlo conducere da Pisa a Firenze costa come direno qui appresso e innanzi:

Primieramente, 213 per farlo misurare in Pisa e trarre del magazzino e farlo caricare in sulle barche o vero piatte che lo conduce di Pisa infino al porto di Signa su per Arno costa ogni pondo soldi 4 di pisani piccioli.

Somma per tutto come pare di qui in suso la spesa insino condotto al porto di Signa lire 8, soldi 1111 di pisani piccioli,12 di lire 3 de’ detti pisani
 [[ Print Edition Page No. 210 ]] 
piccioli per 1 fiorino d’oro, e di staia 24 pisane per 1 pondo di grano, che sono allo staio fiorentino da staia 64½, sicchè si puote ragionare che ne vegna allo staio fiorentino da soldi 2, denari 8 di pisani piccioli, che vagliono di piccioli di Firenze da soldi 2, denari 10, ragionando il fiorino d’oro in1 Pisa lire 3 di pisani e in Firenze lire 3, soldi 4 piccioli.

E costa per vettura da Signa a Firenze da denari 6 di piccioli lo staio.

E per gabella alla porta di Firenze, soldi 1 di piccioli lo staio.

Quello che si paga di garbellatura di spezieria che si garbellano in Pisa, e la garbellatura paga il comperatore e niente il venditore

Pepe, gengiovo, cannella, per balla di libbre 250, soldi 1, denari 8 di pisani.

Gherofani, denaro 1 per libbra.

Fusti di gherofani, indaco, lacca, soldi 2 del centinaio delle libbre.

Mastico, zettoaro, soldi 1 del centinaio delle libbre.

Incenso, denari 6 per centinaio di libbre.

Mandorle, denari 4 per centinaio.

Riso, denari 3 per centinaio di libbre.

Quello che paga di legatura la mercantia in Pisa

Seta, del fardello soldi 3 di pisani.

Tutte spezierie, soldi 1, denari 6 <della> balla.

Panni franceschi, del torsello soldi 2.

Panni d’ogni ragione, soldi 1, denari 4 <della> balla.

Boldroni, tara per santitura e legatura, soldi 1, denari 4 della balla.

Lana sucida, soldi 1, denari 8 del sacco.

Lana lavata, per insaccatura e lavatura, soldi 2 della balla.

Quello che ànno di spesa le cuoia di Porto Pisano insino discaricate e messe in magazzino in Pisa

Per barche che iscaricano delle nave in Porto, soldi 2 del centinaio delle cuoia a novero.

214 Per bastagi che le traggono delle barche e metteno in terra, soldi 5 del centinaio delle cuoia a novero.

Per fondacaggio in Porto Pisano, denari 6 del centinaio a novero.

Per carreggio da Porto Pisano a Pisa secondo il tempo, da soldi 2 o soldi 3 per cantare.

Per gabella di cuoia di Romania, soldi 6, denari 8 per cantaro.


 [[ Print Edition Page No. 211 ]] 

Per gabella di cuoia barberesche o sardesche o ciciliane, soldi 5 1/3 per cantare.

Per iscaricarle e metterle in magazzino in Pisa, denari 1 1/2 per cantare.

Quello ch’ànno di spesa le lane e boldroni a conducere di Porto Pisano a Pisa

Per le barche che le conducono dalla nave a terra in Porto Pisano, al fascio de’ boldroni o al fascio della lana <. . .>.

Per bastagi che le discaricano delle barche e mettonle in terra, del fascio o vero sacco, soldi 1, denari 6 di pisani piccioli.

Per fondacaggio in Porto Pisano, denari 8 piccioli per fascio o per sacco.

Per cariaggio di Porto Pisano in Pisa per fascio o sacco, secondo il temporale denari 6 infino 8, ragione comunale soldi1 7 di piccioli.

Per gabella in Pisa a boldroni,2 per cantare barberesco, soldi 5, denari 4 piccioli.

Per gabella della lana, per cantare barberesco soldi 5 di piccioli.

Per iscaricare3 e mettere in magazzino in Pisa, al fascio denari 6.

Per trarre i boldroni del magazzino e sortirli e rimettere nel magazzino, per ciascuno fascio soldi 2, denari 6 piccioli.

E per tarare di lana e boldroni a’ taratori, d’ogni balla che veggiono da ciascuna delle parte soldi 1 di piccioli, e di quelle che non veggiono denari 2 da ciascuna delle parti e per ciascuna delle balle o sacco o vero fascio di lana o di boldroni.

Quello ch’à di spesa il vino a condurlo di Porto Pisano a Pisa

Per nolo di Porto Pisano in Pisa, soldi 15 di pisani piccioli la botte.

Per discaricare e mettere in magazzino in Pisa, soldi 3, denari 6 la botte.

Per gabella della botte del greco in Pisa, il cittadino soldi 3 piccioli la botte. 215

Altri vini fuori che vernaccia, cioè vini latini, soldi 2 piccioli il barile, e intendesi il barile 32 mezzi quarti, al pisano; e fiorentino non dee pagare niente, sì veramente che lo rechino fuori del distretto di Pisa.

Vernaccia paga di gabella soldi 12 il barile.

E se lo vuoi trarre il vino fuori di Pisa per mandare in altre parte paga di gabella soldi 30 la botte.

E vernaccia a trarla fuori di Pisa paga soldi 12 il barile.


 [[ Print Edition Page No. 212 ]] 

Quello ch’à di spesa il sale a conducerlo dal Porto Pisano a Pisa e da Pisa a Firenze a condurlo su per Arno per lo cammino da Pisa infino a Signa e poi da Signa infino a Firenze per terra

Per lo primo costo del sale in Pisa, quando più e quando meno, a comunale pregio da lire 8 di pisani piccioli lo staio grosso di Pisa, che fa in Firenze staia 33 1/3 a misura di sale.

E per iscaricarlo delle piatte che l’ànno condotto dal Porto a Pisa e per caricarlo in sulle piatte che lo conducono da Pisa insino a Signa, al detto staio grosso soldi 2 di piccioli pisani.

E per misuratura in Pisa, soldi 2, denari 6 de’ detti piccioli.

E per salaro di gente che stanno alla taglia quando si misura in Pisa, soldi 1 de’ detti piccioli.

E per ispago e silimbacche1 e cere per legare e sugiellare le sacca in che si mette il sale quando si manda da Pisa a Signa, e per carte di notaio che si fanno dell’alogagioni delle piatte che ’l conducono da Pisa a Signa, in somma alle dette staia grosse denari 8 de’ detti piccioli.

E per lo passaggio di Bettina, denari 8 de’ detti piccioli.

E per lo passaggio di Santa Maria a Monte, soldi 9, denari 3 de’ detti piccioli.

E per lo passaggio di Castello del Borgo, soldi 3 detti piccioli.

E per nolo delle piatte che lo conducono da Pisa a Signa, e ’l detto staio grosso, lire 3, soldi 6, denari 6 detti piccioli.

Somma le spese scritte da qui in su e dallato a drieto una faccia, sanza il primo costo, di Pisa insino al porto di Signa, da lire 4, soldi 5, denari 7 detti piccioli lo staio grosso di Pisa.

216 Quello ch’à di spesa il sale a conducerlo dal porto di Signa infino a Firenze per terra allo staio grosso di Pisa, che è staia 33½ alla misura del sale in Firenze:

Primieramente, per li condottieri che stanno a Pisa e per coloro che lo spacciano per lo Val d’Arno,2 soldi 4 piccioli.

Per lo pedaggio di Monte Topoli, soldi 1, denari 5 piccioli.

Per ispacciatura per lo Val d’Arno, denari 4 piccioli.

Per lo passaggio di San Miniato, soldi 2, denari 10 piccioli.

Per scaricatura delle piatte, soldi 1, denari 5 piccioli.

Per la vettura da Signa a Firenze, soldi 16.

Per la misuratura della dogana del sale in Firenze quando viene da Signa o vero quando si vende, soldi 1, denari 6 piccioli al detto staio grosso di Pisa.

E per peggioramento di sacca in che si conduce da Pisa a Firenze, da soldi . . .


 [[ Print Edition Page No. 213 ]] 

XLVIIICome il peso e la misura di Pisa torna in diverse terre del mondo, e quelle con Pisa, e primieramente con Castello di Castro di Sardigna

Il cantar di Castello di Castro è maggior che quello di Pisa libbre 9.

Il centinaio delle starelle del grano alla misura di Castello fanno in Pisa staia 76 in 78.

Marchi 1½ d’argento al peso di Castello fa in Pisa libbre 1.

E la misura del vino di Castello è tutt’una colla misura di Pisa.

E lo centinaio de’ quartini del sale alla misura di Castello sono in Pisa quarre 62, che sono staia 1 grosso in Pisa, e sono staia 15 e ½ picciole; e posonsi i detti 100 quartini a portata di nave salme 75 di grano.

Pisa con Arestano

Lo centinaio delle starelle alla misura d’Arestano fanno in Pisa staia 58.

Pisa con Marsilia

Cantare 1 di Marsilia torna in Pisa libbre 125, e li 3 cantara sono 1 carica in Marsilia.

100 barili di vino alla misura di Pisa fanno in Marsilia mezeruole 104 217 in 110.

con Nimissi e con Monpolieri

Cantaro 1 di Nimissi e di Monpolieri fa in Pisa libbre 129, e li 3 cantara sono 1 carica.

Marchio 1 di Nimissi e di Monpolieri fa in Pisa once 8, denari 13.

con Genova

Cantaro 1 di Genova fa in Pisa libbre 145.

Staia 100 di grano alla misura di Pisa fa in Genova mine 59.

Libbre 100 di Pisa fanno in Genova libbre 103.

con Subilia di Spagna

Cantaro 1 di Subilia torna in Pisa libbre 151 in 152.

Cafisso 1 di grano alla misura <di Subilia> fa in Pisa staia 8 e 1/10.

Marchio 1 d’argento al peso di Sobilia fa in Pisa once 8, denari 7, e grani 10, di grani 24 per 1 denaro.

con Niffe di Spagna

Cafissi 1 di grano alla misura di Niffe fa in Pisa staia 37.


 [[ Print Edition Page No. 214 ]] 

con Parigi

Libbre 425 di Pisa fanno in Parigi carica 1 di spezieria.

con Londra d’Inghilterra

Libbre 100 di Londra fanno in Pisa libbre 145.

Seta si vende in Pisa a peso di Lucca, e ragionasi le 100 libbre di Lucca libbre 97 e once 4 di Pisa, d’once 12 per 1 libbra.

con Buggiea di Barberia

Cantaro 1 di Buggiea fa in Pisa libbre 158.

Libbre 225 di lino in Pisa fanno in Buggiea cantaro 1 di lino.

con Iera di Provenza 1

Le 8 olle di sale di Iera2 fanno in Pisa quarre 62, cioè 1 staio grosso.

con Arli di Provenza

Sestieri 10 di grano alla misura d’Arli fanno in Pisa staia 9.

218 con Cornovaglia d’Inghilterra

Cantaro 1 di stagno al peso di Cornovaglia fa in Pisa libbre 140.

E costa il migliaio in Cornovaglia da marchi 10 di sterlini.

con Sallonicchi di Romania

Marchi 1 di Sallonicchi fa in Pisa libbre 120.

con Tortosa di Catalogna

Cafisso 1 di grano alla misura di Tortosa fa in Pisa staia 8 picchiate.

XLIXGIENOVA

per se medesima

In Genova si à di più maniere pesi, cioè cantaro, e centinaio, e libbra, e oncia, e saggio.

E lo cantare si è libbre 150.

E lo centinaio si è libbre 100.


 [[ Print Edition Page No. 215 ]] 

E la libbra si è once 12.

E l’oncia si è saggi 6.

E altressì si è l’oncia denari 24.

E lo danaio si è 241 grani pesi.

E le mercatantia così si vendono quale a cantare, e quale a centinaio, e quale a libbra, e quale a oncia, e quale a saggio, e quale a conto, come diviserà qui appresso e inanzi ordinatamente:

A cantare si vendono in Genova

Stagno, e allume, e cotone, e sevo di Romania.

Cuoia, e lana, e boldroni, ch’è cantar 4 per 1 soma.

Boldroni, e formaggio, e carne insalata.

A centinaio si vende in Genova

Pepe tondo, e pepe lungo, e gengiovo, e cannella, e incenso, e verzino mondo, pure libbre 100 per 1 centinaio; e zucchero in pani d’ogni ragione, e polvere di zucchero, e mastico, e mirra, e verzino scorzuto, calbino, e argento vivo, e lacca, e indaco, e cinabro, e cassia fistola, e di verzino scorzuto dà libbre 110 per 1 centinaio; armoniaco, e orpimento, e grana.

A libbra si vendono a Genova

Gherofani, e fusti di gherofani, e noce moscade, e mace, cubebe, galinga, spigo, e sandali, e cardamoni, caffera, legno * aloe, borrace, 219 e scamonea, sangue di dragone, e storace2 calamita, e spodio, e riubarbero, e zafferano, e seta, e argento in piatte o in vasella o in pagliuola o in buglione, e perle.

A migliaia di novero vi si vende

Vai d’ogni ragione, e scheriuoli d’ogni ragione, e dàssene a conto 1030 per 1 migliaio.

A centinaio di novero vi si vendono

Volpi di Provenza, e volpi spagniuole, e dàssene 110 per 1 centinaio; ed ermellini, e dàssene 113 per 1 centinaio.

A centinaio si vendono in Genova

Seme da bachi, e corallo di sorta, risalgallo, e turbitti, e cera nuova.

A novero si vende in Genova

Volpi di Provenza, e martore, e faine, e dàssene per novero 13 pelle.


 [[ Print Edition Page No. 216 ]] 

A centinaio di canne si vendono in Genova

Tele di Nuovo, e tele di Gostanzo, e tele navarresi, et d’altre tele, cioè lunigiane, e chermonese, e melanese.

A pezza si vendono in Genova

Tele di Campagna, e stamigne, e velluti di seta d’ogni ragione, taffetta di seta d’ogni ragione, camucca di seta d’ogni ragione, maramanti di seta e d’oro, nacchetti di seta e d’oro d’ogni ragione, drappi di seta e d’oro d’ogni ragione, bucherami d’ogni ragione.

A mina di misura si vende in Genova

Grano, e orzo, e tutti biadi, e legumi.

Lino si vende in Genova a torta,1 ed è la torta1 libbre 52 di Genova.

Olio si vende in Genova a barile, e lo barile si è cantar 1.

Sale si vende al comune a mine, e dànne il comune al cittadino soldi 15 della mina, e al forestiere soldi 14 della mina.2 E prende 102 mine per 100, e oltre a ciò prende il comune uno diritto che si chiama il diritto del quartino, che è 3 3/4 per centinaio, sanza altro diritto pagare; 220 e chi porta sale a Genova è franco d’ogni loso o rappressaglia * che’ genovesi avessoro sopra di lui o sopra le genti della terra di quello cotale che portasse il sale a Genova.

Tutte le mercantie che si vendono in Genova si vendono e comperano a libbre anzi a lire di genovini piccioli, e pagansi di genovini o di fiorini d’oro, d’ogni soldi 25 di genovini piccioli uno fiorino d’oro o uno genovino d’oro, come in Firenze de’ soldi 29 a fiorino uno fiorino d’oro.

Il passo del mare si è in Genova palmi 7 di canna. Il govito del mare si è in Genova palme 3 di canna, sicchè conviti3 2 1/3 fanno uno passo.


 [[ Print Edition Page No. 217 ]] 

Ragionasi che quando cuoia di bue di Romania vagliano quelle di 24 in 28 cantare peso di Genova le 100 cuoia a conto uno certo pregio, che quelle di 28 in 32 cantara varranno soldi 2 più il cantare, <e> che quelle di 32 in 36 cantara varanno più soldi 2 il cantare che quelle di 28 in 32 cantara peso le 100 cuoia a novero.

Diritti di mercatantia che si paga in Genova

D’ogni mercatantia che si mette in Genova salvo vettuvaglia si paga denari 5 per lira1 e più 1 per centinaio.2

E chi vende paga uno diritto che si chiama riva, paga soldi 2 per lira, e questo si tiene al comperatore appunto di quello che si vende la mercantantia; bene soleva essere soldi 4 per lira, ma tornòssi poi a due come dice qui che si dee pagare.

E per lo pedaggio di Gavi3 e per Voltaggio, d’ogni soma di mercatantia d’onde che vegna in Genova, soldi 1, denari 6 genovini piccioli per soma.

E chi trae mercatantia di Genova per mandare inverso pelago4 sì paga il sopradetto pedaggio, salvo chi manda o mettevi mercatantia da Napoli paga anche un altro pedaggio oltre a’ sopradetti pedaggi, cioè ½ per centinaio di ciò che vale la mercatantia che trae o mette.

E chi manda i panni a pelago paga i sopradetti pedaggi e oltre a ciò denari 1 per lira di ciò che montano i panni; e se vende in Genova paga il medesimo danaio come se di Genova traesse.

E se alcuno panno si vende a taglio, di che che ragione si sia il panno, paga denari 8 per lira, i quali si ritengono a chi compera, e questo ene oltre a’ sopradetti pedaggi.

Roba niuna, cioè mercatantia, che vadia da Pisa a Genova non paga niente di pedaggio detti di sopra, se non chi vende paga la riva denari 2 per lira, e ritienli al comperatore.

Chi mette roba d’Inghilterra o di Fiandra la quale venga per terra per
 [[ Print Edition Page No. 218 ]] 
lo reame di Francia non paga se none denari * 1 per lira; 221 d’ogn’altra1 parte <paga> di pedaggio2 come di sopra.

Grano d’onde che venga paga 2 gobbette per centinaio di gobbette, fanno 1 mina, e paga chi compera denari 12 per mina, e altro non pagano.

Vino d’onde che venga paga lo spedicamento detto, cioè denari 5 per lira, e uno per centinaio di ciò ch’è stimato che vaglia quando giugne, e in uno altro <luogo> paga denari 14 per mezeruola oltre a’ sopradetti pedaggi, e in un altro luogo paga soldi 2 e ½ per mezzeruola, e poi quando l’ai venduto di ciò che monta paga denari 8 per lira; e tutte queste spese vanno sopra quello che mette vino, e quelli che compera non paga niente chè tutte vanno sopra quelli che aduce il vino.

Tutti i legumi e noce e nocelle e castagne pagano come grano; carne e lardo e sugna e sevo d’onde che vengano pagano chi le mette denari 5 per lira e uno per centinaio, e chi la compera paga soldi 3 per cantaro, e la riva denari 2 per lira.

Olio paga chi ’l mette denari 5 per lira e uno per centinaio, e chi ’l compera soldi 3 per barile.

Ed àvi un altro pedaggio che si chiama il pedaggio di Portoveneri, ch’è di roba che venga d’Aguamorta a Pisa soldi 5 per torsello o vero soma che sia; e i fiorentini e ogn’altra maniera di genti che co’ genovesi non sieno convenzionati puoteli essere tolto infino in denari 12 per lira, ma tolgonne pure denari 8 per lira. Chi mette roba da Pisa a Genova non paga niente; e chi trae roba da Genova non paga niente, nè di lanaggio nè d’allume nè di boldroni nè di cuoia nè di beccume nè pellame; e ogn’altra mercatantia paga il sopradetto pedaggio di Portoveneri, cioè che gli puot’essere tolto insino in denari 12 per lira, però che li pagano3 i cittadini questi. Ogni altra mercatantia s’intende paghi chi le manda da Genova a Pisa, e simile s’intendono quelle non pagano niun’altro pedaggio quando più avanti non vadano.

Spese che si fanno in Genova al grano da quando è giunto al porto di Genova infino discaricato e venduto in Genova

Per lo giugnere e entrare al porto di Genova, denari 4 genovini piccioli per mina.

222 Per misuratura a nave, soldi 3 di genovini piccioli per centinaio di mine.

Per lo pedaggio della gobbetta, 2 per cientinaio.

Per portare dalla nave a terra e da terra al magazzino, da soldi 25 in
 [[ Print Edition Page No. 219 ]] 
soldi 30 di genovini piccioli il centinaio delle mine quando il magazzino sia nella ruga detta del canneto o intorno appresso alla detta ruga perchè è presso alla marina, ma se il magazzino fusse più lunge della marina costerebbe più secondo che fusse più lunge.

E per uno pedaggio, denari 12 per mina di quanto grano si mette in Genova.

E per pigione di magazzino, da soldi 3 in 4 di genovini per centinaio di mine il mese.

E per venditura in raba,1 soldi 30 di genovini il centinaio delle salme.2

E per senseraggio a chi il vende per mano di sensale, da ciascuna delle parti denari 1/2 in 1 di genovini per mina.

E per istivatura nel magazzino, che si dice volta in Genova, quando si discarica di nave, soldi 1 di genovini piccioli per centinaio di mine.

E per mancamento da quando si riceve da nave infino da che n’è venduto, 1 e 1/2 insino in 2 per centinaio.

E per trarre de’ magazzini e portare alla raba tra misuratura e portatura da soldi 25 per centinaio di mine.

Spese che si fanno al vino greco in Genova 3

Per uno pedaggio, soldi 5 di genovini piccioli per mezeruola, e la botte di Napoli fa in Genova mezeruole 4 e 4/5, sicchè monta soldi 24 di genovini la botte.

E per uno altro pedaggio, <soldi> 2 <di> genovini per mezeruola, che monta alla botte soldi 10 di genovini.

E per un altro pedaggio, soldi 1 di genovini per lira di quanto si vende il vino in Genova.

E per uno altro pedaggio, denari 7 di genovini piccioli per lira di quanto si vende il detto vino in Genova.

E per discaricare della nave e mettere in mare e trarre di mare e voltare per terra infino a’ magazzini e stivare ne’ magazzini, in somma da soldi 2 di genovini piccioli la botte.

223 Quello che à di spesa l’ariento a conducerlo da Genova in Romania in Pera in galee armate

Primieramente, per senseraggio, denari 1 per libbra.

E per pesatura in Genova denari ½ per libbra.


 [[ Print Edition Page No. 220 ]] 

E per ispedicamento del mare denari 5 per lira,1 puote toccare da soldi 3, denari 6 per libbra.

E per lo diritto della guerra de’ catalani, 1 per centinaio, puote toccare da soldi 1, denari 9 per libbra.

Per nolo da Genova insino in Pera in Romania, da 1 insino 1 e ¼ per centinaio, toccane da soldi 2, denari 2 per libbra.

Somma la detta spesa di Genova in Romania a una libbra d’ariento da soldi 7, denari 6½ di genovini piccioli alla libbra, oltre al primo costo dell’argento.

E se il conducesse pure da Genova a Porto Pisano sì v’à di spesa primieramente:

Per senseraggio, denaro 1 per libbra.

E per pesaggio in Genova denaro ½ per libbra.

E per ispedicamento o vero pedaggio di Portoveneri, denari 8 per lira, toccane da soldi 5, denari 4 per libbra.

E per nolo da Genova a Porto Pisano, da denaro 1 per libbra.

Somma la spesa da Genova a Porto Pisano da soldi 6, denari ½2 di genovini piccioli per libbra.

Come il peso e la misura di Genova torna in diverse terre del mondo, e quelle con Genova, e prima con Marsilia di Provenza

Mina 1 di formento in Genova fa in Marsilia sestieri 2 e 7/10.

Libbre 400 di Genova fanno 1 carica in Marsilia, e ogni carica si è cantara 3 di Marsilia.

Marchio 1 d’argento al peso di Genova fa in Marsilia once 8 e denari 22 1/2.

Libbre 1 di spezieria sottile in Genova fa in Marsilia libbre 1 sottile.

Lanaggio barberesco si vende in Marsilia a cantare barberesco, e dàssene libbre 122 per uno cantare, le quali libbre 122 fanno in Genova cantare 1 e ruotoli 2 genovesche; ed à di spesa in Marsilia da denari 8 di genovini piccioli il cantare, in Genova tra per pedaggio e senseraggio e scaricatura e pesatura da soldi 2 e 1/2 in 3 di genovini piccioli il cantare, sicchè si ragiona che i sopradetti 2 ruotoli che torna più in Genova il cantare faccia la detta spesa di Marsilia e di Genova.

224 con Colliveri

Mina 1 e 2/3 di grano in Genova fa a Colliveri mine 1.


 [[ Print Edition Page No. 221 ]] 

con Aguamorta

Mina 1 di formento in Genova fa in Aguamorta sestieri 2 1/2.

con Nimissi e con Monpolieri

Libbre 400 di Genova fa ne’ detti luoghi carica 1, che è 3 cantara de’ detti luoghi.

Marchi 1 d’oro e d’argento de’ detti luoghi fa in Genova once 9 meno grani 6, di grani 241 per <1 danaio e di danari 24 per> 1 oncia.

Mina 1 di formento alla misura di Genova fa in Nimissi sestieri 3 e 1/3, e in Monpolieri sestieri 2 1/2.

Corde 26 1/2 alla misura di Nimissi fa in Genova canne 100 grosse, di palmi 13 la canna.

Libbre 1 e 1/3 di Genova fa libbre 1 ne’ detti luoghi di spezierie grosse.

Libbre 1 di seta torta di Genova fa ne’ detti luoghi libbre 1 sottile.

Libbre 1 di spezierie sottile di Genova fa ne’ detti luoghi libbre 1 sottile.

Libbre 1 d’argento in Genova fa ne’ detti luoghi marchi 1 e 1/3.

con Corte di Papa

Marchi 1 d’argento al peso della Corte fa in Genova once 8 e denari 13 1/2, di denari 24 pesi per 1 oncia.

con Vignone

Libbre 400 al peso di Genova fanno in Vignone carica 1, ch’è cantara2 3 di Vignone

Marchio 1 d’argento al peso di Vignone fa in Genova once 9 meno denari 1 1/3, di denari 24 pesi per 1 oncia, e d’once 8 per 1 marco.

con Parigi

Libbre 530 di Genova fanno in Parigi carica 1, ch’è in Parigi libbre 350 d’once 15 per libbra.

Mine 21 di grano di Genova fanno in Parigi sestieri 20.

Marchio 1 d’argento di Parigi fa in Genova once 9, denari 8.

con Bruggia di Fiandra

Libbre 100 di Bruggia fanno in Genova libbre 139.

Libbre 100 di Genova fanno in Bruggia libbre 72.


 [[ Print Edition Page No. 222 ]] 

225 Sacco 1 di lana al peso di Bruggia, che pesa 60 chiovi in Bruggia, fa in Genova libbre 500.

La marca di Bruggia a peso d’oro, ch’è once 8 in Bruggia, torna in Genova once 9, denari 8.

La marca di Bruggia d’argento, ch’è once 6 in Bruggia, fa in Genova once 7, denari 2 2/3, di denari 24 pesi per 1 oncia di Genova.

Mina 1 e 1/2 di grano in Genova fa in Bruggia utto 1.

Alle 100 di Bruggia e di tutta Fiandra fanno in Genova braccia 90 1/2.

E vagliendo il fiorino d’oro in Genova anzi in Fiandra tanti grossi tornesi d’argento come diviserà qui appresso, e vagliendo gli 24 grossi tornesi 1 reale d’oro come si conta a pagamento di mercatantia in Fiandra, e vagliendo in Genova soldi 25 piccioli il fiorino come si conta e mette in Genova a pagamento di mercatantia e di cambio, verrebbe a valere lo reale di Fiandra per Genova a denaro per denaro come dirà qui appresso:1

A 12 grossi il fiorino viene lo reale soldi 50 di genovini.
A 12 1/4 grossi il fiorino viene lo reale soldi 48, den. 11 37/49 di genovini
<A 12 1/3 grossi il fiorino viene lo reale soldi 48,> den. 7 29/372 di genovini
A 12 1/2 grossi il fiorino viene lo reale soldi 48 di genovini.
A 12 2/3 grossi il fiorino viene lo reale soldi 47, den. 4 8/19 di genovini
A 12 3/4 grossi il fiorino viene lo reale soldi 47, den. — 12/17 di genovini
A 13 grossi il fiorino viene lo reale soldi 46, den. 1 11/13 di genovini
A 13 1/4 grossi il fiorino viene lo reale soldi 45, den. 3 21/53 di genovini
A 13 1/3 grossi il fiorino viene lo reale soldi 45, den. — di genovini
A 13 1/2 grossi il fiorino viene lo reale soldi 44, den. 5 1/3 di genovini
A 13 2/3 grossi il fiorino viene lo reale soldi 43, den. 10 34/41 di genovini
A 13 3/4 grossi il fiorino viene lo reale soldi 43, den. 7 7/11 di genovini
A 14 grossi il fiorino viene lo reale soldi 42, den. 10 2/3 [2/7] di genovini
A 15 grossi il fiorino viene lo reale soldi 40, den. — di genovini

226 con Sibilia di Spagna

Cafisso 1 di biado alla misura di Sobilia fa in Genova mine 4¾.

Cantaro 1 di Sobilia fa in Genova libbre 162 in 165.

con Castello di Castro di Sardigna

Lo centinaio delle starelle del grano alla misura di Castello fa in Genova mine 43.

con Milano

Libbre 100 di Genova fanno in Milano libbre 96.

Braccia 31 di Genova fa in Milano braccia 34.


 [[ Print Edition Page No. 223 ]] 

con Niffe di Spagna

Cafisso 1 di grano alla misura di Niffe fa in Genova mine 21½.

Cantar 1 delle spiagge di Spagna fa in Genova libbre 170.

con Arestano di Sardigna

Lo centinaio delle starelle del grano alla misura d’Arestano fanno in Genova mine 33 in 35.

con Buggiea di Barberia

Mine 100 di grano in Genova fanno in Buggiea falacche 100.

con Caffa del Mare Maggiore

Libbre 7 al peso di Caffa fa in Genova cantar 1 genovesco.

Saggi 72 al peso di Caffa fanno in Genova libbre 1.

Sommo 1 peso di Caffa fae in Genova once 8½.

colla Tana del Mare Maggiore

Libbre 51 al peso della Tana fa in Genova cantar 1 genovesco.

Saggi 69 al peso della Tana fa in Genova libbre 1.

Once 7 e denari 20 peso d’argento al peso di Genova fanno sommo 1 peso d’ariento alla Tana.

con Londra d’Inghilterra

Libbre 142 di Genova fanno in Londra libbre 100.

Mine 2¼ di grano alla misura di Genova fa a Londra quartiere 1.

Sacca 1 di lana in Londra, che è chiovi 52, fa a Genova libbre 500.

227 E vagliendo il fiorino d’oro in Inghilterra tanti sterlini a conto quanto diviserà qui appresso e inanzi, e vagliendo in Genova il fiorino d’oro soldi 25 di genovini piccioli come si conta a pagamento di mercatantia e di cambio in Genova, verrebbe a valere il marchio delli starlini, che è soldi 13, denari 4 di sterlini, a denaro per denaro per Genova tante lire e soldi di gienovini quante sarà posto appetto di ciascheduno numero di sterlini:2


 [[ Print Edition Page No. 224 ]] 
A denari 33 ster. il fior. viene il mar. lire 6, sol. 1, den. 2 6/11 di gen.
A denari 33¼ ster. il fior. viene il mar. lire 6, sol. —, den. 3 8/133 [81/133] di gen.
A denari 33½ ster. il fior. viene il mar. lire 5, sol. 19, den. 4 56/67 di gen.
A denari 33¾ ster. il fior. viene il mar. lire 5, sol. 18, den. 6 2/9 di gen.
A denari 34 ster. il fior. viene il mar. lire 5, sol. 17, den. 7 13/17 di gen.
A denari 34¼ ster. il fior. viene il mar. lire 5, sol. 16, den. 9 63/137 di gen.
A denari 34½ ster. il fior. viene il mar. lire 5, sol. 15, den. 9 17/23 [d. 11 7/23]
A denari 34¾ ster. il fior. viene il mar. lire 5, sol. 15, den. 1 41/139
A denari 35 ster. il fior. viene il mar. lire 5, sol. 14, den. — 3/7 [d. 3 3/7]
A denari 36 ster. il fior. viene il mar. lire 5, sol. 11, den. 1 1/3
A denari 37 ster. il fior. viene il mar. lire 5, sol. 8, den. 1 11/37
A denari 38 ster. il fior. viene il mar. lire 5, sol. 5, den. 3 3/10 [3/19]
A denari 39 ster. il fior. viene il mar. lire 5, sol. 2, den. 6 10/13
A denari 40 ster. il fior. viene il mar. lire 5
A denari 41 ster. il fior. viene il mar. lire 4, sol. 17, den. 6 30/41
A denari 42 ster. il fior. viene il mar. lire 4, sol. 15, den. 2 6/7
A denari 50 ster. il fior. viene il mar. lire 4

228 con Ieviza

Lo mundino del sale d’Ieviza fa in Genova mine 12, e pesa in Ieviza 32 cantari barberesche; e costa il mundino in Ieviza soldi 15 di Maiolica dagli uomini d’Ieviza, ed altrettanto ne vuole d’entrata lo re di Maiolica.

con Draghignano di Provenza e con Arli

Sestieri 3 di grano alla misura di Draghignano fa 1 mina in Genova.

Sestieri 100 di grano in Arli fanno in Genova mine 45.

con Almeria di Spagna

Grano si vende in Almeria a una misura chiamata coda,1 e code 4 in 4 1/8 fanno mine 1 in Genova.

Lo cantare d’Almeria è quasi tutto uno peso col cantare di Genova.

E pagavi i genovesi di diritto 6 1/2 per centinaio e i catalani 8 per centinaio all’uscire.

con Barzalona di Catalogna

Libbre 416 di Genova fanno in Barzalona carica 1.

LNIMISSI E MONPOLIERI

In Nimissi e in Monpolieri si è due pesi, cioè una2 grossa e una2 sottile, e libbre 100 grosse sono libbre 128 sottile, e libbre 128 sottile sono 1
 [[ Print Edition Page No. 225 ]] 
cantare, e cantare 3 sono 1 carica. E vendevisi le mercatantie a carica e a cantare e a libbra grossa e a libbra sottile come dirà qui appresso e inanzi ordinatamente; e libbre 12½ grosse sono libbre 16 sottile, e la libbra sottile si è once 12, e la libbra grossa si è once 15½.1

A carica si vendono in Nimissi e in Monpolieri

Pepe tondo, e gengiovo, e cera, zuccheri in pani, e lacca, e verzino scorzuto, e grana, e incenso, e allume, e robbia, e cassia fistola, e mandorle sanza guscio, cotone mapputo, e cotone filato, e anisi, comino, e riso, e verzino mondo.

229 A libbra sottile si vendono

Zafferano, cubebe, e gherofani, e noci moscade, e galinga, e mace, e pepe lungo, e cardamoni, e spigo, e meleghette, e caffera, e foglie di gherofani, e fusti di gherofani, e riobarbero, scamonea, e seta tinta torta e istorta.

A cantara si vendono

Indaco, e ariento vivo, mondiglia di verzino, piombo, e verderame, sandali d’ogni ragione, tuzia, e aloe d’ogni ragione.

A libbre grosse si vendono seta cruda di fardelli d’ogni ragione, cordovano bianco di Valenza e di Barzalona.

A migliaio di novero si vendono vai d’ogni ragione, e ischeriuoli.

A fascio di 10 cuoia per fascio vi si vendono cuoia di bue pilose d’ogni ragione.

A misura di sestieri vi si vendono grano, orzo, e tutti altri biadi e legumi.

A misura di corda, che è canne 6, vi si vendono tele line e canovacci; e tele line bianche di Triesti a pezza d’elle 20 di Triesti.

Oro od argento in verghe o in piatte o in buglione vi si vende a marchi, d’once 8 peso per 1 marco.

Quello che si paga pesaggio di mercatantia in Nimissi e in Monpolieri 2

D’ogni mercatantia che vada al peso e si pesi salvo seta, tutte altre mercatantie pagano denari 10 per carica.

Seta paga di pesaggio3 denari 1 per libbra.


 [[ Print Edition Page No. 226 ]] 

Quello che si paga senseraggio in Nimissi e in Monpolieri di mercatantia

Di spezierie grosse, denari 12 in 15 della carica.

E di spezierie minute denari 1 per libbra.

E di seta, fiorino 1 d’oro dello fardello.

Diritti di mercatantia che si paga in Nimissi e in Monpolieri oltre a’ diritti che si pagano in Aguamorta

Primieramente, per la malatolta del re di Francia, ciascuno taliano denari 2 per libbra.

Drappi a oro e panni lani e cuoia e formento e similmente d’ogni mercantia che non vada al peso in Monpolieri, cioè al peso del re di Maiolica, paga per lelda al re di Maiolica in Monpolieri denaro 1 per libbra.

230 Come il peso e la misura di Nimissi e di Monpolieri torna in diverse parti del mondo, e quelle co’ detti luoghi, e primamente con Monpolieri

Il peso a che si vende la mercatantia in Nimissi è tutt’uno peso con quello di Monpolieri a che si vende la mercantia.

Sestiere 1 di grano alla misura di Monpolieri fa in Nimissi sestiere 1½.

Libbre 12½ grosse di Monpolieri e di Nimissi sono libbre 15½ sottili1 di Nimissi e di Monpolieri.

con Aguamorta

Lo peso di Nimissi a che si vendono e comperano le mercantie in Nimissi si è tutto uno peso con quello d’Aguamorta.

Lo sestiere del biado alla misura d’Aguamorta fa in Nimissi sestiere 1 e ½, sicchè il sestiere d’Aguamorta viene a essere tutt’uno col sestiere di Monpolieri.

con Marsilia

Lo cantar di Nimissi è maggior che quello di Marsilia ruotoli 1.

E lo marchio dell’argento al peso di Nimissi è maggiore che quello di Marsilia 1 sterlini.

Canne 10 di Nimissi sono in Marsilia canne 10, e tutte mercantie e merce e spezierie si vendono a quello peso e misura in Marsilia come in Nimissi.


 [[ Print Edition Page No. 227 ]] 

con Vignone

Marchio 1 d’argento al peso di Nimissi è maggiore che quello di Vignone sterlini 1.

La canna di Nimissi è tutt’una colla canna di Vignone.

Lo cantar di Nimissi e quello di Vignone è tutt’uno, e così libbra grossa.

La libbra sottile in Vignone come in Nimissi, e similmente tutte mercantie e merce e spezierie si vendono in Vignone a quelli medesimi pesi come in Nimissi, e la corda di Vignone è tutt’una corda e una misura come in Nimissi.

con Arli

Sestieri 4 di grano alla misura d’Arli fa in Nimissi sestieri 7.

231 con Anguersa di Brabante

La carica di Nimissi di spezieria fa in Anguersa libbre 260 in 262.

colle fiere di Campagna del reame di Francia

Cantara 4 di Nimissi fanno in fiera carica 1.

Marchio 1 d’argento al peso di fiera fa in Nimissi once 8¼.

Alle 2½ di fiera fanno in Nimissi canna 1.

Alle 16 di tele di Campagna fanno in Nimissi corda 1, e ragionasi che abbino di spesa infino condotte in Nimissi tra di vettura e di passaggio e bianchitura da denari 3 tornesi piccioli a l’alla. E chi le volesse trarre del reame di Francia, così quelle di Borgogna come quelle del reame, fusse taliano pagherebbe al re denari 13 per lira, e se fusse altro che taliano pagherebbe pure denari 11 per lira. E non osono trarre se non per lo porto d’Aguamorta, e chi ne facesse altro cadrebbe in amenda all